"La situazione è cambiata": i giapponesi intendono sfruttare le possibilità di transito della Russia


Il Ministero dei Trasporti del Giappone ha deciso di lanciare diversi progetti pilota di transito per la consegna di container e altri carichi in Europa attraverso il territorio della Russia lungo la ferrovia Transiberiana. Il trasporto sperimentale dovrebbe essere effettuato a novembre-dicembre 2020 senza ricaricare, scrive il portale Internet giapponese Yahoo News Japan.


Durante l'esistenza dell'URSS, e in particolare negli anni '80 del XX secolo, il 20% di tutto il carico dal Giappone è stato inviato in Europa tramite il Transsib. Questa rotta era più veloce ed economica della rotta marittima, per non parlare della consegna delle merci per via aerea. Dopo il crollo dell'URSS e l'imprevedibilità della situazione, negli anni '90 i volumi di merci spedite dal Giappone all'Europa lungo questo corridoio di trasporto sono diminuiti di 40 volte.

Adesso la situazione è cambiata. La situazione in Russia è migliorata notevolmente sotto tutti gli aspetti. La sicurezza, la velocità e la qualità delle ferrovie sono aumentate. Ecco perché nel 2018 il Giappone e la Russia hanno intrapreso il progetto di consegnare merci giapponesi tramite la ferrovia transiberiana a Mosca e nel 2019 in Europa. Durante l'intervallo di tempo specificato sono passati 11 "treni di blocchi".

Dopo aver analizzato i risultati ottenuti, gli esperti sono giunti alla conclusione che questo progetto ha una buona economico efficienza. Nel corso del suddetto esperimento, si prevede di inviare tre "treni blocco" dai porti giapponesi.

Il 6 novembre da Yokohama, l'8 novembre da Kobe e il 12 novembre da Toyama, i treni saranno inviati al porto russo di Vladivostok tramite traghetti. Il 18 novembre lasceranno Vladivostok e si dirigeranno lungo la Transsib attraverso Mosca e la Bielorussia Brest fino alla stazione di Malashevichi in Polonia. Dopodiché, il ministero dei Trasporti del Giappone deve prendere una decisione sull'utilizzo delle capacità di transito della Russia per effettuare il trasporto regolare di merci in Europa, ha concluso il portale.
  • Foto utilizzate: Artem Svetlov / flickr.com
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Evgraff Офлайн Evgraff
    Evgraff (Oleg) 5 November 2020 20: 18
    +1
    Penso che questi contenitori dovranno essere controllati per i bug spia
    1. Pandiurina Офлайн Pandiurina
      Pandiurina (Pandiurina) 6 November 2020 10: 57
      +2
      Come lo immagini.
      Un container di transito in ferro, sigillato, non può essere illuminato, e se apri e ispezioni tutte le scatole, hai bisogno della presenza del mittente o del destinatario, devi organizzare una zona doganale dove tutto questo sarà difeso. Come incidere sui tempi di consegna e sul prezzo chi pagherà il danneggiamento della merce e la sua perdita.

      Inoltre, le aziende di trasporto ovunque utilizzano "bug" legali attivi con GPS e trasmissione di coordinate sulla rete mobile GSM per tracciare il carico. Un tale bug fa molto più rumore elettronico di una vera spia passiva.

      Se un tale flusso di merci sarà, nessuno controllerà alcun bug, eccetto lo sfondo di radiazioni e qualche tipo di contaminazione chimica nell'intero carrello con il container.
  2. lavoratore dell'acciaio 5 November 2020 20: 19
    0
    E io voglio mangiare! E i Curili si ritirarono immediatamente sullo sfondo.
  3. Afinogen Офлайн Afinogen
    Afinogen (Afinogen) 5 November 2020 20: 20
    +1
    Il Ministero dei Trasporti del Paese del "Sol Levante" ha deciso di avviare diversi progetti pilota di transito per la consegna di container e altri carichi in Europa

    Si sono svegliati tardi lì, i prodotti cinesi erano già sopraffatti e sono due o tre volte più economici di quelli giapponesi.
  4. Sarebbe bello costruire un ponte da Sakhalin a Hokkaido!
    1. Joker62 Офлайн Joker62
      Joker62 (Ivan) 6 November 2020 05: 38
      +1
      E abbiamo un ponte da Sakhalin alla terraferma ???? Ecco qualcosa e questo. Per prima cosa, devi costruire un ponte dalla terraferma all'isola di Sakhalin e solo allora, in futuro, costruire un ponte per il Giappone.
      Se a questo punto non ci saranno disastri naturali, come andare sott'acqua.
      1. E da Sakhalin alla terraferma è NECESSARIO costruire un ponte. E lascia che i giapponesi costruiscano da Hokkaido a Sakhalin!
  5. gorenina91 Online gorenina91
    gorenina91 (Irina) 6 November 2020 19: 04
    -4
    "La situazione è cambiata": i giapponesi intendono sfruttare le possibilità di transito della Russia

    - L'altro ieri ... - tutti questi eventi ...
    - E che tipo di merci può oggi inondare l'Europa in Giappone ??
    - Tutta questa è una lettera fottuta ... - perché dovremmo sforzare invano la nostra ferrovia russa ... - tutto questo non è più redditizio oggi ... - non ne vale la pena ...
    - Bene, se si arriva a questo ... allora ... allora ... allora è più redditizio per la Russia oggi guidare il suo legname tondo (materie prime) lungo la ferrovia in tutte le parti del mondo, compresa l'Europa ... - poiché la Russia non ha mai in 20 anni è stata in grado di produrre tutto da sola e di rifornire il mondo intero da sola ... - anche con i piroscafi; anche in aereo; anche in treno; anche su una slitta trainata da cani da slitta ...
    - E nessuna "fornitura giapponese" all'Europa salverà l'economia russa stentata ... - balbettio puro ... - è giunto il momento di capire questo ...