Perché la Turchia potrebbe essere dietro la distruzione del Mi-24 russo in Armenia


Nei cieli dell'Armenia, un elicottero da combattimento Mi-24 delle forze armate russe è stato abbattuto da un colpo effettuato da MANPADS dal territorio dell'Azerbaijan. Due membri dell'equipaggio sono stati uccisi, il terzo è rimasto gravemente ferito. Significativamente, è successo due settimane prima dell'anniversario di una tragedia simile avvenuta cinque anni fa: il 24 novembre 2015, un combattente turco nel cielo siriano ha abbattuto un bombardiere in prima linea Su-24M delle forze aerospaziali russe. Poi anche le vite dei nostri soldati furono troncate.


Ci sono così tante somiglianze tra questi due eventi, così tanti ovvi e possibili paralleli che ci vuole orrore. È indubbiamente prematuro trarre conclusioni inequivocabili, ma sta già diventando chiaro che i nostri piloti sono stati vittime di una colossale provocazione volta a raggiungere una soluzione pacifica del conflitto in Nagorno-Karabakh alle condizioni della Russia.

Versioni calde sulle tracce


Il ministero degli Affari esteri dell'Azerbaigian, con una rapidità rara per casi del genere, ha riconosciuto la responsabilità del suo Paese per l'incidente mortale, definendolo un "tragico errore" e, scusandosi ufficialmente, ha espresso la sua disponibilità a "condurre un'indagine" ea pagare "un adeguato risarcimento". Per quanto si sa, il suo collega di Baku, Zakir Hasanov, si è rivolto al ministro della Difesa nazionale Sergei Shoigu con un'espressione scritta di cordoglio. Sembrerebbe che ci sia il pentimento più sincero e una disponibilità approssimativa a fare ammenda, questo è solo ... Questa è solo la versione ufficiale dell'esercito e dei diplomatici azeri su "incidente", "errore" e simili, scusa, non vale un accidenti.

Diamo un'occhiata ai dettagli che, come sempre, rivelano la verità. Prima di tutto, nella regione del Nakhichevan, dove infatti il ​​nostro Mi-24 è stato abbattuto, nessuna azione militare legata al conflitto armato in Nagorno-Karabakh è stata combattuta nemmeno a stretto contatto. Di conseguenza, non poteva esserci una situazione con i militari azeri, che sono al massimo "plotone" e sparano a tutto ciò che sembrava minimamente sospetto. A proposito, ecco un'altra bella domanda: quali erano i combattenti equipaggiati con MANPAD moderni e ovviamente molto professionali con loro che facevano vicino al confine armeno? Si ha la sensazione che fosse in corso una caccia del tutto intenzionale per l'elicottero russo. A favore di questa versione, funziona anche che il Mi-24 colpito dal missile non ha solo effettuato manovre nello spazio aereo, ma, secondo il rapporto ufficiale del comando della base militare 102 delle Forze armate russe situata in Armenia, ha scortato il convoglio da questa base.

Quindi tutti i discorsi sul fatto che il nostro aereo viene "confuso con l'armeno" è una sciocchezza. Anche la colonna era confusa? O non l'hai notato? Inoltre, anche se supponiamo che coloro che hanno sparato all'elicottero credessero che appartenesse a Yerevan e non a Mosca, allora abbiamo ancora un attacco armato su un aereo di un paese membro della CSTO, che è stato anche effettuato sul suo territorio. Cioè, è stato un atto di aggressione completamente inequivocabile che avrebbe sciolto completamente le mani della Russia, anche se un elicottero dell'Aeronautica armena fosse caduto a terra ei loro piloti fossero stati uccisi. I tiratori non l'hanno capito? Non crederò mai. Tali "incidenti" e "incomprensioni" semplicemente non esistono in natura. Quindi - un intero mucchio di domande e versioni. La più semplice e letteralmente chiedendosi è la “traccia armena”.

