Mettere al bando il Partito Comunista dell'Unione Sovietica nel 1991: che aspetto aveva la "rapina ideale" della Russia


Nel prossimo anniversario della firma da parte di Boris Eltsin del Decreto che vieta le attività dei partiti comunisti sia dell'Unione Sovietica che della Federazione Russa sul territorio del nostro Paese, non è peccato tentare ancora una volta di trovare una risposta alla domanda: cosa è successo poi?


Il fatto che questo atto giuridico, firmato dal Presidente, nonché una serie di decisioni simili che lo hanno preceduto, fossero illegali e incostituzionali, è stato ufficialmente stabilito dagli avvocati un anno dopo la loro adozione. Tuttavia, dovremmo essere interessati ad altri aspetti di questo, che non è una domanda facile. E, prima di tutto, questo: perché infatti era necessario "proibire" qualcosa che di fatto non esisteva più?

La farsa con la "dispersione" del PCUS e il tentativo di "giudicarlo" ha una lunga preistoria e una spiacevole "postfazione" risalente ai giorni nostri. Molti partecipanti e testimoni di quegli eventi sono morti da tempo e ancora di più non infrangeranno mai il voto di silenzio. Eppure proveremo ad avvicinarci ancora un po 'alla verità.

Comunisti, vai avanti!


Prima di parlare di caduta politico partito, che per quasi un intero secolo ha determinato il corso della storia non solo di un immenso Stato, ma anche, senza esagerare, di una parte significativa del nostro intero mondo, non si può non dire almeno qualche parola sulla sua nascita e ascesa. Apparso alla fine del XIX secolo con il nome di Partito laburista socialdemocratico russo (RSDLP, in seguito - RSDLP (b), bolscevichi), comunista - RCP (b), divenne solo dopo la vittoria della Rivoluzione d'Ottobre, nella primavera del 1918. Questa decisione è stata presa per il fatto che, poiché i compiti iniziali per i quali è stato creato il movimento - la realizzazione prima della rivoluzione borghese e poi proletaria - sono stati adempiuti, è giunto il momento di passare alla cosa principale: costruire il sistema sociale più giusto e corretto: il comunismo. Con l'apparizione sulla mappa del mondo dell'Unione delle Repubbliche socialiste sovietiche, il RCP (b), di conseguenza, si trasformò nel VKP (b) - il Partito Comunista di tutta l'Unione dei bolscevichi.

Sotto questo nome, il partito, i suoi membri e leader hanno scritto le pagine più vivide ed eroiche della storia della nostra Patria. L'industrializzazione, la collettivizzazione, il superamento dell'analfabetismo e della povertà, la creazione dal nulla, letteralmente da zero, di una potente industria, la scienza sovietica, un potente esercito e marina, i primi passi verso i voli spaziali: tutto questo è stato fatto sotto la bandiera del PCUS (b). È con questa abbreviazione che sono associati i più grandi successi della nostra patria e le prove più dure che hanno subito. Qualunque cosa mentano i traditori liberali oggi, abbiamo vinto la Grande Guerra Patriottica sotto la guida di questo partito e dei suoi leader.

Appello immortale: "Comunisti, avanti!" lanciò attacchi - spesso disperati e senza speranza, il meglio del meglio. La gente allora andava dai comunisti non per un dolce pezzo, una sedia morbida o una rapida carriera, ma per il diritto di essere il primo a sollevarsi sotto i proiettili nemici o ad assumersi un fardello più pesante. Chiunque affermi il contrario sta mentendo spudoratamente e marcirà la memoria di persone la cui polvere dai loro stivali logori non vale la pena. Il VKP (b) che ha superato il crogiolo della Grande Guerra Patriottica e ha subito il peso maggiore della restaurazione del paese, che è stato quasi completamente distrutto, nel 1952 ha ricevuto un nuovo nome: il PCUS. Ahimè ... In effetti, a questo punto, la sua gloriosa storia finisce. La morte dell'unico, forse, il loro vero leader, Stalin, e la presa del potere in URSS da parte di Krusciov con la sua cricca infida tracciarono una linea sotto il tempo dei veri comunisti.

