Creazione di un nuovo Boeing: "reset" del gigante aereo o gesto di disperazione?


Come si è saputo dai media americani, la Boeing Co. corporation, le cui ulteriori prospettive sono apparse di recente molto vaghe a molti analisti, si prepara ad una fondamentale "vendetta". La creazione di un nuovo modello dell'aereo di linea è all'ordine del giorno. La sua uscita, secondo il management della compagnia, può diventare un argomento pesante in grado di ribaltare le sorti della concorrenza con il suo principale concorrente, il produttore di aerei europeo Airbus. Una lotta che, a quanto pare, è già stata completamente persa dagli americani ...


Proviamo a capire cosa c'è veramente dietro a tutte queste voci: un vero tentativo da parte di un gigante dell'aviazione sull'orlo di un baratro di riconquistare le sue posizioni di leadership nel settore, o è semplicemente una campagna di PR volta a prevenire un probabile collasso?

È possibile rimuovere la "maledizione" del 737MAX?


Permettetemi di ricordarvi che Boeing Co. non offre ai suoi consumatori alcun nuovo prodotto dal 2004, quando il mondo ha visto per la prima volta il Dreamliner, che è stato rilasciato sulla linea 7 anni dopo - nel 2011. No, si parlava della necessità di creare qualcosa di originale, continuando la propria "linea" all'interno dell'azienda, le idee, come si suol dire, erano nell'aria, ma alla fine si è trattato solo di un ulteriore "sviluppo" del modello 737, che ha dato origine allo sfortunato MAX, che si è rivelato essere per l'azienda una vera maledizione. Di cosa stiamo parlando adesso? Per quanto è noto, non c'è motivo di contare su qualcosa di completamente insolito: la società prevede di creare un veicolo a cassa stretta progettato per 200-250 passeggeri.

In effetti, il risultato dovrebbe essere qualcosa tra il "grande uomo" 737 MAX e lo stesso 787 Dreamliner a corpo largo. La preoccupazione non nasconde che la sua nuova idea dovrà essere una risposta ai modelli di maggior successo dei concorrenti d'oltremare - come l'A320neo, l'A321 LR e l'XLR, che hanno un'autonomia di volo aumentata, il cui numero di ordini un tempo ha superato i 3mila. In questo modo, Boeing spera di colmare il divario critico con Airbus, soprattutto nel mercato degli aerei di linea passeggeri a fusoliera stretta. Bene, e, ovviamente, per "fare ammenda" e fare almeno in qualche modo dimenticare tutto quel potente negativo che le è stato riversato addosso a causa della storia estremamente spiacevole con il 737MAX. Tuttavia, questo piano problematico, come si è scoperto, è ancora troppo presto per cancellarlo. C'erano ancora alcuni ragazzi disperati pronti a portarlo di nuovo in cielo. Come previsto, negli USA. La più grande compagnia aerea americana, American Airlines, ha già annunciato l'intenzione di riprendere il funzionamento delle macchine, dalle quali la maggior parte degli aviatori del mondo ha recentemente evitato l'incenso.

Finora, il 737MAX opererà solo su uno dei suoi numerosi voli: voli giornalieri da Miami a New York, che dovrebbero operare dal 29 dicembre al 4 gennaio. Allo stesso tempo, tutti i passeggeri saranno avvisati senza fallo su quale bordo dovranno salire. Tuttavia, in caso di successo, American Airlines si aspetta che questo sia solo "il primo passo verso il graduale ritorno nei cieli del 737MAX". La stessa società, che ha già accumulato meno di 4 di queste macchine nei suoi hangar, è molto fiduciosa in questo. Infatti, oltre al "mal di testa" con il 737MAX, ha già abbastanza altri problemi. Quindi, alla Boeing Co. ha riconosciuto la necessità di fare qualcosa per il forte calo della domanda per il 787 Dreamliner. Hanno annunciato la loro intenzione di ridurre la produzione di questi liner a 6 all'anno il prossimo anno e di trasferirli nello stabilimento di North Charleston, nella Carolina del Sud, che la società ha lanciato nel 2010.

