Fattore F-16: l'impronta turca nel conflitto armeno-azero


La sera del 9 novembre ha portato il tetro notizie... Come affermato nella dichiarazione del Ministero della Difesa RF:


Il 9 novembre, alle 17:30 circa, ora di Mosca, un elicottero russo di supporto antincendio Mi-24 è stato abbattuto da terra sul territorio dell'Armenia vicino al confine con l'Azerbaigian da un MANPADS non identificato, che stava svolgendo il compito di scortare un convoglio della 102a base militare russa. L'incidente è avvenuto nello spazio aereo dell'Armenia vicino all'insediamento armeno di Yeraskh vicino al confine con l'Azerbaigian. Come risultato di essere stato colpito da un missile terra-aria, l'elicottero ha perso il controllo ed è caduto in una zona montuosa. Due membri dell'equipaggio sono stati uccisi, uno è stato evacuato con ferite moderate all'aeroporto di casa. Attualmente, il comando della 102a base militare russa sta stabilendo l'identità dei tiratori.

Ad essere onesti, prima o poi ci aspettavamo questo o qualcosa di simile. Ci sono forze esterne estremamente interessate a coinvolgere la Federazione Russa nel conflitto in Nagorno-Karabakh. Stranamente, ma l'Azerbaigian era quello meno interessato. Ma era anche difficile aspettarsi provocazioni dall'Armenia, perché se questo fosse stato rivelato, avrebbero firmato una condanna a morte per se stessi. Inoltre, come dalla Federazione Russa, l'Armenia non ha nessun posto dove aspettare gli aiuti. La Federazione Russa lo ha già fornito di armi e munizioni, ufficialmente non partecipando al conflitto. Di chi siano le orecchie che sporgono dietro l'incidente, la CIA o l'MI6, è ancora difficile da dire, anche vista la situazione interna negli Stati Uniti, gravata dalle passate elezioni. I servizi speciali vivono la loro vita indipendente secondo il principio: "La guerra è guerra, e il pranzo è in programma", e anche il cambio dei presidenti non li riguarda, piuttosto sono loro che influenzano il loro cambiamento. Lasciamo quindi questa domanda fino a quando non saranno chiarite le circostanze del caso, e oggi parleremo della traccia turca nel conflitto in corso. Inoltre, l'abbattimento del nostro elicottero, molto probabilmente, potrebbe essere dovuto al sultano turco.

Cosa ci fanno gli F-16 turchi nella base aerea di Ganja?


Non molto tempo fa, Ilham Aliyev, in un'intervista al canale televisivo italiano Ria 1, è stato costretto a rispondere a una domanda difficile su cosa stiano facendo i caccia turchi F-16 in Azerbaijan al culmine della guerra con l'Armenia. In effetti, a differenza della Turchia, l'Azerbaigian non è un membro della NATO. E questo tipo di supporto militare da parte dei partner sarebbe possibile solo se entrambi i paesi facessero parte dell'Alleanza del Nord Atlantico.

La risposta del presidente azerbaigiano è stata sorprendente nella sua asimmetria, proprio nello spirito di Vladimir Putin:

Non diciamo quanti MiG-29 e Su-30 russi ci sono sul territorio dell'Armenia. Non parliamo del fatto che nella base armena di Gyumri siano dislocati 5 soldati russi - e secondo i nostri dati periodicamente da lì provengono rifornimenti alle forze armate armene, e questi sono fatti, al contrario di quanto si dice di noi.

Una simile risposta del presidente dell'Azerbaigian è stata sconcertante, poiché non c'era alcuna logica in essa. Perché l'Armenia e la Federazione Russa fanno parte di un unico esercitopolitico il blocco CSTO e, secondo il Trattato del 16 marzo 1995, una base militare russa è ufficialmente situata in Armenia. Lo stesso 102esimo a Gyumri. E il nostro esercito è legalmente presente in conformità con il Trattato sullo status giuridico delle forze armate della Federazione Russa situato sul territorio dell'Armenia, firmato il 21 agosto 1992, e la fornitura di armi e attrezzatura sono previste anche tra gli alleati, secondo il Trattato di sicurezza collettiva.

