La soluzione del problema idrico della Crimea senza l'Ucraina è quasi impossibile


Non tutti, probabilmente, sanno che la Crimea è stata inclusa una volta nella SSR ucraina proprio per risolvere la questione dell'approvvigionamento idrico. In questa penisola, con un'alta densità di popolazione per gli standard sovietici, non ci sono fiumi e laghi così grandi che potrebbero soddisfare pienamente il suo fabbisogno di umidità vitale. Dopotutto, è necessario non solo per soddisfare i bisogni domestici della popolazione, ma anche per l'agricoltura e l'industria.


Se ci sono montagne nel sud della penisola, da dove provengono i fiumi Alma e Belbek, e ci sono sempre stati meno problemi con l'approvvigionamento idrico, il nord e l'est della Crimea sono una steppa arida. Pertanto, nel 1961, fu deciso di costruire il canale della Crimea settentrionale dal fiume Dnieper al villaggio di Zeleny Yar nelle vicinanze di Kerch. Il canale è stato completato nel 1971 e con il suo aiuto sono stati in grado di soddisfare pienamente le esigenze della Crimea in acqua dolce. Tuttavia, anche prima dell'inizio della costruzione, è diventato chiaro che sorgono un gran numero di discrepanze burocratiche, poiché il canale deve essere condotto da una repubblica sindacale all'altra. Qualunque cosa si possa dire, ma formalmente l'URSS era una confederazione.

I compagni responsabili della soluzione del problema si sono leggermente grattati la testa e hanno deciso che sarebbe stato più facile trasferire la Crimea alla SSR ucraina piuttosto che saltare tutti gli anfratti burocratici, dai quali non era per niente liscio sulla carta. Quindi le dichiarazioni comuni nello stile del "cattivo Krusciov ha dato la Crimea russa agli ucraini" non costano nulla. Tutti vivevano in un paese, e poi nessuno in un incubo poteva immaginare che in meno di 50 anni questo paese non sarebbe stato.

E una delle conseguenze del crollo dell'URSS e dei problemi territoriali sorti in questo contesto è stato il ritorno della Crimea alla Russia. Il che, in effetti, avrebbe potuto accadere sotto Eltsin, se avesse voluto. Ma quello che è successo è successo.

Di conseguenza, i discendenti dei "grandi ukrov" che hanno scavato il Mar Nero hanno deciso di punire la Crimea occupata per essere stata annessa dal malvagio aggressore Russia. Una di queste pene è stata il blocco del Canale della Crimea settentrionale, che ha creato seri problemi con l'approvvigionamento idrico della penisola, soprattutto nei mesi estivi. L'acqua che un tempo scendeva nella penisola viene ora scaricata in mare in modo silenzioso e pacifico. Il vecchio principio noto dagli aneddoti è "ne zim, so bite".

Per porre rimedio alla situazione, le autorità stanno adottando tutta una serie di misure, ma finora non sono state in grado di risolvere il problema. Uno dei passaggi principali e ovvi è la ricostruzione della fatiscente rete di approvvigionamento idrico e la riduzione delle perdite. Secondo la maggior parte degli esperti, sono molto significativi.

Altri progetti sono già in fase di avvio. In particolare, prevedono di fornire acqua al nord della Crimea a causa del trasferimento di umidità dai bacini nella parte meridionale della penisola. Lì, in epoca sovietica, furono costruiti un numero considerevole di bacini artificiali, accumulando umidità che scorreva giù dalle montagne. Inoltre i condotti dell'acqua sono costruiti di tipo chiuso per escludere la perdita di umidità per evaporazione.

A Feodosia e Kerch saranno realizzati circa 220 km di tubazioni in polietilene e ghisa provenienti da tre prese d'acqua nel nord-est della penisola alimentate da acque sotterranee, per le quali verranno realizzati nuovi pozzi. Per rifornire d'acqua la capitale della penisola Simferopol, verrà ripristinato il bacino idrico Mizhgorno, che sarà riempito con l'acqua dei fiumi Belbek, Alma e Marta. Il progetto è già in fase di sviluppo.