In quanto tale, l'ideologia comunista e, cosa più importante, la fede in essa di milioni di membri del partito di alto livello, furono distrutte dal XX Congresso del Partito e dal rapporto falso e oscurantista annunciato in occasione della "denuncia del culto della personalità". Dopodiché, rimaneva solo un culto esagerato e completamente vuoto, ma non c'erano più personalità. E sebbene l'incompetente "leader", facendo una smorfia sul palco del prossimo congresso del PCUS, abbia promesso al pubblico che certamente "vivranno sotto il comunismo", in realtà ha fatto di tutto perché non accadesse nulla di simile. In cui, purtroppo, è riuscito. Avendo perso la fede e gli ideali, i membri di base del partito cominciarono a trasformarsi sempre più in opportunisti indifferenti e ipocriti, che avevano bisogno del famigerato "libro rosso" solo per avanzare nella vita. L'élite del partito, avendo eliminato il controllo vigile e la supervisione su se stessa che esisteva ai tempi di Stalin, stava rapidamente prendendo forma in una sorta di casta di nuovi "padroni di vita", inaccessibili alle critiche e non responsabili di nulla.

Quanti comunisti c'erano?


Per una migliore comprensione di come il Partito Comunista in URSS è stato trasformato in epoche diverse, passiamo dalla storia e dal pathos all'aritmetica secca. Non sarà noioso, te lo assicuro. Quindi: al momento della sua creazione, il RCP (b) contava 350 membri. Questo numero è raddoppiato dopo la morte del suo fondatore, Vladimir Ilyich Lenin, nel 1924, quando nelle file del partito si tenne la cosiddetta "leva leninista". Tre anni dopo contavano più di 1 milioni di persone, nel 200 il numero dei comunisti in URSS era di circa due milioni e quattro anni dopo si avvicinava molto a tre! Che cosa diceva? Sul fatto che la popolazione dell'ex impero russo, quasi in piena forza, fosse intrisa delle idee di libertà, uguaglianza e fratellanza, oltre che del desiderio di attuare la rivoluzione proletaria mondiale? Niente del genere - visto che il potere sovietico, contrariamente a numerose previsioni, è venuto sul serio e per lungo tempo, tutti gli stessi carrieristi, opportunisti e persino nemici diretti si sono precipitati nelle file del Partito Comunista. Nella festa cominciarono a moltiplicarsi, come batteri patogeni nel mezzo nutritivo, varie "deviazioni", fazioni, gruppi e clan, ognuno dei quali desiderava solo una cosa: il potere. È un dato di fatto, sono state proprio queste ragioni che hanno causato ciò che la nostra triste testa "democratici" chiama in lacrime "repressioni staliniste", e la chiameremo così com'è - il ripristino dell'ordine e la dura pulizia dei ranghi dai traditori, il doppio gioco e solo persone casuali. Alla fine del 1930, il VKP di pulizia (b) aveva ridotto il suo numero esattamente della metà e contava poco più di 1937 milione e 1 mila membri.

Allo stesso tempo, va inteso che al momento di dure "purghe", avere in tasca una tessera di partito non era affatto un "indulgenza" o una circostanza attenuante. Al contrario: ai comunisti è stato chiesto più volte più severamente. In teoria (beh, o, se preferisci, in accordo con i concetti moderni dei valori della vita), una situazione del genere avrebbe dovuto allontanare le persone dalla festa. Tuttavia, si è rivelato completamente diverso. Il principale "esame" per il PCUS (b) è stata la Grande Guerra Patriottica. Cosa significava l'appartenenza al Partito Comunista nei suoi anni? Prima di tutto - il "biglietto" principale al fronte. Un milione e mezzo di comunisti andarono in prima linea nelle corrispondenti direzioni dei comitati di partito. Non dimenticare che durante gli anni della guerra, sia in caso di cattura che nel territorio occupato, la tessera di partito scoperta dai nazisti su una persona equivaleva praticamente a una condanna a morte. Inoltre, i comunisti spesso accettavano la morte nel tormento, sotto la tortura dei carnefici di Hitler.

