L'Ucraina si trasforma in un trampolino di lancio per destabilizzare la Bielorussia


Ciò che molti esperti hanno avvertito si è avverato. L'Ucraina non è solo entrata a far parte del "fronte anti-bielorusso" dell'Occidente, ma si sta trasformando in uno dei trampolini di lancio per la destabilizzazione dello Stato vicino, che le è rimasto a lungo amico, qualunque cosa accada. Ancora una volta Kiev, costretta a scegliere tra i propri interessi statali, economico convenienza, argomenti di buon senso e ordini dei "curatori" occidentali, fecero una scelta a favore dell'esecuzione di istruzioni per lui suicide.


Quali potrebbero essere le conseguenze per entrambi gli stati e cosa dovrebbe fare la Russia al riguardo?

Un coltello nella parte posteriore - puramente "fraterno" ...


È un dato di fatto, il fatto che l'Ucraina, che è stata al completo potere del "Maidan" e dei suoi burattinai degli Stati Uniti e dell'Unione Europea dal 2014, prenderà una posizione negativa riguardo alla lotta estremamente dura e coerente contro il proprio "Maidan" Alexander Lukashenko, era prevedibile fin dall'inizio. Tuttavia, c'erano ancora delle opzioni. Ad esempio, i rappresentanti ufficiali della "nezalezhnaya" potrebbero essere abbastanza intelligenti da trasmettere le minime "dosi di condanna" necessarie per ottenere l'approvazione dell'Occidente, o addirittura tacere. Ad esempio, la Bielorussia è uno stato sovrano e non ci immischiamo nei suoi affari. All'inizio, ovviamente ricordando come ha corteggiato il "papà" durante i vari incontri che hanno avuto luogo in precedenza, Vladimir Zelensky ha cercato di fare proprio questo. Borbottò pigro qualcosa sull '"inammissibilità della violenza" e "la necessità di ascoltare la voce della gente", ma "passa in rassegna le facce" e formula giudizi categorici che bruciano politico "Bridges" era diffidente. Ma la musica non ha suonato a lungo ...

Da un lato, il presidente comico è costantemente sotto la pressione più forte dei "patrioti Maidan" che non si stancano mai di ucciderlo per la prossima "zrada". Dall'altro, e soprattutto, lui, come un cane addestrato, è costretto a eseguire i comandi di chi è in grado di rimuoverlo dal suo attuale incarico, anche senza compiere particolari sforzi. Alla fine, tutto è giunto alla conclusione che la Verkhovna Rada dell'Ucraina ha adottato una risoluzione ufficiale in cui le elezioni presidenziali in Bielorussia sono state dichiarate "illegittime" e ha parlato del sostegno incondizionato delle sanzioni imposte a questo Paese dall'Unione Europea. A questo (ovviamente sotto forma di una dimostrazione di una forma estrema di cinismo) sono state aggiunte parole sul "rispetto della sovranità" e "uno stato fraterno, culturalmente e spiritualmente correlato". Dio ci salvi da questi "fratelli" ...

Nello stesso documento, tra l'altro, i parlamentari della “nezalezhnaya” hanno dichiarato di “rigettare risolutamente” le accuse di Minsk di “coinvolgimento nella destabilizzazione della situazione” nel paese vicino. In effetti, anche in quella fase, tali dichiarazioni non erano altro che le bugie più spudorate - dopotutto, dietro c'era la provocazione con i "wagneriti", organizzata in larga misura dalle forze dei servizi speciali ucraini. Questa vile storia ha quasi creato un forte divario tra Bielorussia e Russia (che, in effetti, era l'aspettativa), e se non fosse stato per la saggezza e la vasta esperienza dei leader di entrambi i paesi, sarebbe potuta finire molto male - per Lukashenka, prima di tutto. Inoltre, il fatto che nelle proteste che imperversano per le strade delle città bielorusse un ruolo significativo sia svolto da militanti e provocatori appositamente formati al di fuori del paese, anche sul territorio dell'Ucraina, già allora parlavano apertamente i capi dei servizi speciali e politici di alto rango sia a Mosca che A Minsk.

A Kiev, in questa occasione, hanno cercato di costruire innocenza offesa, "facendo grandi occhi" in risposta anche alle domande più semplici come perché gli "zmagar" bielorussi spaventati si sono così amichevolmente scappati non solo alla Polonia e alla Lituania, ma anche al territorio ucraino. Comunque sia, ma prima o poi il "goffo" della partecipazione diretta del "nezalezhna" a suscitare disordini tra i vicini era destinato a uscire da quella "sacca" di informazioni fugaci in cui cercavano goffamente di nasconderlo. È uscito - oggi il lavoro sovversivo contro Minsk viene condotto in Ucraina abbastanza apertamente. Il reclutamento presso le strutture competenti viene effettuato, senza ulteriori indugi, direttamente attraverso i cantieri. E che tipo di organizzazioni sono?

