Esperto: Baku propone un ultimatum che non può essere accettato da Yerevan


Baku sta cambiando da sola l'ordine dei precedenti accordi sulla Repubblica del Nagorno-Karabakh e propone condizioni praticamente impossibili per Yerevan - questo è indicato nel suo blog dalla deputata della Duma di Stato della Federazione Russa Elena Panina. Secondo Panina, l'Azerbaijan sta cambiando lo stato delle regioni di Lachin e Kelbajar.


Nel 2011 fu raggiunto un accordo sul trasferimento di sette regioni di confine del Nagorno-Karabakh sotto il controllo di Baku, mentre l'Azerbaigian garantiva la sicurezza della repubblica non riconosciuta. Il precedente capo dell'Armenia, Serzh Sargsyan, ha proposto in aggiunta a questo il trasferimento di cinque regioni della cintura di sicurezza del Karabakh all'Azerbaigian in cambio della rimozione del blocco ferroviario. Al momento, le forze azere, con il sostegno della Turchia, hanno occupato quattro regioni del Nagorno-Karabakh, minacciando Lachin - questo in realtà significa bloccare l'NKR. In tali condizioni, Baku parla di una tregua, che è una posizione molto forte per i negoziati.

Baku sta effettivamente avanzando un ultimatum che non può essere accettato dall'Armenia e dai copresidenti del Gruppo di Minsk dell'OSCE composto da Russia, Stati Uniti e Francia

- le note del vice.

Pertanto, le parti non saranno in grado di concordare lo status della repubblica non riconosciuta ei rappresentanti del gruppo di Minsk non andranno a sconfiggere Erevan. La posizione dell'Azerbaigian e della Turchia dietro di essa si sta rafforzando, ma i paesi rivali di Ankara nella regione non le daranno l'opportunità di rafforzare ulteriormente le sue posizioni. Secondo Panina, Londra rimane nella riserva di Erdogan: in questo caso, la faglia della NATO attraverserà il Karabakh, che è irto della maturazione di un conflitto mondiale più ampio.
  • Foto utilizzate: Ruaf Mammadov / CC BY 4.0
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 2 November 2020 14: 30
    0
    Se non è un segreto, quali sono esattamente le richieste di Baku? Qual è l'ultimatum?
    1. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
      Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 2 November 2020 20: 56
      -1
      Citazione: Bakht
      Se non è un segreto, quali sono esattamente le richieste di Baku? Qual è l'ultimatum?

      Non giudicare dalle loro parole, ma dalle loro azioni. Per quanto mi riguarda, è opportuno considerare la situazione attuale nell'aggregato e nell'interconnessione di tutti i fattori.
      1. Struttura statale dei paesi nemici. L'Armenia è una democrazia instabile con una forte componente di corruzione. Il suo leader è salito al potere legalmente imperfetto. Quando è iniziato il conflitto, il paese non era unito. L'Azerbaigian è uno stato autoritario di clan con un leader politico autorevole ed esperto alla sua testa. L'Azerbaigian ha avuto più opportunità di concentrare le risorse nel momento decisivo.
      2. Economia e, di conseguenza, le capacità del sole degli avversari. Per non dire che il PIL pro capite di Baku è assolutamente superiore a quello di Yerevan. Ma ancora più in alto. E, cosa più importante, Aliyev ha investito enormi somme nell'addestramento di un esercito efficiente. Una dittatura, secondo i trucchi del generale de Gaulle, è sempre più efficace della democrazia in un periodo di devastazione e confronto militare.
      3. La legittimità delle posizioni di Baku e Yerevan nel conflitto. Un conflitto locale è in atto sul territorio dell'Azerbaigian, di fatto annessa dall'Armenia. Queste acquisizioni non sono riconosciute da nessun paese al mondo.
      4. Alleati. L'Azerbaigian ha la Turchia. L'Armenia ha una persona simpatica in Francia. Ma solo una persona comprensiva, niente di più. Inoltre, credo che Baku abbia ricevuto da Israele non solo i moderni UAV, ma anche una previsione di come l'intera campagna finirà in relazione al loro utilizzo. Baku ha interessato Gerusalemme in modo molto competente nel confronto con Teheran, le forniture di petrolio. E in generale, a livello di relazioni interetniche, azeri ed ebrei non hanno mai avuto problemi. Ho letto che gli azeri, parlando di ebrei, aggiungevano sempre: ebrei di Nashen. In uzbeko sarà "byza yahudlar". Ma non è riuscito a trovare la parola "nashensky". E gli armeni, ancora non riuscivano a calmarsi, che nel 1915 i turchi li massacrarono, ma non c'erano ebrei.
      In questa situazione, Baku inizialmente contava sul successo. Probabilmente c'erano diversi piani, a seconda dello sviluppo degli eventi. Le cose sono andate avanti per l'Azerbaigian secondo l'opzione migliore. Se Baku prende Shusha, il Karabakh si troverà in un ambiente operativo. Stepanakert si trova a 20 minuti di auto da Shushi. Perché ci sono ultimatum? Per Aliyev, l'importante è "blaterare" la situazione mentre si continua l'offensiva. E poi, con la partecipazione dei mediatori, ufficializza la vittoria.
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 2 November 2020 21: 33
        +1
        Questi sono tutti fatti evidenti. Non sono d'accordo con tutti. Ma, in linea di principio, è vero. Ma la domanda è stata posta diversamente. La signora Panina afferma che Baku sta avanzando un ultimatum inaccettabile per Yerevan. Volevo chiedere: cos'è esattamente l'ultimatum?
        1. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
          Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 2 November 2020 21: 52
          -1
          Non c'era nessun ultimatum, nello specifico. E non potrebbe essere. Tutti i compiti non sono stati ancora risolti a Baku.
          1. Bakht Офлайн Bakht
            Bakht (Bakhtiyar) 2 November 2020 21: 54
            +1
            Sig.ra Panina Elena Vladimirovna, deputata della Duma di Stato delle convocazioni di massa, dottore in scienze, professore, accademico. Hai davvero mentito? E non c'è un ultimatum?
            Cosa aspettarsi, allora, da semplici mortali?
            1. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
              Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 2 November 2020 22: 33
              -1
              Conosci lo slogan su quando mentono più di tutto.
  2. Hayer31 Офлайн Hayer31
    Hayer31 (Kashchei) 2 November 2020 16: 20
    -3
    L'Armenia non sarà più alleata della Russia senza Karabakh. Ciò significherà il ritiro di Mosca dal Caucaso meridionale.
    1. passando per Офлайн passando per
      passando per (passando per) 2 November 2020 17: 04
      +2
      e ora un alleato? risata gli stessi alleati degli ucraini.
    2. Toha della KZ Офлайн Toha della KZ
      Toha della KZ (Anton) 2 November 2020 17: 09
      +2
      Che dolore perdere un simile alleato! Un altro meno alleato tra quelli che sputano nella schiena.
  3. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 2 November 2020 18: 59
    +2
    In effetti, sia l'Armenia che l'Azerbaigian e la Turchia sono materiali di consumo nelle grate tra la Federazione Russa e la Banca Mondiale. E in questo gioco, Erdogan ha esaurito le risorse amministrative ed economiche.
    Ti consiglio di guardare questo video. Qui, nel primo tempo, viene spiegato lo schema del gioco attorno al Karabakh.