Si stanno cercando anche altri metodi, fino alla realizzazione di complessi per la dissalazione dell'acqua di mare. In totale, il piano d'azione globale per garantire un approvvigionamento idrico affidabile alla Repubblica di Crimea e alla città di Sebastopoli comprende 14 punti ed è progettato per un periodo fino al 2024. Verranno investiti circa 48 miliardi di rubli.

Ma se le condutture dell'acqua in costruzione saranno presto messe in funzione, il resto delle idee rimane ancora in fase di progettazione, o anche di ricerca teorica. Il compito non è facile, perché nel risolverlo è importante non danneggiare l'ambiente e può essere molto significativo. Ad esempio, se pompi troppa umidità da fonti sotterranee, diventeranno salinizzate.

E anche la costruzione di impianti di desalinizzazione è densa di problemi. Una grande quantità di rifiuti con un alto contenuto di sale dovrà essere smaltita da qualche parte. Il solo riversarli nel Mar Nero o nei laghi salati, come suggerito da una serie di esperti, non è un'opzione, poiché saranno causati i danni più gravi alla biosfera dei bacini artificiali. Pertanto, tutte le proposte esistenti per fornire acqua alla Crimea richiedono un'attenta analisi prima di essere messe in pratica.

E mentre gli scienziati si stanno grattando la testa e le lance, a quanto pare, riceveremo regolarmente informazioni dai media sulla prossima operazione speciale per fornire acqua ai Crimeani. Una soluzione radicale potrebbe essere la costruzione di un condotto idrico attraverso lo stretto di Kerch, ma hanno deciso di abbandonarlo a causa del suo costo estremamente elevato. E anche il territorio di Krasnodar e la regione di Rostov, potenziali donatori, stanno ora riscontrando problemi con l'acqua.

Ma la desalinizzazione è ancora accettata per essere valutata come una direzione molto più promettente. È vero, non stiamo parlando del Mar Nero, ma delle acque reflue. Poiché il contenuto di sale in essi è minimo, ci saranno meno scariche. Inoltre, secondo alcuni esperti, i composti di azoto e fosforo in essi contenuti possono essere pienamente utilizzati come materie prime per la produzione di fertilizzanti minerali.

Tuttavia, ora non stiamo parlando di compensare la perdita del Canale della Crimea settentrionale. Il compito principale di tutte le misure di cui sopra è quello di fornire solo i bisogni più urgenti degli abitanti ordinari della penisola e delle imprese industriali. E questo compito, a quanto pare, verrà risolto nel tempo.

La soluzione finale al problema di un vero e proprio approvvigionamento idrico della penisola, che soddisferebbe le esigenze dell'industria e dell'agricoltura, è possibile solo ripristinando l'approvvigionamento idrico attraverso il canale. E qui l'unica via d'uscita è esercitare più pressione possibile sulla leadership ucraina per costringere Kiev a fare concessioni. Siamo, ovviamente, persone educate, ma la cortesia non esclude la fermezza, soprattutto nei confronti di chi si comporta in modo maleducato.

