"Putin's Puzzles": perché l'Occidente crede contemporaneamente nel potere e nella debolezza della Russia


Nel 2015, il famoso giornalista irlandese Brian MacDonald ha annunciato la presenza in Occidente della Russofrenia - un disturbo mentale in cui il paziente pensa che la Russia stia per crollare e allo stesso tempo - come se conquistasse il mondo intero. Dal 2013, questa malattia ha iniziato a progredire rapidamente e ha iniziato ad assomigliare a un'epidemia in alcune zone di Washington, Londra e Bruxelles, scrive la pubblicazione americana Strategic Culture.


La prima manifestazione della malattia nella storia moderna risale al 1992, quando il capo del ministero della Difesa lituano definì la Russia "un paese dalle prospettive fosche" e dichiarò immediatamente che "tra circa due anni rappresenterà un enorme pericolo per l'Europa". È difficile dire come due scenari che si escludono a vicenda entrino nella sua testa. Soprattutto sullo sfondo del suo paese, il cui futuro già allora era percepito da molti dei suoi abitanti sotto forma di "diverse case di cura circondate dalla foresta".

Nel 2014, anche il presidente degli Stati Uniti Barack Obama si è immortalato con una dichiarazione ridicola. Poi ha detto che la Russia non produce nulla, la demografia è pessima, non ci sono prospettive e gli uomini vivono a malapena fino a 60 anni. Allo stesso tempo, Washington è obbligata a "reagire con decisione" a tutte le minacce provenienti da Mosca nello spazio internazionale.

Puoi persino tracciare lo sviluppo della russofrenia in Occidente. Nel 1992 credevano che la Russia fosse condannata e che sarebbe caduta a pezzi entro il 2001. Poi l '"inevitabile" è stato spostato al 2006, quindi al 2008, 2010 e 2015. Le opinioni prevalenti nella società occidentale in relazione alla Russia erano: “lacerate economia a brandelli ”,“ isolato nell'arena internazionale ”,“ armato di vecchie armi ”e“ questa è una stazione di servizio travestita da paese ”.

Nel 2016, gli analisti della società di intelligence privata Stratfor hanno concluso che "un paese con un PIL pari all'Australia" non può affermare di essere una superpotenza. Perderà sicuramente la guerra in Siria e non sopravviverà nella sua forma attuale entro il 2025. Allo stesso tempo, il leader russo Vladimir Putin perderà il potere.

Nel 2000, l'Occidente ha descritto Putin come un "piccolo dittatore" con un conto bancario svizzero. Nel 2001 è stato già chiamato "Secondo tenente Kizhe", e nel 2003 - il nuovo Leonid Brezhnev. Nel periodo 2011-2015 gli era stata promessa una perdita di potere e si era presentato a immagine di un debole, spaventato e perseguitato politica... Nel 2017, è stato riferito che Putin stava "perdendo lustro" e nel 2018 stava "perdendo il controllo". Nel 2019, si diceva che Putin avesse "perso fiducia" e che "il suo castello di carte stesse cadendo a pezzi". Nel 2020 è stato annunciato che Putin era "sull'orlo della morte politica".

Per 20 anni, il leader russo ha sconcertato la comunità occidentale. Gli "enigmi di Putin" hanno causato un disagio aperto tra i politici in Occidente. In tutti questi anni nei paesi occidentali hanno scritto e detto che "quasi" Putin perderà tutto e tutto e la Russia collasserà. Ma nel 2018 Putin è stato dichiarato l'uomo più influente del mondo e, collaborando con i "compagni cinesi", è diventato ancora più potente.

Tuttavia, a volte in Occidente si chiedono come un paese che ha meno soldi del Canada e meno popolazione della Nigeria possa "governare il mondo". Ma non importa quanto sia povera la Russia, in realtà è la seconda potenza militare del pianeta e manterrà la sua posizione per molti anni a venire. Dal 2015 Mosca conduce una campagna militare dimostrativa in Siria. La Russia ha sviluppato armi ipersoniche e fatto una svolta in altre aree del complesso militare-industriale. Pertanto, nel pensiero politico occidentale, la Russia è rappresentata contemporaneamente in due immagini diverse.

