Come il colonnello del GRU Penkovsky è diventato una merce di scambio nella lotta dell'élite contro Krusciov


Il 22 ottobre 1962, a Mosca, senza inseguimenti e sparatorie, che sono o la brutta Hollywood o il matrimonio più terribile nel lavoro dei servizi speciali, il colonnello della direzione principale dell'intelligence dello stato maggiore dell'esercito sovietico Oleg Penkovsky fu arrestato dal personale del comitato per la sicurezza di stato dell'URSS. Le accuse contro di lui di tradimento e spionaggio a favore della Gran Bretagna e degli Stati Uniti furono immediatamente riconosciute da questo alto ufficiale, soldato di prima linea e alfiere dell'ordine. Era davvero una spia. O ha provato molto a sembrare loro ...


Il processo nel caso Penkovsky, in cui tutti i dettagli del suo tradimento sono stati trattati nel modo più dettagliato, è stato uno dei pochi processi indicativi (direi addirittura esemplari) dell'era post-Stalin. I suoi incontri non furono trasmessi solo alla radio e alla televisione: le loro trascrizioni furono successivamente pubblicate da quasi tutta la stampa sovietica e persino pubblicate come un libro separato con una circolazione molto impressionante. Tuttavia, sia la figura stessa che l'attività reale di questa persona sono ancora oggetto di controversia, discussione, ricerca e indagine. Dobbiamo ammettere che è del tutto possibile che non sappiamo assolutamente nulla del vero Penkovsky ...

Una spia senza motivo


Non racconterò qui di nuovo in dettaglio la storia di Oleg Penkovsky in tutti i suoi numerosi dettagli. Su questo argomento è stata scritta un'intera letteratura e sono stati girati molti film. Significativamente, in Occidente è esaltato nei cieli. Inoltre, la cooperazione con questo colonnello non è chiamata altro che "il successo più significativo dell'intelligence britannica e americana negli anni '60". Penkovsky è stato insignito del titolo non ufficiale di "la spia che ha salvato il mondo"! In effetti, non ha mai salvato nessun mondo, e l'intera vasta gamma di informazioni trasmesse (o presumibilmente trasmesse) da lui dal suo curatore risulta non essere esattamente il "manichino" più perfetto, ma certamente non l'informazione che tira su lo stato di "il più grande". E questo è il caso migliore.

Ci sono seri sospetti che per tutto il tempo della sua collaborazione con il SIS (British Secret Intelligence Service - SIS) e la CIA Penkovsky "portassero" la più selettiva "disinformazione" al loro quartier generale. Tuttavia, non anticipiamo noi stessi. Faremmo meglio a dedicarci a una faccenda estremamente eccitante: lo studio di quei dettagli e quei momenti che, per la mia vita, non si adattano in alcun modo alla classica versione propagandistica di una spia disertore. Cominciamo, come al solito, con le basi e le basi. Cioè per un motivo che potrebbe indurre un ufficiale a intraprendere la strada scivolosa e, notiamo, estremamente pericolosa del doppio gioco e del tradimento. Quindi, scaviamo per iniziare nel passato del nostro eroe. Origine? Il massimo che non lo sono né gli operai né i contadini. In alcune fonti, tuttavia, ci sono riferimenti a un certo "padre che ha prestato servizio nell'Armata Bianca", il fatto della cui presenza Penkovsky sarebbe "accuratamente nascosto", ma questa è una favola pura, non confermata da nulla.

Servizio e percorso di combattimento? Abbastanza degno. Partecipazione alla guerra di Finlandia, alla campagna di liberazione in Polonia e, ovviamente, alla Grande Guerra Patriottica. Penkovsky sfuggì alle "purghe" di Stalin nell'Armata Rossa perché nel 1937 era solo un cadetto in una scuola di artiglieria. Uscendo da lì, tra l'altro, è diventato un istruttore politico, il che, ancora una volta, spazza completamente da parte le speculazioni sul "padre bianco". Poi, per controllare meglio che potevano ... Successivamente, alcuni autori si lasciarono scrivere che la futura "spia principale" non combatteva davvero: trascorse la Guerra d'Inverno lontano dal fronte, nel 1941-42 fu "spazzato via nella sede del Distretto militare di Mosca", sì e in futuro non è particolarmente eroe. Permettetemi di non essere d'accordo: sì, Penkovsky è arrivato al fronte come comandante di un'unità sul campo nel 1943, ma come ha effettivamente combattuto è evidenziato non solo dai suoi premi: l'Ordine della Bandiera Rossa (due), la Stella Rossa, la Guerra Patriottica e persino un ordine raro Alexander Nevsky, oltre a una dozzina di medaglie (tra cui For Military Merit, ad esempio), ma anche la presenza di due strisce per le ferite, sia leggere che pesanti. Abbastanza un track record decente.

