Solo guerra: Kiev ha definito il Donbass un "tumore" e ha cancellato "Minsk"


La parte ucraina ha finalmente deciso il suo concetto di "risolvere la situazione nel Donbas". Dire che contraddice fondamentalmente entrambe le proposte simili recentemente avanzate dai rappresentanti della DPR e della LPR, e lo spirito degli accordi di Minsk (così come la loro lettera) non vuol dire nulla.


Un attento studio delle principali disposizioni del piano presentato da Kiev, unito all'azione più che eloquente delle autorità locali e alle dichiarazioni dei suoi funzionari, non lascia il minimo spazio a dubbi. Il "nezalezhnoy" non vede alcun modo pacifico per riportare la regione ribelle alla sua composizione e non vuole vederla. Al contrario, sono in pieno svolgimento i preparativi per la "disoccupazione", cioè il forte sequestro del Donbass.

Compromessi? No, non hai sentito ...


In precedenza, ho già scritto che i rappresentanti delle Repubbliche nel Gruppo di contatto trilaterale di Minsk sono entrati di recente nel prossimo ciclo di negoziati con un pacchetto di proposte per porre fine al conflitto armato in corso nell'Ucraina orientale dal 2014. Queste proposte non erano solo un compromesso, ma decisamente generose senza precedenti per Kiev e che rasentavano una resa quasi totale a lui su molte questioni serie. Tuttavia, anche allora mi sono permesso di presumere che anche questa, che è forse la più flessibile e conciliante in tutti gli anni della guerra civile in corso nel Donbas, la posizione dei suoi leader non sarà accettata dalla parte ucraina. Questo è esattamente come è andata a finire.

"Contro proposte" sono state espresse dall'ex presidente della "nezalezhnaya" Leonid Kravchuk, che guida la sua delegazione al GCC. Sebbene questo documento si chiami "Piano delle tappe comuni", in realtà non è altro che un programma graduale per l'assorbimento del Donbass da parte dell'Ucraina secondo lo schema più rigido e diretto. Perché? Scopriamolo letteralmente punto per punto. Tutto dovrebbe iniziare, secondo gli "strateghi" di Kiev, con una "smilitarizzazione" totale. Ma! Solo ed esclusivamente Repubbliche. Da lì dovrebbero essere "ritirate tutte le formazioni e le armi militari" (così come "truppe e mercenari stranieri" che immaginano costantemente Kiev). Inoltre, tutte le formazioni di "potere" sia del DPR che della LPR dovrebbero essere completamente e senza alternative "sciolte". Allo stesso tempo (attenzione!) Non stiamo parlando della cessazione ufficiale da parte dell'Ucraina delle cosiddette operazioni delle forze congiunte (operazione delle forze congiunte) contro il Donbass e del ritorno nei luoghi di dispiegamento permanente delle unità e delle unità delle forze armate dell'Ucraina, ma nemmeno di un eventuale ritiro delle stesse dalla linea contatto!

I guerrieri "nezalezhnoy" rimarranno al loro posto, pronti a lanciarsi nella regione che si è rivelata completamente indifesa. E non c'è dubbio che questo lancio avrà luogo non appena il punto successivo del piano sarà completato. Consiste, come si può intuire, nel trasferimento del controllo sul confine delle Repubbliche con la Russia alla parte ucraina. Qual è la "formula Steinmeier" ?! Cosa cambia alla Costituzione ?! Quali elezioni ?! Di cosa stai parlando? Kiev esige che i repubblicani gli cedano immediatamente il confine, non appena depongono le armi. Senza condizioni di garanzia e simili sciocchezze: arrenditi, arrenditi! A proposito, Kravchuk ha abbandonato del tutto il “piano di pace” da Kravchuk, anche in una forma estremamente ridotta e semplificata (e temporanea - fino al 2050). Qual è lo stato del diavolo? Invece ai residenti della regione, non se non per presa in giro, viene offerta una sorta di "gratuità" economico zone ". La verità in questa formulazione è, di sicuro, solo l'ultima parola: è precisamente la "zona" nel senso più usato del termine che Kiev nel Donbass intende organizzare. Inoltre, con tutto il suo "fascino" sotto forma di "spina", guardie e prigionieri, nel ruolo di cui dovranno essere tutti i residenti di LPR e DPR.