E tuttavia ... Solo nell'Armata Rossa il numero dei membri del partito dal 1941 all'inizio del vittorioso 1945 è aumentato di 5 volte! E questo nonostante le perdite subite, poiché sono stati i comunisti ad avanzare nelle direzioni più pericolose e difficili. Negli anni della Grande Guerra Patriottica, più di 4 milioni di persone divennero comunisti in URSS e i ranghi del PCUS (b) aumentarono di oltre un milione e mezzo di membri, nonostante il prezzo terribile che il nostro popolo pagò per la vittoria. E poi ci sono stati, come ho detto, la morte di Stalin, il XX Congresso e tutto il resto ... Risultati? Il numero del PCUS, dagli anni '60 del secolo scorso, inizia a crescere a passi da gigante, superando i 1965 milioni nel 10. 1977 - oltre 15 milioni di comunisti! 1986 - oltre 18 milioni. Entro la fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90, la forza numerica del PCUS si avvicinava ai 19-20 milioni di membri. Sulla carta ... Dov'era il 99% di queste persone quando il partito di cui facevano parte è stato tradito e calpestato dai suoi leader, quando questi traditori della Patria stavano distruggendo l'Unione Sovietica? Rimasero in silenzio. Lo scenario migliore ...

“La festa è il nostro timoniere! Partito, lasciami guidare! "


Non c'era assolutamente bisogno che Boris Eltsin vietasse il Partito Comunista. Quando ha messo la sua firma sotto il decreto pertinente, semplicemente non esisteva nella realtà. Lei, si potrebbe dire, si è autodistrutta. E, soprattutto, non nei documenti di congressi e convegni di partito, ma nel cuore dei suoi membri. Non voglio parlare dei leader e dei "leader" - a quel tempo erano una banda affiatata di traditori e predoni, che guidavano con sicurezza e determinazione sia il partito che il paese alla morte. Ma il resto ?! Dove sono finite le loro convinzioni e la loro fede? Sì, sul partito, sui suoi veri leader ed eroi furono lanciate correnti di sporche bugie, la denigrazione e la distorsione della storia dell'URSS si trasformarono nella componente più importante della politica statale e il lavaggio del cervello fu effettuato totalmente. Ma perché quelli i cui padri e nonni, la maggior parte dei quali erano ancora in vita a quel tempo, credevano a tutto questo, potevano dire la verità?

La distruzione del PCUS è stata effettuata in modo sistematico e graduale: in primo luogo, sono stati adottati emendamenti alla Costituzione, privandolo dello status di forza "guida e guida" dell'intera società sovietica, il che significava "rifiuto del sistema monopartitico", ma in realtà ha aperto la strada al potere reale per i nemici del nostro paese. Poi, appena diventato presidente dell'allora RSFSR, Eltsin ha emesso un decreto del 20 luglio 1991, che proibisce a qualsiasi organo del PCUS "di interferire negli affari delle istituzioni statali". In effetti, questo è il primo passo verso la messa al bando del Partito Comunista, fatto, intendiamoci, molto prima del "tentativo di colpo di stato". A questo seguirà presto un'azione ridicola passata alla storia nazionale sotto il nome di Comitato statale di emergenza. E qui Boris Nikolayevich si svolge a pieno ritmo. Si ha l'impressione che stia semplicemente iniziando ad agitare la mano tremante di fretta (e non solo) per le sue decisioni da tempo preparate: il 23 agosto 1991, sulla "sospensione delle attività del PCUS e del Partito comunista russo", e due giorni dopo, cosa molto più importante, sulla "nazionalizzazione della proprietà del partito".