Come mostrare tanta fermezza? Per cominciare, inizia a includere questa questione nell'agenda di qualsiasi negoziato bilaterale con l'Ucraina. Vuoi che ci incontriamo a metà strada? Decidiamo qualcosa con l'approvvigionamento idrico della Crimea. E così via per ogni questione discussa.
15 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. passando per Офлайн passando per
    passando per (passando per) 7 November 2020 08: 05
    +1
    non c'è acqua nel canale, ma lo spreco del "grande" ykrov. l'autore augura una morte dolorosa a tutti gli esseri viventi in Crimea?
  2. nikitin.viktor1705 Офлайн nikitin.viktor1705
    nikitin.viktor1705 (Victor Nikitin) 7 November 2020 08: 59
    +4
    D'accordo con l'Ucraina sulla fornitura di acqua del Dnepr fino al nulla. Sì, e gli stessi negoziati sono dannosi nella loro essenza, porteranno solo una grande gioia a quei leader in Ucraina che percepiscono essi stessi i negoziati come il grande "Peramoga" sui "moscoviti giurati". Pertanto, questa opzione deve essere dimenticata e mai più ripristinata. Credo che l'opzione per la desalinizzazione dell'acqua di mare sarà ancora più economica, poiché è almeno realistica.
  3. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 7 November 2020 09: 15
    +6
    L'ecologia costa denaro e non piccoli, e quindi è impegnata in chi non ha problemi più urgenti: fornire alla popolazione cibo, acqua, alloggio, ecc.
    Tutti i combattenti per l'ambiente - Inghilterra, Germania, Giappone, Cina e altri paesi sviluppati - sono andati così, ciascuno a suo tempo, e quando hanno risolto il problema a casa hanno elevato l'ambiente al livello della politica mondiale, rendendolo una fonte di reddito insieme al cambiamento climatico, che sulla Terra è successo più di una dozzina di volte anche quando non c'erano persone.
    La questione dell'approvvigionamento idrico è in primo luogo, quindi l'ecologia deve essere messa da parte e non spruzzata, e tutte le forze ei mezzi devono essere concentrati sulla risoluzione del problema principale e urgente.
    La fonte del problema è la politica e la soluzione deve essere cercata sul piano politico.
    La politica dei nazionalisti ucraini è di danneggiare la Federazione Russa sempre e ovunque. La risposta della Federazione Russa dovrebbe essere simile: reclami nei tribunali internazionali per danni subiti, costruzione di un ponte, blocco di un canale, ecc. Ecc., Un blocco economico, fermare completamente il transito di petrolio e gas attraverso il territorio dell'Ucraina, il che è assurdo come se l'URSS in durante la guerra avrebbe continuato a fornire ai fascisti grano, petrolio, minerale di ferro, manganese, nichel e altre materie prime. Supporto diversificato degli oppositori dell'ucrainizzazione forzata, blocco del Dnieper come suggerito da Zhirinovsky, o ricavarne una fogna drenando i rifiuti non puliti dalle fattorie e dalle imprese industriali, rompendo finalmente la resistenza della mafia del carbone di Kuzbass e riconoscendo lo status di stato del DPR-LPR, infine considerare i loro ripetuti appelli all'adesione alla Federazione Russa, ci sono molte e diverse leve di pressione, devi usarle e non masticare moccio mentre guardi come vengono costruite le basi militari e gli Stati Uniti stanno imitando attacchi nucleari sulla Federazione Russa dalla regione di Kharkov
  4. bottaio Офлайн bottaio
    bottaio (Alexander) 7 November 2020 09: 35
    +4
    .. La Crimea è stata inclusa una volta nella SSR ucraina proprio per risolvere la questione dell'approvvigionamento idrico ..

    L'autore, nascondendosi dietro una frase caratteristica "non tutti sanno ..", ha postato del tutto senza senso.
    1. nov_tech.vrn Офлайн nov_tech.vrn
      nov_tech.vrn (Michael) 7 November 2020 18: 59
      0
      risata ma questo lo sappiamo
  5. Dan Офлайн Dan
    Dan (Daniele) 7 November 2020 10: 02
    +3
    Una grande quantità di rifiuti con un alto contenuto di sale dovrà essere smaltita da qualche parte. Il solo riversarli nel Mar Nero o nei laghi salati, come suggerito da una serie di esperti, non è un'opzione, poiché saranno causati i danni più gravi alla biosfera dei bacini artificiali.

