Come Trump potrebbe provare a rimanere alla Casa Bianca


L'elezione del 46 ° Presidente degli Stati Uniti ha il diritto di rivendicare lo status di più scandaloso. C'è una forte impressione che abbiamo tutti assistito alla cospirazione delle élite occidentali per rimuovere dal potere lo scomodo Donald Trump. Ora nessuno cercherà di rendere di nuovo grande l'America, ma niente di buono per gli altri paesi, inclusa la Russia, lo farà.


Tutte le principali previsioni sugli eventi negli Stati Uniti si basavano sul fatto che il repubblicano, anche se con un piccolo margine, avrebbe vinto, ei democratici gli avrebbero strappato il potere rilasciando folle di militanti nelle strade, mettendo in scena una versione locale della "rivoluzione colorata". L'errore è stato quello di sottovalutare fino a che punto il Partito Democratico degli Stati Uniti era disposto ad andare. Anche la stampa americana è piena di notizie di falsificazioni e di imbrogli a favore di Joe Biden attraverso un sistema di voto per corrispondenza creato appositamente per questo scopo. Non sorprende che negli Stati chiave per la vittoria, i Democratici abbiano prevalso con questo approccio. Tutti i loro partner stranieri si sono subito precipitati a prestare il "giuramento vassallo" a Biden, congratulandosi con lui per la vittoria. I media occidentali chiedono all'unanimità a Donald Trump di andarsene "in modo amichevole". Sua moglie Melania ha immediatamente annunciato la sua disponibilità a chiedere il divorzio.

I repubblicani si sottometteranno obbedientemente a questa massiccia pressione psicologica? Ha ancora un paio di carte vincenti in magazzino, ma sarà in grado di usarle?

In primo luogo, questa è la Corte Suprema. Ricordiamo che Trump ha poco più di un mese per appellarsi alla Corte Suprema degli Stati Uniti, dove il suo partito ha una posizione forte, contro quei voti che considera "gettati dentro". Ai tribunali di quegli stati dove c'erano "fluttuazioni" sospette, questo diritto gli è stato negato. Se il presidente continua a combattere, ha ancora la possibilità di rimuovere i voti "contorti" da Biden, se, ovviamente, può dimostrarlo in modo convincente.

In secondo luogo, il capo di stato in carica può provare a fare appello ai suoi elettori, che, a suo avviso, hanno rubato una vittoria. Dal momento che entrambi i candidati si sono affrontati, questa è la metà della popolazione del paese, che vive in modo abbastanza compatto nel Midwest. Biden è sostenuto principalmente dagli stati su entrambe le coste. La "strada" può fare molto, soprattutto se gestita dalla Casa Bianca. Ma il problema è che i Democratici hanno già organizzazioni ben strutturate come BLM e Antifa, che si riterranno autorizzate a difendere la vittoria del loro presidente. Donald Trump può "fondersi" pacificamente e andarsene tranquillamente, oppure può continuare a combattere con la forza per il futuro dell'America. E qui molto dipenderà dalla posizione dei funzionari della sicurezza.

Il Pentagono non può permettersi di lasciare che gli Stati Uniti si dividano in due campi di guerra, poiché ciò minerebbe il suo potenziale militare. Ma da che parte prenderanno le forze armate? "Presidente" Joe Biden, eletto in circostanze dubbie che minano la sua legittimità? O il "papero zoppo" Donald Trump, che ragionevolmente sostiene che la vittoria gli sarebbe stata rubata?

Se il repubblicano dimostra di essere un vero combattente, continuerà a lottare per la Casa Bianca. Questo è irto di conflitti civili, con la possibilità di una guerra civile tra il Midwest ed entrambe le coste oceaniche, dove sarà determinato il futuro della superpotenza. Per gli oppositori degli Stati Uniti, questo sarà, da un lato, un "regalo", dall'altro - una maledizione. Niente unisce una nazione disunita più della necessità di affrontare all'unanimità un nemico esterno. Per Russia e Cina, la resa dei conti interna americana potrebbe benissimo sfociare in un conflitto a tutti gli effetti con gli Stati Uniti. Certo, non si parla di guerra nucleare, ma Washington inizierà a dare fuoco attivamente a tutte le frontiere russe e cinesi: Ucraina, Georgia, Stati baltici, Hong Kong, Taiwan e altri punti sulla mappa problematici per Mosca e Pechino, fornendo assistenza militare ai loro oppositori.

Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. dilettante Офлайн dilettante
    dilettante (Victor) 9 November 2020 15: 05
    0
    Nel giardino di sambuco, e a Kiev, zio

    Cosa deve fare la resa dei conti intra-americana

    ma Washington inizierà a incendiare attivamente tutte le frontiere russe e cinesi: Ucraina, Georgia, Stati baltici, Hong Kong, Taiwan e altri punti problematici per Mosca e Pechino sulla mappa, fornendo assistenza militare ai loro oppositori.

    Non avranno tempo per la politica estera
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 9 November 2020 15: 14
      0
      In realtà, tutto è masticato nell'articolo. sorriso Immagina, un normale ramo esecutivo ha diversi ministeri e dipartimenti, ognuno dei quali deve occuparsi della propria direzione.
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 9 November 2020 16: 58
    +1
    In breve. Nonostante il fatto che tutti i sondaggi di amerovskie abbiano sempre profetizzato la vittoria di Biden, i "meteorologi" domestici si sono nuovamente seduti in una pozzanghera e hanno cercato pignolosamente di giustificarsi, rilasciando ogni tipo di nuove previsioni in un flusso: "rubati", tribunali, militanti, il crollo degli Stati Uniti, ecc.

    Le previsioni del passato, più o meno le stesse a causa dei neri, sono già state dimenticate e cancellate.

    Non per l'aumento dei prezzi del cibo, ma per la corona ...
  3. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 9 November 2020 17: 04
    -1
    Per Russia e Cina, la resa dei conti interna americana potrebbe benissimo sfociare in un conflitto a tutti gli effetti con gli Stati Uniti. Ovviamente non si parla di guerra nucleare, ma Washington darà fuoco attivamente a tutti i confini russi e cinesi.

    - Il conflitto tra Russia e Stati Uniti ... un "conflitto a tutti gli effetti" - sarà semplicemente disastroso per la Russia ...
    - La Cina non è stata a lungo dalla parte della Russia e nel "grande gioco" ... - La Cina "si arrenderà" sempre alla Russia insieme alle frattaglie ... - Per la Cina, un nuovo gioco inizia con gli Stati Uniti .... e la Russia in questo "nuovo gioco" è per la Cina solo una merce di scambio ... -una semplice pedina che può sempre essere sacrificata ...
    - E, se prendiamo in considerazione la debolezza e l'arretratezza politica ed economica (e militare) odierna della Russia, per la quale anche la Turchia è diventata un "ostacolo insormontabile" in tutto e costringe la Russia a soddisfare gli interessi della Turchia ... contrariamente agli interessi della Russia ... mentre la Turchia si è già liberata vicino ai confini della Russia e sta per entrare nel Caspio; poi ... poi ... poi nel "nuovo grande gioco" tra Stati Uniti e Cina ... -La Russia interpreterà affatto il ruolo di una serva che dice: "Il cibo è servito" ...
  4. Strannik039 Офлайн Strannik039
    Strannik039 10 November 2020 02: 13
    +2
    Se negli Stati Uniti scoppia una guerra civile, gli yankees non avranno tempo per Georgia, Ucraina e Taiwan ... i loro problemi saranno pieni di bocche
  5. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 10 November 2020 11: 42
    +1
    Il procuratore generale William Barr ha incaricato i pubblici ministeri federali degli Stati Uniti di indagare sulle "accuse materiali" di irregolarità di voto prima della conferma delle elezioni presidenziali del 2020.

    https://www.theguardian.com/us-news/2020/nov/09/william-barr-vote-irregularities-donald-trump-election

    Il processo è già iniziato.

    Il leader della maggioranza al Senato McConnell non riconosce Biden come presidente eletto.
    Il presidente Trump ha il diritto al 100% di indagare su possibili irregolarità nelle elezioni statunitensi della scorsa settimana.

    Il video della performance è sul canale Telegram di Khazin.
    Cioè, il partito ha sostenuto Trump nella sua lotta per i risultati delle elezioni.
    È chiaro che Biden (cioè Kamala Harris) non si arrenderà facilmente.
    La guerra civile si avvicina. Presto non avranno più tempo per Russia e Cina.
    Trump ha appena sostituito il capo del Pentagono.
  6. Yurets Офлайн Yurets
    Yurets (Yury) 15 November 2020 19: 23
    +1
    Dobbiamo usare la pratica degli Stati Uniti: piazzare cecchini sui tetti delle case, e dopo un po 'vedremo il "trionfo della democrazia" - gli Stati Uniti si disuniranno ...