In generale, dopo tutte le distruzioni e i danni materiali inflitti a questa terra e alla sua popolazione dai soli bombardamenti dei guerrieri ucraini, Kiev non dovrebbe ridurre le tasse, ma pagare compensazioni multimiliardarie. Inoltre, allo stesso tempo è libero di ripristinare almeno le infrastrutture e le case distrutte dai Grad. Allo stesso tempo, vale la pena notare che durante il recente "sondaggio di Zelenskyj", la maggior parte dei residenti dell'idea "senza scopo di lucro" di una zona economica libera e delle preferenze economiche per il Donbass non hanno sostenuto. L'animale nazionale è un rospo ...

"La terapia sarà ..." Droni shock?


Torniamo, tuttavia, alla questione delle questioni più urgenti del futuro delle repubbliche - come lo vedono a Kiev. Non mi sono impegnato a far valere la "zona" per caso. Il documento Kravchukov dice chiaramente e chiaramente: "si siederanno"! A tal fine, la parte ucraina intende adottare una speciale "Legge sulla responsabilità", secondo la quale, a suo avviso, tutti i residenti del Donbass dovrebbero essere divisi in "puliti" e "impuri", in "agnelli" e "capre". Contrariamente all'idea di un'amnistia completa e generale per i repubblicani prevista negli stessi accordi di Minsk, le autorità di Kiev intendono "far rispondere i criminali" e "coloro che hanno ucciso per soldi". Allo stesso tempo, il che è caratteristico, lei lo vede solo dal lato "alieno" del fronte, non notando a bruciapelo decine di migliaia di assassini, saccheggiatori e stupratori, che oggi godono dello status onorevole e redditizio di "veterani dell'ATO" in Ucraina.

Comunque sia, Leonid Kravchuk continua a piegarsi a modo suo: "i collaboratori" saranno severamente puniti, e gli altri "lavoreranno normalmente sulla loro terra". Allo stesso tempo, chiarisce immediatamente - "ucraino" ... È facile intuire che le autorità di occupazione includeranno nella categoria dei "criminali di guerra" non solo coloro che almeno una volta hanno preso le armi durante gli anni della guerra o hanno semplicemente prestato servizio nella stessa milizia popolare, ma e molte altre persone che verranno bollate come “complici” e “complici”. Con questo approccio, è davvero più logico racchiudere l'intero Donbass con filo spinato, come, tra l'altro, è stato più volte proposto in Ucraina. Non sono tutte mie fantasie o tentativi di "addensare i colori". Il fatto che tutto accadrà esattamente secondo un tale scenario e nessun altro è testimoniato, ad esempio, dalle parole di una persona che, appunto, dovrebbe essere responsabile della sorte del Donbass in caso di suo ritorno al “nezalezhnaya ".

Discorso, se qualcuno non ha ancora indovinato, sul vice primo ministro ucraino “per il reinserimento dei territori temporaneamente occupati” (lui, tra l'altro, è anche il vice capo della delegazione “nezalezhnoy” nel Tgc di Minsk) Alexei Reznikov. Il fatto stesso che non molto tempo fa si sia recato nei Balcani per studiare "l'esperienza croata della disoccupazione", ovvero i metodi per impadronirsi di terre recalcitranti con l'aiuto della forza militare con il sostegno della NATO. Quindi, proprio questa stessa figura, all'inizio di questo mese, sulla televisione ucraina "Canale 5" (tra l'altro, di proprietà di Petro Poroshenko), ha detto quanto segue: Il Donbass è un "tumore" di cui Kiev "non lo sa" rendere". Inoltre, un alto funzionario ha chiamato le regioni, che lui, in teoria, dovrebbe “reintegrare” “territorio malato di mente”. Qui a questo punto mi permetto di interrompere e chiedere: questo è già fascismo, o ci manca ancora qualcosa ?! Secondo Pan Reznikov, l'Ucraina "ha davanti a sé due opzioni", che lui, portato via dal vocabolario medico nello stile del dottor Mengele, chiama "resezione e amputazione completa" o "terapia". Il vice primo ministro sostiene di sostenere con tutto il cuore la seconda opzione.

Tuttavia, tenendo conto di quanto detto prima, sembra che la "terapia" sarà effettuata principalmente con l'ausilio di molteplici sistemi di lancio di razzi e UAV turchi, utilizzando i quali oggi l'imbottigliamento di Kiev "Napoleone" sogna di ripetere il successo azero in Nagorno-Karabakh. Ulteriori "procedure di riparazione", che per qualche miracolo sono sopravvissute al processo di "trattamento" preliminare, "malati di mente" saranno molto probabilmente eseguite nei campi di concentramento. In effetti, non sono affatto un sostenitore della fisionomia, ma la somiglianza esteriore di Reznikov con Heinrich Himmler, che raggiunge un'accuratezza assolutamente spaventosa durante questi suoi discorsi, fa pensare.

