Perché la Russia deve abbandonare rapidamente lo "spazio post-sovietico"


Gli eventi allarmanti degli ultimi tempi, per la maggior parte avvenuti nelle immediate vicinanze dei confini della nostra Patria e che incidono direttamente sui suoi interessi vitali, non solo hanno rivelato un numero enorme di problemi e momenti acuti che si sono accumulati nelle nostre relazioni con i nostri vicini. In generale, hanno finalmente dimostrato la completa incoerenza di un concetto così familiare e saldamente radicato nella scienza politica come "spazio post-sovietico".


Perché una tale formulazione, a lungo criticata in Occidente, di fatto non redditizia e dannosa solo per la Russia? Quali sono i motivi che ci inducono ad abbandonarlo e cosa si può e si deve offrire in cambio? Proviamo a risolvere queste difficili domande.

"Non versano vino nuovo in otri vecchi ..."


Questa espressione evangelica corrisponde perfettamente alla situazione che alla fine si sviluppò su un territorio colossale che rimase in uno stato geopolitico del tutto incomprensibile dopo il crollo di un grande paese che copriva un sesto della terra. Inizialmente, tutti gli stati indipendenti sorti sulle sue rovine erano solo ex "repubbliche fraterne", ma non è passato molto tempo - e solo una parte di esse è rimasta l'una per l'altra non solo alleati, ma almeno buoni vicini. Un numero molto maggiore di "fratelli in URSS" di ieri si è trasformato in avversari, se non addirittura mortali, nemici inconciliabili. La guerra che scoppia oggi nel Nagorno-Karabakh ne è la migliore conferma. La Russia avrebbe potuto impedire tutto questo? Cerchiamo di essere obiettivi, in nessun modo. E non solo per il fatto che il suo primo leader, Boris Eltsin, era assolutamente estraneo a qualsiasi idea di senso unificante, al contrario, agì come uno dei distruttori più attivi e attivi dell'URSS.

Ci sono ragioni molto più pesanti - in primo luogo, l'Occidente, che non si è limitato a "orchestrare" i processi distruttivi sul territorio dell'Unione Sovietica sia durante la sua disintegrazione che dopo di essa, non permetterebbe in nessun caso nulla di simile, andando a tutto, fino a dirigere intervento militare, che poi difficilmente avrebbe incontrato un serio rifiuto. In secondo luogo, la Russia, dilaniata da numerose crisi, derubata e distrutta di fronte al suo popolo, non era assolutamente all'altezza del ripristino del proprio status dominante in una forma o nell'altra. Grazie a Dio, almeno sono riusciti a difendere la propria integrità territoriale - e questo a costo di una notevole quantità di sangue. Successivamente, quando si è tentato di "ricucire" i legami spezzati e le alleanze disintegrate, purtroppo si sono ridotti a un livello tale che a volte sembra che sarebbe meglio se non esistessero affatto!

In effetti, tutte le strutture interstatali dello "spazio post-sovietico" erano, in misura maggiore o minore, cattive copie dell'URSS, create in fretta e senza molta intelligenza, adattate al nuovo status delle ex repubbliche. L'unico problema era che, a differenza dell'epoca sovietica, la Russia non aveva più alcuna influenza sui suoi vecchi e nuovi "alleati" e "partner". Dalla parola "assolutamente" ... Siamo onesti fino alla fine. È tempo, finalmente, di riconoscere - che la Comunità di Stati Indipendenti, che l'Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva, che l'Eurasiatico economico Le Union sono, se non inizialmente nate morte, quindi, per usare un eufemismo, formazioni estremamente inefficaci così come esistono, non si riempiono di nuovi membri, ma si sgretolano letteralmente davanti ai nostri occhi. Questo da solo la dice lunga. Forse la ragione è che le loro origini erano, per la maggior parte, veramente leader "post-sovietici" di stati nazionali, che come strategia generale scelsero di soddisfare i propri bisogni urgenti e ambizioni di vasta portata a spese di Mosca.

