L'esempio del Karabakh ha rivelato il fallimento del "soft power" russo


La seconda guerra del Karabakh, come si può definire con piena fiducia l'attuale confronto tra Armenia e Azerbaigian, attira l'attenzione del mondo intero. Al momento, Baku ha ottenuto un serio successo, anche se non è riuscita a raggiungere gli obiettivi inizialmente fissati.


Ci sono diversi motivi per cui le truppe armene furono costrette a lasciare vaste aree del cosiddetto. "Cinture di sicurezza" intorno al Nagorno-Karabakh. Oltre alla superiorità tecnica dell'esercito azero, questa è l'eccessiva fiducia degli armeni nelle proprie forze, basata sul successo della campagna 1991-1994, e su una serie di altri aspetti importanti. Tuttavia, siamo interessati a qualcos'altro in questa materia.

Dopo la sua ascesa al potere, Nikol Pashinyan, che non ha mai negato il suo orientamento filo-occidentale, ha cancellato molto le file dell'esercito dai soci degli ex presidenti: Robert Kocharyan e Serzh Sargsyan. E, contemporaneamente, sostenitori di una stretta collaborazione con la Russia. Non sembra essere niente di speciale - un tentativo comune di mettere persone leali in posizioni chiave nelle forze armate, ma ce n'è uno "ma". Gli ufficiali licenziati avevano una reale esperienza di combattimento acquisita durante la prima guerra. Inoltre, sono stati addestrati a Mosca, cioè hanno una seria educazione militare.

Certo, non si può sostenere che se non fosse stato per questi licenziamenti l'esercito armeno avrebbe sconfitto quello azero, ma la resistenza offerta sarebbe stata molto più seria. Quindi, in ogni caso, un simile passo di Pashinyan è stato un colpo ai piedi.

Tuttavia, non è la prima volta che i combattenti contro l'influenza russa nello spazio post-sovietico agiscono contrariamente agli interessi del loro paese. Ricordiamo almeno gli acquisti ucraini di gas "europeo". Ma non dovresti affrettarti a chiamare stupido tale comportamento.

Non si tratta di stupidità e non di seguire gli interessi nazionali. E sulla privazione della Russia di influenza nello spazio post-sovietico - lo spazio storicamente stabilito della civiltà russa, che, nonostante il fatto che porti il ​​nome di una sola nazione, non è mai stato monoetnico nella sua storia più che millenaria. Questa è la nostra forza, che per molti secoli ha attratto a noi popoli completamente diversi da noi. Per questo motivo, i principi kabardiani, i Kalmyks e la Georgia orientale hanno chiesto tutti la cittadinanza russa.

Ma questa è anche la nostra debolezza. Pertanto, nel periodo dell'indebolimento della Russia, i nostri nemici cercano sempre di giocare sulle differenze nazionali dei popoli che la abitano. E quindi, dopo il crollo dell'URSS, l'Occidente ha iniziato a lavorare attivamente per prevenire la reintegrazione dello spazio post-sovietico in qualsiasi forma. E per questo è necessario portare i paesi della CSI fuori dall'orbita dell'influenza russa. E poi non si può parlare di un vero e proprio revival della Russia come potenza mondiale.

Nel perseguire questo obiettivo, sia gli Stati Uniti che gli altri paesi occidentali sono noti per creare vari tipi di ONG, implementare molti programmi educativi, il cui scopo è formare nei paesi dell'ex Unione Sovietica, inclusa la stessa Russia, un'élite fedele. Fedeli al punto da essere pronti a tradire gli interessi del proprio Stato in nome degli "interessi superiori" di Washington.

Aggiungiamo Hollywood, musica pop e così via, e otteniamo il cosiddetto "soft power" ("soft power"), grazie al quale l'Occidente mantiene ancora la sua influenza nel mondo. L'avvento al potere delle figure “Euromaidan”, Saakashvili e lo stesso Pashinyan è un'ovvia conseguenza dell'uso non fallito di questo strumento molto efficace da parte dell'Occidente.