NEHTA in ucraino? O qualcosa di peggio?


Innanzitutto, stiamo parlando dell'organizzazione Free Belarus Center, presentata a Kiev il 22 settembre, che ha urgente bisogno di assistenti di progetto, responsabili della comunicazione e personale simile e, cosa tipica, senza essere legata alla cittadinanza bielorussa. Chiunque lo farà. Il fondatore di questo "ufficio", da un nome di cui non solo la sua essenza e gli obiettivi, ma anche i suoi veri proprietari sono assolutamente chiari, è l'organizzazione pubblica ucraina "Centro per i diritti umani ZMINA" (zmina è un cambiamento in russo, rispettivamente). A dire il vero, l'elenco dei donatori presentato sul sito ufficiale di questa ONG non è solo impressionante, ma non lascia il minimo motivo di dubbio: l'ambasciata svedese, l'ambasciata ceca, l'ambasciata olandese, l'ambasciata britannica, l'OSCE, la delegazione dell'UE in Ucraina , la International Renaissance Foundation, che è la struttura principale che rappresenta George Soros in questo paese. Bene, per finire, il Dipartimento di Stato americano. È così che non ci sono più ambiguità ...

Finora, la FBC si sta comportando in modo abbastanza modesto - al momento è stata solo dichiarata la sua disponibilità a "fornire assistenza legale e psicologica gratuita ai rifugiati dalla Bielorussia". Ebbene, il fatto che i servizi degli avvocati in tutto il mondo non siano economici è risaputo. Ma per quanto riguarda le "sedute di psicoterapia" offerte alle "vittime delle repressioni di Lukashenka" per un importo di 10, e assolutamente gratuite, vale la pena chiarire: una visita a uno psicologo qualificato a Kiev costa, in media, circa 3mila rubli. Questo è il minimo. Qualcuno (è indicato sopra - chi esattamente) non lesina su un tale "piacere costoso". Tuttavia, ci sono serie preoccupazioni che dopo una dozzina di sessioni di "psicoterapia" con i suoi partecipanti accadrà quello che viene chiamato colloquialmente "lavaggio del cervello". Sai, i metodi sono noti e ci sono precedenti specifici, anche in Ucraina.

Tuttavia, non costruiremo versioni e ipotesi, parliamo di direzioni abbastanza reali di lavoro sovversivo contro Minsk, che il Free Belarus Center sta già padroneggiando. La sua coordinatrice, Polina Brodik, residente a Minsk, che vive a Kiev, ha annunciato la sua intenzione di istituire generose "borse di studio" che saranno pagate principalmente a "giornalisti bielorussi orientati all'opposizione". Tuttavia, i finanziamenti verranno trasferiti anche ad altri cittadini di questo Paese che "desiderano aumentare il proprio livello di competenza". In che campo? Non c'è dubbio che in questo caso stiamo parlando del dispositivo dei "Maidans" e della "lotta contro il regime criminale" con ogni mezzo disponibile. Cioè, abbiamo un reclutamento e una formazione completamente aperti di futuri “leader” e “combattenti” sia per la “rivoluzione colorata” che sta ora svanendo a Minsk, sia per nuovi tentativi di organizzarla nello stesso paese. Secondo Brodik, questo programma "consentirà ad attivisti e operatori dei media bielorussi di lavorare in organizzazioni specializzate ucraine e straniere per acquisire nuove conoscenze ed esperienze".

La prima cosa da aspettarsi per Lukashenka è l'emergere di nuove risorse Internet e canali telegrammi, creati e gestiti sul modello del famigerato HEXTA, che con una forza decuplicata inizierà a "soffiare" il veleno di Maidan nelle orecchie dei bielorussi, solo dal territorio ucraino. Quanto agli "attivisti" che poi lavoreranno "sul campo", organizzando e dirigendo le rivolte nella giusta direzione, a Kiev sono già in corso corsi di formazione per loro. Da agosto si tengono nella capitale ucraina le "marce delle donne", che finiscono invariabilmente su tutte le furie sotto l'ambasciata bielorussa della stessa Polina Brodik. A proposito, Anton Rodnenkov, che è fuggito al "non-cash", e il consigliere del membro del "Consiglio di coordinamento dell'opposizione" bielorusso Pavel Latushko, Yulia Kaminskaya, si sono immediatamente uniti alla FBC.