Mettiamo da parte i sentimentalismi e parliamo con franchezza, da adulti: per Yerevan quello che è successo non è sembrato solo un colossale successo, ma forse l'ultima occasione per evitare una grave e vergognosa sconfitta militare. D'accordo, il fatto che l'elicottero russo venga abbattuto il giorno in cui le forze dell'NKR riconoscono ufficialmente la perdita del controllo sul punto strategico più importante - la città di Shushi, che svolge il ruolo di chiave della capitale della repubblica non riconosciuta, è più che una sospetta "coincidenza". E la reazione più che violenta di Yerevan che ne è seguita immediatamente, dove tutti - dai rappresentanti del ministero degli Esteri locale al capo consigliere di Nikol Pashinyan Vagharshak Harutyunyan - hanno ripetuto il "colpo insidioso" e "l'indubbia aggressione" dell'Azerbaigian e hanno chiesto anche una ritorsione indispensabile. Quindi, sono ancora armeni ?! Prendiamo il nostro tempo e consideriamo la situazione alla luce Notizie, ricevuto letteralmente nel momento in cui questo materiale veniva preparato.

Risultati basati sui fatti


I sospetti sul coinvolgimento di alcuni disperati "patrioti" dell'Armenia nella morte dell'elicottero russo, che hanno deciso di "salvare la situazione" in modo così terrificante in previsione di una sconfitta imminente, dissipano completamente due cose. In primo luogo, se Baku avesse il minimo motivo per "rinnegare" la tragedia, in nessun caso ammetterebbe la propria colpa. Inoltre, velocemente come è successo. E in secondo luogo (e soprattutto, in effetti), come è diventato letteralmente noto proprio ora, la guerra per il Nagorno-Karabakh si è conclusa. I Presidenti di Russia, Azerbaijan e Primo Ministro dell'Armenia hanno firmato un documento secondo il quale Baku riceve praticamente tutti i territori che sono stati riconquistati dall'esercito azero durante il conflitto in corso. Le regioni di Agdam, Gazakh, Kelbajar e Lachin, così come la città di Shusha, rimangono sotto il controllo dell'Azerbaigian. Tuttavia, la Repubblica del Nagorno-Karabakh continuerà ad esistere, anche se in una forma abbastanza "troncata". Inoltre, d'ora in poi, vivrà sotto la protezione dei caschi blu russi, i cui quasi duemila contingenti vengono portati nella zona del conflitto per delimitare le parti in conflitto e proteggere il "corridoio Lachin", vitale per l'NKR. Le nostre truppe saranno dispiegate lì per un periodo di 5 anni, con successivo rinnovo automatico se necessario. Cosa abbiamo "in fondo"?

In effetti, è stata una rottura dei piani di tutte quelle forze che cercavano di trasformare la guerra per il Karabakh in una sconfitta geopolitica per la Russia nel Caucaso. Non Ankara, ma Mosca rimane il principale garante della sicurezza nella regione, non solo preservando, ma rafforzando in modo significativo la propria presenza strategico-militare in essa. Per i politicisia nella stessa Armenia che al di fuori di essa, che ha cercato di accusare il nostro Paese di "tradimento" e "mancato rispetto degli obblighi alleati", ora questo non sarà mai fatto. A sua volta, Pashinyan, che non è troppo amico di Mosca, non sarà in grado di scrollarsi di dosso la responsabilità della sconfitta. Secondo i dati disponibili, a Yerevan sono già iniziate manifestazioni di massa, che ovviamente non finiranno bene per il premier.