Fino a poco tempo, le autorità russe non erano molto preoccupate per il fatto che, sullo sfondo della loro totale inerzia, i partner europei e d'oltremare promuovevano apertamente la loro agenda nell'area dei nostri interessi vitali. Ma ora la situazione ha cominciato a cambiare, e in alcune aree si può osservare fino ad ora modesto, ma ancora progresso.

Ma la Russia ha davanti agli occhi un'esperienza molto seria nell'attuazione della strategia del "soft power". Facciamo solo un esempio. Nel 2019 si è svolto a Sochi un summit Russia-Africa senza precedenti, dimostrando al mondo intero che il nostro Paese sta seriamente e da molto tempo sta tornando nel Continente Nero. Quindi, nella maggior parte delle delegazioni c'erano molti di coloro che hanno studiato in URSS durante gli anni sovietici. Per lo più gratuitamente, per cui sono grati al nostro paese fino ad oggi. È la presenza di persone che simpatizzano con la Russia nella leadership dei paesi africani che ci consente di realizzare i nostri interessi qui.

L'istruzione gratuita degli studenti stranieri nelle nostre università non è affatto l'unico elemento della strategia del "soft power" che la leadership sovietica ha utilizzato con successo. E sebbene siano passati 30 anni dal crollo dell'URSS, i frutti di questo sono stati implementati con successo politica lo usiamo ancora.

Ed è proprio l'assenza di una politica altrettanto intelligibile nello spazio post-sovietico che ha dato origine ai problemi ai nostri confini che ancora vediamo. Dai disordini in Bielorussia alla guerra in Karabakh, che ha già avuto un effetto tutt'altro che migliore sull'immagine della Russia, infatti, rassegnata alla sconfitta militare del suo alleato nella CSTO. Il fatto che la guerra non si svolga sul territorio dell'Armenia, seppur vero dal punto di vista giuridico, ma dal punto di vista del prestigio, è una debole giustificazione.

Il punto qui, ovviamente, non è solo a Pashinyan, da cui siamo partiti. Alla fine, l'attacco al Karabakh è stato lanciato su ordine di Aliyev. E il fatto che la mancanza di leve di influenza sulla vita politica interna dei paesi della CSI rende ormai impossibile un vero e proprio tentativo di mettere le parti in conflitto al tavolo dei negoziati. Se avessimo avuto una tale influenza, lo scenario militare avrebbe potuto essere evitato.

Alcuni diranno che il "soft power" richiede molti soldi e la Russia moderna non è in grado di investire in esso allo stesso modo dell'Europa e degli Stati Uniti. Tuttavia, in questo caso, vale la pena porre la domanda: la Turchia ha più soldi di noi? Ma Ankara, con le sue capacità molto più limitate delle nostre, ha ottenuto un notevole successo su questo fronte. E ora anche quegli azeri che vivono in Russia da molti anni spesso non dubitano della validità del principio "un popolo - due stati" inventato in Turchia. Ciò di cui ho dovuto più volte essere convinto personalmente. Questo da solo la dice lunga.

La ragione della debolezza del "soft power" russo non è una mancanza di fondi, ma una crisi ideologica vissuta dalla nostra società e dalla nostra leadership.