Chiedevano al "fratello maggiore" preferenze commerciali, energia e armi a buon mercato, protezione e sostegno, mentre inizialmente non avevano intenzione di rinunciare a un solo pezzetto di "indipendenza" illusoria, ma in realtà - il diritto dei "principini di appannaggio" di nuova creazione di sfruttare le risorse del loro paese e ciò che restava dell'eredità dell'URSS. industria e infrastrutture a sua esclusiva discrezione. E allo stesso tempo, è anche giocare "multi-vettore", cioè partecipare a pieno ritmo a vari progetti dell'Occidente, ognuno dei quali era essenzialmente anti-russo sin dall'inizio. Successivamente, lo stesso “approccio multi-vettore” è stato trasformato dai “leader nazionali” in un'ottima leva per ricattare la Russia nello stile: “Tu sei il male, il male ... Ti lasceremo”. Alla fine se ne sono andati - spesso non più di loro spontanea volontà, come Viktor Yanukovich, che ha giocato per l '"integrazione europea", e con i suoi lanci ha portato la situazione a un colpo di stato. E qual è il risultato?

Nuovo spazio. Ma quale?


In realtà, questo "spazio post-sovietico" non esiste da molto tempo. C'è la regione baltica, che è membro dell'Unione Europea e della NATO, che trasuda russofobia e si sta trasformando davanti ai nostri occhi in un punto d'appoggio militare per l'Occidente per attaccare il nostro paese. Ci sono Georgia e Ucraina, estremamente ostili alla Russia, che sono sotto il diretto controllo esterno degli Stati Uniti. Azerbaigian, che un po 'di più - e può essere considerata una provincia turca a tutti gli effetti. C'è l'Asia centrale, dove l'influenza della Cina supera già di gran lunga quella della Russia. Cos'è rimasto? Armenia, grazie alla quale stiamo per essere trascinati in un conflitto armato con la Turchia? La Bielorussia, il cui leader è proprio il suo, che sia sbagliato, "multi-vettore" e flirtando con le forze anti-russe sia nel paese stesso che all'estero, ha portato la questione all'attuale tentativo di una "rivoluzione colorata"? È vero, gli deve essere dato il dovuto, resiste abbastanza coraggiosamente, riprendendosi e correndo di nuovo a Mosca con le braccia. Chi è il prossimo? La Moldova con il suo eterno "dondolio" tra Mosca e Bucarest?

Tutto questo non è più uno "spazio post-sovietico", almeno in qualche modo unito e almeno in qualche modo connesso, ma un vero e proprio calderone ribollente, che va messo in ordine da posizioni completamente diverse e con un'ideologia completamente diversa, piuttosto che riferirsi ad alcuni Un passato comune. No, la Russia non dovrebbe in alcun modo negare la propria successione all'Unione Sovietica. Non deve cancellare e, inoltre, lasciare che qualcuno cerchi di cancellare le pagine più importanti della storia dell'URSS, come la Grande Guerra Patriottica. Tuttavia, è tempo di ammettere che, nella fase attuale, le relazioni con i nuovi paesi che ci circondano dovrebbero essere costruite su principi e principi completamente nuovi.

È ora di seppellire lo "spazio post-sovietico" con un sospiro amaro, lasciando questo termine solo agli storici. Ahimè, se inizialmente esisteva, lo abbiamo ceduto quasi completamente all'Occidente, consentendo ai "Maidan" di vari gradi di russofobia in quasi tutte le ex repubbliche dell'URSS. Anche per quanto riguarda i paesi che oggi sono nominalmente, se non amichevoli, almeno non ostili a noi, qualunque ipotesi dovrebbe essere fatta con grande cautela. Bielorussi, kazaki e tagiki staranno fianco a fianco con i soldati russi se nel Caucaso dovranno ancora scontrarsi direttamente con i turchi? Altri membri della CSTO, oltre alla Russia (non sto parlando del Kirghizistan - dovrebbero fare i conti con i loro interminabili "Maidans"), parteciperanno, se necessario, al ripristino dell'ordine costituzionale a Minsk? La parte peggiore è che la risposta qui è piuttosto negativa che anche ipoteticamente positiva. Il conflitto del Nagorno-Karabakh, in cui si sono scontrate due ex repubbliche sovietiche, una delle quali è apertamente sostenuta da uno Stato membro della NATO, di per sé pone fine a tutti i miraggi "post-sovietici". Ma ci fa anche pensare a cosa dovrebbe diventare esattamente lo spazio intorno alla Russia, a partire dai suoi interessi geopolitici, e non da quelli dell'Occidente.