In precedenza, la maggior parte del Dreamliner era stata assemblata a Everett, Washington, e va notato che la Boeing ha reagito in modo molto doloroso a tali decisioni. Il governatore dello Stato di Washington Jay Inslee li ha generalmente definiti "offensivi" ed "errati", e inoltre ha minacciato di "rivedere radicalmente" le agevolazioni fiscali che la società aveva nello stato a lui affidato. Il collega di Inslee, il governatore della Carolina del Sud Henry McMaster, come si può intuire, al contrario, ha accolto calorosamente la prospettiva di un "trasferimento" e ha promesso a Boeing ogni supporto. Eppure - in fondo, secondo stime preliminari e più approssimative, si tratta di centinaia di posti di lavoro per personale altamente qualificato, e ancor di più - per personale ausiliario. Data l'attuale grave disoccupazione negli Stati Uniti, questa è una domanda più che seria.

Creare non è un problema. Il problema è vendere


È impossibile non menzionare uno dei tanti guai che hanno colpito Boeing negli ultimi due anni e che recentemente sono cresciuti come una palla di neve. Il mese scorso è stata intentata una causa presso il tribunale dello stato del Delaware da un certo numero di azionisti della società, i più grandi dei quali sono fondi pensione statali degli stati di New York e Colorado, contro il consiglio di amministrazione della società. Il suo management e, soprattutto, l'ex CEO di Boeing Dennis Muhlenburg, sono accusati di indebolire il controllo sulle azioni di gestione, nonché di risposta impropria e del tutto inadeguata all'incidente aereo del 737 MAX. Una lamentela più globale è che, secondo gli azionisti, le persone che erano "al timone" del colosso aeronautico, da un certo punto, hanno smesso di prestare la dovuta attenzione al tema della sicurezza degli aerei, continuando a "rivettare" lo stesso 737MAX, nonostante i problemi che si presentavano con loro, che hanno portato corporation al suo attuale stato deplorevole. Boeing Co. questa causa, ovviamente, è stata dichiarata "infondata, di parte e dipinge un quadro unilaterale", promettendo di ottenere la conclusione del processo quest'anno. Chissà, forse lo farà.

Tuttavia, anche questo contenzioso è ben lungi dall'essere la più grande minaccia sia per l'azienda che, in linea di principio, per l'intera industria aeronautica globale. Analisti presso Boeing Co. non molto tempo fa hanno rilasciato una previsione molto pessimistica. Secondo i calcoli di esperti specializzati, i volumi della potenziale domanda dell'aviazione mondiale di nuovi aeromobili per il prossimo decennio, da loro annunciati lo stesso anno prima, devono essere aggiustati negativamente di almeno l'11%. E questo è solo per il momento presente.

Boeing ritiene che il numero massimo di velivoli alati che tutti i loro produttori possono aspettarsi di vendere nei prossimi 10 anni sia di 18 unità. Le entrate totali non raggiungeranno nemmeno i 350 trilioni di dollari, il che per un settore come quello della costruzione di aeromobili è una sciocchezza. Sì, con il ripristino dei "driver chiave" del settore, che ora è in uno stato di profonda stagnazione - traffico internazionale, turismo e simili, saranno probabilmente circa 3-43mila aeromobili civili. Ma questo accadrà, nella migliore delle ipotesi, tra 45 anni, non prima. Nel frattempo, secondo gli esperti Boeing, loro stessi ei loro colleghi possono fare affidamento solo su ordini del governo e, soprattutto, sulla cooperazione con i militari. Il volume della domanda di beni come aerei militari, sistemi satellitari e altri veicoli spaziali, nei prossimi 20 anni, dovrebbe rimanere a $ 10 trilioni. Allo stesso tempo, come sperano nelle società, il 2.6% di questi fondi dovrebbe essere speso negli Stati Uniti.