E finché questo continuerà, non saremo in grado di offrire al mondo qualcosa di così attraente come, ad esempio, l'Unione Sovietica. Nessuno dice che dobbiamo tornare all'ideologia comunista, ma che l'idea che unisce l'intera popolazione del Paese nella costruzione dello Stato risulta essere ancora più potente. economia, nessun dubbio a riguardo. E uno stato che non ha un'idea del genere perderà rispetto ai suoi concorrenti.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
22 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 4 November 2020 08: 59
    -3
    30 anni di chiacchiere su qualche nuova idea ... E l'idea esiste da 30 anni: il denaro non puzza.
    La casta del potere è intoccabile. Il ragazzo ha detto: è stato il ragazzo - non appartiene alla terpilia.
    1. Nirkolay Офлайн Nirkolay
      Nirkolay (Nicholas) 4 November 2020 10: 31
      +2
      Forse non è tutto così triste?
      1. spazzatrice Офлайн spazzatrice
        spazzatrice 5 November 2020 11: 37
        0
        Non è tutto così triste? È peggio di quanto pensi. E anche peggio di quanto pensi.
    2. goncharov.62 Офлайн goncharov.62
      goncharov.62 (Andrew) 4 November 2020 14: 10
      +2
      "E l'idea esiste da 30 anni: il denaro non puzza .."

      A ciascuno il suo...
  2. dilettante Офлайн dilettante
    dilettante (Victor) 4 November 2020 14: 16
    +5
    E cosa importa alla Russia del Karabakh? Ci sono russi, tartari o persino chukchi che vivono lì? Ci sono solo armeni che corrono in giro con manifesti "I russi escono dall'Armenia". Quindi dovresti trattarli come pigmei del Lesotho, ad es. non c'è modo. Se vuoi essere fecondo e moltiplicarti, ma se vuoi - combattere per una giusta causa - da quale estremità rompere un uovo (da un tagliente o spuntato). Ebbene, se saliranno al potere a Yerevan forze che ricordano le secolari tradizioni di rispetto reciproco e amicizia tra gli armeni e i popoli della Russia, allora si potrà pensare all'aiuto. In generale, Soros ti darà ... Beh, la corruzione in tutti i paesi è stata, è e sarà "E ora, e sempre, e per sempre ..."
    1. spazzatrice Офлайн spazzatrice
      spazzatrice 5 November 2020 11: 54
      -7
      Hai visto in Karabakh correre con i manifesti "I russi escono dall'Armenia"? Stava per pensare all'aiuto. Chi avrà bisogno del tuo aiuto quando il Karabakh cadrà sotto i giannizzeri di Erdogan e il "barmaley" salirà in Russia ?! ...
      1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
        Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 5 November 2020 22: 40
        +3
        Quando l'orso è mezzo morto, diversi bastardi si sforzano di rosicchiare un pezzo di lana e correre da un altro forte protettore sotto protezione. Per rendere l'orso più forte, devi eliminare i parassiti che rosicchiano l'orso vivo dall'interno, in particolare il suo cervello: ecco come appare la Russia oggi ...
  3. turbris Офлайн turbris
    turbris (Boris) 5 November 2020 14: 16
    +3
    La Russia ha bisogno di mantenere qualcuno con la forza nella sua zona di influenza? Questo è un inutile spreco di energia e risorse per acquisire amici "falsi". In quale zona di influenza rimanere - spetta ai leader scelti dalle persone in questi paesi decidere. Questo è un processo molto semplice: diventiamo amici di qualcuno che è più ricco e più forte, quindi perché impedirlo?
  4. Vladimir Bikbulatov Офлайн Vladimir Bikbulatov
    Vladimir Bikbulatov (Vladimir Bikbulatov) 7 November 2020 18: 15
    +4
    Non sono d'accordo! La Russia non ha bisogno di interferire nel conflitto del Karabakh. E da che parte? La Russia dovrebbe usare la sua influenza per impedire alla Turchia di entrare in questa regione. Funziona ancora
  5. tanyurg56 Офлайн tanyurg56
    tanyurg56 (Yuri Gorbunov) 9 November 2020 11: 30
    0
    "Leve di soft power" è per gli stati autosufficienti, come eravamo, ma ora ci stiamo solo sforzando (apparentemente, con una tale cortesia interna, sarà un processo lungo) per tornare a questa qualità. E il processo armeno "in silenzio" (guardate i nomi degli attuali imputati nei media e in TV russi), purtroppo, non ci soddisfa, siamo un popolo orgoglioso, a differenza di Tel Aviv.
    Pertanto, dobbiamo fare affidamento solo sulle nostre Forze Armate, come deterrente dal grande amore per noi, tutti i nostri "partner".
  6. Oleg Fokin Офлайн Oleg Fokin
    Oleg Fokin (Oleg) 10 November 2020 11: 36
    0
    Una seria educazione militare a Mosca.
    Come se aiutasse in Cecenia o in Afghanistan. Risate e nient'altro, non educazione.
    1. CHIEDERE. 21.07 Офлайн CHIEDERE. 21.07
      CHIEDERE. 21.07 (Artyom Karagodin) 11 November 2020 22: 46
      +3
      Una seria educazione militare a Mosca.
      Come se aiutasse in Cecenia o in Afghanistan. Risate e nient'altro, non educazione.