Va tenuto presente che Mosca, a differenza di Ankara, non ha aggiunto benzina al fuoco del conflitto armeno-azero. Non c'è un solo messaggio, anche da fonti distorte, che il sistema missilistico di difesa aerea Pantsir-S1 sia apparso in Nagorno-Karabakh, il che sarebbe molto utile lì. Come, appunto, il sistema di guerra elettronica Krasukha-4, che è in servizio con la 102a base, ma non è stato visto nella zona del conflitto. E sicuramente avrebbe risolto tutti i problemi con gli UAV turchi e israeliani, che sono in servizio con le forze armate azere e hanno inflitto danni devastanti all'esercito di difesa dell'NKR.

Ma la Russia si è comportata correttamente e non è intervenuta nella fase calda del conflitto. Non ancora intervenuto. In questa frase, la parola "bye" è la più importante. La 102a base è subordinata al comando del Distretto militare meridionale e svolge compiti di combattimento nel quadro del Sistema di difesa aerea congiunta della CIS. Dal maggio 1996, ha incluso la 3624a base aerea con uno schieramento nella città di Yerevan (aeroporto di Erebuni). A proposito, le informazioni di Ilham Aliyev sui nostri caccia Su-30 non corrispondono alla realtà, perché la 102a base è armata con sistemi di difesa aerea S-300, ci sono caccia MiG-29 ed elicotteri Mi-24P e Mi-8MT, ma non ci sono Su-30. Tuttavia, questo non elimina la domanda, cosa stanno facendo gli F-16 turchi alla base aerea di Ganja? Rimase senza risposta.

Anche il giornalista italiano non è stato soddisfatto della risposta ricevuta, dopodiché Aliyev ha dovuto dare spiegazioni:

Mi viene spesso chiesto: cosa ci fanno qui gli F-16 turchi? Sono stanco di rispondere. Se hai dei satelliti, guarda, assicurati che siano a terra e non nel cielo. Sono venuti qui per partecipare agli esercizi e sono rimasti qui quando è scoppiata la guerra. I nostri fratelli turchi li hanno lasciati per sostenerci moralmente. Ma se c'è un'aggressione esterna contro di noi, vedranno questi F-16.

Bene, bene, la versione ha il diritto di esistere. Se non per uno ma. Per due settimane l'Azerbaigian ha negato categoricamente la presenza di sei F-16 turchi nella base militare di Ganja, sostenendo che si tratta solo di propaganda armena, basata non sui fatti, ma sulla speculazione. Ma quando Maxar Technologies, che monitora la superficie terrestre, ha pubblicato le immagini dei sei in una base aerea di Ganja, è diventato inutile negare la presenza di aerei militari stranieri. Successivamente, è apparsa una versione in cui i combattenti semplicemente non hanno avuto il tempo di volare in Turchia, dall'inizio della guerra. E sollevarli in aria in questo momento significherebbe dare adito a discorsi vuoti sul fatto che i turchi stanno aiutando l'esercito azero.

Affrontiamo anche questo. Sì, in effetti, c'erano esercizi congiunti. E una parte significativa dei voli di aerei da combattimento è stata effettuata in modo dimostrativo non solo vicino alla repubblica non riconosciuta, ma anche vicino al confine armeno. Ma tutto questo splendore è durato 10 giorni e si è concluso il 10 agosto. E la campagna militare in Nagorno-Karabakh, se la mia memoria mi serve bene, è iniziata il 27 settembre. Si scopre che i sei aerei da combattimento per un mese e mezzo non sono stati in grado di trovare la forza per lasciare i loro ospitali ospiti. Aha! Lo credo già.

Riepilogo: le orecchie turche sporgono dappertutto


E quali conclusioni si possono trarre da tutto questo? E da ciò ne consegue che la guerra fu pianificata molto prima che iniziasse con la partecipazione più attiva di Ankara. E il ministero della Difesa armeno avrebbe dovuto capirlo già in estate, quando le delegazioni militari turche stavano frequentando Baku. Non c'è mai stata una cooperazione tecnico-militare così attiva tra la Turchia e l'Azerbaigian in questo secolo. La delegazione principale, ad agosto, era guidata dal ministro della Difesa turco Hulusi Akar, che ha avuto un lungo incontro con Aliyev. Dove hanno guardato i servizi speciali armeni, una domanda?