E ancora, torniamo alla tragedia del Mi-24. Apparentemente, l'attuale instaurazione della pace nel Karabakh avvolto dal fuoco è stata preceduta da una conversazione tra Vladimir Putin e Recep Erdogan, durante la quale, come è stato ufficialmente annunciato, i due leader "hanno confermato la loro disponibilità reciproca a cooperare per porre fine alla guerra". Tuttavia, tenendo conto della reazione piuttosto contenuta del Cremlino a questi negoziati e della dichiarazione di accompagnamento del ministero degli Esteri russo sulle "differenze significative tra le posizioni turche e russe sul Karabakh", non è stato raggiunto alcun consenso speciale. Molto probabilmente, il "sultano" è stato presentato da Vladimir Vladimirovich con un fatto. O una serie di fatti da cui è derivato che le ambizioni di Ankara in questa direzione dovrebbero essere mitigate, e prima è meglio è. Subito dopo, il fatale missile è stato lanciato dal territorio di Nakhichevan, che, secondo gli analisti militari, è attualmente sotto il quasi completo controllo turco.

I militari azerbaigiani ammettono la loro colpevolezza. Cosa resta loro? Segno che da tempo sono marionette turche? Stai cercando di negare l'ovvio? Nonostante qualcuno abbia fatto del proprio meglio per garantire che l'incidente diventasse di proprietà di pubblicità generale, organizzando un video riprese e pubblicandolo su Internet ... E poi occuparsi dell'intero esercito russo? È molto probabile che l'attacco al nostro elicottero sia stato davvero un tentativo disperato di trascinare la Russia nella guerra, rendendo impossibile il raggiungimento degli accordi di pace che aveva preparato. Ma questo tentativo non è arrivato dalla parte armena. E nemmeno da Baku. Qui tutto è molto più complicato e ci sono seri sospetti che non sarà possibile arrivare fino in fondo alla verità finale - esattamente come è stato con il Su-24M abbattuto in Siria.

Nota: in entrambi i casi, le azioni miravano direttamente a spingere Russia e Turchia in una guerra su vasta scala. Chi c'è esattamente dietro questo: certi circoli radicali nella stessa Ankara o qualche "terza forza", il cui ruolo è più adatto agli Stati Uniti, più di chiunque altro interessato allo scontro tra i nostri paesi? È impossibile dirlo in modo inequivocabile - lasciatemi ricordare che entrambi i piloti dell'F-16 turco, che ha abbattuto il nostro aereo sopra la Siria, sono stati successivamente dichiarati partecipanti al tentativo di colpo di stato militare diretto contro Recep Erdogan e sono scomparsi, come si suol dire, senza lasciare traccia. Ma sono riusciti a trasferire ogni responsabilità per quanto accaduto, almeno a livello ufficiale. Qualcosa suggerisce che nel caso di specie, né i veri colpevoli, né coloro che effettivamente hanno dato loro ordini e fissato un obiettivo, non saranno mai nominati ad alta voce. Come già accennato, nella situazione attuale, è più facile per Baku subire l'intero colpo. Inoltre, si aspettano di cavarsela con il pagamento del risarcimento, non rendendosi conto che la moderazione odierna a Mosca è causata unicamente dal desiderio di completare il processo di negoziazione e di coinvolgere le forze di pace, dopo di che le decisioni prese diventeranno irreversibili.

Tuttavia, molto sarà chiaro dalle ulteriori azioni di Ankara - sia nel Caucaso che in altri "punti di contatto" di interessi turchi con quelli russi. Un'escalation in una qualsiasi di queste sezioni sarà molto indicativa. In ogni caso, mi auguro che le strutture competenti del nostro Stato faranno ogni sforzo per scoprire esattamente chi c'era dietro il tentativo di interrompere la conclusione della pace in Nagorno-Karabakh, che è costata la vita a due piloti russi, e per punire i responsabili di questo crimine di guerra a sangue freddo e cinico. ... Cose del genere non hanno scuse e non dovrebbero comunque rimanere impunite.

Lungi dalla prima e, ahimè, molto probabilmente non l'ultima volta, i nostri soldati pagano il prezzo più alto per la pace in casa di qualcuno. Esprimiamo le nostre più sincere condoglianze alle famiglie e agli amici dei piloti deceduti e auguriamo al membro dell'equipaggio sopravvissuto una pronta e completa guarigione.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
13 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 10 November 2020 10: 58
    -5
    Proposte interessanti ed esempi convincenti. Ma

    i nostri piloti sono stati vittime di una colossale provocazione volta a raggiungere una soluzione pacifica del conflitto nel Nagorno-Karabakh alle condizioni della Russia.