      In vane parole di una persona che non sa cosa sta dicendo, o distorce deliberatamente i fatti. In Cecenia e soprattutto in Afghanistan, la politica, non l'addestramento militare di soldati e ufficiali, è diventata il fattore decisivo del fallimento.

      Tuttavia, a giudicare dal tono preso, non sei di quelli che si possono convincere di qualcosa. Sarei lieto di sbagliarmi.
      1. Contro Oleg M. Офлайн Contro Oleg M.
        Contro Oleg M. (Oleg Minaev) 14 November 2020 12: 03
        0
        Se un personaggio ha ricevuto questa educazione lui stesso e sa di cosa sta parlando, come puoi convincerlo?
        E se questa è solo "una valutazione di esperti, non vale la pena convincerla.
  7. depavel Офлайн depavel
    depavel (Pavel Pavlovich) 10 November 2020 16: 44
    +2
    Il potere c'è o non c'è. Le autorità russe hanno una "debole impotenza"! Al potere, i nani politici sono impotenti.
  8. Qazi62reqion Офлайн Qazi62reqion
    Qazi62reqion (Sam Onov) 11 November 2020 14: 28
    +1
    Non c'era un'uscita veramente sicura dal Karabakh. Penso che Pashinyan l'abbia visto. Penso che Mosca abbia anche chiarito che la situazione è arrivata al punto in cui le forze armene non hanno potuto resistere all'offensiva azera.

    Un altro fattore che ha causato shock nella società armena è stato il fatto che il primo ministro Nikol Pashinyan non ha fatto nulla per preparare il popolo e ha persino parlato di vittoria poche ore prima della firma dell'accordo.

