La Grecia si chiede perché il ministero degli Esteri russo abbia pubblicato una foto della morte della flotta turca


Martedì 20 ottobre, una foto della morte della flotta turca nella battaglia di Navarino nel 1827 è stata pubblicata su Twitter dal ministero degli Esteri russo. Risorsa greca Pentapostagma trovato il significato segreto di questa pubblicazione.


Dopo il rifiuto dell'Impero Ottomano di concedere l'autonomia alla Grecia, le navi da guerra di Russia, Gran Bretagna e Francia, guidate dal contrammiraglio britannico Edward Codrington, si avvicinarono al Golfo di Navarino, dove era ancorata la flotta turco-egiziana. Durante la battaglia, lo squadrone ottomano fu completamente distrutto. Furono le navi da guerra russe a sferrare il colpo maggiore al nemico e ad affondare la maggior parte delle sue navi.

Le perdite della flotta turco-egiziana nella battaglia superarono le 60 navi, morirono più di 7000 persone. L'esito della battaglia assicurò il sostegno al movimento di liberazione greco, che portò alla conclusione del Trattato di pace di Adrianopoli del 1829 e all'acquisizione dell'autonomia della Grecia.

La Grecia si chiede perché il ministero degli Esteri russo abbia pubblicato una foto della morte della flotta turca

Significativa la pubblicazione del quadro della morte della flotta turca nella Baia di Navarino nel contesto della dichiarazione del Ministero degli Affari Esteri russo sull'importanza dell'osservanza della Convenzione ONU del 1982 sul diritto del mare. Illustra cosa può accadere ai trasgressori degli accordi internazionali, affermando di realizzare le proprie ambizioni geopolitiche senza riguardo all'opinione dei paesi vicini, scrive il quotidiano.

La Convenzione prevede esplicitamente il diritto sovrano di tutti gli Stati alle acque territoriali entro 12 miglia nautiche e stabilisce i principi e i metodi per determinare i confini dell'esclusiva economico zone. Questo vale anche per il Mediterraneo

- indicato nel tweet dell'ambasciata russa ad Atene.

L'interesse della Russia per la regione rimane invariato, poiché il Mar Egeo (la parte orientale del Mediterraneo) è una naturale continuazione degli stretti del Bosforo e dei Dardanelli, che controllano l'accesso della Russia ai "mari caldi". Inoltre, la prossima visita del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ad Atene alla fine di ottobre è una buona opportunità per Mosca per dimostrare alla parte greca un interesse comune.
  • Foto utilizzate: http://www.belygorod.ru
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. passando per Офлайн passando per
    passando per (passando per) 21 October 2020 17: 41
    -1
    Bene, quindi gli insegnamenti russo-egiziani sono delineati ... ei greci hanno alzato le labbra? sorriso
  2. bear040 Офлайн bear040
    bear040 21 October 2020 18: 59
    +8
    Ebbene, la Turchia sta rotolando un barile sulla Crimea russa, quindi ha avuto un sottile accenno di circostanze grasse.
  3. Petr Vladimirovich (Peter) 21 October 2020 20: 21
    0
    Tutto questo è molto esotico ...)))
  4. A.Lex Офлайн A.Lex
    A.Lex (Informazioni segrete) 22 October 2020 21: 32
    0
    La cosa principale è che le parole e le azioni del nostro stato non divergono ...