Cosa seguirà al riconoscimento del Nagorno-Karabakh da parte dell'Armenia?


I successi dell'esercito azero in Nagorno-Karabakh hanno costretto il primo ministro armeno Pashinyan a rivolgersi a Mosca per assistenza militare. Tuttavia, il Cremlino ha chiarito che avrebbero difeso l'Armenia solo se lei stessa fosse stata in pericolo. Le truppe russe non combatteranno sul territorio della repubblica non riconosciuta. Come può Yerevan trascinare un alleato nella sua guerra civile con l'Azerbaigian?


Con tutto il rispetto per la leadership armena, si sta comportando in modo inappropriato, chiedendo alla Russia di proteggere l'Artsakh (Nagorno-Karabakh). Il problema è che questa repubblica armena non è riconosciuta indipendente nemmeno dalla stessa Armenia. La Oblast Autonoma del Nagorno-Karabakh (NKAO) non aveva alcun diritto legale di secedere dalla SSR dell'Azerbaigian in conformità con la Costituzione dell'URSS. Dopo il crollo dell'Unione Sovietica, i confini amministrativi dell'Azerbaigian sovrano furono riconosciuti, anche dalla stessa Yerevan e da Mosca.

C'è anche un'altra visione di questo problema. I sostenitori dell'indipendenza dell'Artsakh fanno riferimento al fatto che la repubblica è stata creata in conformità con il "diritto alla protezione" del popolo armeno nel quadro della cosiddetta secessione riparatrice. Per gli stessi motivi, la Repubblica del Kosovo è stata creata contemporaneamente e si possono tracciare alcuni parallelismi con la formazione delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. Tuttavia, la Russia non ha riconosciuto né il Kosovo né la DPR e la LPR. Se il Cremlino cambia improvvisamente la sua posizione rispetto allo status legale del Nagorno-Karabakh, ciò significa che Baku diventerà immediatamente il suo nemico e alla fine "mentirà" sotto Ankara.

Sorgeranno interrogativi sul motivo per cui Mosca ignora le richieste delle proclamate repubbliche del Donbass e il loro desiderio di aderire alla Federazione Russa. Se il Cremlino riconosce comunque l'indipendenza della DPR e della LPR, bisognerà chiedersi perché non l'ha fatto prima, se ha riconosciuto l'Abkhazia e l'Ossezia meridionale e persino la Crimea nello stato. Da dove viene questa selettività?

La questione con tutte queste repubbliche è la più delicata per la Russia, e quindi la leadership armena può farci pressione. Se l'esercito azero, con l'appoggio della Turchia, prenderà il sopravvento, Yerevan avrà una scelta: capitolare, "prosciugare" Artsakh, o fare una "mossa da cavaliere" con il suo riconoscimento. La perdita del Nagorno-Karabakh sarà la fine politico La carriera di Nikol Pashinyan, perché la seconda opzione sarà l'ultimo di tutti i mali per lui personalmente. Ma questo trasferirà automaticamente la situazione nella regione a un livello di tensione fondamentalmente diverso.

In primo luogo, L'Azerbaigian molto probabilmente dichiarerà guerra all'Armenia e trasferirà le ostilità nel suo territorio. Ciò costringerà la Federazione Russa a entrare in guerra. Quindi Ankara sarà coinvolta ancora più attivamente nella questione da Baku. La comparsa di basi militari turche in Azerbaigian e nel Mar Caspio può essere considerata una questione risolta.

In secondo luogo, Yerevan può spingersi anche oltre annunciando l'annessione del Nagorno-Karabakh all'Armenia. Considerando che l'Armenia è un membro della CSTO, sorgeranno interrogativi nella NATO sul perché gli stati con territori problematici siano inclusi nel blocco militare filo-russo. In risposta, l'Alleanza del Nord Atlantico accetterà la Georgia e l'Ucraina.

Con un solo passo, Yerevan può sopraffare la Russia e cambiare radicalmente l'intero allineamento geopolitico nella regione. E prima di questo passaggio non è rimasto nulla.
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 3 November 2020 15: 19
    -2
    Non ci sono pazzi.
    Dichiara, non annuncia, nessuno vuole rischiare di essere disonorato. Tutto com'era e continuerà.

