La Cina ha gli occhi sulle risorse energetiche russe con il pretesto della Nuova Via della Seta


La Cina ha bisogno di espandere la sua base di risorse e sta cercando di ottenere l'accesso alla regione artica russa. A tal fine, secondo il quotidiano tedesco Die Welt, la RPC prevede di includere la Rotta del Mare del Nord (NSR) nella sua Nuova Via della Seta.


È molto importante per Pechino avere accesso ai minerali che abbondano nell'Artico. Secondo gli esperti, ci sono vasti giacimenti di petrolio e gas. La Cina è anche attratta dai giacimenti di metalli preziosi e carbone nei territori settentrionali della Russia: a tal fine, i cinesi stanno pianificando la loro partecipazione attiva a progetti per lo sviluppo di questa regione e stanno persino per costruire il proprio rompighiaccio. Quindi, vogliono fare della NSR una propaggine della Nuova Via della Seta.

L'attuazione di tali iniziative da parte di Pechino può essere solo una questione di tempo, ma la sua decisione dipende in gran parte dalla posizione di Mosca, che si riserva il diritto di utilizzare la rotta del Mare del Nord e ricevere tutti i vantaggi da questa rotta di transito. Il Cremlino intende fare della NSR un'alternativa al corridoio marittimo meridionale (attraverso il Canale di Suez), e grandi volumi di esportazioni cinesi verso l'Europa dovrebbero aiutare questo. Pechino, d'altra parte, ha bisogno di garantire la sua sicurezza energetica per molti anni a venire, e non sarà facile farlo senza le riserve di petrolio e gas dell'Artico.

Mosca è costantemente alla ricerca di investimenti per lo sviluppo del suo estremo nord, e fondi e società cinesi li stanno attivamente utilizzando, ricevendo incentivi fiscali adeguati e investendo in giacimenti di gas combustibile a Yamal e nella penisola di Gydan.

Così, secondo l'analista dell'Istituto norvegese per la ricerca sulla difesa Christopher Vaidakher Hsun, la Cina finanzia il progetto Yamal LNG del 60 per cento, avendovi ottenuto libero accesso. Il solo sviluppo dei giacimenti di Yamal consentirà di ottenere circa 16,5 milioni di tonnellate di gas all'anno.
  • Fotografie usate: http://www.novatek.ru/
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Dan Офлайн Dan
    Dan (Daniele) 26 October 2020 12: 57
    +1
    Mentre gli europei sono così ... e accartocciati, non capendo di cosa hanno bisogno in questa vita, la Cina valuta rapidamente la situazione e prende decisioni. Ecco perché la sua economia sta crescendo. Se l'Europa non è in grado di prendere la sua decisione sovrana con cui è reciprocamente vantaggioso cooperare, la Cina occuperà gradualmente nicchie libere con i suoi investimenti. Come dice il proverbio, chiunque l'abbia mangiato. E l'Europa con una posizione così dipendente diventerà presto affamata.
  2. Jozhik_2 Офлайн Jozhik_2
    Jozhik_2 (Jozhik) 26 October 2020 16: 05
    0
    Quindi, se questo è un male per la Russia e la Cina si impegna a saccheggiare apertamente, cosa impedisce ai nostri poteri che sono di mettere sulla Cina, a loro volta, qualsiasi altro organismo?
    1. Many_ways_point Офлайн Many_ways_point
      Many_ways_point 26 October 2020 16: 47
      -2
      Molte cose. E prima di tutto, la mancanza di cervello e di conseguenza dell'iniziativa.