È molto probabile che tutte le strutture create negli ultimi decenni con la partecipazione di Mosca dovrebbero essere, se non demolite, almeno seriamente riformattate. È necessario "respirare" la vita, riempirli di significato reale: economico, militare-strategico, geopolitico. Se Baku e Yerevan sono, come dice Vladimir Putin, "nostri partner stretti alla pari", le ostilità tra di loro dovrebbero fermarsi alla parola di Mosca e non a un grido di Washington, come sembra stia accadendo ora. Altrimenti, tutte le nostre "alleanze" e accordi sono inutili.

In prima linea non dovrebbe esserci la nostalgia del comune passato sovietico, ma il pragmatismo del cemento armato dettato dalle realtà attuali. Ma qui dovresti iniziare con lo sviluppo del tuo paese - solo trasformandosi in uno stato, sarà molto più redditizio essere amico del quale (prima di tutto, in aspetti puramente mercantili) che essere inimicizia, la Russia sarà in grado di costruire attorno a sé non uno spazio post-sovietico, ma il proprio spazio geopolitico. L'impero russo, che crollò nel 1917, fu praticamente ricreato completamente, non importa chi cercasse di giacere lì, non con le baionette, ma a causa del fatto che l'Unione Sovietica in rapida crescita e in rapido sviluppo era attraente per la maggior parte degli abitanti delle repubbliche che ne facevano parte, pieno di chi ha assaporato i frutti amari e sanguinosi dell '"indipendenza". Questa è una verità storica e da essa è necessario trarne lezioni molto specifiche.

Un altro punto è che Mosca dovrebbe finalmente dichiarare apertamente i territori adiacenti che un tempo facevano parte dello stesso stato con essa come sfera dei propri interessi vitali indiscutibili, e imparare ad agire in questa sfera senza guardare indietro all'Occidente. In linea di principio, questo è esattamente ciò che sta accadendo in Bielorussia ora - e questo fa sorgere una certa speranza che il nostro paese stia iniziando una "svolta" nell'unica direzione giusta. Il mondo oggi non è solo sull'orlo di un'altra "grande ridistribuzione", ma è in procinto di farlo. Se in questa fase non siamo in grado di crearci almeno un luogo sicuro, più o meno prevedibile e, idealmente, anche contribuendo allo sviluppo e al rafforzamento del nostro Paese, allora in un futuro molto prossimo saremo completamente "spazzati via" tra le sfere di influenza della Cina , Stati Uniti, Unione Europea, Turchia e Dio solo sa chi altro. E questo sarà un passo molto importante per garantire che la stessa Russia si trasformi da uno stato sovrano in un territorio controllato da qualcuno.
16 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 26 October 2020 11: 26
    -5
    -Bene, e ... -questo è ... qui ... qui ancora una volta scrivi dell'ovvio ...
    - Chi ha bisogno di questo "primo grido di Yaroslavna a Putivl, con abbondante spargimento di lacrime" ???
    -In ogni momento, con tutti i re e governanti, diverse terre si sono riunite ... e abbastanza "brutalmente" ...
    -Che Bismarck non molto tempo fa (nel XIX secolo) riunì tutta la Germania ... -E prima, chiunque fosse lì ...: e Sassonia, Slesia, Pomerania, Prussia, Baviera e Vestfalia e chi più ne ha più ne metta ... - E tutti si riposavano ... - con le corna e gli zoccoli ... - tutti volevano tanto essere "indipendenti e indipendenti" ...
    - E che dire di oggi ... in Russia ... - sì, è tutto uguale ...
    - E sii al posto del nostro garante in Russia ... mmmm ... -Beh, almeno è lo stesso ... Erdogan ... -che ... allora ... allora questo avrebbe rapidamente tutti questi "ex" si unirebbero ... - questi sono ora considerati "scollegati" ... - Tutto dipende dal capo del centro ... - e dal centro stesso, che questo leader ha creato ... - E anche la Russia si fonderà con la Bielorussia in "estasi d'amore" non funziona ... - cosa possiamo dire degli altri ... - Allora come non perdere "quello" che abbiamo oggi ...
    1. yuratanja1950 Офлайн yuratanja1950
      yuratanja1950 (Yury) 26 October 2020 12: 26
      +4
      Citazione: gorenina91
      Quindi, come se "quello" per non perdere quello che abbiamo oggi ...

