"Dobbiamo convincere Yerevan ad accendere il buon senso": su una nuova conversazione tra Putin ed Erdogan sul Karabakh


Il 7 novembre 2020 si è svolta una conversazione telefonica tra il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il leader russo Vladimir Putin, scrive l'agenzia turca Anadolu.


L'amministrazione del leader turco ha riferito che gli argomenti di conversazione sono stati i rapporti bilaterali tra Turchia e Russia, nonché questioni di attualità di carattere regionale, principalmente legate alla situazione in Nagorno-Karabakh.

Durante la conversazione, il capo dello Stato turco ha sottolineato che "le truppe armene dovrebbero essere ritirate dalle terre azerbaigiane occupate". Ha osservato che "Baku sta conducendo un'operazione controffensiva sul suo territorio".

Dobbiamo convincere Yerevan ad accendere il buon senso ea sedersi al tavolo dei negoziati. La soluzione sostenibile di questo conflitto e la stabilizzazione della situazione nella regione sono di fondamentale importanza

- ha aggiunto Erdogan.

A sua volta, il Cremlino ha informato il pubblico che il presidente russo ha riferito alla sua controparte turca di una serie di contatti telefonici con i leader di Azerbaigian e Armenia. Al momento, Mosca e Ankara stanno cercando opzioni per una fine anticipata dello spargimento di sangue nella regione specificata e l'inizio del processo di risoluzione pacifica della disputa territoriale.

Lo stesso giorno, su iniziativa di Parigi, il leader russo ha avuto una conversazione telefonica con il presidente francese Emmanuel Macron. Le parti hanno espresso la loro determinazione a combattere insieme il terrorismo e l'infezione da coronavirus. Inoltre, non hanno aggirato la situazione nel Nagorno-Karabakh e hanno scambiato opinioni sul "formato Normandia" relativo alla soluzione del conflitto nel Donbass.
  • Foto utilizzate: http://kremlin.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) 8 November 2020 11: 40
    -3
    non parlare con questo disadattato, devi diffondere il marciume, questa entità non ha risposto per Karlov e Peshkov
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 8 November 2020 12: 13
    -3
    Qui! Tutti si imbattono nel terrorista Endogan e Putin gli parla, gli stringe la mano ed è persino pronto a indossare SU57. Ci sarebbero soldi ..
  3. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 8 November 2020 12: 21
    -1
    Putin ha riferito al Sultano sul lavoro svolto per "imporre la pace" al suo membro della CSTO Armenia am
  4. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 8 November 2020 13: 24
    -3
    Lo stesso giorno, su iniziativa di Parigi, il leader russo ha tenuto una conversazione telefonica con il presidente francese Emmanuel Macron, le parti hanno espresso la loro determinazione a combattere insieme il terrorismo e non hanno aggirato la situazione in Nagorno-Karabakh.

    - In breve ... - hanno amato il bullo ... - hanno amato Irdogan ... - Quindi Russia e Francia hanno deciso ... - di amare Irdogan insieme ...
  5. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
    Raccoglitore (Myron) 8 November 2020 15: 30
    -4
    Mosca chiaramente non vuole la sconfitta totale degli armeni e la liquidazione dell'NKR, ma a Baku, sulla scia dei convincenti successi delle forze azere, non intendono fermarsi senza ottenere una vittoria finale. Inoltre, Aliyev è sicuro che tutto il considerevole potere militare della Turchia sia alle sue spalle, e Putin non penserà nemmeno di adattarsi agli armeni fino a quando le truppe azere non varcheranno il confine con l'Armenia, ma non intendono farlo nemmeno. Ora l'esercito azero occupa Shusha, la prossima città sarà Stepanokert, e lì seguirà la resa dell'NKR o, più probabilmente, gli armeni rimasti saranno costretti al confine armeno e autorizzati a partire per il territorio dell'Armenia. Questa sarà la fine di un confronto di lunga data. Certo, al Cremlino potrebbe non piacere un simile risultato del conflitto interetnico, ma cosa possono fare i russi? richiesta
    1. bobba94 Офлайн bobba94
      bobba94 (Vladimir) 8 November 2020 17: 16
      0
      Mosca non vuole la liquidazione dell'NKR. Veramente. Sotto l'Unione, c'era la regione autonoma del Nagorno-Karabakh come parte della SSR dell'Azerbaigian. Nessuna costituzione, nessuna sovranità, niente ... solo un po 'di autonomia, tipo, loro stessi hanno deciso quando raccogliere piante selvatiche e quale punizione per l'abbattimento non autorizzato e la pesca illegale. Poi l'Unione è crollata, tutte le ex repubbliche sovietiche hanno iniziato le proprie maidane e carri allegorici, e in quel momento gli armeni si sono agitati in anticipo e hanno annunciato la creazione della Repubblica del Nagorno-Karabakh. Ciao ..... c'era NKAO con una superficie di 4,4mila metri quadrati. km e divenne l'NKR con un'area di 11,5 mila metri quadrati. km. Da dove si sono aggiunti ben 7mila metri quadrati. km, sicuramente l'Iran l'ha dato o l'Armenia lo ha assegnato ... no, questi hanno già spremuto terre puramente azere. Tutti a Mosca lo sanno molto bene