È stato firmato un contratto per la consegna urgente di un grande lotto di droni da ricognizione e d'attacco Bayraktar. E gli armeni lo sapevano. Hanno anche appreso che un ufficiale di alto rango dell'esercito turco, il maggiore generale Heksel Kahya, uno dei maggiori specialisti in operazioni UAV, era stato avvistato a Baku. È stato lui a organizzare il centro di controllo dei droni turchi in Libia ed è stato soprattutto grazie a lui che l'offensiva del maresciallo Haftar a Tripoli è stata fermata.

Solo un cieco non può confrontare questi due fatti. Tuttavia, gli armeni erano in uno stato di euforia dopo che, durante i cinque giorni di conflitto armato estivo al confine della regione di Tavush in Armenia, hanno abbattuto 10 droni e ne hanno intercettati tre. È vero, sono stati tutti prodotti in Israele. Il crudele risanamento è avvenuto dopo 2,5 mesi.

PS Mentre si scriveva il testo, il ministero degli Esteri azero ha già ammesso la propria colpevolezza per la distruzione involontaria di un elicottero d'attacco russo nei cieli dell'Armenia. Baku ha annunciato la sua disponibilità a pagare il risarcimento necessario ed esprime le condoglianze alle famiglie e ai parenti delle vittime.

Vediamo come va a finire ...

PPS Come è finito tutto, lo sai già. La Russia è intervenuta.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 12 November 2020 09: 18
    -1
    1. La Turchia non ha violato alcuna legge internazionale e nemmeno norma.
    Formalmente, la Turchia ha aiutato il popolo alleato (fraterno, parte del suo) a liberare i propri territori.
    2. La storia dell'F-16 è stata risucchiata dal pollice. Non hanno partecipato alle ostilità, ma possono essere dove vogliono con il consenso della parte ricevente.
    Aliyev era logico e coerente: in Armenia la base della Federazione Russa è in Azerbaigian Un accordo di partenariato strategico e mutua assistenza con la Turchia, comprese le questioni di cooperazione militare. L'autore ha un approccio strano: l'accordo russo-armeno è corretto, ma quello azero-turco non lo è perché l'Azerbaigian non è nella NATO ... Fuori dalla NATO, non ci sono accordi? O non sono corretti per definizione? I membri della NATO non hanno accordi bilaterali?
    3. Gli azeri hanno abbattuto un elicottero russo, hanno ammesso la loro colpevolezza, ma, naturalmente, la CIA e l'MI6 devono essere tirati per le orecchie in modo che le loro orecchie sporgano. Si può in qualche modo capire la voglia di attirare i turchi alla situazione con l'elicottero, ma gli americani e ancor di più gli inglesi?
    4. La Turchia sta de facto diventando una potenza mondiale e la Russia non si è ancora opposta, ma solo al gioco. Le speranze che la Russia avrebbe dato una mano al Sultano non si sono avverate. La coalizione anti-turca è preoccupata.
    5. Se la Turchia smetterà di essere un forte contrappeso all'Iran e creerà una sorta di asse, Dio non voglia, la regione dal Caucaso al Marocco dovrà affrontare tempi difficili.
    1. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
      Raccoglitore (Myron) 12 November 2020 09: 40
      -1
      Sono d'accordo con la maggior parte delle tue considerazioni, voglio solo sottolineare: le possibilità che turchi e persiani creino un'alleanza tendono a zero, c'è un'antipatia di lunga data ...
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 12 November 2020 10: 47
        0
        La Turchia e l'Iran sono alleati situazionali come Russia e Turchia.
        Russia e Iran hanno progetti congiunti di trasporto ed economici. E possono avvenire solo con la partecipazione dell'Azerbaigian.
        La Turchia e l'Iran hanno un mal di testa comune per il Kurdistan. La Turchia ha di più, l'Iran ha meno. E un rifiuto congiunto della dominazione occidentale in Medio Oriente. Per vari motivi, ma qui non vogliono il dominio di Israele e degli Stati Uniti. Anche la Russia non vuole la presenza dell'Occidente nel Caucaso meridionale e nel Medio Oriente.
        Ecco un groviglio di contraddizioni e alleanze temporanee. E ogni caso è considerato separatamente. Nessuno ha una politica coerente e coerente qui.
        In particolare nel Caucaso meridionale, ora tutto dipende dalla situazione a Yerevan. Spetta ora (proprio ora) alla Russia mantenere in qualche modo Pashinyan al potere. Sembra assurdo, ma al momento questo è ciò di cui abbiamo bisogno in questa regione.
    2. Il commento è stato cancellato
  2. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 12 November 2020 11: 32
    -2
    Citazione: Bindyuzhnik
    Sono d'accordo con la maggior parte delle tue considerazioni, voglio solo sottolineare: le possibilità che turchi e persiani creino un'alleanza tendono a zero, c'è un'antipatia di lunga data ...