Sì, c'era amicizia con Sergei Varentsov, il futuro maresciallo, comandante in capo delle forze missilistiche e artiglieria delle forze di terra dell'esercito sovietico. Ma “cancellare” tutti i premi e il grado di colonnello ricevuti all'età di 30 anni su questa amicizia è un vero e proprio eccesso. Quindi, in nessuna circostanza Penkovsky potrebbe essere il "nemico ideologico" del regime sovietico e del suo paese. Andiamo oltre ... Al momento della sua "caduta", aveva tutte le ragioni per essere soddisfatto della vita sia in termini di status sociale (alto grado, servizio nel GRU, appartenenza all'élite militare), sia materialmente - un appartamento di tre stanze nel centro di Mosca, due ufficiali molto grandi gli stipendi (li riceveva in due posti di servizio - il funzionario e nell'intelligence), la possibilità di viaggiare all'estero nonostante la "cortina di ferro" ... Non tornano!

Carriera, poser, psicopatico?


Gli autori occidentali degli scritti su Penkovsky hanno avanzato “il suo disaccordo con l'aggressivo politica URSS, il desiderio di smascherarla e contribuire alla causa della pace "," per salvare l'umanità dalla morte in un conflitto nucleare ". Con questo, signori, bravi - agli psichiatri. Tu, ricordo, ti sei degnato di fare qualcosa di simile e di macinare su Rezun, finché non si è scoperto che lo hanno verbanizzato su banali prove compromettenti - divertimento nello stile della "luna blu". Qualunque cosa si possa dire, Penkovsky non aveva motivi reali per tradire la sua Patria, per la quale versava onestamente sangue e da cui aveva quasi tutto ciò che una persona sovietica media poteva sognare. Sì, e un pervertito, a differenza del futuro "scrittore", certamente non lo era - tranne che per le donne ... Quindi in qualsiasi esercito del mondo in tutte le età e tempi sembrava condiscendente, per non dire altro.

Tuttavia, nel suo passato, all'inizio della sua carriera di ufficiale dell'intelligence, c'era stata una storia piuttosto "confusa" - durante il suo primo viaggio d'affari all'estero in Turchia, Penkovsky sarebbe stato registrato dagli ufficiali del KGB per un'occupazione estremamente sgradevole - mentre cercava di vendere dell'oro al bazar locale. Inoltre, è stato notato anche da loro nel "molestare gli stranieri". Bene, scusatemi, il lavoro di uno scout è "assillare" gli stranieri. In quale altro modo puoi creare contatti utili e ottenere informazioni? Penkovsky è stato quindi "invitato" dai servizi segreti (o semplicemente trasferito da lì), ma non è stato più violato in alcun modo: non lo hanno calpestato dall'esercito, non lo hanno degradato di grado. Inoltre, sono tornati ai quadri del GRU in meno di un anno! E hanno persino iniziato a salire ulteriormente la scala della carriera. Ricordiamo questo episodio e andiamo avanti. Va detto che tutte le azioni della "super spia" che sono state ufficialmente menzionate nei materiali del suo caso, riguardanti i suoi tentativi di entrare in contatto con i servizi speciali dell'Occidente, emanano non solo goffo dilettantismo dell'ordine più basso, ma un vero e proprio scolastico.

Molestie a Mosca ai turisti americani con la richiesta di "trasferire un pacco con materiali classificati all'ambasciata", gettando le stesse lettere anonime nelle finestre delle residenze diplomatiche ... Sì, questo è solo un peccato - per una persona che ha studiato alla famosa accademia del GRU (e inoltre, in un altro paio prestigioso), che aveva un passato di combattimento e un'esperienza "sul campo" di un residente, è vero. Tuttavia, il momento principale, costringendomi personalmente, seguendo il classico dell'arte teatrale russa, a gridare: "Non ci credo!" È un altro episodio. Durante il suo secondo, a quanto pare, viaggio a Londra, Penkovsky, già reclutato, avrebbe incontrato i suoi curatori sia della CIA che dell'ICU. Poi "gli è stato offerto il grado di colonnello di uno qualsiasi di questi servizi speciali", e il nostro eroe, come una signorina educata che sceglie un vestito per un ballo, non solo ha provato entrambe le uniformi appropriate (mi chiedo da dove le ha prese?), Ma ci ha anche fatto delle foto. ! Da questo posto - fermati! Il segno distintivo di tutte (senza eccezioni) le persone che fanno veramente parte del personale operativo (non importa, "organi interni" o intelligenza), è un'avversione patologica nel catturare la propria immagine. Si allontanano dalle macchine fotografiche, video e cinematografiche come dalla peste. È guidato nel subconscio, nel sangue e nel midollo osseo. Come mi ha detto personalmente una di queste persone: "Solo un idiota si documenterà". Una sessione fotografica di Penkovsky nelle divise dei servizi segreti stranieri non è solo una crudele "puntura", è un biglietto garantito per il braccio della morte! Non l'aveva capito? In questo caso bisognerà ammettere la correttezza dell'allora capo dell'MI6, Dick White, che considerava la "super spia" un nevrotico squilibrato, o dei suoi colleghi degli Stati Uniti, che avevano anche dubbi sulla salute mentale di questa persona. Ma è improbabile che tutto sia stato spiegato in modo così semplice ...