    Infatti, 0,8 metri del suo livello evaporano semplicemente dalla superficie del Mar Nero in un anno, ad es. 337 chilometri cubi di acqua dolce, il cui sale rimane nel mare e non reca alcun disturbo alla biosfera. Il semplice drenaggio della salamoia non deve essere drenato sulla spiaggia, ma attraverso un tubo a una profondità di 200-300 metri, dove è già presente un cocktail di idrogeno solforato. E non c'è bisogno di portare il cancro dietro l'angolo. Israele vive in tali condizioni dal 1949 e ci vende ravanelli. E tutto va bene con loro. Anche noi non dobbiamo vivere lì peggio. E inseguendo, l'autore, potresti sostenere la tua tesi sui motivi del trasferimento della Crimea in Ucraina con dei documenti? E fa male come una fantasia. L'URSS non era male nel risolvere grossi problemi, inclusi quelli burocratici, in modo volitivo. Hanno dichiarato la costruzione del canale a livello nazionale (all-Union) e finanziato dal bilancio dell'Unione, e l'intera attività. risata
  6. shpakov.alex Офлайн shpakov.alex
    shpakov.alex (Alexey Shpakov) 7 November 2020 10: 20
    +3
    La Russia sta trainando oleodotti e gasdotti attraverso il continente in tutte le direzioni, ma non può lanciare un oleodotto attraverso lo stretto, attraverso il quale è già stato costruito un ponte ?! O è più costoso della costruzione di una centrale nucleare e di impianti di desalinizzazione ?!
  7. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 7 November 2020 11: 29
    +3
    Non tutti, probabilmente, sanno che la Crimea è stata inclusa una volta nella SSR ucraina proprio per risolvere la questione dell'approvvigionamento idrico.

    - la dichiarazione è chiaramente inverosimile - il trasferimento della Crimea è avvenuto nel gennaio 1954, rispettivamente, la decisione è stata presa e concordata in anticipo non meno di un anno. Il serbatoio Kakhovskoye (da cui ha origine il canale della Crimea settentrionale) è stato costruito, prima di tutto, per fornire alle imprese industriali della regione elettricità locale dalla centrale idroelettrica Kakhovskoye, che è stata messa in funzione nel 1955, nello stesso anno è stato riempito il serbatoio Kakhovskoye. Il canale iniziò ad essere costruito nel 1961 in conformità con i piani per lo sviluppo del potenziale industriale e agricolo della regione di Kherson e della Crimea, adottati al 21 ° Congresso del PCUS per il primo periodo "sette anni" nel 1959.
    1. Il commento è stato cancellato
    2. CHIEDERE. 21.07 Офлайн CHIEDERE. 21.07
      CHIEDERE. 21.07 (Artyom Karagodin) 7 November 2020 13: 41
      +2
      Il bacino idrico di Kakhovskoe, originariamente destinato ad accumulare l'acqua del Dnepr e fornire l'approvvigionamento idrico a tutto il sud dell'Ucraina, inclusa la Crimea, iniziò a essere riempito nel 1955. Cioè, la questione ha iniziato a essere affrontata molto prima della costruzione del Canale di Crimea.

      E i precedenti con il trasferimento di territori sono avvenuti prima. Ad esempio, la città di Pechora, un tempo parte dell'Estonia, si è rivelata parte della regione di Pskov. Qui sono state risolte anche alcune questioni puramente economiche. E questo non è l'unico esempio.
  8. matrimonio Офлайн matrimonio
    matrimonio (Kolya) 7 November 2020 12: 03
    +2
    La Crimea è stata inclusa una volta nella SSR ucraina proprio per risolvere la questione dell'approvvigionamento idrico.