Il tempo dirà come si svilupperà la situazione nella realtà. Nel frattempo, settembre di quest'anno è diventata una "linea" estremamente allarmante per i costruttori di aeromobili - durante questo mese, sia Boeing che Airbus non hanno ricevuto un solo ordine per nuovi aerei. Possiamo dire che gli europei hanno un peggioramento ancora più evidente: hanno iniziato ad affrontare i rifiuti di potenziali acquirenti da accordi precedentemente conclusi, a cui Boeing è già abituata. Nel migliore dei casi, con il desiderio di cambiare le proprie condizioni per risparmiare il più possibile i propri fondi. Pertanto, la società di leasing australiana Macquarie Financial Holdings, che inizialmente "mirava" all'acquisto di 220 aeromobili, ha rifiutato da tre aerei di linea A300-40. La Turkish Pegasus Airlines e il messicano Viva Aerobus hanno deciso di acquistare un A320neo più spazioso invece dell'A321neo (nel primo caso si tratta di 8 auto, nel secondo - circa due). Non sorprende che il COO di Airbus Michael Schellhorn abbia recentemente annunciato che la società prevede di tagliare 15 dipendenti e ha definito tali riduzioni "minime", suggerendo che questo potrebbe non finire qui.

Aspettarsi qualcosa di diverso nella situazione attuale sarebbe, almeno, ingenuo. Il mese scorso, l'Organizzazione europea per la sicurezza della navigazione aerea ha notevolmente peggiorato le sue previsioni per un calo del traffico aereo nel 2020. In precedenza, i suoi esperti avevano previsto il suo recupero entro la fine di quest'anno al livello dell'85% degli indicatori del 2019 (nella versione ottimistica) o almeno fino al 75% (in quella pessimistica). Ora sta diventando abbastanza ovvio che il miglior risultato può essere la ripresa del traffico aereo fino a metà del volume dello scorso anno. Questo nel caso in cui la seconda ondata di coronavirus, che sta sempre più "coprendo" il pianeta, non provochi lo stesso duro blocco che ha fatto in primavera.

Finora, l'industria dell'aviazione in tutto il pianeta è in completo disastro. Un esempio è il Regno Unito, che è stato a lungo in prima linea nel trasporto aereo. Lì l'allarme è già suonato a livello di governo e parlamento. C'è qualcosa: la compagnia aerea leader del paese, la British Airways, è stata costretta a licenziare 12mila dipendenti. 5mila persone hanno dovuto essere licenziate dalla Virgin Atlantic (e questa è esattamente la metà del suo stato). Considerata la più grande compagnia aerea low cost d'Europa, Easyjet, che chiude quest'anno per la prima volta nella sua storia con una colossale perdita di oltre un miliardo di dollari, sta mettendo fuori dalla porta 4mila dipendenti e mezzo. La compagnia low cost irlandese Ryanair si è finora limitata al licenziamento di 3mila persone, ma quest'inverno tutto il suo personale potrebbe andare in “aspettativa non pagata”.

L'immagine è più o meno la stessa in tutto il mondo. Le compagnie aeree americane potrebbero licenziare più di 30mila dei loro lavoratori dopo il programma per l'attuazione delle misure a sostegno degli americani economia in una pandemia (CARES). Finora, il Dipartimento del Tesoro americano sta cercando di sostenere almeno il più grande di loro stanziando prestiti impressionanti (la stessa American Airlines ha ricevuto almeno 5 miliardi a settembre), ma quanto più il governo avrà fondi sufficienti per tali "iniezioni"? Boeing Co. la creazione di nuove macchine alate potrebbe rimanere dei sogni meravigliosi - se non ci sono acquirenti, né piloti, né passeggeri per loro.
16 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 23 October 2020 14: 17
    0
    Gufo su un globo
    Anche Airbus iniziò improvvisamente a promuovere progetti.
    Il virus ha essenzialmente aiutato Boeing, poiché tutti si sono alzati in piedi, non solo lui.
    E la Boeing, a differenza di molti altri, fa volare molte altre cose oltre agli aerei di linea. Squeeze, e basta ...
  2. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
    Natan Bruk (Natan Bruk) 23 October 2020 14: 26
    -2
    Si vede subito uno "specialista", Necropny nel suo repertorio Sapere tutto, cosa si può dire ... Nuovo Boeing-777? No, non ho. Parità nei trasporti con Airbus? Cos'è? Ordini militari per molti miliardi? E com'è?
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 24 October 2020 08: 57
      +1
      Citazione: Natan Bruk
      Immediatamente puoi vedere uno "specialista", Necropny nel suo repertorio. Sai tutto, cosa puoi dire ..

