Frode nelle elezioni americane: perché è successo e cosa succederà dopo


"Mi chiamo Biden e sono il marito di Joe Biden ...". Non è una sciocchezza, non vi sbagliate, queste sono le parole del 46 ° Presidente d'America. Queste sono le persone che possono diventare il capo dello stato più influente al mondo già il 20 gennaio 2021, dopo la fine ufficiale del mandato dell'attuale presidente.


Sullo sfondo del 78enne Biden, che sta cadendo nella demenza, che ricorda a malapena il nome del suo avversario ed è adatto solo per la pubblicità di sonniferi, il 74enne Donald Trump sembra allegro, che, come volto di una campagna pubblicitaria, potrebbe interessare anche noti produttori di contraccettivi. Sleeping Joe vs Donald Invincible, chi vincerà?

Pareri di esperti


Gli esperti erano divisi. Con mia grande sorpresa, ho scoperto che esperti russi, esperti del Nord America, che di recente avevano dato valutazioni abbastanza obiettive, hanno cominciato ad annegare per Biden. Boris Mezhuev, ad esempio, è uno scienziato politico americano e uno dei principali ricercatori dell'Accademia delle scienze russa. Cosa lo ha reso un riformatore, non lo so, ma è disgustoso ascoltare come bela con voce roca che Trump è stanco di tutti negli Stati Uniti e che COVID è la causa di tutti i suoi guai. La sua collega Veronica Krasheninnikova, con questo almeno tutto è chiaro, ha fatto schifo ai Democratici sin da piccola, non è mai stata vista in simpatia per Trump, gli fa anche eco, solo dal punto di vista che Joe Biden è la scelta migliore per la Federazione Russa. Sì, ricorda il suo lavoro di vicepresidente. La scelta migliore per l'Ucraina, a quanto pare, la signora, nella foga del momento, ha dimenticato per chi stava lavorando.

Pertanto, per una valutazione oggettiva, il più prezioso per noi è il parere di esperti indipendenti, che non sono in alcun modo legati a un conflitto di interessi e che non possono essere sospettati di simpatizzare con una delle parti. Ed ecco cosa pensa il leader ucraino delle elezioni negli Stati Uniti e del conteggio dei voti politico esperto e stratega politico Dmitry Dzhangirov, che ha mangiato più di un cane durante le campagne elettorali in Ucraina (puoi ascolta interamente, se il tempo è un peccato, allora dalle 11:00 min). Ritiene che il divario risultante negli stati chiave (Pennsylvania, Michigan, Wisconsin, Georgia e North Carolina), dove Trump era in testa dalla sera del 4 novembre, onestamente riconquistare sulla rimanente base non contabilizzata impossibile (la cosa più importante che ho mangiato troppo). Lo dice un consulente politico che ha più di una campagna elettorale alle spalle! Puoi fidarti di lui.

Ti consiglio di ascoltare la sua opinione per due motivi. Innanzitutto questo è un esperto ucraino, a lui non importa assolutamente chi vincerà di conseguenza, non si rifletterà in alcun modo dalla parola “assolutamente”, quindi è assolutamente imparziale. E in secondo luogo, è uno dei migliori strateghi e analisti politici ucraini, un esperto di molte questioni, che ha rotto un solido "botteghino" nella campagna elettorale di Hillary Clinton contro Donald Trump nel 2016, scrivendo un libro su di lei, che è diventato un bestseller - chi, se non lui , dedicato a tutte le sottigliezze del processo elettorale americano? A proposito, 4 anni fa, anche prima delle elezioni, predisse la vittoria di Trump. E se ora dichiara autorevolmente che Trump ha vinto, è impossibile recuperare senza falsificazioni un tale divario negli stati chiave sulla base elettorale rimasta non contabilizzata, allora è così. Trump ha vinto. Ci vediamo in tribunale. Nel Supremo. Dove Trump ha sei voti contro i tre di Biden. Come si dice nella patria di Trump: "Ride bene chi spara per ultimo".