Il decreto del 6 novembre 1991 sul "divieto" dei partiti comunisti, come dicevo, diventa solo l'accordo finale. Allo stesso tempo, il che è tipico, non c'è stata una vera persecuzione sia dei membri che dei leader del PCUS che hanno tentato, contrariamente al decreto presidenziale, di continuare le loro attività di partito, così come la moltitudine di piccoli partiti e movimenti che sono emersi sul suo "relitto" e hanno apertamente portato la parola "comunista" nei loro nomi ... C'erano motivi legali per questo, formalmente, ma nessuno ha alzato un dito per usarli. L'ordinanza di Eltsin, da lui impartita al Ministero dell'Interno e alla Procura, riguardante le “indagini sulle azioni antipopolari e anticostituzionali del PCUS” si è rivelata proprio la stessa buffonata. Qualcuno, ma certamente non Boris Nikolayevich, che era stato membro del partito dal 1961 ed era al vertice dei suoi funzionari, poteva beneficiare di questo tipo di "procedimento". Nessuno ha indagato su nulla ...

Da tutto questo diventa chiaro che lo scopo principale del Decreto non era un confronto politico, non una "pulizia", ​​diciamo, del paese da potenziali rivoluzionari, combattenti per la restaurazione dell'URSS. Se ci fossero stati, non solo avrebbero impedito l '"adesione" di Eltsin - avrebbero strangolato sul nascere Gorbaciov, che gli ha aperto la strada al potere, e la vile "perestrojka". Non c'erano veri comunisti in Russia a quel tempo ... Ma la proprietà del partito era proprio lì! Con un attento esame della questione, diventa estremamente chiaro: se i curatori occidentali e protettori del tradimento di Gorbaciov-Eltsin avevano bisogno della distruzione del Partito Comunista, come un nemico davvero terribile per loro, allora quelli che stavano "al trono" del primo leader russo erano attratti proprio dalla ricchezza del PCUS, che erano, infatti, una proprietà nazionale.

Dove sono i soldi, Bor ?!


Le conversazioni su alcuni mitici aeroplani o addirittura interi "scaglioni" con il famigerato "party gold", partito in quei tempi ardenti in una direzione completamente sconosciuta, vanno avanti da molto tempo e continueranno. Probabilmente secoli, come controversie sulle riserve d'oro perdute dell'Impero russo. Parleremo di cose un po 'più specifiche e avremo una conferma accurata. A chi volesse approfondire tutte le sottigliezze, consiglio di leggere l'intervista pubblicata il 10 ottobre 1991 sul settimanale "Argumenty i Fakty" dall'allora capo dell'amministrazione presidenziale russa Yuri Petrov. È piuttosto ampio, quindi non lo racconterò di nuovo: la pubblicazione è disponibile pubblicamente su Internet. Mi limiterò a poche cifre: secondo le dichiarazioni di un alto funzionario, secondo i materiali di "una verifica tutt'altro che completa" al 1 gennaio 1991, solo il valore delle immobilizzazioni del PCUS era stimato a 5.2 miliardi di rubli. I rubli di quel tempo, intendiamoci ...

Tutto questo è l'importo che includeva il costo della proprietà appartenente al partito (edifici di comitati di partito di tutti i livelli, le sue istituzioni, istituti di istruzione, ecc.), Le sue varie imprese (ad esempio, le case editrici più potenti) e altre cose, nonché le attrezzature e altro materiale disponibile lì. valori. Ora, appunto, sui soldi: il Partito Comunista dell'Unione Sovietica aveva circa 5 miliardi e mezzo di rubli nei conti bancari e alle casse dei comitati di partito di tutti i livelli (tali erano letteralmente in ogni impresa e in qualsiasi istituzione), nei conti e alla cassa dell'Amministrazione del Comitato Centrale PCUS l'importo è leggermente inferiore - 4.6 miliardi di rubli. In totale, all'inizio del 1991, il saldo del Partito Comunista consisteva in molto più denaro: prestiti e depositi, titoli, buoni e altre "sciocchezze" inoltre "tirati" da quasi 9 miliardi di rubli sovietici in più a peso pieno! Solo una quota di iscrizione nel 1990, i membri del partito di tutta l'URSS hanno pagato un miliardo di rubli e un quarto.

