È troppo presto per la Russia per parlare del rilancio della propria costruzione navale


Il nostro paese non era molto tempo fa una delle principali potenze marittime, ma oggi ha in gran parte perso questo status. Il punto non è solo la debolezza della componente di superficie della Marina russa, ma anche che la flotta civile russa è anche uno spettacolo piuttosto triste.


La flotta civile sta invecchiando e diminuendo di stazza, i loro proprietari preferiscono acquistare nuove navi all'estero e battere bandiere straniere. L'età media delle navi battenti bandiera russa è di circa 20 anni, il che la rende una delle più antiche al mondo. La flotta peschereccia nazionale è drasticamente diminuita e con essa la cattura del pesce. Fino a poco tempo fa, molti rompighiaccio, fiore all'occhiello della nostra flotta artica, venivano prodotti all'estero.

Bisogna ammettere che alcune conclusioni sono state tratte dalle autorità. Negli ultimi anni, per paura delle sanzioni occidentali, ingenti fondi statali sono stati destinati all'industria cantieristica nazionale. Nel 2018 sono state varate 82 nuove navi, nel 2019-76, entro la fine di quest'anno questa cifra sarà 60. Nel breve termine, la quota della Russia negli ordini mondiali dell'industria cantieristica è stata del 27%, con il 26% dalla Cina e il 45% dalla Corea del Sud. Le navi da carico secco del progetto RSD 59 vengono costruite più attivamente ora, di cui sono state ordinate 16 navi contemporaneamente. Più di 40 pescherecci sono stati posati e sono in costruzione, pochi giorni fa è stata issata una bandiera sul rompighiaccio diesel-elettrico "Viktor Chernomyrdin", il rompighiaccio a propulsione nucleare "Arktika" è stato messo in funzione. È in corso la messa in servizio di una nave cisterna ice-class del tipo Aframax del progetto 114K, realizzata presso i cantieri Zvezda. Per la prima volta in diversi decenni è stata costruita in Russia una nave da crociera a quattro ponti "Mustai Karim".

Questa è una dinamica piuttosto positiva, che può essere sicuramente considerata “buona le notizie". Tuttavia, ogni barile di miele ha il suo secchio di catrame. È necessario segnalare una serie di gravi problemi che non ci consentono di parlare di una svolta inequivocabile nella rinascita dell'industria cantieristica nazionale.

In primo luogo, esiste ancora una dipendenza critica dall'uso di attrezzature navali importate, in particolare motori. La sfera globale dei servizi di costruzione navale è stata a lungo divisa tra attori seri che hanno una propria specializzazione in essa. L'inclusione della Russia in essa ha semplicemente ucciso molte imprese che si sono rivelate non competitive, e ora l'industria nazionale semplicemente non è rappresentata in un segmento significativo delle attrezzature navali. È molto problematico sostituire l'importazione da soli e il mercato russo non è ancora abbastanza capiente da rendere redditizio per i produttori stranieri localizzare la produzione nel nostro paese. E, a quanto pare, non c'è un desiderio particolare.

In secondo luogo, un grosso problema è la velocità estremamente bassa di esecuzione degli ordini da parte dei cantieri navali. In Corea del Sud, Cina o Giappone, le navi vengono costruite in media 3-4 volte più velocemente delle nostre. L'esempio del rompighiaccio Viktor Chernomyrdin, progettato con errori, bruciato, è aumentato di prezzo da 8 a 10 miliardi di rubli e il suo tempo di consegna è aumentato di 5 anni rispetto a quello originariamente previsto.

In terzo luogo, è necessario parlare delle misure di sostegno statale fornite all'industria cantieristica nei diversi paesi. Esistono regole che garantiscono parità di condizioni, adottate con l'accordo dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), che definiscono condizioni di credito uniformi per tutti. Secondo loro, la dimensione del prestito dovrebbe essere l'80% del valore della nave all'8% all'anno e la sua durata è di 10 anni. È inoltre consentito sovvenzionare parzialmente il costo di costruzione di una nave da parte dello Stato per un importo del 9%. Tuttavia, gli Stati Uniti concedono prestiti ai propri costruttori navali per 25 anni e non l'80% del costo, ma l'87,5%. Il Giappone concede prestiti mirati al 5% e l'entità dei sussidi statali a Tokyo, come a Berlino, può raggiungere il 30%. Per sostenere l'industria, molti paesi stanno riducendo i dazi sull'importazione di attrezzature navali e Cina e Polonia li hanno aboliti del tutto. L'American Jones Act richiede la navigazione interna e costiera solo su navi costruite negli Stati Uniti e solo sotto le stelle e strisce.