    Quindi il sangue di coloro che sono morti nelle battaglie dopo i primi giorni dello scoppio della guerra contro i guerrieri di Pashinyan e Internet, i narratori che hanno mentito in questo periodo senza fermarsi! Dopo tutta questa vergogna, scendi da Internet ...
  9. BoBot Robot - Free Thinking Machine 13 November 2020 16: 03
    +1
    Semplicemente non (!!) per trascinare la Russia nei litigi caucasici!
    1. Contro Oleg M. Офлайн Contro Oleg M.
      Contro Oleg M. (Oleg Minaev) 14 November 2020 12: 07
      0
      In che misura "non è necessario"? Prima di Rostov-Volgograd?
  10. Valentin Spagis Офлайн Valentin Spagis
    Valentin Spagis (Valentin Spagis) 16 November 2020 23: 25
    +2
    La ragione principale della sconfitta dell'Armenia è la malattia arancione. Gli americani hanno gli occhi puntati sull'Armenia per farne una testa di ponte della NATO e disgustosa per la Russia. Per fare questo, misero al potere l'arancione Pashinyan, fecero entrare diverse migliaia di consiglieri che iniziarono a impegnarsi attivamente nella fobia russa, i canali televisivi russi furono banditi lì, i leader filo-russi furono arrestati e le istituzioni Soros erano attive. Ma gli americani non hanno bisogno dei problemi armeni. Ecco perché gli americani hanno organizzato il drenaggio del Karabakh.
  11. Casa 25 Mq 380 Офлайн Casa 25 Mq 380
    Casa 25 Mq 380 (Casa 25 Mq. 380) 19 November 2020 20: 02
    +2
    Un altro bellissimo articolo sull'argomento: "Come possiamo attrezzare i nostri vicini" ..... Ma cosa fare esattamente, l'autore taceva ... Formare studenti stranieri? Sembra una buona idea ... Solo per qualche motivo mi viene in mente Mara Baghdasaryan .. Difenderà gli interessi della Russia in Armenia? Vero? Il piccolo cofanetto si apre semplicemente: l'influenza si è persa nel 1991 ... Ora cosa strapparti i capelli? Boris Nikolayevich è stato eletto in modo abbastanza democratico, non ha nascosto le sue opinioni .. Chi è il rimprovero? L'élite dell'Armenia, mandando i loro figli in Russia, li manda con l'obiettivo di un trampolino di lancio a ovest, direttamente o attraverso la deriva della Russia stessa insieme a loro a ovest ..... Non hanno bisogno della Russia in linea di principio ... Qui un'altra domanda chiede ai signori della troika - dialoghi, i proprietari di Ararat Plaza, Mosfilm e così via: cosa sono pronti a fare per avvicinare la loro patria storica al paese in cui hanno avuto luogo e hanno guadagnato molti soldi? Perché, come gli ucraini canadesi, i greci americani, i georgiani francesi, non rafforzano le relazioni in una direzione favorevole ai paesi di emigrazione e immigrazione? Se IM non ne ha bisogno, perché ne hanno bisogno i russi?
  12. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 24 November 2020 17: 39
    -1
    Oh, è divertente. 1976-1978 dopo l'università prendo servizio come traduttore letterario di francese presso la base di Maya-Maya, Brazzaville, dall'altra parte dell'aeroporto internazionale della capitale. L'Unione ha appena presentato all'NRK uno squadrone di MiG 17, munizioni, hardware per la divisione, e non può essere altrimenti. Non avevano un solo pilota da caccia.
    Il comandante dello squadrone, nei piloti sanitari (i nostri medici li hanno controllati tutti), non è passato, ha studiato a Kiev per qualcosa di civile che vola. Russo senza accento e senza errori. Ci regala un taccuino con NIAS in esso, riscritto con una bella calligrafia femminile. Chiede di tradurre. Sì, facile, fatto. Verso la fine del viaggio sono comparsi due piloti congolesi. Uno ha studiato a Frunze, il secondo è stato riqualificato lì dopo la Francia sul MiG. Poi hanno detto che quando il comandante della base sul Mi-8 si è schiantato, questo il nostro tenente Longonda è diventato il capo.
    Il più grande hotel della città, Cosmos, è stato costruito e donato dall'Unione, anche il più grande ospedale per la maternità. Il personale dell'ospedale, tra l'altro, era anche nostro.
    Bene, cos'altro. Al bazar ho visto con i miei occhi sacchi di riso con la scritta "Don de l'Union Sovietique", l'ho comprato io.
  13. Vladimir Bikbulatov Офлайн Vladimir Bikbulatov
    Vladimir Bikbulatov (Vladimir Bikbulatov) 3 dicembre 2020 13: 39
    0
    Putin è riuscito al massimo: gli armeni sono vivi, gli azeri sono ben nutriti, la Russia è fissata lì per sempre. I turchi hanno fallito e non ci riusciranno. Forse la Russia riceverà il transito attraverso Nakhichevan verso la Turchia e l'Iran bypassando la Georgia. Il soft power ha vinto.
  14. SCHAMAN Офлайн SCHAMAN
    SCHAMAN (Boris Batudaev) 14 dicembre 2020 11: 06
    -1
    Potere morbido o forte: non vedo la differenza. Sento il mio cuore, non sarei dovuto assolutamente andarci. La Russia è caduta in una trappola.