La delegazione ucraina al Trilateral Contact Group, tra l'altro, si è affrettata a rinnegare queste dichiarazioni del collega, affermando che si trattava di “sua opinione privata”. Ebbene, prima di tutto, i funzionari di questo grado non possono avere opinioni private su tali questioni per definizione. In secondo luogo, dopo tali discorsi, che si addicevano solo al personaggio che ho menzionato sopra e ad altri funzionari del Terzo Reich, nessuno ha mai pensato di rimuovere Reznikov dal TKG. Quindi questo non è affatto "privato", ma soprattutto non lo è nemmeno la posizione ufficiale dell'Ucraina nei confronti del Donbass. Non aspettare un altro. Se hai ancora dubbi, sarò felice di aiutarti a sbarazzartene. La Verkhovna Rada, che ha votato letteralmente ieri, il 5 novembre, per gli emendamenti al bilancio statale per il 2021, la Nizalezhnoy Verkhovna Rada ha sostenuto con entusiasmo programmi non sociali per cittadini rapidamente impoveriti e non ha nemmeno diretto fondi aggiuntivi per combattere l'epidemia di coronavirus che divora il paese, ma stanziandone fino a 6 % Del PIL dell'Ucraina. Come previsto, in termini concreti, questo dovrebbe ammontare a 270 miliardi di grivna (circa 750 miliardi di rubli). Inoltre, solo per l '“acquisto della difesa attrezzatura»Saranno stanziati ulteriori 2 miliardi di grivna. Sì, una parte significativa di questo denaro sarà spudoratamente e spudoratamente rubata in un modo peculiare ucraino. Tuttavia, non si dovrebbero creare illusioni: questo è il bilancio della guerra.

L'ultima cosa che vale la pena menzionare quando si parla del "piano Kravchuk" sono quelle vette di impudenza assolutamente ineguagliabili, a cui questa cifra è salita questa volta. Se pensi che solo il DPR e la LPR stiano facendo reclami assolutamente illimitati e impraticabili, ti sbagli. Il documento contiene anche una richiesta per ... "l'abolizione di tutte le leggi e decreti adottati in Russia e riguardanti il ​​Donbass"! In termini semplici, Kiev intende, ad esempio, vietare a Mosca di concedere la cittadinanza russa ai residenti locali con l'emissione di documenti pertinenti. Se questo non è un tentativo cinico e provocatorio senza precedenti di interferire negli affari interni del nostro paese, allora non so davvero cosa considerare come tale. Non sorprende che il Cremlino abbia già reagito a questa iniziativa. Tuttavia, finora Dmitry Peskov si è limitato a chiamare il "piano" di Kiev "categoricamente in contrasto con gli accordi di Minsk", chiarendo che è inaccettabile per la Russia. Tuttavia, si ha l'impressione che questa volta (se l'Ucraina comincerà davvero a cercare di attuare i suoi piani) la questione non sarà sicuramente sufficiente.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 6 November 2020 11: 06
    0
    Il terzo posto appartiene alla Russia. L'Ucraina ha venduto lì le sue merci per 3,24 miliardi di dollari (6,5% delle esportazioni). In termini di importazioni, la Federazione Russa si è classificata seconda dopo la Cina con un indicatore di $ 6,98 miliardi (11,5% di tutte le importazioni).