    Poi si scopre che Putin era a conoscenza di questa provocazione e ha dato il via libera alla distruzione dell'elicottero? E le forze di pace sono state prontamente portate in Karabakh. L'autore ha ragione che ancora non scopriremo la verità.
    1. Amaro Офлайн Amaro
      Amaro (Gleb) 10 November 2020 23: 20
      +2
      ... ha dato il via libera alla distruzione dell'elicottero ...

      Che è troppo scortese. Non ci sono rotazioni malaticcio. Pertanto, nonostante tutte le provocazioni sia del passato che del presente, è necessario sostenere gli affari russi. Gli aeroplani, gli elicotteri, i diplomatici sembrano essere una sorta di merce di scambio. Il Cremlino ha deciso di provare a strangolare la Turchia nel suo abbraccio amichevole che è con loro e con loro. Costruiscono, consegnano e vendono a credito in risposta a sporchi trucchi e facce di capra, ma ufficialmente sorridono e quasi si scusano. E nel frattempo, loro stessi stanno fornendo armi agli stessi ucraini, anche se i moscoviti agli ucraini "non fratelli", come eccezione, vendono anche molte cose e aiutano anche a mantenere l'esercito in buona forma. Questo è il piano astuto dei coraggiosi eroi.
  2. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 10 November 2020 11: 14
    -2
    Perché la Turchia potrebbe essere dietro la distruzione del Mi-24 russo in Armenia

    - Sì ... qual è la differenza ... - chi può stare lì ... o mentire ... - Anche se ... il potente e indistruttibile Nicaragua ...
    - È solo che il colpevole deve essere ... deve ... deve essere punito ... punito ... punito ... distrutto ... distrutto ... distrutto ...
    - E non per nessun motivo perdere tempo e inventare un altro HPP del nostro garante dagli occhi di pesce ...
    - Personalmente, sono assolutamente sicuro che ... cosa ... cosa è successo ai piloti ungheresi ... - ora, solo per le strade, intere manifestazioni di ungheresi avrebbero attaccato gli edifici governativi dell'Ungheria e avrebbero richiesto misure drastiche ...
    - La stessa cosa accadrebbe in Polonia, che i "temerari locali" amano tanto chiamare "la iena d'Europa", ricordando W. Churchill ... - Quindi questa "iena d'Europa", se fosse successo ai piloti polacchi, avrebbe semplicemente isolato gli edifici governativi in ​​Polonia e bloccherebbe tutte le comunicazioni; chiedendo una risposta immediata dal loro governo ...
    - E cosa avrebbe fatto Israele ... - Avrebbe accettato queste "scuse di Aliyev" in modo che i campi petroliferi in Azerbaigian sarebbero già in fiamme ...
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 10 November 2020 11: 18
    0
    La migliore risposta all'elicottero russo abbattuto sarebbe impedire ai militari turchi di entrare nel territorio dell'Azerbaigian. Questo dovrebbe diventare un ultimatum e una promessa alla Russia che non punirà l'Azerbaigian più severamente per questo crimine di guerra.
  4. Tamara Smirnova Офлайн Tamara Smirnova
    Tamara Smirnova (Tamara Smirnova) 10 November 2020 11: 32
    +1
    La Turchia non può sostenere la provocazione, perché è stato TURKS ad abbattere il nostro elicottero ...
  5. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 10 November 2020 11: 36
    +1
    Mentre l'orso russo è debole e non si è ripreso dalla "ridistribuzione" democratica, anche i bastardi lo morderanno (anche l'Estonia, ecc.). Infatti sia il Mi-24 che il Su-24 sono stati abbattuti su iniziativa dei comandanti locali, un'operazione della CIA sviluppata (mirata a un F-16 turco non un AWACS turco), ovviamente all'insaputa di Erdogan (con una tale configurazione), ma per ammettere che non controlla il proprio Il sole era inaccettabile per lui. ... Una ripetizione simile con il Mi24, hanno guidato gli artigiani con MANPADS, (sono possibili anche mercenari di una terza parte - Stati Uniti, inglesi), l'enfasi è la stessa, le intenzioni sono le stesse ...
    1. sgrabik Офлайн sgrabik
      sgrabik (Sergey) 10 November 2020 12: 04
      -2
      È del tutto possibile che questo sia esattamente quello che è successo, ma ora questa situazione deve semplicemente essere usata saggiamente nei nostri interessi e per convincere gli azeri ad accettare le nostre condizioni per una fine completa a questo conflitto militare, e se non capiscono i nostri argomenti, allora abbiamo una ragione completamente giustificata per schierare un'azione militare contro di loro e sostenere l'Armenia !!!
      1. Boriz Офлайн Boriz
        Boriz (borizia) 10 November 2020 12: 21
        +2
        In questo momento, lasciamo tutto e andiamo a combattere per l'Armenia!
        Le forze di pace sono già state incastrate, i ragazzi lì verranno periodicamente fucilati da dietro l'angolo. E Aliyev, anche se lo vorrà, non potrà controllare la situazione. Nessuno glielo chiederà. Lascia che Erdogan venga da lui - dì addio alla sovranità.
  6. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 10 November 2020 12: 04
    +2
    Prima di tutto, nella regione del Nakhichevan, dove, infatti, il nostro Mi-24 è stato abbattuto, ...