Da un lato, è un paese in fallimento, con un'economia miserabile, con un esercito esagerato che vacilla sull'orlo del disastro interno. Quindi, l'Occidente non ha nulla da temere: la Russia è irrimediabilmente debole e il suo futuro è in discussione.

D'altra parte, è un'enorme, pericolosa ed esistenziale minaccia per la civiltà occidentale, che agisce con colossale efficienza in tutte le direzioni simultaneamente.

I russi sono ovunque, gridano russofrenici, lontani dalla realtà. Ma basta guardare i fatti e diventa ovvio che la Russia ha bisogno dell'esercito non per governare il mondo, ma per autodifesa. Le sanzioni occidentali hanno trasformato la Russia in autarchia. Le accuse di Mosca di interferire nelle elezioni americane sono una palese e cinica menzogna che serve gli interessi del Partito Democratico degli Stati Uniti.
  • Foto utilizzate: http://kremlin.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
    Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 22 October 2020 16: 41
    +1
    Conseguenze della meschina propaganda mediatica occidentale concentrata nelle mani di poche persone. Queste persone hanno selezionato per il lavoro giornalisti con una mentalità vicina a loro - e poi iniziano a credere a ciò che hanno scritto i loro servi. Chiunque tenti di indipendenza viene licenziato con una multa. Circolo vizioso.
  2. Dubina Офлайн Dubina
    Dubina (Dubina) 22 October 2020 16: 43
    -1
    ... Nel 2014, anche il presidente degli Stati Uniti Barack Obama si è immortalato con una dichiarazione ridicola. Poi ha detto che la Russia non produce nulla, la demografia è pessima, non ci sono prospettive e gli uomini vivono a malapena fino a 60 anni ...

    - e in ciò che Obamka è sbagliato, è tutto così. Tutto intorno, tutto ciò che indossi, tutto ciò che è nella tua casa, non è prodotto qui o qui, ma su apparecchiature occidentali e componenti occidentali.

    ... Per 20 anni, il leader russo ha sconcertato la comunità occidentale. "Gli enigmi di Putin" hanno causato un sincero disagio tra i politici in Occidente ...

    - Il leader russo non sconcerta la società occidentale, lo deridono. E c'è solo un "puzzle di Putin", come una persona assolutamente mediocre possa governare un paese così grande e complesso, questo è l'intero puzzle (puzzle) di Putin. Putin è un prodotto delle pubbliche relazioni quotidiane di tutti i televisori, ferri da stiro e tipi di paese. Togli questo PR e si scopre che il re è nudo!
  3. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 22 October 2020 17: 51
    0
    perché l'Occidente crede contemporaneamente nel potere e nella debolezza della Russia

    Perché la popolazione della Federazione Russa è di soli 146 milioni di persone, e l'economia è inferiore a Gran Bretagna, Francia, per non parlare degli Stati Uniti, e tuttavia ha un potenziale militare superiore a quello britannico e francese, paragonabile agli Stati Uniti.
    1. Dubina Офлайн Dubina
      Dubina (Dubina) 23 October 2020 11: 53
      0
      Il potenziale militare è solo nell'area delle armi nucleari strategiche, il resto dell'esercito ha capacità di combattimento limitate, quindi a livello di potenza regionale. La Polonia, la Turchia, l'Iran sono troppo dure per l'esercito di Shoigush.
      Ciò che l'URSS ha lasciato in eredità, quindi la Russia è ancora viva, ma non durerà a lungo, Putin lo abbandonerà presto, con una politica estera e interna analfabeta.
  4. _AMUHb_ Офлайн _AMUHb_
    _AMUHb_ (_AMUHb_) 22 October 2020 20: 11
    0
    d'ora in poi non vorrei "salvare in vita" questi "idioti perplessi" (e anche da noi stessi) ... ovviamente non tutto in questa vita