Perché gli Stati Uniti stanno collegando il proprio Corpo dei Marines alla caccia ai sottomarini russi


"Cold War-2" nel Vecchio Mondo sta raggiungendo un nuovo livello. Gli Stati Uniti intendono intensificare la loro caccia ai sottomarini russi collegando il loro Corpo dei Marines (ILC) a questo. Presumibilmente, la presenza militare americana in Norvegia aumenterà solo in seguito.


Il comandante dell'ILC, il generale David Berger, sulle pagine di una pubblicazione militare specializzata, ha dichiarato in chiaro quanto segue:

Il combattimento sottomarino sarà così critico nell'estremo nord e nel Pacifico occidentale che il Corpo dei Marines dovrebbe farne parte.

Da questa proposta si possono trarre diverse conclusioni: gli Stati Uniti considerano la regione artica di fondamentale importanza; temono non tanto la nostra flotta di superficie quanto quella dei sottomarini; sono pronti a combatterlo in ogni modo possibile. Il combattimento è inteso come un insieme di misure per il loro rilevamento preventivo e scorta con l'obiettivo di distruzione in qualsiasi momento dopo aver ricevuto l'ordine appropriato.

Ad oggi, la minaccia più reale per la Marina degli Stati Uniti è rappresentata da una serie di sottomarini nucleari russi Progetto 885 M "Yasen-M". I loro missili da crociera dovrebbero affondare navi da guerra e convogli che lasciano il territorio statunitense per aiutare gli alleati della NATO in Europa in caso di ostilità. Al fine di monitorare l'entrata dei sottomarini nucleari della flotta nucleare russa nell'Atlantico, gli americani hanno creato durante la Guerra Fredda-1 un'intera linea di difesa sottomarina composta da molti idrofoni. Tuttavia, il loro sistema SOSUS è obsoleto e non soddisfa più adeguatamente le sfide moderne, quindi è stato in gran parte messo fuori servizio e passato al funzionamento automatico.

Ora il Corpo dei Marines degli Stati Uniti sarà coinvolto nella ricerca dei nostri sottomarini. I marines statunitensi inizieranno a installare boe radio di tipo DIFAR e schiere di idrofoni associati alle basi costiere della NATO. Dopo aver ricevuto un segnale, si eserciteranno a inseguire i sottomarini russi e a puntare contro di loro combattenti navali. La stretta interazione tra la US Navy e l'ILC creerà un ulteriore grattacapo per il Ministero della Difesa RF. Sfortunatamente, queste non sono le uniche nuove minacce.


Molto probabilmente, il Pentagono sta usando questo pretesto per aumentare la sua presenza in Norvegia. Ricordiamo che dal 1949 questo paese del nord ha condotto politica di il divieto di dispiegamento di basi militari straniere sul loro territorio. Tuttavia, dopo gli eventi in Crimea e nel Donbass, Oslo ha chiesto a Washington di contribuire a garantirne la sicurezza. In risposta, 700 marines statunitensi furono schierati in Norvegia, il che causò grande dispiacere a Mosca. Ricordiamo che durante la "Guerra Fredda-1" uno dei compiti dell'ILC nell'Artico era la cattura o la distruzione delle basi militari sovietiche, le attività di sabotaggio e il dispiegamento operativo degli aeroporti.

Lo scorso agosto, Washington ha deciso di ritirare quasi tutti i suoi Marines dalla Norvegia per ridistribuirli nei paesi asiatici, dove devono rafforzare il contenimento della RPC. Tuttavia, poi Oslo ha detto che in qualsiasi momento per lo svolgimento di esercizi su base rotazionale, il loro numero potrebbe essere nuovamente aumentato. Durante questo periodo, le forze della NATO nella regione supereranno in numero significativo i 700 Marines ritirati dagli americani. A giudicare dalla dichiarazione del comandante del corpo, ora tali "esercitazioni" si terranno costantemente, il che significa che la potenziale minaccia per la flotta settentrionale della Federazione Russa aumenterà dalla Norvegia.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) 7 November 2020 16: 14
    +3
    Tutto è come al solito. sorriso Una ricerca infinita di chi, dove e quali problemi o minacce possono crearci, reali e immaginari. strizzò l'occhio
  2. Dimy4 Офлайн Dimy4
    Dimy4 (Dmitry) 7 November 2020 18: 18
    0
    Non sono uno specialista, ma che tutti questi sistemi non possono essere eliminati in qualche modo e poi smontati con le mani?
    1. Generale Black Офлайн Generale Black
      Generale Black (Gennady) 8 November 2020 12: 21
      +1
      Quindi i marines si romperanno. Ora ci sono una dozzina di persone dotate ed esperte di tecnologia.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 7 November 2020 20: 42
    -1
    Questa è una notizia normale, solo che è presentata in modo strano.
    Per dirla semplicemente: il nuovo sistema di sensori non sarà installato dai tecnici, ma dai marines.
    Allo stesso tempo, si eserciteranno.