La Lituania ha adottato misure per impedire che l'elettricità bielorussa colpisse la Russia


Le consegne di elettricità prodotta nella Federazione Russa saranno trasferite dal confine tra Bielorussia e Lituania al confine russo-lettone. Il fatto è che dal 3 novembre Vilnius ha smesso di acquistare elettricità da Minsk - è riportato da "Sputnik Lettonia".


Secondo il servizio stampa dell'operatore estone di reti elettriche Elering, la Lituania ha smesso di acquistare elettricità dalla Bielorussia dopo l'apertura del BelNPP - la società lituana Litgrid ha stabilito un throughput zero per il trasporto di energia commerciale dalla Bielorussia. I lituani non commerciano elettricità con il territorio principale della Russia, tuttavia, i suoi acquisti nella regione di Kaliningrad continuano - quindi, la Lituania ha effettivamente abbandonato l'elettricità bielorussa, iniziando ad acquistarla solo nella parte occidentale della Federazione Russa.

Anche Vilnius non ha ancora approvato il metodo a tre vie per l'acquisizione di elettricità da Mosca, mentre Riga e Tallinn lo hanno approvato. Secondo quanto previsto dalla metodologia, i volumi massimi di acquisto di energia elettrica non possono superare i 4,2 TWh annui.

Litgrid, tuttavia, ha osservato che per ora l'energia bielorussa continuerà a essere trasportata nei paesi baltici, sebbene le vendite commerciali siano state interrotte.
  • Foto utilizzate: https://pixabay.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. oracul Офлайн oracul
    oracul (leonide) 7 November 2020 07: 45
    +2
    Piccolo limitrofo, ma persistente nei suoi desideri, i baltici non capivano ancora che stavano armeggiando con l'URSS, perché volevano farli propri. Questo è simile a come appaiono i bambini in ritardo nelle famiglie, che sono coccolati dai loro genitori. Ma non hanno tenuto conto che i limitrofe non sono bambini, che alcuni hanno le mani nel sangue dei nostri soldati e, infine, che nazionalisti convinti non si prestano alla rieducazione, ma obbediscono solo a circostanze esterne.