      Bene, chi lo direbbe, un esperto israeliano onnisciente occhiolino
      1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
        Natan Bruk (Natan Bruk) 24 October 2020 18: 49
        -3
        Per determinare il dilettantismo di Necropny, non è necessario essere un grande esperto.
  3. Kuramori Reika Офлайн Kuramori Reika
    Kuramori Reika (Kuramori Reika) 23 October 2020 16: 59
    +1
    Auguriamo alla Boeing rovina, bancarotta e liquidazione. Possano la disoccupazione e la povertà arrivare negli Stati Uniti. Chiariranno solo il cielo per i nostri sviluppi.
    1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
      Natan Bruk (Natan Bruk) 24 October 2020 01: 18
      -2
      Pregate di più finché Dio non può ascoltarvi.
      1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
        Marzhetsky (Sergey) 24 October 2020 08: 58
        +2
        Non parli a nome di Dio. Tu e suo figlio avete fatto qualcosa di sbagliato una volta sentire
        1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
          Natan Bruk (Natan Bruk) 24 October 2020 18: 48
          -3
          Questa era la nostra resa dei conti interna ebraica.
  4. Pete Mitchell Офлайн Pete Mitchell
    Pete Mitchell (Pete Mitchell) 23 October 2020 21: 14
    +3
    L'autore, che Dio ti conceda la pazienza quando prepari il materiale, se non controlli già costantemente la situazione.

    737MAX ... C'erano alcuni ragazzi disperati pronti a portarlo di nuovo in cielo. Come ci si potrebbe aspettare, negli Stati Uniti ...

    Non ci crederai: hanno potuto volare anche in Europa, l'Asia sta recuperando terreno, probabilmente non sarà il caso di RossAviation.

    Boeing è abituato a rifiutare gli ordini.

    - è così che si chiama capitalismo. Ma prima di battere le mani, controlla il numero di ordini per lo stesso 737MAX. L'IGA ha acquistato 200 unità, Ryanair ne ha pagate duecento e mezzo e ne riceve altre 18. Questa è l'ultima volta.

    British Airways ha licenziato ...

    - VA disgustoso per aver licenziato 12000 dipendenti il ​​giorno dopo aver ricevuto miliardi di dollari in aiuti ...

    Ryanair ha licenziato ..

    - stai parlando della compagnia aerea Ryanair? Dubito che abbia 3000 dipendenti. Stai parlando di Ryanair Group? Di quali compagnie trasmetti? Ce ne sono cinque. E non hanno tagliato nessuno dei preparativi del personale operativo. I manager di Aeroflot dovrebbero imparare a fare affari: fare profitto / Ryanair / è una cosa; sedersi sul collo del budget / Aeroflot / si chiama in modo abbastanza diverso.
    Autore - impara materiale per favore
    1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
      Natan Bruk (Natan Bruk) 24 October 2020 01: 17
      -6
      Bene, questo è Necropny, che tipo di materiale c'è, l'importante per lui è dire che i capitalisti presto finiranno e le coppie russe conquisteranno il mondo intero.
      1. Pete Mitchell Офлайн Pete Mitchell
        Pete Mitchell (Pete Mitchell) 24 October 2020 12: 47
        +1
        Probabilmente stanco di questo piagnucolare sulle prospettive di buttare Boeing fuori dal mercato: se si scoprirà a spostare gli occidentali sul suo territorio, sarà un grande successo. Ma questo non accadrà né domani né tra cinque anni: dobbiamo lavorare e non macinare quello che ottiene.
        1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
          Natan Bruk (Natan Bruk) 24 October 2020 18: 53
          -1
          Se lo farà, sarà molto, molto tempo fa - oggi la maggioranza assoluta degli aerei civili sono Boeing e Airbus, beh, un po 'più Embrayer e un po' Bombardier.
  5. Kirill Valkovsky Офлайн Kirill Valkovsky
    Kirill Valkovsky (Kirill Valkovsky) 25 October 2020 08: 24
    +1
    La Boeing è in guai seri. Questa è un'opportunità per l'industria aeronautica russa di crescere.
    1. Pete Mitchell Офлайн Pete Mitchell
      Pete Mitchell (Pete Mitchell) 26 October 2020 00: 25
      +1
      Citazione: Kirill Valkovsky
      un'opportunità per l'industria aeronautica russa di crescere ...

