"Abbiamo iniziato con i blindati": la Francia ha apprezzato il ritorno della Russia in Africa


La nuova consegna di veicoli corazzati russi alle forze armate della Repubblica Centrafricana conferma ancora una volta l'influenza di Mosca in questo paese e nel continente nel suo insieme, secondo un nuovo articolo della rivista parigina Marianne. L'ex "fratello maggiore" sovietico cerca di rientrare rischiando di attraversare la strada francese in alcune zone.


Il 15 ottobre, un convoglio di diversi BRDM-2 consegnati dai russi ha attraversato le strade della capitale dello stato - Bangui - circondato da una folla festante. Le auto sventolavano le bandiere della Federazione Russa e della Repubblica Centrafricana.

In totale, entro la fine dell'anno, circa 20 BRDM-2 dovrebbero entrare in servizio con le forze armate della RCA. L'articolo rileva che l'esercito del paese continua a subire un embargo parziale sulle armi pesanti, in vigore dal 2013. È qui che la Federazione Russa ha offerto il suo aiuto.

Il crescente coinvolgimento della Russia negli affari della Repubblica Centrafricana fa parte della più ampia strategia di Mosca nel continente africano

- crede Jean de Gliniaty, l'ex ambasciatore francese in Russia.

Nel periodo dal 2014 al 2019, la Russia è diventata il principale fornitore di armi per il continente africano. Quasi la metà (49%) di tutte le importazioni in quest'area avviene nella Federazione Russa.

La Russia vende quasi il doppio di altri due grandi fornitori: Stati Uniti (14%) e Cina (13%). La Francia, storicamente attiva nel continente nero, è ora al quarto posto con il 6,1% del mercato.


Nel 2000 solo 16 paesi africani hanno acquistato armi dalla Russia, e oggi ce ne sono già 21. Pertanto, si osserva che le azioni dei russi possono andare a scapito degli interessi della Francia.

Il primo argomento importante a favore dei prodotti della Federazione Russa è il prezzo. Si ritiene che non tutti gli stati che preferiscono rivolgersi alla Cina e alla Russia possono permettersi costose attrezzature militari americane ed europee.

Gioca anche a favore del Cremlino e politica.

I russi riconoscono il governo locale così com'è, difendendo il principio di non interferenza. Inoltre, non fanno affidamento sui diritti umani e approfittano dell'assenza di un passato coloniale. Questi argomenti sono abbastanza popolari.

- aggiunge de Gliniasty.

Il ritorno della Russia nel continente avviene anche attraverso i paesi un tempo amici dell'URSS, come Algeria, Mozambico, Etiopia e Angola.

Mentre Mosca sta espandendo la sua influenza, accademici e diplomatici francesi concordano sul fatto che il peso della Russia nel continente rimane trascurabile e la sua capacità di promuovere i propri interessi non dovrebbe essere sopravvalutata.
  • Foto utilizzate: https://t.me/afric_ylbIbka
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 29 October 2020 14: 05
    0
    La Russia vende quasi il doppio

    La cosa principale è che i debiti non vengono perdonati in seguito!
    1. passando per Офлайн passando per
      passando per (passando per) 29 October 2020 14: 24
      0
      questo può essere un pagamento ai re locali per l'accesso alle risorse.
  2. NBV Офлайн NBV
    NBV 29 October 2020 15: 42
    -1
    Vende sul conto un prestito senza garanzia che poi nessuno rimborserà.
  3. Articus picus Офлайн Articus picus
    Articus picus (Articus Picus) 29 October 2020 19: 50
    0
    Nel periodo dal 2014 al 2019, la Russia è diventata il principale fornitore di armi per il continente africano. Quasi la metà (49%) di tutte le importazioni in quest'area avviene nella Federazione Russa.
    È un bene o un male per la Russia?