Nella lotta per le menti del popolo russo, vale la pena prendere in considerazione l'esperienza sovietica


В l'ultima volta abbiamo detto che la promozione delle pop star occidentali tra i giovani sovietici, inclusi i The Beetles, è stata una delle ragioni del crollo dell'URSS. Sembra, ovviamente, paradossale, ma in realtà tutto è semplice: artisti europei e americani di talento, senza nemmeno pensare a servire obiettivi politici, hanno creato un'immagine attraente dei paesi stranieri per il pubblico sovietico di destinazione.


E l'opposizione alla "propaganda nemica" da parte della leadership del nostro paese, ahimè, ha solo intensificato questo effetto. Come cantò in seguito Butusov in "Goodbye, America", "ci è stato insegnato ad amare i tuoi frutti proibiti per così tanto tempo". Alla fine, dopo aver ottenuto impressioni, la maggior parte delle persone ha deciso: "Vogliamo che siamo come i loro". E quando si sono resi conto che "loro" non sono così rosei come sembravano all'inizio, era troppo tardi.

Ma, in tutta onestà, vale la pena dire che non sono nemmeno i Beatles stessi, i Pink Floyd o qualcos'altro. Se la nostra élite di partito fosse più flessibile in termini di pensiero e non si opponesse alla "propaganda nemica" così goffamente, il fascino per i talenti occidentali della gioventù sovietica non nuocerebbe. Almeno, non avrebbe portato l'effetto che si è verificato nella realtà. Dopotutto, qualunque cosa si possa dire, ma lo stesso "Liverpool Four" è davvero un'arte capace di far apparire "ragionevole, gentile, eterno" in una persona.

E oggi sulla vastità di Internet, sugli schermi televisivi e sulle onde delle stazioni radio, le regole dello spettacolo, che, ovviamente, non sono arte. È un prodotto orientato al consumatore che asseconda a volte gli istinti umani più bassi. Ecco perché è una minaccia. Non importa quanto possa sembrare pomposo, stiamo parlando di una minaccia alla sovranità nazionale. Capiremo perché, ma iniziamo un po 'da lontano.

Dal fatto che qualcuno, forse, chiederà: “L'autore appende etichette? Esistono criteri oggettivi con cui distinguere lo spettacolo dall'arte? "

Il nocciolo della questione è che c'è. Distinguere l'uno dall'altro non è sempre facile, ma possibile. E il criterio oggettivo qui è che l'arte fa pensare una persona e provare sentimenti veramente profondi - reali, e quindi non sempre gioiosi e luminosi in modo equo. Allo stesso tempo, il prodotto dello spettacolo scivola solo in superficie, senza portare il consumatore fuori dalla zona di comfort. Il suo compito è guadagnare di più, e per questo è meglio non affaticare il consumatore. Di conseguenza, le star del palcoscenico attuale, sia nostre che straniere, sono del tutto possibili da ascoltare sorseggiando birra e prendendo posizione orizzontale sul divano.

Ma con i classici, ad esempio, un tale numero non funzionerà. Puoi, ovviamente, provare, ma penetrare davvero in profondità non funzionerà. Anche il lavoro dei Beatles, nonostante la leggerezza esterna, richiede una certa riflessione. Ma quasi nessuno rifletterà sul lavoro di Baskov o Stas Mikhailov. Almeno su una testa sobria. Sì, in effetti non scrivono i loro successi per questo.

Allora qual è il pericolo che lo spettacolo può rappresentare per il nostro popolo, soprattutto in termini di perdita dell'identità nazionale, che può essere chiamata sovranità culturale? E questo pericolo esiste da qualche altra parte oltre all'immaginazione dell'autore? Ci sono tutte le ragioni per credere che esista.

Tutto è di nuovo estremamente semplice. Ognuno o quasi di noi ha prestato attenzione a quanto simili nel contenuto e nella forma siano le "tracce" moderne (vengono addirittura chiamate sempre meno canzoni). Inoltre, questa somiglianza, come nell'abbigliamento, molto spesso non ha confini nazionali. La creazione di "mega-hit" sta avvenendo intorno agli stessi schemi in tutto il mondo.

