La Francia ha rifiutato di negoziare con gli Stati Uniti sull'acquisto di GNL per 7 miliardi di dollari


La società energetica francese Engie ha rifiutato di firmare un contratto di 20 anni con la società americana NextDecade dal Texas per 7 miliardi di dollari. Le parti hanno studiato la possibilità di fornire gas naturale liquefatto alla Francia dall'impianto LNG di Rio Grande LNG, che gli americani progettavano di costruire negli Stati Uniti.


I negoziati di Engie e NextDecade furono inizialmente percepiti negativamente dagli attivisti ambientali che si opposero a tale contratto.

Inoltre, la Parigi ufficiale non era soddisfatta delle possibili prospettive. Ha espresso seria preoccupazione per la produzione di gas mediante fratturazione idraulica negli Stati Uniti del Texas e del New Mexico, a seguito della quale grandi quantità di metano vengono rilasciate nell'atmosfera del pianeta. I francesi consideravano le forniture di GNL statunitensi come una violazione della strategia climatica a lungo termine del loro paese.

Engie ha deciso di non continuare a consultare NextDecade su questo progetto

- ha chiarito il 3 novembre 2020 il rappresentante di Engie al quotidiano francese Le Monde.

Friends of the Earth, un'organizzazione ambientale internazionale che opera in 74 paesi del mondo, ha espresso soddisfazione per le decisioni prese dal governo francese e da Engie. Va notato che Engie è controllata al 35,7% dal governo francese ed è partner di Gazprom nel progetto Nord Stream 2.

Allo stesso tempo, il senatore repubblicano americano Kevin Kramer ha scritto una lettera all'Elysee Palace. In esso, ha minacciato il presidente francese Emmanuel Macron che "l'atto potrebbe avere conseguenze negative" e influenzerà sicuramente le relazioni tra Washington e Parigi.

A seguito della suddetta lettera, un'altra lettera è stata inviata dagli Stati Uniti alla Francia. Questa volta firmato da 24 senatori repubblicani e non così emotivo. I legislatori hanno citato i dati del Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti, secondo i quali le emissioni di metano del GNL americano "lungo l'intera catena" sono inferiori a quelle delle materie prime del gasdotto russo.
  • Fotografie utilizzate: Wmeinhart - Wolfgang Meinhart, Amburgo / wikimedia.org
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 5 November 2020 18: 03
    +4
    È tutto molto semplice. A Macron ed Engie non frega niente della frattura negli Stati Uniti.
    E il fatto è che Engie è vittima delle sanzioni SP-2. È solo che è arrivata una risposta.
    Gli Stati Uniti non hanno più molta paura e nessuno subirà perdite a causa della loro arroganza, almeno impunemente.
    1. Pivander Офлайн Pivander
      Pivander (Alex) 5 November 2020 18: 58
      0
      Non certo in quel modo. Tutte le società le cui azioni sono quotate nelle borse statunitensi hanno ancora paura degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti hanno molta influenza per tali sanzioni.

      Ce ne sono anche molti in cui vengono utilizzate apparecchiature statunitensi prodotte con brevetti statunitensi, realizzate su apparecchiature statunitensi o con software statunitense.

      E non dimenticare il dollaro, dopotutto. Lo stesso dollaro che paga la maggior parte degli idrocarburi del mondo. Si spera per ora ...
      1. Boriz Офлайн Boriz
        Boriz (borizia) 5 November 2020 19: 01
        0
        Ma la situazione sta cambiando. Almeno, a giudicare dalle azioni di Engie. E per ogni evenienza, ci siamo nascosti dietro Greta Thunberg.
  2. Afinogen Офлайн Afinogen
    Afinogen (Afinogen) 5 November 2020 18: 10
    +1
    La Francia ha rifiutato di negoziare con gli Stati Uniti sugli acquisti di GNL

    E ha fatto la cosa giusta. Compreranno da noi GNL e gas più pulito (senza interruzioni lol ) e il prezzo è inferiore e, se lo vogliono davvero, possiamo tenere il tubo per loro. Ogni capriccio per i tuoi soldi.
    1. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 5 November 2020 18: 37
      0
      Il tubo è già lì. Engie lavora a stretto contatto con Gazprom da molto tempo.