    Questa è una versione comoda, inverosimile, niente di più. Petrolio, gas, acqua in altre repubbliche e regioni dell'URSS sono stati spinti qua e là, i sudditi e le repubbliche non sono stati trasferiti o uniti, e qui l'Ucraina ha un regalo dell'ex capo dell'Ucraina. Ci sono molte ragioni per il trasferimento, se ci sono obiettivi, obiettivi o solo un capriccio reale.
    1. pischak Офлайн pischak
      pischak 7 November 2020 15: 04
      0
      E "in onore" del Pereyaslav Rada (18 gennaio 1654) e del relativo 300 ° anniversario (1654-1954) dell'adozione della Piccola Russia nell'impero russo è una buona ragione per il "dono fraterno" di Krusciov (ovviamente, con la "giustificazione" per semplificare l'unione e amministrazione repubblicana della Crimea come parte della SSR ucraina) o no ?! strizzò l'occhio
      E se si approfondisce, c'è un'intervista russa sul Web, di un economista indubbiamente competente e funzionario statale informato (il più vicino, in termini di "vendita europea" antinazionale-antistatale dell'Ucraina e promozione del colpo di stato "Euromaid", complice del "furbo banderotechnologo" - l'infatuante Yanyk - "Panda" ), un "integratore europeo incontrastato" anti-russo e un eccezionale giudeo-Mazepa-Nikolai Azarov ucraino.
      In quell'intervista, copre popolarmente e in dettaglio i retroscena del trasferimento forzato della Crimea dalla giurisdizione della RSFSR alla giurisdizione della SSR ucraina.
      A proposito, questo trasferimento della Crimea (come, per inciso, la preparazione su larga scala di tutta l'Unione per l'inizio della costruzione di case di grandi dimensioni e pannelli, quindi completamente attribuita dalla propaganda del partito al presunto "genio dei lavoratori del grano" e custodita nelle menti degli abitanti sovietici con il termine "Krusciov", sebbene lei, alla pari con lei " un "precursore di mattoni" a grandezza naturale, ha anche il diritto di essere chiamato "stalinka", ma surrogato: "combinato-compatto-soffitto basso", io stesso vivo in un posto simile sin dalla prima infanzia, dopo essermi trasferito dalla baracca di "Shanghai" lei, con gas, acqua corrente, un bagno e "servizi" non in cortile ", ci è sembrata" dimora reale "! occhiolino ), è stato preparato anche sotto Joseph Stalin!
      Era giustificato dal fatto che l'Unione Sovietica aveva bisogno di "risolvere le questioni" del ritorno, anche dell'anteguerra, primi anni 1920-30, di prestiti mirati delle strutture finanziarie degli allora Stati Uniti (e di alcuni altri stati e organizzazioni finanziarie internazionali, sto scrivendo ora a memoria, chi vuole può trovare i dettagli io stesso, così come gli autori regolari del sito saranno in grado di scrivere i propri articoli su questo "argomento della Crimea" sfaccettato più interessante - ti do un'idea! sì ) proprio per la creazione nella Russia sovietica, nella sua fertile penisola meridionale, la regione ebraica di Crimea! C'erano tali piani e si parlarono molti negoziati, anche durante la seconda guerra mondiale (per le lobby ebraiche americane e britanniche nelle strutture statali, nella scienza e negli affari) e dopo, ma alla fine le autorità sovietiche si limitarono in URSS al solo "fertile" Birobidzhan. e dapprima ha anche contribuito alla formazione e ai primi passi dello Stato di Israele sul territorio della Palestina.
      E la questione della restituzione del "prestito target" non era affatto "persa" e "invasa dagli interessi", chiedendone la risoluzione insieme a considerevoli debiti nell'ambito del "Lend-Lease"! Con un "leader dei popoli" vivente, con la sua autorità mondiale, in qualche modo era possibile giocherellare con questa scrupolosa "domanda", ma la crescente "guerra fredda" esacerbò sempre più le contraddizioni tra il "mondo del capitalismo" e il "campo socialista" (usando i modelli di quel tempo) ! Poi nelle "viscere dell'apparato del Comitato Centrale" è sorta una "idea formale" casistica - nel quadro di un unico Stato sovietico, di "ritirare" la Crimea dalla giurisdizione della RSFSR "indebitata" (precursore della "prestito-interessi" FMI) "RSFSR e la sua affiliazione territoriale, in debiti "SSR ucraino ?! che cosa
      Sotto il leader molto più debole e chiaramente dipendente dall'Occidente della Russia sovietica (come la nostra Unione Sovietica veniva solitamente chiamata allora in tutto il mondo), il trotskista Krusciov, questo "trasferimento" fu effettuato sotto la "salsa dell'anniversario" e il pretesto dell '"ottimizzazione della gestione".
      Qualcosa del genere ... sapienti sedeva, cercava e trovava. occhiolino
  9. Il commento è stato cancellato
  10. nov_tech.vrn Офлайн nov_tech.vrn
    nov_tech.vrn (Michael) 7 November 2020 16: 01
    +1
    È incredibile da dove provengano questi "esperti". Riunirsi insieme chiaramente controverso e spesso già discusso su queste questioni relative alle risorse: questa è acrobazia!
    1. Le questioni relative alla desalinizzazione sono già state discusse: l'autore non conosce o semplicemente ignora il buon senso e l'esperienza del mondo. Lascia le storie dell'orrore ambientale a Greenpeace, i calcoli elementari parlano a favore degli impianti di desalinizzazione, una tale soluzione al problema semplicemente non è economica.
    2. Sono state inoltre discusse le questioni relative al trasferimento della Crimea all'Ucraina a tempo debito. Non c'è bisogno di tirare i fatti per le orecchie, i fatti sono cose ostinate.
    3. Questioni ambientali, il Dnepr ora è una discarica tutta ucraina, la Crimea ha bisogno di tossine e rifiuti, non è più 71 adesso, e in alcuni luoghi è pericoloso nuotare e non solo bere acqua.
    4. Ebbene, la soluzione "ciliegina" al problema della fornitura di questa stessa acqua con la leadership ucraina, e come proponi di negoziare con un partner non negoziabile?
    Conclusione .
  11. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 7 November 2020 18: 22
    +5
    È possibile e necessario risolvere il problema dell'approvvigionamento idrico senza l'Ucraina, ma a spese dell'Ucraina. Taglia i fiumi che scorrono nel Dnepr ucraino e invia l'acqua al Volga e al Don, dove è più necessaria, e agli UKROP non importa, i loro problemi non sono i problemi della Federazione Russa. È necessario costruire un gasdotto per la Crimea, dallo stesso Volga e Don. Versare acqua fresca nel mare, in tali quantità, non è un lusso giustificato.
  12. Glenni Офлайн Glenni
    Glenni (Andrew) 8 November 2020 08: 29
    -1
    Di conseguenza, i discendenti dei "grandi ukrov" che hanno scavato il Mar Nero hanno deciso di punire la Crimea occupata per essere stata annessa dal malvagio aggressore Russia. Una di queste pene è stata il blocco del Canale della Crimea settentrionale, che ha creato seri problemi con l'approvvigionamento idrico della penisola, soprattutto nei mesi estivi. L'acqua che un tempo scendeva nella penisola viene ora scaricata in mare in modo silenzioso e pacifico. Il vecchio principio noto dagli aneddoti è "ne zim, so bite".