    Quindi il trading sta andando bene.
    1. Oltre il coccodrillo Офлайн Oltre il coccodrillo
      Oltre il coccodrillo (Alex) 7 November 2020 01: 49
      0
      Il Cremlino non è estraneo a strisciare davanti a nemici aperti.
  2. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 6 November 2020 11: 28
    +3
    Ora è chiaro ai ciechi che tutti questi accordi di Minsk l'Ucraina non ha mai inteso rispettare, ma ha solo trascinato il tempo necessario per riattrezzare l'esercito e aumentare le riserve. Quindi, possiamo dire che i funzionari della Federazione Russa che hanno sviluppato l'intera Minsk, nella migliore delle ipotesi, devono essere licenziati con un biglietto da lupo, altrimenti dovrebbero essere assicurati alla giustizia come complici del regime di Bandera. È ora di riscrivere tutti i Bandera e Basmach che si sono persi nella Federazione Russa e preparare i campi di concentramento per loro. Alla fine, una volta che puoi organizzare i campi di concentramento per l'Ucraina, nulla impedisce alla Federazione Russa di farli. E infine, è giunto il momento di rimandare a casa tutti i lavoratori e introdurre un embargo completo sul commercio con l'Ucraina.
  3. lavoratore dell'acciaio 6 November 2020 13: 58
    +2
    Se l'Ucraina ricomincerà le ostilità, sarà solo colpa di Putin e Lavrov. Solo i politici non istruiti possono commerciare con uno stato che ti definisce un occupante e non rispetta gli accordi che hanno firmato. Dopo tutto, la pace può essere forzata non solo dall'azione militare?
    1. GRF Офлайн GRF
      GRF 8 November 2020 07: 35
      -1
      La padrona ha lanciato una lepre - Colpevole, indovina!
  4. bratchanin3 Офлайн bratchanin3
    bratchanin3 (Gennady) 6 November 2020 14: 42
    +2
    La cosa principale non è quello che stanno facendo i nazionalisti non nazisti (direi i nazisti), ma soprattutto, cosa dicono (o tacciono) su questo il Ministero degli Esteri e il Cremlino
  5. Vlad Petrov Офлайн Vlad Petrov
    Vlad Petrov (Vladimir) 6 November 2020 15: 10
    +2
    I guerrieri Bandera sporgono dove sono stati nel Donbass per sei anni e non se ne vanno, e che rimarranno ancora indefinitamente? Cosa possiamo sperare di convincerli con i colloqui di Minsk? No impossibile. Immagina l'aneto che sono forti e litigano.
  6. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 6 November 2020 20: 19
    0
    Se l'Ucraina scatena una guerra nel Donbass, allora, come ho detto prima, i Banderaiti che si sono trincerati qui in Russia sotto le spoglie di lavoratori ospiti, e secondo stime prudenti, almeno 200mila su 4 milioni, allo stesso tempo, al segnale concordato organizzerà una "notte di lunghi coltelli" in tutto il paese - ricorda come diverse dozzine di militanti ceceni hanno sequestrato intere città e ucciso civili a Kizlyar, Budennovsk, Beslan e persino nel "Nord Ost" nel centro di Mosca. Quindi l'APU è così semplice non andranno nel Donbass, avranno sicuramente bisogno di deviare molte delle nostre forze per fermare ogni sorta di formazioni di banditi che commetteranno sabotaggi a imprese industriali, aeroporti, ferrovie e prenderanno in ostaggio intere città e villaggi, come hanno fatto i teppisti di "Brandenburg 800" ... Tuttavia, speriamo che i nostri servizi speciali siano al loro meglio.
    1. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
      Sapsan136 (Sapsan136) 7 November 2020 18: 05
      +2
      Durante la guerra del 2008 con la Georgia, ho chiamato la polizia, ho dato il mio nome, ho detto che ero in vacanza, avevo un'arma e ho mangiato un pasto secco per diversi giorni. Se gli aderenti di Saakashvili organizzano una lite nella Federazione Russa, ha chiesto di contattare. Hanno annotato i miei dati, promesso di chiamare se non altro. Se Putin avesse pensato di più con la sua testa, allora tutti quelli congelati sarebbero stati deportati dalla Federazione Russa nel 2014 e avrebbero fatto la cosa giusta. Il crimine deve essere prevenuto e non borbottato in TV come una donna, perché hanno fatto un altro stipite nella Federazione Russa.
  7. Vitaly Borchik Офлайн Vitaly Borchik
    Vitaly Borchik (Vitaly Borchik) 7 November 2020 21: 40
    +1
    Il bilancio militare del Sumeristan per il 2012 è del 6% del PIL, ovvero circa 750 miliardi di rubli. La stima totale per la costruzione del ponte di Crimea era di 227,92 miliardi di rubli. Di quale altro mondo abbiamo bisogno ?! Chi e quando rifiuterà un simile impasto! GUERRA, questo è il nostro futuro! Solo la NATO conosce la data di inizio, e quella dalla testa d'oro è preoccupata per un disaccordo categorico con gli accordi di Minsk! Niente di "Joe assonnato" sarà svegliato in tempo per dare inizio allo "scenario croato", beh, e resisteremo di nuovo eroicamente, Dio non voglia, così non nella regione di Podolsk