    Quante "promesse" di coinvolgimento della Russia c'erano già, niente si è avverato. Ivans / Armenians / Mykols / Ali si sparano a vicenda e la Turchia lascia passare con calma i trasporti militari russi.
    Il bottino non ha odore ...
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 3 November 2020 15: 59
      +1
      Non ci sono soldi qui, ma calcoli strategici e sacrifici di pedine per la strategia sono all'ordine del giorno, soprattutto quando si tratta della "bolla molto grande": gli idrocarburi del Mediterraneo e di altri Kurdistan ... dalla parte di un potenziale nemico, allora perché il capo del ministero degli Esteri russo S. Lavrov e altri Surkov sono lodati fino ad oggi con le loro continue sconfitte. La risposta è che la politica interna nella Federazione Russa non è migliore, il Paese non è solo stagnante. ma anche in un rollback comparativo nello sviluppo ...
  2. passando per Офлайн passando per
    passando per (passando per) 3 November 2020 16: 34
    -1
    La Russia riconosce il Karabakh per l'Armenia? quindi sarà lo stesso di 30 anni fa. restituire 7 regioni in Azerbaigian!
  3. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 3 November 2020 17: 43
    +1
    In primo luogo, l'Azerbaigian molto probabilmente dichiarerà guerra all'Armenia e trasferirà le ostilità nel suo territorio.

    Non è un dato di fatto. Piuttosto, molto probabilmente questo non accadrà. Come può il riconoscimento dell'INDIPENDENZA del Nagorno-Karabakh portare a una dichiarazione di guerra all'Armenia?

    In secondo luogo, Yerevan può andare ancora oltre annunciando l'annessione del Nagorno-Karabakh all'Armenia.

    È possibile. Ma in questo caso, l'Armenia si ritira completamente dal processo di negoziazione e il Gruppo di Minsk dell'OSCE può sciogliersi. Nessun paese al mondo riconosce un simile passo. E poi l'Armenia rimarrà sola con l'Azerbaigian.
    C'è anche una terza opzione. Gli stati impazziscono e garantiscono un'assistenza efficace all'Armenia. Questo è un animale da pelliccia completo per l'Armenia.
    1. passando per Офлайн passando per
      passando per (passando per) 3 November 2020 17: 48
      +1
      gli stati hanno già aiutato i georgiani ... i neri morti giacevano per le strade di Tskhinvali e la carta igienica non è mai stata scaricata dalla portaerei .... chiedono ancora di restituire gli hummer catturati.
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 3 November 2020 18: 01
        -1
        Solo i "neri morti" non sono un problema per gli Stati Uniti. Se alla Russia non frega niente del Caucaso meridionale, allora non capisco di cosa si tratti. E niente di cui preoccuparsi.
        1. passando per Офлайн passando per
          passando per (passando per) 3 November 2020 18: 15
          -1
          per stati e latini morti che sognano di ottenere la cittadinanza attraverso l'esercito non è un problema. Penso che il Cremlino abbia fatto affidamento sullo stato provato da secoli e non su tutti i buchi, alla costante ricerca di un nuovo proprietario.
  4. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 3 November 2020 18: 28
    +1
    L'Armenia può riconoscere quello che vuole, questi sono i suoi problemi, non la Federazione Russa. Qualcosa che la stessa Armenia Crimea non ha ancora riconosciuto come parte della Federazione Russa
  5. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 3 November 2020 21: 59
    -2
    Qui c'è una buona analisi giuridica della questione del riconoscimento NKR.

    https://ru.oxu.az/war/437384
  6. nikolaj.prosto Офлайн nikolaj.prosto
    nikolaj.prosto (Nikolay Just) 6 November 2020 14: 35
    +1
    Come dicono i cinesi, crisi = opportunità. L'autore vede solo problemi per la Russia. Ma vedo un'ottima opportunità per rafforzare la posizione della Russia nel Caucaso. Ciò significa che in Siria "non avevamo paura" di difendere Assad "in modo che il terrorismo internazionale non arrivasse ai nostri confini". Anche a costo di inevitabili attriti con Turchia, Israele e Stati Uniti. E ai suoi confini, il "coraggio" siriano si è improvvisamente trasformato in neutralità, come negli eventi in Ucraina. Forse il punto è che in Siria ci è stato permesso di essere audaci a causa degli azionisti americani di Gazprom, che sono interessati a mantenere il potere di Assad. E in Azerbaigian, i boss americani e britannici già consentono ai turchi di comportarsi con coraggio. Per noi - Russia - questo è proibito. Quindi ci sono articoli simili, la cui idea principale è giustificare la politica dello struzzo delle autorità russe. Turchia, Stati Uniti e Inghilterra non sono partner. E nemmeno gli avversari. Sono nemici. Se il nemico è alle porte, deve essere distrutto. Altrimenti domani sarà a casa nostra.
  7. eschimese Офлайн eschimese
    eschimese (Gera) 13 November 2020 13: 38
    0
    La cosa divertente è che Lavrov è venuto ad Atene per offrire l'intermediazione di Putin per la risoluzione del conflitto greco-turco. L'intermediazione che soddisfa la Turchia come con il Nagorno-Karabakh? Che scherzo ... Questa persona, Putin, che ha perso in Occidente TUTTI i paesi ortodossi (inclusa la Bielorussia), sta lentamente aiutando la rinascita dell'impero ottomano per attaccare alla fine la stessa Russia.