Questo è più complicato per noi. Di norma, le banche commerciali concedono prestiti mirati ai costruttori navali al 15-20% per un periodo massimo di 2 anni. Se ti rivolgi a banche estere per chiedere aiuto, i termini del prestito possono implicare la necessità di acquistare attrezzature importate. Il costo di produzione in Russia è aumentato da tasse e dazi doganali elevati sulle attrezzature straniere, che ora sono diventate ancora più costose a causa della svalutazione del rublo. Può sembrare folle, ma è più redditizio per i clienti costruire uno scafo nudo nel nostro paese e poi sorpassarlo all'estero, dove la nave sarà completata e attrezzata.

Pertanto, si sono effettivamente osservati alcuni cambiamenti positivi nell'industria cantieristica nazionale, ma c'è ancora molta strada da fare prima di una vera e propria ripresa. Per fare ciò, devi prima risolvere tutta una serie di problemi.
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 10 November 2020 13: 23
    -1
    È troppo presto per la Russia per parlare del rilancio della propria costruzione navale

    - Sì, certo ... - Di cosa possiamo parlare ... - è solo un aneddoto ...
    - In quest'area (cantieristica navale), la Russia ha una posizione ancora peggiore rispetto all'aviazione nazionale ...
    - La debole industria arretrata della Russia è bloccata da qualche parte al livello della fine degli anni '80 ... - La Russia ha semplicemente perso completamente il suo potenziale industriale; ha perso il suo Cosmo; ha perso la propria costruzione navale; possedere un'eccellente costruzione e progettazione di aeromobili; ha perso il suo potenziale militare industriale ...; assistenza sanitaria persa (decine di migliaia di città in Russia hanno ospedali fatiscenti costruiti durante l'era sovietica e con apparecchiature mediche obsolete così fatiscenti che non possono nemmeno essere chiamate apparecchiature) ... - potresti non continuare ... - Che cos'è. .. cantieri navali domestici ... - anche navi per pazienti non deambulanti ... - e poi cinesi ...
    1. xalexey Офлайн xalexey
      xalexey (alex x) 23 dicembre 2020 12: 31
      -1
      Hai scritto delle sciocchezze qui.
  2. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 10 November 2020 14: 42
    +3
    Prima di tutto, è necessario ridurre il costo dei prestiti per l'industria. È impossibile stabilire la produzione al 15-20%. Ecco perché ci sono problemi in Russia. È necessario rafforzare il rublo e ridurre i prestiti, quindi l'industria inizierà a girare.
  3. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 10 November 2020 15: 03
    +1
    Niente, ora le banche stanno riducendo massicciamente i pagamenti dei depositi, ad es. estrarre denaro dai risparmi e verrà avviata la costruzione navale.
    Tieni duro))))
  4. 123 Офлайн 123
    123 (123) 10 November 2020 16: 58
    +2
    È molto problematico sostituire l'importazione da soli e il mercato russo non è ancora abbastanza capiente da rendere redditizio per i produttori stranieri localizzare la produzione nel nostro paese.

    La quota della Russia negli ordini mondiali dell'industria cantieristica era del 27%

    In qualche modo queste due affermazioni non sono molto compatibili no Da un lato si costruisce una nave "su quattro" nel nostro Paese, dall'altro il mercato non è sufficientemente capiente. Quale dovrebbe essere la quota di mercato che sarebbe redditizia per localizzare la produzione? 90%?

    L'esempio del rompighiaccio Viktor Chernomyrdin, progettato con errori, bruciato, è aumentato di prezzo da 8 a 10 miliardi di rubli e il suo tempo di consegna è aumentato di 5 anni rispetto a quello originariamente previsto.

    E come viene visualizzato? Una nave rompighiaccio e una nave da carico secco sono leggermente diverse e più difficili da costruire. Chi ha costruito più velocemente la nave principale di un progetto di complessità simile? C'è qualcosa con cui confrontarsi?

    è necessario parlare delle misure di sostegno statale fornite all'industria cantieristica nei diversi paesi.