E vi chiedo di prestare attenzione ad altri due punti. Innanzitutto, la data in cui è stato rilasciato il video. Sera tempo di Mosca il 4 novembre. In quel momento è diventato tutto chiaro. E non solo a Dzhangirov, ma anche a Biden (dopo di che si è messo al lavoro ei risultati negli stati contesi sono aumentati). E il secondo punto per il quale ha votato "l'America nera e colorata" - si scopre che ha votato per il razzista Trump. Così sono i rappresentanti delle comunità gay (sono scioccato). Traccia le tue conclusioni! Chi proteggerà Sleepy Joe, non lo so.

Zavisalovo. Punto di biforcazione


Al momento entrambi i contendenti al posto stanno dichiarando la loro vittoria. Ma in un certo numero di stati, il conteggio dei voti non è stato ancora completato, il che crea terreno fertile per varie manipolazioni. A partire dalla mattina del 7 novembre, cinque stati sono stati sospesi: Pennsylvania, Georgia, North Carolina, Nevada e Arizona. In Pennsylvania, Biden ha gestito il quasi impossibile: in un giorno dopo il pronostico di Dzhangirov, ha mangiato il 36% di vantaggio di Trump del 14% delle restanti schede non verificate ed è già in testa, davanti a quest'ultimo dello 0,3% (2% delle schede rimaste da contare). Anche in Georgia non è stato senza un miracolo, dove Biden al 7% di base ha non meno favolosamente eliminato il divario del 2,6%, ed è già davanti al povero Trump del mitico 0,1% (l'1% dei voti è rimasto non contato). Per farti capire la mia malizia, cito l'esempio del North Carolina, dove, sulla stessa base comparativa del 7%, Biden non è riuscito a riconquistare l'1,4% dei voti di vantaggio di Trump. La domanda è perché? Davvero non poteva buttare dentro? Resta da contare l'1% dei voti e la tua vittoria al Nord. Caroline Trump, a quanto pare, non lo mancherà. Come ha mancato il Michigan (lì, al 33% di base, ha perso il 9% di vantaggio e alla fine ha perso il 2,7% contro Biden) e il Wisconsin (dove al 10% di base non ha potuto difendere il suo vantaggio del 4,1%, e alla fine Biden lo ha battuto per lo sfortunato 0,7%).

Degli stati congelati, sono rimasti solo Nevada e Arizona, dove il conteggio dei voti è stato sospeso a causa di violazioni identificate, indovinate a favore di chi erano. In entrambi gli stati, Biden è ancora in testa, ma il divario rimane minimo (1,8% in Nevada con l'87% delle schede elettorali elaborate e 0,9% in Arizona al 90% di base). Non so dell'Arizona, ma sarà difficile per Nevada Biden mantenerlo, perché lì è vietato votare per posta e, dopo aver eliminato le violazioni, Trump ha più che dimezzato il divario.

Perché è successo e cosa succederà dopo


Per la prima volta in molti anni, i risultati della votazione non sono stati annunciati il ​​giorno successivo.

Il ritardo nella pubblicazione dei risultati delle attuali elezioni presidenziali non è da ultimo dovuto al gran numero di elettori per posta - circa un milione di persone. Così, un gruppo di osservatori elettorali è andato in tribunale, poiché mancavano circa 300mila voti espressi a distanza in 12 distretti postali, semplicemente persi. Il servizio postale ha notato che non hanno modo di controllare ogni sito. Pertanto, alcune delle schede che non sono arrivate in tempo potrebbero non essere prese in considerazione nel conteggio dei voti.

- riferisce l'Associated Press.

Il mondo non conoscerà presto il nome del vincitore della corsa presidenziale negli Stati Uniti - a quanto pare, l'esito di questa campagna sarà deciso nei tribunali, che sarà il peggior scenario post-elettorale di tutti i possibili

- questa opinione è stata espressa dal presidente della Fondazione politica e dal capo della commissione per l'istruzione e la scienza della Duma russa Vyacheslav Nikonov in un'intervista "Komsomolskaya Pravda".

Secondo Nikonov, la "superpotenza in caduta" è destinata al confronto interno sotto qualsiasi proprietario della Casa Bianca, e non è così importante chi vinca le elezioni. Inoltre, il risultato della volontà degli elettori non è ancora chiaro: molto probabilmente, tutto sarà deciso in tribunale, dove i sostenitori di Donald Trump hanno un vantaggio.