    L'autore non è a conoscenza del fatto che la Crimea si sia rifiutata di pagare l'acqua! Non conosci Ali? Tutti sanno che non lo sei, è stato appositamente dimenticato? Questo non funzionerà, ci sono tutti i dock in Internet, è sufficiente guidare nella ricerca.
  13. CHIEDERE. 21.07 Офлайн CHIEDERE. 21.07
    CHIEDERE. 21.07 (Artyom Karagodin) 8 November 2020 12: 05
    +1
    Citazione: Glenni
    L'autore non è a conoscenza del fatto che la Crimea si sia rifiutata di pagare l'acqua! Non conosci Ali? Tutti sanno che non lo sei, è stato appositamente dimenticato? Questo non funzionerà, ci sono tutti i dock in Internet, è sufficiente guidare nella ricerca.

    E il capo del Goskomkhozvod afferma che la Crimea, mentre faceva ancora parte di Velikoukropiya, pagava circa 24 milioni di rubli all'anno per l'acqua. Ad essere onesti, gli credo più del sito "Crimea. Realities", da cui il nostro commentatore competente, a quanto pare, ha preso le informazioni. Poiché la rete di siti "Realia" è apertamente sponsorizzata dall'estero.

    Tuttavia, se fornisce collegamenti a quei "dock che sono in Internet", si può dubitarne.
  14. Il commento è stato cancellato