Nuova realtà: la flotta da combattimento russa protegge le petroliere iraniane


La scorsa settimana, la petroliera iraniana Samah è entrata nelle acque del Mediterraneo attraverso il Canale di Suez. Successivamente, la nave ha smesso di dare segnali sulla sua posizione. Secondo USNI News, la petroliera iraniana ha continuato il suo movimento, accompagnata da due navi da guerra russe.


La difesa delle petroliere iraniane da parte delle navi da guerra russe illustra la nuova realtà delle relazioni tra i paesi del Mediterraneo orientale. L'anno scorso, una petroliera iraniana è stata catturata dalle forze speciali britanniche. Il motivo era la violazione da parte di Teheran dell'embargo europeo sulle forniture di petrolio alla Siria. Ora, la scorta di navi iraniane da parte di navi della Marina russa può essere vista come una manovra preventiva che aumenta i rischi di ingerenza nella situazione della flotta di altre potenze.

Secondo MarineTraffic.com, dopo che Samah ha lasciato il Canale di Suez, ha cessato di essere all'interno del sistema di tracciamento AIS, garantendo così la sua "invisibilità". Allo stesso tempo, la nave russa Akademik Pashin si è diretta a sud dalla SAR verso il canale, incontrando una petroliera iraniana il 14 ottobre - il giorno successivo, secondo i satelliti, stavano andando verso la Siria. Successivamente sono stati raggiunti dalla nave antisommergibile della Marina "Vice-ammiraglio Kulakov".

Sabato 17 ottobre, una petroliera simile a Samah era parcheggiata vicino al terminal petrolifero siriano Baniyas, mentre l'Akademik Pashin si è spostato a ovest verso la costa greca.
  • Foto utilizzate: Brian Burnell / wikimedia.org
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
    Dmitry S. (Dmitry Sanin) 23 October 2020 14: 36
    +1
    Stiamo aspettando nuove urla e sanzioni.
  2. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 24 October 2020 08: 09
    -5
    La difesa delle petroliere iraniane da parte delle navi da guerra russe illustra la nuova realtà delle relazioni tra i paesi del Mediterraneo orientale.

    -Che cos'è questo ??? - È vero? - La Russia non ha più niente da fare ... come proteggere e difendere i suoi nemici ...
    - Qualcosa che i pirati somali non catturano affatto i topi, mentre le nostre navi da guerra russe "illustrano la nuova realtà delle relazioni tra i paesi del Mediterraneo orientale" ...
    -E poi i negri somali prenderanno di nuovo la nostra prossima barca ... come "Akademik Pashin" vicino alla costa africana ... -E ancora il nostro personale russo sarà tenuto nelle stive per un anno intero ... -su "pane di mais ammuffito" e marciume acqua marcia ... - mentre noi in Russia metteremo in moto un cappello in cerchio per raccogliere fondi; per riscattare i nostri poveri compagni dalla schiavitù dei negri ...
    1. Oyo Sarkazmi Офлайн Oyo Sarkazmi
      Oyo Sarkazmi (Oo Sarcasmi) 24 October 2020 08: 53
      +3
      Citazione: gorenina91
      per riscattare i nostri poveri compagni dalla schiavitù dei negri ...

      Chi ti riscatterebbe dalla schiavitù di Brooklyn ...
      Per ora c'è una base navale cinese a Gibuti. E ci sono inquadrature di barche somale che si sparpagliano a brandelli, anche da proiettili da 100 mm. Quindi il sogno bagnato di "chiunque può offendere i russi" è una cosa del passato. Come il sogno di un campo di concentramento in Crimea.
  3. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 26 October 2020 17: 26
    -1
    Oh, chi sa cos'è un "embargo europeo"? Il Caudle della NATO ha dichiarato guerra a un paese sovrano?