A proposito, lo stesso Latushko ha recentemente annunciato le intenzioni degli impostori che rappresenta di creare fuori dalla Bielorussia non solo un "governo in esilio", ma anche "ambasciate alternative" del Paese. Provate a immaginare, "pubblicheranno documenti rilevanti per i bielorussi all'estero". È del tutto incomprensibile chi avrà bisogno di lettere così sporche, composte da un branco di truffatori e senza la minima forza legale. Ma a Kiev, a quanto pare, il processo per creare qualcosa di simile è in pieno svolgimento - una sorta di "rappresentanza dell'opposizione bielorussa" in contrapposizione a quella ufficiale. Come puoi immaginare, le autorità del "nezalezhnoy" non solo chiudono un occhio davanti a tutto questo trambusto da topo, ma lo assecondano in ogni modo possibile. Ebbene, proverebbero a fare qualcosa contro le strutture dietro le quali Soros e il Dipartimento di Stato stanno ... Molto probabilmente, l'Ucraina sta ora giocando il ruolo di un "aeroporto alternativo" al quale alcune basi operative e unità del progetto anti-Lukashenka possono essere spostate dalla Polonia, inghiottite da proteste su larga scala ... Kiev, come al solito, è in ritardo rispetto a Varsavia, seguendo chiaramente la sua politica aggressiva, ma dimenticando che l'Ucraina, a differenza della Polonia, non è membro dell'UE e della NATO.

È interessante notare che Lukashenka, che di recente ha cambiato in modo abbastanza naturale il suo atteggiamento nei confronti del "non profit" e la sua leadership da molto amichevole a quasi apertamente ostile, può, come è stato detto più di una volta, punire Kiev abbastanza rapidamente e dolorosamente - almeno tagliando le forniture lì carburante. La Bielorussia non è la Russia, e se il "padre" dà il comando di "aprire il rubinetto", questo verrà chiuso immediatamente e si asciugherà. In questo caso, non solo i normali automobilisti corrono il rischio di rimanere senza carburante, ma, soprattutto, l'esercito ucraino. Forse a Zelenskyj fu offerta qualche alternativa in Occidente in caso di tale svolta, o forse no. Recentemente Kiev è sempre più indotto a capire che deve affrontare i suoi problemi da sola, anche se sorgono a seguito di una diligente esecuzione delle istruzioni dei "curatori". Un segno sicuro che l'Ucraina è già pronta a "cancellare", utilizzandola finalmente al massimo per scopi esclusivamente distruttivi.

Forse è giunto il momento per Minsk e Mosca di riflettere sullo sviluppo di un piano comune di azioni decise e coordinate nei confronti del “vicino”, che porta sempre più problemi e diventa fonte di “grattacapi” per entrambe le capitali.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. King3214 Офлайн King3214
    King3214 (Sergio) 3 November 2020 11: 12
    +2
    E cosa c'entra Mosca?
    Tutto ciò che accade in Bielorussia è un merito diretto di Lukashenka personalmente, che ha allevato questi "protestanti" con i suoi giochi poco intelligenti di "Litvin", natura multi-vettore e russofobia latente promossi a livello statale.
    E poi - la Russia fornisce assistenza alla Bielorussia non "per begli occhi", ma per l'unificazione.
    E l'associazione non esiste da 26 anni e non lo sarà mai.
    Qui la Russia deve pensare a tagliare i costi nelle relazioni con la Bielorussia, non ad aumentarli.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 3 November 2020 11: 38
    +1
    punire Kiev rapidamente e dolorosamente, almeno tagliando la fornitura di carburante lì

    La stessa Russia non fornisce prodotti petroliferi all'Ucraina?
    1. Taras sul Parnaso Офлайн Taras sul Parnaso
      Taras sul Parnaso (Taras sul Parnaso) 4 November 2020 18: 48
      -1
      Citazione: Bulanov
      punire Kiev rapidamente e dolorosamente, almeno tagliando la fornitura di carburante lì

      La stessa Russia non fornisce prodotti petroliferi all'Ucraina?

      E in Bielorussia i suoi crumiri (da rompere) su BT TV. Maledetti matematici ...

  3. pischak Офлайн pischak
    pischak 3 November 2020 12: 27
    +1
    Nelle regioni della Bielorussia adiacenti all'Ucraina, i cittadini bielorussi guardano regolarmente numerosi "canali TV" di ukrzomboTV tramite "cavo" e "antenna"!
    E tutta la frenetica ukropaganda anti-russa pro-Bander è appesa liberamente alle orecchie dei bielorussi per molti anni, senza alcuna opposizione da parte delle autorità bielorusse dello "stato-unione"! richiesta
    Come scrisse giustamente il poeta sovietico Vasily Fedorov:

    Avendo vissuto tutto
    Conosciamo noi stessi
    Cosa nei giorni degli attacchi mentali
    Cuori non occupati da noi
    Il nemico non esiterà a prenderli,
    Prenderà, stabilendo tutti gli stessi punteggi,
    Si siederà
    Siamo diversi ...

    Cuore!
    Sì, queste sono altezze,
    Quale non può essere dato.