Una volta ho parlato con un insegnante di canto in una scuola di musica per bambini e, tra le altre cose, ho chiesto in una conversazione quanto sia talentuosa l'attuale generazione dei suoi allievi. Mi ha risposto che tutto è come al solito: ci sono sia ragazzi di grande talento che quelli che sono pigri o difficilmente tirano il programma. La loro percentuale non cambia di anno in anno.

Ma col tempo, ha detto, diventa un problema che i giovani cantanti nel canto sempre più spesso usino inconsciamente il modo insito nella cultura vocale occidentale e americana. Ed è quasi impossibile svezzarli da questo, perché riproducono semplicemente in pratica ciò che ascoltano nell'esecuzione dei loro idoli.

Sembrerebbe che questo sia solo un dettaglio, ma il diavolo, come sai, è nascosto proprio in questi dettagli. E, per confermare la veridicità di quanto detto dall'insegnante, basta uscire negli spazi aperti di YouTube e ascoltare come comunicano con i loro spettatori i blogger più apprezzati dai giovani.

Non ci vendicheremo di una taglia unica, ma molto spesso dopo aver visto i loro video, rimane l'impressione che si stia guardando una traduzione doppiata dall'inglese. Inoltre, con la conservazione di tutte le intonazioni in lingua inglese o, meglio, americana. Come dice il proverbio, non c'è bisogno di sconfiggere un paese con mezzi militari se puoi imporre il tuo codice culturale alla sua gente.

E il "pop", non solo musicale, tra l'altro, è uno strumento molto conveniente in questo senso. Il che, oltre a imporre valori alieni, offusca anche il suo consumatore. O qualcuno pensa che puoi ascoltare Buzova e guardare Katya Klap senza conseguenze sotto forma di tua degradazione?

Una persona appassionata di musica pop si trasforma molto rapidamente in un rappresentante di un'enorme massa senza volto, che è molto facile da controllare. Le nostre manifestazioni di "protesta" ne sono un chiaro esempio. Con quanta disinteresse le persone a volte applaudono le più perfette sciocchezze, trasportate nei megafoni dai "focosi tribuni delle strade"! È perché le stesse sciocchezze si riversano nelle loro orecchie attraverso cuffie e radio?

Vale la pena menzionare separatamente che la musica pop può portare un certo entourage "nazionale", che però non va oltre il livello di "matryoshka-putin-balalaika". Sebbene tu possa ancora trovare molte persone che credono sinceramente che Babkina e "l'Anello d'Oro" eseguano musica popolare russa, e la serie di cartoni animati "Tre eroi" ha un vero rapporto con i nostri poemi epici.

Ma come resistere a tutto questo flusso, chiederà il lettore? Troveremo la risposta alla domanda in Mikhail Zhvanetsky, che ora ci ha lasciato, il quale, nonostante tutte le sue critiche all'URSS, una volta ha notato un fatto molto interessante. Sulla scena sovietica, ha detto Mikhail Mikhailovich, semplicemente non c'erano persone prive di talento. Perché a quel tempo le autorità, anche se hanno commesso molti errori, hanno lavorato davvero per educare i loro cittadini.

Infatti, negli anni sovietici sulla televisione centrale o sulla trasmissione radiofonica di spettacoli teatrali, opera, balletto, serate letterarie con la partecipazione di classici viventi erano all'ordine delle cose. E c'erano abbastanza persone che vivevano in piccole città e villaggi che conoscevano le novità letterarie e teatrali, semplicemente guardando la TV a casa.

Qualcuno dirà che anche nelle condizioni moderne, con la presenza di Internet, non ci sono problemi per aderire all'arte alta. Bene, è vero, ma solo parzialmente. Dal momento che in termini di accessibilità, l'arte nel mondo moderno non è nemmeno vicina a competere con lo spettacolo.