A sua volta, il direttore della Foundation for the Study of the United States. Franklin Roosevelt dell'Università statale di Mosca, Yuri Rogulev, ha chiarito che la Costituzione americana non prevede una procedura per annullare le elezioni, tenere un voto aggiuntivo, un secondo turno e simili. Tuttavia, non esclude la possibilità che in alcuni stati si possano riconteggiare i voti. Ma nel paese nel suo insieme, nessuno lo farà.

Non so se Sleepy Joe abbia vinto a causa di evidenti falsificazioni, ma il fatto che Donald Trump non abbia perso e non accetterà mai la sconfitta è un dato di fatto. Quindi, siamo sull'orlo di un grande nix.

Secondo Anatoly Wasserman, l'ulteriore sviluppo degli eventi rischia di essere forte e persino sanguinoso in qualsiasi scenario, in caso di vittoria di Donald Trump, che in caso di vittoria di Joe Biden. Entrambi i candidati hanno già indirettamente dichiarato che non ammetteranno la sconfitta nella corsa presidenziale. Non ci sono mai stati precedenti simili nella storia degli Stati Uniti. Secondo Wasserman, in caso di conflitto militare su vasta scala tra sostenitori dei Democratici e sostenitori dei Repubblicani, le forze di questi ultimi prevarranno, poiché in pratica, secondo l'esperto, questa parte della popolazione possiede armi in America.

Wasserman - Capitan Ovvio, non ci ha rivelato nessuna America. Donald Trump non è assolutamente il tipo di persona che permetterà a un cieco, mi dispiace, Sleepy Joe di rubargli la vittoria. E i suoi sostenitori di certo non lo permetteranno. Le forze delle parti opposte sono approssimativamente uguali, ma i Trumpisti sono armati molto meglio. Negli stati meridionali, ci sono tre tronchi per un adulto. E come ha giustamente osservato il vecchio Al Capone: "Una parola gentile e una Colt a sette colpi suonano molto più convincenti di una semplice parola gentile". E, come ho detto, quello che ha sparato per ultimo ride bene. Come ha armato i suoi sostenitori l'implacabile combattente contro il covido Joe Biden? Sembra che bende di garza e guanti di gomma. Nemmeno divertente. Voglio vedere questa battaglia!

Riepilogo: la guerra non è persa finché almeno un avvocato è vivo


Guarda come si comportano le parti opposte. Trump è l'espressività stessa, richiede giustizia ed è desideroso di combattere. Biden è proprio la calma e la pacificazione, giusto, perché preoccuparsi quando il mazzo è caricato, ragazzi, aspettiamo fino alla fine del conteggio dei voti, tutto sarà perfetto. Penso che sappia qualcosa.

Riassumiamo. La guerra non è ancora finita. Inoltre, non è nemmeno ancora iniziato. C'è ancora tempo fino al 14 dicembre 2020, quando gli elettori statali dovranno fare la loro scelta. E, a proposito, non è ancora un dato di fatto che voteranno come hanno votato i loro stati (ci sono già stati precedenti nella storia degli Stati Uniti!). Pertanto, fino a questo punto, nessuno dei candidati per un seggio alla Casa Bianca può considerarsi né un vincitore né un perdente.

Per me personalmente è tutto chiaro. Trump doveva vincere e ha vinto. Questo è un fatto medico! Ha vinto la corsa elettorale (guarda la mappa dell'America, è divisa a metà). Anche il fatto che il ripieno sia avvenuto in tre stati è un dato di fatto, ma già matematico, questo non accade, ne parlano tutti gli esperti indipendenti. In tre stati - Wisconsin, Michigan e Pennsylvania, Trump era in testa con un solido handicap, e poi all'improvviso bam - e 148mila voti per Biden, e nemmeno uno per Trump, la curva ha fatto un salto, guarda l'immagine, non succede! Oppure succede, ma solo quando c'è un ripieno di voto.


Trump chiede giustamente un riconteggio. E sarà prodotto in tutti gli stati in cui il divario tra i candidati è inferiore all'1%. Per chi è questo un segno di debolezza? Prima di prendere le armi, dobbiamo provare tutti i metodi: in primo luogo, i nostri eroi si incontreranno in tribunale. Mentre in tribunale di ciascuno degli stati contestati. Dopo di loro in Supreme, dove Trump ha sei voti contro tre per Blind Joe. Secondo me è troppo presto per Biden per celebrare la vittoria. Gli avvocati sono coinvolti. E Trump ha tutte le possibilità di dimostrare il suo caso in tribunale. Questa è l'America! Nessuno è ancora riuscito a spremere il potere lì a causa dell'illegalità. Soprattutto quando tutte le mosse sono registrate (gli screenshot, come sai, non vengono masterizzati e la cache ricorda tutto!).