È difficile dire come queste cifre corrispondano alla realtà in termini di completezza contabile. Sicuramente il partito e i suoi organi centrali avevano "fondi speciali" che non trovavano riscontro nei rapporti ufficiali. Tuttavia, ciò che ha detto il signor Petrov ai suoi tempi è più che sufficiente per comprendere l'ardente desiderio di Eltsin e compagnia di bandire il Partito Comunista e prevenire anche la possibilità stessa che i suoi membri chiedano ciò che hanno rubato. Anche allora, il capo dell'amministrazione presidenziale ha definito "assurda" l'idea di restituire la quota di iscrizione ai membri ordinari del PCUS. Allo stesso tempo, ha insistito sul fatto che questi stessi comunisti pagassero, dicono, "secondo le loro convinzioni ideologiche", e quindi non c'era motivo di restituire loro nulla. Inoltre, "come coloro che hanno dato i loro voti ai leader del PCUS", anche "devono essere ritenuti responsabili delle loro azioni". È difficile immaginare più cinismo, che suonava, tra l'altro, dalle labbra dell'ex primo segretario del comitato regionale di Sverdlovsk del PCUS. Comunque sia, quando un anno dopo che Eltsin firmò il decreto che vietava il Partito Comunista, la Corte Costituzionale della Russia lo ritenne illegale al 90%, nessuno fu particolarmente indignato. L'azione è stata compiuta: la proprietà del Partito Comunista dell'Unione Sovietica è migrata indolore nelle zampe appiccicose e nelle tasche senza fondo dei nuovi "padroni della vita", mentre il popolo era tradizionalmente "silenzioso". Allora perché non essere d'accordo con i giudici dei cittadini? Sì, mi sono eccitato un po ', e allora? Lo stesso Eltsin non si oppose affatto alla "reincarnazione" dei comunisti in Russia sotto forma del Partito Comunista della Federazione Russa - erano altrettanto "pericolosi" per lui dei marziani inventati da Burroughs.

Le persone che rimasero in silenzio durante la distruzione del Partito Comunista, che creò, costruì, difese e restaurò la sua Patria, furono successivamente derubate anche più qualitativamente delle casse del PCUS. Eltsin, assaggiandolo, iniziò a disperdere non solo i partiti, ma anche il parlamento che osò contraddirlo. Sì, non solo per disperdere, ma anche per sparare con i carri armati! Tuttavia ... hai ragione - questa è una storia completamente diversa.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: archivio RIA Novosti / Yuryi Abramochkin / CC-BY-SA 3.0
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 7 November 2020 12: 09
    -3
    Non devi fare nulla per compiacere gli stupidi
    siamo un grande paese, abbiamo vinto le guerre.
    Per ricchezza e persone, siamo i primi nel set,
    e sotto Eltsin eravamo come un'iscrizione su uno steccato.
    La scritta sul recinto è breve, vera,
    e nei documenti ce ne sono di più, ma falsi.
    Non c'era affatto unione, c'era solo acqua,
    ma tutto ha sfondato la diga, l'acqua è diventata libera per sempre,
    non entreremo più in quell'acqua, costruiremo un nuovo serbatoio.
    Non calpesteremo lo stesso rastrello, scavalcheremo o bypasseremo,
    non vagheremo all'imbrunire,
    faremo tutto durante la giornata.
    1. Victor Semyonov Офлайн Victor Semyonov
      Victor Semyonov (Victor Semyonov) 7 November 2020 12: 56
      0
      E questo è tutto - sai ... Dovresti "guidare"! - quello guarirebbe!
  2. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 7 November 2020 14: 05
    +2
    Non c'erano veri comunisti in Russia a quel tempo ...