O il miglior agente del KGB?


Forse la prima idea che Penkovsky non fosse altro che il KGB astutamente scivolato in Occidente fu l'idea di James Angleton, che a quel tempo era responsabile del controspionaggio della CIA. Ha gridato gridando, chiedendo che i suoi colleghi interrompessero i contatti con questo russo, che stava lavorando per creare un "falso senso di superiorità militare" tra gli Stati Uniti e i suoi alleati, o almeno trascinarlo via per essere testato per la macchina della verità più vicina. Avevano paura di "spaventare un agente prezioso". Ma Angleton aveva ragione almeno riguardo al gioco operativo che la nostra intelligenza stava giocando con l'Occidente in quel preciso momento. Ancora una volta, non entrerò nei dettagli (questo è un argomento per una conversazione completamente separata), ma tutto si è ridotto agli sforzi per convincere il Pentagono che i missili sovietici sono assolutamente incapaci di colpire i loro silos ICBM. Dal momento che vengono lanciate "due scarpe di rafia alla destra del sole", senza avere normali sistemi di guida.

In realtà, ovviamente, tutto era completamente diverso, ma gli americani che hanno creduto a lungo in questo "spaghetto" non si sono preoccupati della normale protezione dei propri silos missilistici, che, se necessario, avremmo potuto facilmente "tagliare a dadi". Torniamo, tuttavia, direttamente a Penkovsky. Come più tardi, non senza sorpresa e delusione, Philip Knightley, noto ricercatore e storiografo delle attività dei servizi speciali, è stato costretto ad ammettere, Penkovsky alla fine "non ha fornito ai suoi curatori una singola informazione che possa essere definita come avente un serio significato strategico-militare". Per la maggior parte, tutto ciò che l'ICU e la CIA ricevevano da lui era, al massimo, una conferma di informazioni ottenute attraverso canali completamente diversi e da altre fonti.


Secondo i materiali dell'indagine, la "super spia" per un anno e mezzo della sua attività sovversiva è riuscita a "fondere" quasi 5mila documenti segreti agli imperialisti ea trasferire dati a seicento dei nostri ufficiali dell'intelligence all'estero. Tuttavia, ciò che è interessante è che né prima, né anche dopo il suo arresto, non è accaduto un solo "scandalo di spionaggio" con gli agenti presumibilmente "smascherati" da lui! Non solo nessuno è stato gettato in prigione, ma non è stato espulso dal paese ospitante. Quanto alle "informazioni segrete" ... Si trattava per la maggior parte di materiale proveniente da pubblicazioni dipartimentali "chiuse" come il "Bollettino Militare", da lui prelevato in un'apposita biblioteca. Anche per me un segreto militare! Sì, Penkovsky ha inviato fotocopie dei materiali del Comitato statale per il coordinamento della ricerca scientifica sotto il Consiglio dei ministri dell'URSS in Gran Bretagna e negli Stati Uniti. Ma ecco un'altra discrepanza: riguardavano principalmente i rapporti di viaggio dei dipendenti di questa organizzazione sui loro viaggi all'estero. Cioè, in effetti, l'Occidente ha ricevuto informazioni ... sui propri risultati! Quanto al ruolo di Penkovsky nella crisi dei missili cubani, che lui, secondo alcuni "uomini intelligenti", ha cercato di impedire o, al contrario, ha provocato avvertendo la leadership statunitense del trasferimento di missili sovietici a Cuba, è stato provato cento volte: anche se si presume che che Penkovsky lavorasse per la CIA seriamente e con tutta la diligenza, fu durante questo periodo che si trovava già sotto un "berretto" così denso del KGB che non poteva più trasmettere alcuna informazione all'Occidente. E non è stato in alcun modo ammesso ai dati sull'operazione top secret Anadyr, di cui non tutti al Cremlino sapevano ...