Ma un giorno vivremo comunque al punto in cui le nostre autorità si preoccuperanno seriamente del problema del degrado culturale che la Russia sta vivendo ora, e invece di belle parole, passeranno all'azione. E poi dovranno affrontare un compito formulato in modo estremamente chiaro: limitare delicatamente ma costantemente l'accesso allo spazio pubblico per le persone che non possono dare altro che volgarità ai loro fan, e rendere l'arte alta, e soprattutto l'arte russa, veramente accessibile. per ogni abitante del nostro paese.

Avendo imparato a lavorare con la sua gente, lo stato imparerà a difendere i propri valori nell'arena internazionale, dove la cultura russa può diventare una delle forze trainanti più importanti della nostra strategia di "soft power". E qui l'esperienza sovietica, ricca di successi ed errori, che avrebbero dovuto essere evitati in futuro, sarà molto utile.

To be continued ...
14 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
    Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 11 November 2020 08: 12
    +1
    Il dottor Goebbels ha insegnato a strofinare le sciocchezze nelle orecchie, molto prima della musica pop ... il blogger Navalny usa i suoi metodi. E sotto l'URSS c'erano le stesse canzoni pop popolari ... le balalaika e il canto corale russo non davano fastidio. I georgiani in costumi russi si esibirebbero sulla betulla sul campo? quindi tutti i tipi di rotar, pugachev, vaikule e altri si sono esibiti con canzoni che parlano di niente ... e ora i produttori georgiani rivelano l'argomento delle tette ucraine sui palchi russi con canzoni semplici.
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 11 November 2020 09: 21
    -2
    Oh, hanno tirato il gufo sul globo ...
    Chi è migliore viene imitato. E lo showbiz attira tutto dall'Occidente, dalle canzoni ai testi e alle idee per gli spettacoli.
    Il denaro statale viene speso per film non redditizi, centri Eltsin e promesse

    Una lotta per le menti? Il denaro non puzza: questa è l'intera lotta.
    "Ottimizza" le pensioni dei pensionati e diventa milionario.
    Endogan era un assassino, nemico e terrorista: è diventato un partner e un collega.
    Hanno arrestato 33 eroi - in un urlo, rimuoveremo il papà, cacciato i picchiati - si sono dimenticati e hanno lanciato soldi al papà ...
  3. Rus Офлайн Rus
    Rus 11 November 2020 09: 35
    -5
    Non c'è niente da considerare ... Resistere solo e credere che la distruzione sia stabilità
  4. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
    Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 11 November 2020 09: 57
    -4
    principalmente arte russa

    Esiste questa "arte russa"? In modo che senza un grammo dell'influenza "dell'Occidente".
    Mi chiedo quanti anni abbia l'autore. L'articolo è come il brontolio di un vecchio.
    1. noioso Офлайн noioso
      noioso 11 November 2020 13: 26
      0
      Esiste, ma è stato nascosto dai tempi dei Romanov.
      Aspettare. La rinascita russa arriverà presto
      1. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
        Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 11 November 2020 14: 53
        -3
        Non vedo l'ora. Mi chiedo cosa sia l'arte russa senza una goccia della perniciosa influenza dell'Occidente.
    2. CHIEDERE. 21.07 Офлайн CHIEDERE. 21.07
      CHIEDERE. 21.07 (Artyom Karagodin) 11 November 2020 23: 01
      +2
      Stai invano esagerando, Oleg. Non si tratta del grado di influenza dell '"Occidente" e non di brontolii sulla vecchiaia. Sono ancora lontano dalla vecchiaia. Si tratta di spingere il più possibile lo spettacolo fuori dallo spazio pubblico.