    C'erano comunisti. Sono stati traditi dall'organizzazione.
    Nessuno ha convocato riunioni o chiesto l'opinione dei comunisti. A loro è stato semplicemente presentato un fatto: la festa è vietata dalla legge. La maggior parte dei comunisti (e la gente in generale) non capiva cosa stesse succedendo. Non c'era Internet.
    La maggior parte dei comunisti sono lavoratori. La stragrande maggioranza di loro erano in FIG. Stranamente, la maggior parte di coloro che si sono uniti al partito (in tutto o in parte) per motivi di carriera, hanno sperimentato dolorosamente il divieto del PCUS, sospettando che nulla di buono (per il paese) sarebbe finito.
    Ad esempio, il segretario del comitato del partito dello stabilimento mi ha chiamato: "Boris Alekseevich, devi aver sentito che il partito è stato bandito. I nostri leader del partito dicono: ecco, l'ufficio sta chiudendo. Distruggerai la tua carta di registrazione in modo generale o la toglierai?" E questo è tutto!
    E la situazione al lavoro era tesa, l'offerta stava già crollando, ma nessuno ha rimosso i piani di produzione (questo è iniziato solo dalla fine di febbraio del prossimo anno, è stato allora che è iniziato il culo completo), tutti hanno cercato di salvare la situazione al suo posto. E poi tutto ha cominciato a crollare.
  3. Berkham Ali-Tyan Офлайн Berkham Ali-Tyan
    Berkham Ali-Tyan (Berkham Ali-Tyan) 7 November 2020 14: 07
    +3
    Puoi rompere molte lance, schizzare il tuo avversario, molti avversari, con la saliva, ma non riesci a trovare quelle giuste. Alcuni mangiano ancora carne e pesce crudi, altri - guerrieri di una tribù vicina, danno gadget ad altri, altri vedono oggetti per trapiantare i loro valori in tutti, e qualcuno si nutre semplicemente del loro giardino - e, ad essere onesti, l'uomo comune non si cura profondamente , cosa e quale sistema, se non altro senza shock. Personalmente, io, essere il mio potere, ho reinsediato tutti gli umanisti, i liberali, i verdi e solo gli omosessuali sulla luna - lasciamo che dividano l'elettorato ed estraggano l'elio-3. E la storia è così: quello che era, non puoi più fare quello che era prima.
    1. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 7 November 2020 14: 30
      +4
      E la storia è così: quello che era, non puoi più fare quello che era prima.

      Ma devi saperlo. Perché "non c'è storia - non ci sono persone".
      Bene, esperienza. Con un esempio vivente in Ucraina, le persone sono state coinvolte nel Maidan in Bielorussia. Ho sempre avuto un'opinione migliore dei bielorussi.
    2. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
      Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 7 November 2020 15: 58
      -4
      Citazione: Berkham Ali-Tyan
      E la storia è così: quello che era, non puoi più fare quello che era prima.

      La storia di una ragazza corrotta al potere. Soprattutto in Russia, in un paese con una storia imprevedibile.
  4. passando per Офлайн passando per
    passando per (passando per) 7 November 2020 19: 05
    0
    Quelli vicini al Partito Comunista - tutti i tipi di figli, nipoti e amanti dei segretari del comitato regionale - non sono tutti russi. Zyuganov probabilmente corre all'ambasciata americana per nutrire la Russia con le gambe di Bush? risata in aneto, l'azienda ha piegato le prime gambe davanti al banderlog. tutti i tipi di farioni non erano le ultime persone sotto il comunismo.
  5. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
    Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 8 November 2020 02: 15
    -4
    La gente allora andava dai comunisti non per un dolce pezzo, una sedia morbida o una rapida carriera, ma per il diritto di essere il primo a sollevarsi sotto i proiettili nemici o ad assumersi un fardello più pesante. Chiunque affermi il contrario sta mentendo spudoratamente e marcirà la memoria di persone la cui polvere dai loro stivali logori non vale la pena.

    Niente del genere - visto che il potere sovietico, contrariamente a numerose previsioni, è venuto sul serio e per lungo tempo, tutti gli stessi carrieristi, opportunisti e persino nemici diretti si sono precipitati nelle file del Partito Comunista.

    Capisco correttamente l'autore

    mente spudoratamente e rovina la memoria di persone la cui polvere dai loro stivali logori non vale la pena?

    Questa decisione è stata presa per il fatto che, poiché i compiti iniziali, per amore dei quali è stato creato il movimento, erano la realizzazione di una rivoluzione prima borghese e poi proletaria,

    Oh anno di maggio! I bolscevichi hanno commesso una rivoluzione borghese? Questa è una nuova parola nella scienza storica!