    Non è così semplice. La Turchia può paradossalmente sostenere l'Iran nella sfera nucleare. È difficile dire quale Iran sia più redditizio per la Turchia, con o senza armi nucleari. L'Iran nucleare apre la strada alla Turchia, rispettivamente, alle armi nucleari, con accesso finalmente al livello di una potenza mondiale. Leadership nel mondo musulmano con la capacità di moderare i problemi degli arabi con persiani ed ebrei. E questa non è affatto cospirazione.
    1. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
      Raccoglitore (Myron) 12 November 2020 17: 28
      -3
      Citazione: AlexZN
      L'Iran nucleare apre la strada alla Turchia alle armi nucleari,

      Credi davvero che i persiani saranno pronti a condividere la tecnologia nucleare con i turchi? E non vedere le armi nucleari iraniane è come dar loro da bere, chi glielo permetterà? richiesta
      1. Peter rybak Офлайн Peter rybak
        Peter rybak (Pattuglia) 13 November 2020 17: 11
        -2
        Citazione: Bindyuzhnik
        Citazione: AlexZN
        L'Iran nucleare apre la strada alla Turchia alle armi nucleari,

        Credi davvero che i persiani saranno pronti a condividere la tecnologia nucleare con i turchi? E non vedere le armi nucleari iraniane è come dar loro da bere, chi glielo permetterà? richiesta

        La Russia condividerà. È questione di tempo. Anche Old Man ha detto felicemente che la Bielorussia è una potenza nucleare.
        E l'Iran creerà le proprie armi nucleari nel prossimo decennio. E nessuno può interferire.
        1. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
          Raccoglitore (Myron) 13 November 2020 19: 06
          -1
          Citazione: Peter Rybak
          La Russia condividerà.

          Perché all'improvviso? che cosa

          Citazione: Peter Rybak
          E l'Iran creerà le proprie armi nucleari nel prossimo decennio. E nessuno può fermarsi

          Gli Stati Uniti e Israele non permetteranno questo -100%.
  3. Alexzn Офлайн Alexzn
    Alexzn (Alexander) 12 November 2020 21: 26
    -1
    Citazione: Bindyuzhnik
    E non vedere l'Iran

    Le armi nucleari iraniane: una questione di tempo.
    I turchi sono in grado di risolvere da soli la questione delle tecnologie nucleari (come una dozzina di altri paesi come Egitto, Brasile, Argentina), questa è una questione di volontà politica e di opportunità.
    Il punto è che se l'Iran riceve armi nucleari, nessuno sarà in grado di impedire alla Turchia e poi all'Egitto di crearle.
    1. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
      Raccoglitore (Myron) 13 November 2020 19: 09
      -1
      Citazione: AlexZN
      Le armi nucleari iraniane: una questione di tempo.

      I persiani non hanno la minima possibilità (vedi sopra) Di conseguenza, i turchi, gli egiziani, i sauditi, ecc. non ci sarà bisogno delle tue armi nucleari
  4. Peter rybak Офлайн Peter rybak
    Peter rybak (Pattuglia) 13 November 2020 17: 08
    -1
    ZRPK "Pantsir-C1" è ancora acceso. C'è un video pubblicato sulla sua distruzione.
    E l'F-16 non è mai volato nella zona di guerra. In effetti, non ce n'era bisogno.
  5. Peter rybak Офлайн Peter rybak
    Peter rybak (Pattuglia) 13 November 2020 19: 58
    -1
    Grazie a chi Putin è diventato il nostro presidente !!!

  6. radicale Офлайн radicale
    radicale 14 November 2020 14: 57
    +1
    Cosa ci fanno gli F-16 turchi nella base aerea di Ganja?

    La stessa cosa degli aerei sovietici ai loro tempi - sono basati. lol
    Durante l'era sovietica, varie unità dell'aeronautica dell'URSS erano di stanza in questo aeroporto, poi si chiamava Kirovobad, l'ultimo prima del crollo del paese era il 34 ° reggimento di bombardieri.