    Allo stesso tempo, è modesto tacere sul fatto che tali misure siano in vigore in Russia. sentire

    Certo, è più complicato con i prestiti, ma i sussidi stanno arrivando.

    Programma statale "Sviluppo della costruzione navale e attrezzature per lo sviluppo dei depositi a scaffale per il 2013-2030"
    http://government.ru/rugovclassifier/845/events/

    Decreto del 4 dicembre 2019 n. 1584 "Sull'approvazione delle regole per la fornitura di sussidi dal bilancio federale alle organizzazioni russe per il sostegno finanziario di una parte dei costi associati alla costruzione di navi di grande tonnellaggio".
    http://www.consultant.ru/document/cons_doc_LAW_340114/

    L'American Jones Act richiede la navigazione interna e costiera solo su navi costruite negli Stati Uniti e solo sotto le stelle e strisce.

    Ma non stiamo adottando tali misure? Ciò vale anche per la rotta del Mare del Nord e per i contingenti di cattura del pesce concessi alle navi costruite in Russia.

    In generale, i tedeschi con gli americani e tutti i tipi di polacchi sono tutti grandi compagni. buono la cantieristica è supportata in ogni modo possibile e tutti sono floridi e non ci sono problemi, ma noi abbiamo i baffi con uno scricchiolio e problemi continui, e siamo "sivolapes" al secondo posto in termini di cantieristica.

    E dove puoi leggere dei successi della cantieristica navale in Polonia, Germania o negli Stati Uniti? triste

    La quota della Russia negli ordini mondiali dell'industria cantieristica è stata del 27%, con il 26% per la Cina e il 45% per la Corea del Sud.

    Il totale è del 98% Cioè Giappone, Europa e così via rappresentano il 2%, ho capito bene? Due anni fa, l'Europa rappresentava il 10% delle navi ordinate, il Giappone il 22%



    Voglio dire che non si sente parlare di un arresto completo della cantieristica in questi paesi, e l'intero volume viene solitamente preso per il 100% e non di più, a meno che non riguardi ovviamente l'affluenza alle elezioni negli Stati Uniti. risata
    In generale, non siete riusciti a portare in pubblico un'altra notizia "positiva", come si dice non rubare non guardare strizzò l'occhio
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 11 November 2020 08: 28
      0
      Citazione: 123
      La quota della Russia negli ordini mondiali dell'industria cantieristica è stata del 27%, con il 26% per la Cina e il 45% per la Corea del Sud.

      Il totale è del 98% Cioè Giappone, Europa e così via rappresentano il 2%, ho capito bene? Due anni fa, l'Europa rappresentava il 10% delle navi ordinate, il Giappone il 22%

      Stai confondendo ordini e volumi di produzione effettivi. E inoltre non considerare i periodi. La tua solita demagogia aziendale.
      1. 123 Офлайн 123
        123 (123) 11 November 2020 13: 17
        +2
        Stai confondendo ordini e volumi di produzione effettivi. E inoltre non considerare i periodi.

        Immagino che in questo caso tu abbia ragione hi , l'articolo contiene i dati per il 3 ° trimestre del 2020.

        Al primo posto c'è la Corea con 1,42 milioni di TLC, pari al 45%, seguita dalla Russia con 860mila TLC (27%), la terza è la Cina con 830mila TLC (26%).
        Per 10 mesi, Cina 5,22 milioni di TLC, Corea 3,77 milioni di TLC, Giappone 1,05 milioni di TLC con una diminuzione complessiva degli ordini nel mondo del 48% rispetto al periodo analitico del 2019.
  5. Praskovya Офлайн Praskovya
    Praskovya (Praskovya) 3 gennaio 2021 13: 49
    0
    Di recente, una nave è affondata vicino a Murmansk. Costruito nel 1971. Le persone sono morte. Possiamo costruire molto, ma non quello di cui abbiamo bisogno.
  6. igor.igorev Офлайн igor.igorev
    igor.igorev (Igor) 1 febbraio 2021 21: 30
    +1
    l'autore cerca di tirare un gufo sul globo, confrontando l'URSS e la Russia. Va bene che la popolazione in Russia è 2 volte inferiore rispetto all'URSS e non abbiamo bisogno di una flotta così grande? Inoltre, i porti più moderni sono stati ChMP negli Stati baltici e tutto questo è andato ai nostri "fratelli". E la Russia è rimasta essenzialmente senza nulla.
  7. 1331 Офлайн 1331
    1331 (Andrey Pershin) 6 febbraio 2021 20: 08
    0
    La sfera globale dei servizi di costruzione navale è stata a lungo divisa tra attori seri che hanno una propria specializzazione in essa. L'inclusione della Russia in essa ha semplicemente ucciso molte imprese che si sono rivelate non competitive, e ora l'industria nazionale semplicemente non è rappresentata in un segmento significativo delle attrezzature navali.