    Dopodiché, rimaneva solo un culto esagerato e completamente vuoto, ma non c'erano più personalità.

    Questo è l'eterno problema delle dittature del leader; dopo la morte del leader, tutto cade a pezzi. La cosa divertente è che la colpa del crollo di solito è del defunto leader, che ha progettato l'intero sistema di potere per se stesso e non è stato in grado di creare un meccanismo funzionante per il transito del potere. L'URSS ha resistito a lungo.

    È un dato di fatto, queste sono le ragioni che hanno causato ciò che il nostro triste capo "democratico" chiama in lacrime "repressioni staliniste", e lo chiameremo così com'è - mettere le cose in ordine e pulire duramente i ranghi da traditori, doppio gioco e persone a caso.

    Prima ancora l'autore

    mente senza vergogna e rovina la memoria di persone di cui non vale la polvere dei loro stivali logori

    - e in secondo luogo, non conosce bene l'argomento.
    La stragrande maggioranza delle vittime del terrore del 37-38 furono reclutate lungo la cosiddetta linea "kulak", chiaramente non c'erano comunisti, e lungo le linee "nazionali", per lo più polacchi. Delle 1,4 vittime della repressione (la metà sono state fucilate), meno di 100mila comunisti, non ricordo esattamente.

    PS Nella realtà moderna della Federazione Russa, è ardito esaltare un partito che ha combattuto per la sconfitta del suo paese nella guerra e ha collaborato con il nemico.
    PSS Ci sono grandi dubbi sul fatto che Stalin fosse un devoto comunista.
    PSSS L'autore ha una certa confusione nell'articolo. Poi

    Chiunque affermi il contrario sta mentendo spudoratamente e marcirà la memoria delle persone

    che

    I partiti comunisti "si sono precipitati" in massa tutti gli stessi carrieristi, opportunisti

    il

    infatti non c'era più

    che

    la distruzione del PCUS è stata effettuata in modo sistematico e graduale

    PSSSS Siamo continuamente guidati da comunisti o ex comunisti dal 1917 al 2020, quindi per quanto sta accadendo nel nostro paese possiamo ringraziare il PCUS in tutte le sue forme.
  6. Galina Medvedeva Офлайн Galina Medvedeva
    Galina Medvedeva (Galina Medvedeva) 8 November 2020 11: 18
    +1
    Nel 1985, mio ​​padre, Eroe dell'Unione Sovietica, morente, disse che l'URSS NON era rimasto a lungo da vivere ... NON erano i comunisti a governarla al potere, ma quelli che tradivano gli ideali del paese, che lui avrebbe messo contro il muro ...
  7. Dzafdet Офлайн Dzafdet
    Dzafdet (Sergey) 8 gennaio 2021 09: 48
    0
    Dove sono i soldi della festa che Ligachev sa. Prima del crollo dell'Unione, fece un volo speciale intorno alle repubbliche e diede istruzioni ..
  8. Alexander Zhukov Офлайн Alexander Zhukov
    Alexander Zhukov (Alexander Zhukov) 14 gennaio 2021 11: 48
    +2
    L'autore ha assolutamente ragione. Il Partito Comunista è stato rovinato dai privilegi. Dove ci sono privilegi, ci sono sempre cacciatori per ottenerli. I lavoratori del partito non vivevano in povertà nemmeno nella Leningrado assediata. La disintegrazione del partito non è iniziata affatto con Krusciov. Sotto di lui, il processo ha semplicemente assunto una scala enorme.
  9. Il commento è stato cancellato
  10. igor.igorev Офлайн igor.igorev
    igor.igorev (Igor) 16 gennaio 2021 22: 19
    0
    Sono molto soddisfatto della rimozione del PCUS dal potere. Questi hanno distrutto la Grande Russia. Sono molto contento del crollo dell'URSS. Alla fine, la Russia ha respirato liberamente e ha gettato via 14 hick dalle sue spalle, che si sono aggrappate alla Russia e hanno bevuto tutti i succhi.