      .. almeno sul proprio territorio. Sarebbe molto sciocco perdere questa possibilità, ma per ora "Generazione di manager" non pronto per questo, il che è triste
      1. TANKISTONE Офлайн TANKISTONE
        TANKISTONE (TANKISTON) 29 October 2020 01: 00
        +2
        Nel suo articolo, Platoshkin ha toccato solo la costruzione di macchine utensili:

        Per produrre qualcosa di utile nel mondo moderno, dalla lavatrice al succo di pomodoro, sono necessarie le macchine. È sulle macchine utensili (taglio dei metalli) che viene realizzata qualsiasi attrezzatura per qualsiasi settore. Solo i remi della cambusa possono essere tagliati con un'ascia. Anche la pietra. Si ritiene che se un paese importa più del 60% delle macchine utensili che utilizza, ha perso completamente la sua indipendenza tecnologica. Allora come stiamo andando con quello? La stessa Russia zarista praticamente non produceva macchine. Durante l'industrializzazione sovietica degli anni '30, fu compiuta una svolta colossale nella costruzione di macchine utensili. Nel 1930, solo il 34% delle macchine installate erano domestiche e nel 1937 il 91%. È stato su queste macchine che abbiamo vinto la grande guerra. Queste macchine, ad esempio, hanno prodotto il miglior carro armato del Second World T-34. L'ultima parola nella costruzione di macchine utensili è considerata macchine a controllo numerico computerizzato (CNC). Cioè, queste macchine possono fare a meno dei lavoratori, funzionano secondo un programma per computer pre-assegnato loro. Gli operai agiscono come periti. Nel 1958, l'Unione Sovietica ha mostrato tali macchine all'Esposizione Mondiale di Bruxelles. E nel 1972 abbiamo ottenuto la prima sezione con macchine che utilizzano "tecnologia senza pilota". Queste sono le galosce! Abbandonato! Nel 1991, 428 fabbriche di macchine utensili operavano nell'URSS, che producevano 160mila macchine utensili (di cui 22mila macchine CNC, il 2 ° posto al mondo nelle macchine CNC dopo il Giappone - ce ne sono 24mila lì). Solo nell'Unione c'erano più di 7mila ingegneri di macchine utensili. Ora rimanevano solo gli schiavi della galera. Ora la Russia produce circa 6mila macchine utensili. Ne vengono importati altri 8mila. Macchine per lo più economiche e di qualità non molto elevata dalla Cina. Non abbiamo bisogno di macchine giapponesi, tedesche e americane costose e moderne: non ci sono quasi fabbriche per loro. In generale, la dipendenza dall'importazione di macchine utensili è di circa il 78% e dagli utensili per macchine utensili (pezzi da taglio, ad esempio, frese, ecc.) - La dipendenza dagli stranieri è del 90%. Quindi i "partner" stranieri possono fermare il nostro intero settore in un anno, semplicemente smettendo di fornire loro macchine e strumenti. Pertanto, non ci sono state davvero sanzioni reali contro di noi. Si noti che nel 2019 sono state prodotte 34.5 milioni di macchine utensili per il taglio dei metalli nel mondo. Ma non è stata la Russia a produrli. E la Cina (9 milioni), gli Stati Uniti - 4 milioni e la Germania - 2.5 milioni. E forniamo a tutti loro petrolio e gas, che ci sono stati lasciati da dinosauri riconoscenti centinaia di milioni di anni fa.
        1. Pete Mitchell Офлайн Pete Mitchell
          Pete Mitchell (Pete Mitchell) 29 October 2020 11: 43
          +1
          Hai senza dubbio ragione. Sembra che sia stato annunciato il programma per la produzione di macchine utensili. E un altro problema è chi deve lavorare per loro, deve anche essere risolto