      E l'arte genuina non farà male in ogni caso, come hai correttamente sottolineato. È solo che la preferenza dovrebbe essere data, relativamente parlando, a Pushkin, Tchaikovsky e Surikov, e solo allora a Shakespeare, Vivaldi e da Vinci. Dopotutto, anche nelle scuole (almeno all'epoca in cui studiavo lì, cioè nel 1994-2005), la priorità è data alla storia della Russia, e non a quella mondiale. Il che, secondo me, è abbastanza logico.
      1. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
        Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 12 November 2020 00: 07
        -4
        È semplice quando iniziano la canzone "c'erano persone ai nostri tempi, non come la tribù attuale", mi sembra che questo non sia un giovane che parla. In ogni caso, a giudicare dai segni sfuggenti, l'esperienza sovietica non ebbe particolare successo.
        Riguardo a Pushkin, Tchaikovsky e Surikov, cosa intendi per arte russa? Sono tutti eredi della cultura europea, dopo Pietro il Grande è generalmente difficile parlare di arte tipicamente russa, e ancora di più dopo 70 anni di potere sovietico.
        1. CHIEDERE. 21.07 Офлайн CHIEDERE. 21.07
          CHIEDERE. 21.07 (Artyom Karagodin) 12 November 2020 00: 59
          +1
          Beh, non puoi essere così unilaterale! C'è stata un'esperienza di successo, ci sono stati anche errori di calcolo, su cui vedi sopra. E per l'arte russa non si dovrebbe capire solo l'arte popolare, in primo luogo, e in secondo luogo, gli stessi Pushkin, Gogol, Glinka, Borodin, Surikov e altri sono stati ispirati proprio da modelli popolari. Non sosterrai che "La Traviata" e "Ivan Susanin" non hanno caratteristiche nazionali, vero?

          I nostri grandi, ovviamente, sono anche gli eredi della cultura europea, ma proprio quegli eredi, e non ciechi imitatori. E non dovresti pensare che dopo Pietro e i bolscevichi abbiamo smesso di essere diversi dagli europei. Non credo che tu stesso lo affermerai.

          E in generale, ci stiamo allontanando con sicurezza dall'argomento della pubblicazione. Dal momento che il discorso non era sul "abbasso tutto ciò che è straniero", ma sul fatto che lo spettacolo è un modo per scherzare, e basta, basta con esso. E sulla differenza tra la cultura dell'Europa occidentale e quella russa - lunga, ovviamente non da discutere nei commenti.
          1. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
            Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 12 November 2020 11: 39
            -3
            Citazione: ASK. 21.07
            c'è stata un'esperienza di successo, ci sono stati anche errori di calcolo, sui quali vedi sopra.

            In un lampo, hanno perso la "battaglia per le menti". E in misura non trascurabile a causa dei divieti.

            Citazione: ASK. 21.07
            Non diresti che La Traviata e Ivan Susanin non hanno caratteristiche nazionali, vero?

            Non sono molto bravo con le opere, e La Traviata non è un'opera italiana? Non so se l'opera "Ivan Susanin" abbia caratteristiche nazionali, ma questo è probabilmente il primo esempio di propaganda russa, "Una vita per lo zar".

            Citazione: ASK. 21.07
            I nostri grandi, ovviamente, sono anche gli eredi della cultura europea, ma proprio quegli eredi, e non ciechi imitatori.

            Così come una specie di erede di Bairon o Dumas, e non un cieco imitatore.

            Citazione: ASK. 21.07
            E non dovresti pensare che dopo Pietro e i bolscevichi abbiamo smesso di essere diversi dagli europei. Non credo che tu stesso lo affermerai.

            Sì, sono d'accordo, prima non eravamo molto diversi.

            Citazione: ASK. 21.07
            Dal momento che il discorso non era sul "abbasso tutto ciò che è straniero", ma sul fatto che lo spettacolo è un modo per scherzare, e basta, basta con esso.

            Personalmente non mi piace l'idea che i cittadini della Federazione Russa siano un branco irragionevole e debbano essere guidati nella giusta direzione da alcuni cani. Quindi puoi capire che lo stile dei codardi sarà determinato dalla legge federale. Solo educazione. Lo stato ha uno strumento come una scuola. O sui canali della TV di Stato, invece di 5 minuti di odio, o meglio 1.5 ore di storie su come tutto va male in Ucraina, fai un'ora di opera.
            1. CHIEDERE. 21.07 Офлайн CHIEDERE. 21.07
              CHIEDERE. 21.07 (Artyom Karagodin) 12 November 2020 17: 45
              +2
              Solo educazione. Lo stato ha uno strumento come una scuola. O sui canali della TV di Stato, invece di 5 minuti di odio, o meglio 1.5 ore di storie su come tutto va male in Ucraina, fai un'ora di opera.