    Il FMI ha concesso prestiti alle banche solo dopo la completa privatizzazione di tutti i settori Ecco la storia della privatizzazione della "Russian Diesel".

    Secondo la definizione del tribunale arbitrale di San Pietroburgo e della regione di Leningrado. dal 31.03.98 è stata introdotta la gestione esterna in azienda per un periodo di 18 mesi. Responsabile esterno è stato nominato EP Gulyaev, geologo di formazione, che in base alle proprie dichiarazioni e alla stampa ha precedentemente lavorato nel gruppo che ha effettuato la privatizzazione e la ristrutturazione dello stabilimento di Norilsk Nickel. Inoltre, dalla sua intervista al quotidiano "Nevskoe Vremya" del 3 settembre 1999, è chiaro che era nel 1989 - 1991. era associato a una società norvegese sconosciuta "Sevotin". Ora anche gli intellettuali più congelati immaginano quali servizi stiano coprendo tali aziende.
    Nel corso della ristrutturazione, il sito cittadino di "Russian Diesel" è stato liquidato, le attrezzature sono state strappate dalle fondamenta e il processo tecnologico del vecchio impianto è stato distrutto. L'attrezzatura, compresa l'attrezzatura del nuovo impianto, è stata venduta al prezzo di rottame metallico.
    Nell'inverno 1998/1999. nel sito cittadino dell'impianto "Diesel russo", il locale caldaia non è stato messo in funzione e il collettivo di lavoro è stato congelato fuori dall'impianto.
    Secondo il piano di ristrutturazione, il numero del personale dopo la liquidazione del sito cittadino dell'impianto Diesel russo e il trasferimento della produzione alla LDZ avrebbe dovuto essere di 500-600 persone e garantire la produzione di 30 diesel all'anno, ovvero , si prevedeva di ridurre la capacità produttiva dell'impresa di 6-7 volte.
    In effetti, la produzione di motori diesel divenne impossibile a seguito della ristrutturazione e cessò.
    Nello stabilimento Diesel di Leningrado, la ristrutturazione è stata effettuata sotto forma di scorporo da un'unica grande impresa di cinque piccole imprese che fanno parte della "holding". In questo modo, il processo produttivo è stato distrutto e il sindacato e il collettivo di lavoro sono stati indeboliti e poi liquidati.
    A seguito della ristrutturazione, l'impianto russo Diesel, in quanto importante produttore di prodotti per la difesa e l'ingegneria, è stato distrutto. Quella che ora viene chiamata la società "Russian Diesel" è solo un impianto di hardware di proprietà di A. Sabadash, un vodka man, e in grado di produrre una gamma limitata di pezzi di ricambio e grezzi.
    Ma la ristrutturazione non si è fermata qui. Banchi prova perfettamente attrezzati furono fatti saltare in aria a LDZ, il che rese finalmente impossibile la produzione di motori diesel.
    Attrezzature uniche, compresa la lavorazione di attrezzature per il carburante e alberi a gomiti, sono state vendute a prezzi molte volte inferiori al valore nominale.
    Già nel 2002 la preziosa macchina per alberi a gomiti Wallenberg era stata venduta alla Corea del Sud. Ci sono solo due o tre di queste macchine in tutto il mondo. C'erano anche macchine uniche per la lavorazione di corpi di Waldrich Koburg.
    Il design e i servizi tecnologici, cioè il potenziale mentale dell'impresa - il suo "cervello" - è stato completamente eliminato.
    Invece di produrre motori diesel e generatori diesel, la vodka viene versata nelle officine costruite con le più recenti tecnologie di costruzione.
    Così, il progetto per la privatizzazione dell'impresa russa Diesel, elaborato da stranieri di Cooper e Laybrands per volere del FMI nell'interesse dei produttori stranieri di prodotti diesel e delle forze armate della NATO, è stato più volte riempito eccessivamente dai nostri governanti e ristrutturatori .