      Per quanto spiacevole dirlo, ma ora la testa dovrebbe far male, prima di tutto, affinché, a seguito del crollo dell'URSS, la Russia non venga distrutta negli appannaggi dei principati ...
      E il primo passo verso questo è il rifiuto dello spazio "post-sovietico" ...
      E il fatto che la Russia ... Così è stato con i signori feudali - non placano i loro vassalli - vanno sotto l'ala di un più forte, più ricco e più generoso ... hi
      1. Wanderer Polente Офлайн Wanderer Polente
        Wanderer Polente 26 October 2020 13: 51
        +3
        I signori feudali non davano solo carote ai loro vassalli, ma usavano anche la frusta per disciplinare ...
        1. Ioan-e Офлайн Ioan-e
          Ioan-e (Boris) 26 October 2020 20: 59
          -1
          Citazione: Wanderer Polente
          I signori feudali non davano solo carote ai loro vassalli, ma usavano anche la frusta per disciplinare ...

          E la frusta è stata data molte volte più spesso!
    2. Toha della KZ Офлайн Toha della KZ
      Toha della KZ (Anton) 27 October 2020 06: 57
      -2
      Una vittima dell'esame? Prima della venuta di Putin, c'era una domanda sulla divisione della Russia in diversi principati. Salvato, salvato. Ma dove sono d'accordo, è stato un suo errore aiutare questo sultano a mantenere il potere. Questi non sono mai stati nostri amici o partner
    3. Magistr Офлайн Magistr
      Magistr (Valery) 1 November 2020 16: 07
      -1
      Irina, la Bielorussia socialista non si lascerà mai inghiottire dagli oligarchi di Putin.
  2. tuchkovskij Офлайн tuchkovskij
    tuchkovskij (Vladimir) 26 October 2020 13: 25
    +1
    Per proteggere i suoi interessi, la Russia ha bisogno di:
    1. denunciare gli "accordi Belovezhskaya"
    2. proporre a tutte le ex repubbliche di creare una confederazione con un unico esercito e moneta
    3.Le repubbliche che desiderano unirsi alla NATO o ospitare basi militari della NATO, per cominciare, tagliare loro tutta la logistica e le tubature, chiudere i loro mercati, chiudere i confini per l'ingresso ai lavoratori statali, dichiarare Casus belli e privare territori precedentemente appartenenti alla Russia o all'URSS
    1. Kuramori Reika Офлайн Kuramori Reika
      Kuramori Reika (Kuramori Reika) 26 October 2020 16: 24
      +5
      2. proporre a tutte le ex repubbliche di creare una confederazione con un unico esercito e moneta

      E nutrirli e ricostruirli di nuovo? Sì, sia meglio trasformarsi finalmente in paludi puzzolenti e pascoli steppici. I nostri fondi dovrebbero essere spesi non per coloro che non potrebbero diventare paesi sani di mente in 30 anni, ma per noi stessi. Queste ex repubbliche, con l'eccezione di una coppia, non hanno creato nulla di nuovo, ma divorano ciò che è stato costruito sotto il controllo di Mosca, con i sussidi della RSFRS. Lasciateli costruire con le proprie mani, ma la mente per vivere entro i propri mezzi e in modo indipendente, come si può vedere dalla storia, chiaramente mancava.
      1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
        Marzhetsky (Sergey) 27 October 2020 08: 08
        +3
        Citazione: Kuramori Reika
        Queste ex repubbliche, con l'eccezione di una coppia, non hanno creato nulla di nuovo, ma divorano ciò che è stato costruito sotto il controllo di Mosca, con i sussidi della RSFRS.