    La frase non riflette sufficientemente la situazione.
    Il villaggio di Yeraskh, dove l'elicottero è stato abbattuto, si trova all'incrocio tra i territori di Turchia, Nakhichevan e Armenia.
    È tutto lì - letteralmente "appena fuori dalla periferia". Non c'è chiusura di azione militare (200 km).
    I turchi furono senza dubbio abbattuti. La velocità della reazione di Aliyev dice chiaramente che sta coprendo i turchi.
    La provocazione è progettata per una dura reazione da parte della Federazione Russa e l'aggravamento dei rapporti tra Federazione Russa e Azerbaigian.
    Sarebbe stata la mia volontà: era necessario demolire la base aerea dell'Azerbaigian. Ma forse Putin ha ragione, la posta in gioco è troppo alta. A costo della vita dei piloti, hanno comprato una tregua per gli armeni. Immagino che Putin abbia detto ad Aliyev con semplici parole russe perché, nel cuore della notte, ha rapidamente accettato una tregua, che ha sabotato per molti giorni ..
    E la reazione del nostro ministero degli Esteri ti fa star male ..
    1. sgrabik Офлайн sgrabik
      sgrabik (Sergey) 10 November 2020 12: 16
      +4
      La reazione del nostro Ministero degli Affari Esteri è stata a lungo nauseante e fastidiosa per tutti, possono solo rimpiangere l'accaduto ed esprimere profonde preoccupazioni, a quanto pare semplicemente non sono capaci di azioni più dure e decisive !!!
  7. ser Sash Офлайн ser Sash
    ser Sash (Ser Sash) 10 November 2020 12: 28
    -2
    C'erano piloti come gli armeni?
    1. Boriz Офлайн Boriz
      Boriz (borizia) 10 November 2020 13: 23
      0
      Sì, l'ho sentito anche oggi.
  8. shpakov.alex Офлайн shpakov.alex
    shpakov.alex (Alexey Shpakov) 10 November 2020 21: 02
    -2
    il nostro IMD e il presidente possono dire quello che vogliono, sono ancora balaboliani. Ma da Aziks è necessario smettere di comprare anche le patate. Guidare "affari azeri in Russia" e non acquistare i loro beni e servizi.