Vuoi più assurdità e stranezze? Quanto ti piace! I parenti del "più importante traditore della Patria" dell'era di Krusciov non sopportarono, contrariamente all'usanza di allora, non la minima oppressione. La cosa più interessante è che la figlia di Penkovsky (con un cognome diverso, però) successivamente prestò servizio in silenzio ... nel Comitato per la sicurezza dello Stato! Questo da solo ti fa riflettere su chi fosse veramente suo padre. Molti (me compreso) sono inclini a credere che, almeno dopo il loro viaggio d'affari non molto riuscito in Turchia, e molto probabilmente anche prima che iniziasse, il colonnello Penkovsky abbia partecipato a un'operazione su larga scala dei cekisti per introdurre una fonte di disinformazione nei servizi speciali occidentali e scoprire la loro rete di agenti in URSS. Un'operazione che si è conclusa con un completo successo. A proposito, il suo arresto nel mezzo della stessa crisi missilistica cubana è stato anche, molto probabilmente, parte della pressione psicologica su Washington, parte del "grande gioco".

Mi scusi, dici, ma Penkovsky è stato colpito ?! Che tipo di giochi esistono? Sì, con il verdetto del Collegium militare della Corte suprema dell'URSS, Oleg Penkovsky è stato giustiziato. Il verdetto, tra l'altro, secondo testimoni oculari, è stato per lui una sorpresa completa, letteralmente come un fulmine a ciel sereno. Chiaramente si aspettava qualcosa di diverso. Tuttavia, sulla morte di Penkovsky, sai, ci sono anche versioni ... No, non sto parlando di invenzioni della stessa cosa, non nella notte del già citato Rezun, secondo cui l'ex dipendente del GRU sarebbe stato “bruciato vivo nel forno crematorio”. Questa sciocchezza con le sue sciocchezze non è sicuramente degna di essere presa sul serio. Ma per quanto riguarda i presupposti che il gioco fosse completato e Penkovsky, con un nome diverso e con un aspetto cambiato, ha continuato il suo percorso di vita (è lontano dal fatto che in URSS) ... Non hanno conferme, ma non escluderei completamente una tale opzione ...

Tuttavia, Penkovsky poteva davvero accettare la morte anche come agente della sicurezza statale attentamente cospiratore - il processo su di lui divenne parte dell'ultima battaglia tra i sostenitori di Krusciov (molto pochi a quel tempo) ei suoi avversari, che erano ansiosi di rimuovere rapidamente Kukuruznik dalla "ruota". Il primo includeva anche il capo del GRU, Ivan Serov, che, dopo questa storia, perse posizione, grado, tessera di partito e cadde in completa disgrazia, che era uno dei pilastri del "potere" del potere di Krusciov. E molto presto è stata la volta dello stesso Nikita Sergeevich. Tuttavia, questa, ancora una volta, è una storia completamente diversa.

Per quanto riguarda Oleg Penkovsky, la stragrande maggioranza dei materiali su cui sono classificati fino ad oggi, la verità, quando verrà il momento di scoprirlo, potrebbe rivelarsi piuttosto inaspettata.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 24 October 2020 16: 55
    +1
    Un selfie in divisa straniera davanti allo specchio con Zenith in mano? Bene ...
  2. dilettante Офлайн dilettante
    dilettante (Victor) 25 October 2020 08: 14
    +1
    scontri tra i sostenitori di Krusciov (pochissimi a quel tempo) ei suoi avversari, desiderosi di rimuovere rapidamente Kukuruznik dal "timone". Il primo includeva anche il capo del GRU, Ivan Serov, che, dopo questa storia, perse posizione, grado, tessera del partito e cadde in completa disgrazia, che era uno dei pilastri del "potere" del potere di Krusciov.

    L'autore ha mescolato in un mucchio di "cavalli, persone, ecc." Prima della guida del GRU, I. Serov era il fondatore e primo presidente del KGB ed è stato effettivamente retrocesso da Krusciov a capo del GRU. Spero che nessuno neghi che la posizione del presidente del KGB in termini di influenza su tutto in URSS è incomparabile con il "peso" del capo del GRU. A proposito, oltre a Serov, anche il maresciallo di artiglieria Varentsov è stato represso. I dettagli del caso di P. sono descritti nel recentemente pubblicato "I diari di Serov?"
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 28 October 2020 09: 18
    0
    In ogni caso, una brutta storia al potere.