        E quali cose speciali siamo riusciti a costruire in questo periodo?
    2. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 30 October 2020 21: 18
      +2
      Il primo punto, il passo è forte. E legalmente, gli Accordi Belovezhskaya sono un pezzo di carta senza valore, perché i firmatari non avevano l'autorità di firmare tali accordi (questo è possibile solo dal Soviet Supremo dell'URSS e dai referendum). Ma il punto è diverso, nella guerra fredda perduta e nella sconfitta dell'URSS. Qui il vincitore (USA) agisce sugli sconfitti come vuole, che è quello che succede al governo compradore di Boris Eltsin, poi il suo candidato (o meglio, il candidato della sua famiglia) V, V, Putin ... Per quasi trent'anni nulla è cambiato, le persone e così via derubato e ulteriormente derubato e privato del diritto di voto da una manciata di ladri al potere ...
  3. GRF Online GRF
    GRF 26 October 2020 13: 35
    +1
    La Russia imparerà a valorizzare se stessa e a sfruttare gli altri?
    Difficilmente, perché per questo devi imparare, per cominciare, a non cancellare debiti per occhi belli (beh, o ragioni segrete che non possono essere denunciate ai tuoi cittadini) ...
  4. Jozhik_2 Офлайн Jozhik_2
    Jozhik_2 (Jozhik) 26 October 2020 15: 51
    +4
    Va tutto bene. La spruzzatura è stupida e costosa. Cosa diavolo sono gli "alleati" e così via? Ogni trebbiante la sua pala e allo stesso tempo ipocritamente invita la Russia a ricordare il passato comune e quasi gli ideali di uguaglianza e fratellanza, mendicante e parassita a sue spese. Il pragmatismo e l'isolazionismo ragionevole faranno risparmiare denaro per migliorare il tenore di vita della propria gente. E se gli appetiti della loro borghesia cosmopolita fossero temperati, sarebbe abbastanza bello vivere.
    La Russia (per la prima volta nella storia, a quanto pare) ha bisogno di concentrarsi finalmente su se stessa, altrimenti il ​​khan.
  5. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 26 October 2020 18: 23
    +6
    La Russia ha bisogno di più egoismo statale russo per la prosperità del proprio popolo, come negli Stati Uniti. Quindi tutti i vicini si allineeranno immediatamente per fraternizzare con la Russia.
  6. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) 27 October 2020 13: 55
    +1
    per fare tutto questo, è necessario sbarazzarsi della lobby liberale al potere, ma questa viene dal regno della fantasia
  7. genadij Офлайн genadij
    genadij (gene gene) 31 October 2020 13: 33
    +1
    Penso che la Russia debba tornare alla sua composizione solo Bielorussia, Piccola Russia e Novorossia (escluse le regioni occidentali dell'Ucraina). Perché queste sono terre russe con una popolazione russa.
    E commercia solo con tutti gli altri.
    1. Magistr Офлайн Magistr
      Magistr (Valery) 1 November 2020 16: 25
      +1
      Gennady, oggi anche questo è un sogno irraggiungibile. Ma in un modo o nell'altro - anche se come risultato della colonizzazione, della rivoluzione e delle guerre - abbiamo creato una grande potenza eurasiatica molto prima dell'UE. Con un sistema energetico unificato, con un sistema di trasporto, con forti legami economici, con un potente esercito, con un'istruzione superiore a prezzi accessibili, ecc. Con il quale, ovviamente, l'Occidente non poteva riconciliarsi. E come risultato delle loro provocazioni, abbiamo solo un frammento del precedente potere. È del tutto possibile ripristinarlo ora, solo sviluppando il paese a un livello decente, in modo che le ex repubbliche stesse vogliano unirsi di nuovo. Ma il guaio è che le autorità compradore non hanno l'obiettivo di sviluppare il paese. Ha un obiettivo diverso: sfruttare il paese insieme ai predatori occidentali. Pertanto, il tema della rinascita dello stato eurasiatico (anche senza i precedenti GULAG) non è popolare nel nostro paese.