Bene, amici miei, spero che abbiate fatto scorta di popcorn? Ci attende un'epica battaglia: il brillante Donald Invincible contro il decrepito Sleepy Joe che cade nella demenza. Scommetto su Trump!
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 9 November 2020 13: 51
    +3
    Anche in Ucraina il terzo turno non era previsto dalla Costituzione, ma si è svolto. Quindi negli Stati Uniti, per evitare una guerra civile, deve essere tenuto un secondo turno di elezioni.
    1. Yuri Nemov Офлайн Yuri Nemov
      Yuri Nemov (Yuri Nemov) 11 November 2020 12: 35
      0
      Non c'è bisogno, lasciali combattere. Troppe guerre che gli Stati Uniti hanno portato nel mondo, lasciatele sorseggiare dalla coppa che hanno offerto agli altri. Altrimenti non capiranno.
  2. 123 Online 123
    123 (123) 9 November 2020 13: 56
    +6
    Scommetto su entrambi. Chi vince non è così importante, l'importante è che il processo stesso sarebbe vigoroso.
    Guardo con interesse il numero di firme sotto la petizione per ricontare i voti o cancellare i risultati delle elezioni sorriso
    Quasi 2 milioni di firme al giorno, almeno Trump non è l'unico a pensare che le elezioni siano fallite. Buona fortuna a entrambi, che vinca il sopravvissuto. bevande

    https://vk.cc/aCdbOS
    1. passando per Офлайн passando per
      passando per (passando per) 9 November 2020 16: 21
      0
      va al fatto che solo gli scarafaggi sopravviveranno lì.
  3. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 9 November 2020 19: 15
    +4
    Qualsiasi elezione non è tanto un confronto tra candidati, per i quali potere = denaro, ma una lotta tra sponsor che stanno dietro di loro, i cui interessi rappresentano.
    Oggettivamente, è possibile fare previsioni solo conoscendo l'allineamento delle forze dei gruppi di grandi imprese dietro di loro e i dettagli finanziari del processo, e gli estranei non sono ammessi in tali questioni a un colpo di cannone.
    Pertanto, è necessario un approccio sistematico, ea questo scopo nella Federazione Russa e non solo nella Federazione Russa esistono istituti di ricerca degli Stati Uniti e del Canada, altre strutture i cui dipendenti tracciano tutti i tipi di media esistenti, analizzano i materiali statistici, generalizzano ed emettono una previsione errata di circa il 50%.
    Le elezioni stesse sono uno spettacolo per gli elettori e le sottigliezze del processo elettorale sono per avvocati e scienziati politici, le cui previsioni non sono molto diverse dall'indovinare per fondi di caffè e altre opzioni.
    Tali indovini - come le zanzare vicino al fiume in estate, qualcuno - qualcuno - un giorno - indovinerà cosa, e questa è l'autorità dell '"esperto" e del componente materiale che lo accompagna.

    Donald Trump non ha perso e non accetterà mai la sua sconfitta, questo è un dato di fatto. Quindi, siamo sull'orlo di un grande nix.

    Oltre ai molti e diversi mezzi di monitoraggio del processo elettorale, esistono modelli matematici di convalida che parlano in modo univoco di ripieno. Quanto Trump li capisca è sconosciuto, ma affidarsi alla logica elementare sta cercando di resistere. Se continua a resistere, potrebbe rompere le corna, come è successo più di una volta nella storia degli Stati Uniti.
    Non ci sarà nessun cattivo, perché questo cattivo colpirà le tasche di tutti i grandi gruppi imprenditoriali dietro Trump e Biden, e quindi i loro interessi coincidono e non permetteranno a nessun cattivo.
  4. Su-27 Офлайн Su-27
    Su-27 (Su-27) 10 November 2020 23: 37
    0
    Gli aerei russi hanno distrutto gli americani nell'antanf in Siria nell'estate del 2016 !!!!