              E io sono per sho, come si dice a Odessa? Dopotutto, il denaro statale può essere speso non per il cinema di Zvjagintsev e dei suoi compagni, ma per qualcosa di più patriottico e di alta qualità. Dopotutto, non ho mai detto una parola sui cani che hanno bisogno di essere guidati, e non lo intendevo nemmeno. Questo gatto nero sicuramente non era e non è nella stanza))).

              Per quanto riguarda "Una vita per lo zar", ascolta a tuo piacimento. Il paragone con "Traviata" qui è stato per il fatto che qualsiasi arte, se è arte, ha caratteristiche nazionali. E lo stesso Verdi è molto diverso sia da Mozart che da Bizet. Semplicemente non ho definito chiaramente questa idea. Ma entrando in questo argomento, sembra che iniziamo a parlare di particolari e ci aggrappiamo alle parole. Devo farlo))?
        2. Arkady Medvedev Офлайн Arkady Medvedev
          Arkady Medvedev (Arkady) 14 November 2020 14: 23
          +2
          Colleghi, aggiungerò una nota di riconciliazione alla vostra controversia. I nostri curatori d'arte del Partito Comunista dell'Unione Sovietica hanno dimenticato (o forse non sapevano) la frase del grande poeta francese Alfred de Musset:

          I grandi artisti non hanno patria.

          Erano entusiasti del fatto che una persona cresciuta nel codice del costruttore del comunismo avrebbe sicuramente rivettato capolavori di livello mondiale. Inoltre, erano guidati esclusivamente dai propri gusti e preferenze. Questo è il motivo per cui non hanno permesso a campioni di cultura occidentale di entrare nel paese, anche se dovevano essere guidati da un postulato in più:

          Non può esserci arte patriottica o scienza patriottica.

          Johann Wolfgang Goethe (1749-1832), poeta tedesco.
  5. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 11 November 2020 10: 28
    +3
    In qualche modo mi hanno portato un disco con i Beatles dall'estero, ed era da qualche parte nel 1964, l'ho suonato più volte, e mi sembrava così così, ma il mio coinquilino, avendo imparato a conoscere questo "capolavoro", è diventato con me Gli ho dato questo disco, così lo ha guardato con una tale soggezione, lo ha girato, leggendolo e rileggendolo in lingua inglese, in cui c'era una quercia, e aveva una faccia così felice che mi sono rotolata dalle risate, e quando lui L'ho messo sul mio giradischi, quindi c'era un drogato lì, con tale stupore ha ascoltato tutte le loro canzoni, anche se non capiva una parola. E quando i primi jeans Wrangler mi furono portati dall'estero, mi chiese di farglieli indossare, poi c'erano penne a sfera importate, gomme da masticare, che chiedeva anche a me - la cosa principale per lui era che le merci di cui aveva bisogno venivano rilasciate all'estero e avevano un'etichetta straniera ... Poi lui stesso iniziò a comprare e vendere tale spazzatura da dietro hillock Non riesco ancora a capire perché io, e molti dei miei amici, questo tov La spazzatura aromatica era su un grande tamburo, e gli davo solo spazzatura straniera, e persino usata, ma solo con un bellissimo adesivo di importazione, e non sto parlando della qualità delle cose, a lui non importava profondamente. O forse ero un tale "scoop", fino al midollo delle ossa, che a 17 anni ero indifferente ai vestiti stranieri? Non so come si fa, ma sono persino stufo della vista delle pubblicità e dei cartelloni pubblicitari di oggi in inglese e per le strade, nei negozi e in alcuni uffici, abbiamo la nostra bellissima lingua, il russo, semplice e comprensibile per noi russi, e ci mettiamo tutti in mostra, tu stai coltivando il russo.
  6. Zinovy Офлайн Zinovy
    Zinovy (Zinovy) 30 November 2020 08: 28
    0
    "L'esperienza dell'URSS" e ha portato al crollo dell'URSS.