La vittoria dell'Azerbaigian in Karabakh e le bugie dell'Armenia


In realtà, è successo qualcosa che prima o poi doveva succedere. Nel corso di 30 anni, l'Azerbaigian ha modernizzato, riarmato, addestrato il suo esercito per riconquistare il Nagorno-Karabakh ad un certo punto.


Sicuramente, questa è una grande vittoria per Ilham Aliyev personalmente e per l'intero popolo azero. Il territorio che era stato spremuto dagli armeni nei primi anni '90 è stato restituito. Si può discutere a lungo su di chi sia questa terra, su chi ci abitava 1000 anni fa, e così via ... Ma il fatto è che furono le unità armate armene ad attaccare l'Azerbaigian dopo il crollo dell'URSS. È semplicemente inutile discuterne.

Gli autori del conflitto non dovrebbero essere cercati nell'Azerbaigian moderno o nell'odierna Armenia. La colpa è del primo regime sovietico, che spesso disegnava confini condizionali ed effettivi con poca intelligenza. Mosca ha avuto tutta la leva necessaria, oltre a 70 anni di tempo, per risolvere incruentemente molti conflitti interetnici sul territorio dell'URSS, ma non è stato fatto nulla.

La posizione sconsiderata della stessa Yerevan, che per quasi 30 anni non ha riconosciuto l'indipendenza dell'NKR e non l'ha inclusa in Armenia, ha giocato un ruolo importante in tutta questa storia. "Il Karabakh è nostro, ma non lo riconosciamo" - questo è franco politico idiozia.

Tuttavia, la cosa più importante è che il conflitto nel Nagorno-Karabakh sia finito e lo spargimento di sangue si sia fermato. Nonostante le dichiarazioni bellicose di Yerevan, è improbabile che l'esercito armeno oserà violare gli accordi raggiunti, perché in questo caso semplicemente non sarà necessario contare su alcun sostegno dalla Russia.

La Russia ha assunto la posizione più corretta e razionale nel conflitto. Mosca non aveva alcun diritto morale e politico di invadere il Karabakh per contenere le truppe azerbaigiane. Al Cremlino piace molto invocare il diritto internazionale, quindi non potrebbe violarlo.

Subito dopo la firma dell '"atto di resa", Yerevan è stata travolta dai pogrom ... I manifestanti hanno preso l'edificio del parlamento ...

Cosa vuoi, cara? I propagandisti armeni riferivano ogni ora sui successi al fronte, che il nemico stava fuggendo e che lo avrebbero portato fino a Baku. E qui su di te, arrenditi ... Improvvisamente è successo. Le persone sono state nutrite con le biciclette per più di un mese e in una notte hanno perso tutto il Karabakh.

In generale, la campagna di propaganda lanciata dagli armeni nel corso del conflitto già terminato ha causato fin dall'inizio sconcerto. Tutte le dichiarazioni della parte azera sui veri successi al fronte sono state immediatamente confutate. Allo stesso tempo, Yerevan e Stepanakert diffondevano rapporti vittoriosi sulle sconfitte schiaccianti del nemico. Anche i nostri corrispondenti militari li aiutarono attivamente, incluso il famigerato Semyon Pegov, che "trattenne Shushi" anche dopo che Baku pubblicò il filmato della cattura della città.

Su Internet, ogni armeno considerava suo sacro dovere accusare gli azeri di mentire e mostrare la sua mappa dei territori perduti, che era 20 giorni indietro rispetto alla versione azera (leggi - reale). Con la schiuma alla bocca, sostenevano che il nemico stava per cadere e che Yerevan avrebbe festeggiato la vittoria.

Quindi, signori a Yerevan e oltre, chiarite ora il malcontento popolare. Basta non cercare di trovare l'estremo, per esempio ... la Russia. Dicono: sono stati i russi a non sostenerci, che tipo di traditori erano, ma abbiamo pensato che i fratelli ... Questo non è necessario. Nessuno è obbligato a combattere per te per l'ignoto la cui terra (perché per 30 anni tu stesso non hai riconosciuto l'esistenza dell'NKR). E la stragrande maggioranza di voi non si è nemmeno alzata dal divano.

Abbiamo già perso due dei nostri ragazzi nel Mi-24 ...
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
18 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. RFR Офлайн RFR
    RFR (RFR) 10 November 2020 21: 59
    +6
    Sì, i rinoceronti al 100% ci biasimeranno per tutti i loro guai, piangeranno che li abbiamo traditi, anche se con il loro idiota Pashinyan tutte le domande vengono passate all'ambasciata degli Stati Uniti e personalmente a Soros ...
  2. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 10 November 2020 22: 04
    +5
    Una piccola aggiunta sul riconoscimento del Karabakh. Ne ho parlato molte volte, ma non ho ricevuto alcun commento. Dovremo comunque portare alcuni documenti ufficiali
    Quindi documento numero uno. Costituzione della Repubblica d'Armenia. Preambolo.

    Il popolo armeno, prendendo come base i principi fondamentali della statualità armena e gli obiettivi nazionali sanciti Dichiarazione di indipendenza dell'Armeniaavendo adempiuto al mandato dei loro antenati amanti della libertà di restaurare lo stato sovrano, impegnandosi a rafforzarlo e svilupparlo in nome di garantire libertà, benessere generale, accordo civile per i discendenti, confermando la sua fedeltà ai valori universali, adotta la Costituzione della Repubblica d'Armenia.

    Sembra tutto a posto? Ma nel Preambolo c'è un riferimento al documento "Dichiarazione di indipendenza dell'Armenia". Leggiamo questo documento numero due.

    "Il Soviet Supremo della SSR armena, esprimendo la volontà unitaria del popolo armeno, realizzando la propria responsabilità davanti al destino del popolo armeno nel soddisfare le aspirazioni di tutti gli armeni e ripristinare la giustizia storica, procedendo dai principi della Dichiarazione universale dei diritti umani e dalle norme universalmente riconosciute del diritto internazionale, attuando il diritto delle nazioni alla libera autodeterminazione , basato sulla risoluzione congiunta del Soviet Supremo della SSR armena e del Consiglio nazionale del Nagorno-Karabakh del 1 dicembre 1989 "Sulla riunificazione della SSR armena e del Nagorno-Karabakh"lo sviluppo delle tradizioni democratiche della Repubblica indipendente di Armenia, costituita il 28 maggio 1918, con l'obiettivo di creare una società democratica e legale, proclama l'inizio del processo di creazione di una statualità indipendente

    Cioè, al momento della sua formazione, la Repubblica d'Armenia aveva già annesso il Nagorno-Karabakh. E di che tipo di riconoscimento dell'indipendenza potremmo parlare? Riconoscimento dell'indipendenza del Nagorno-Karabakh dall'Armenia?
    Ma il trucco è il seguente. C'è un altro documento numero tre.

    Risoluzione del Presidium del Soviet Supremo dell'URSS del 10 gennaio 1990 N 1050-I "Sull'incoerenza della Costituzione degli atti dell'URSS sul Nagorno-Karabakh adottata dal Soviet Supremo della SSR armena il 1 dicembre 1989 e il 9 gennaio 1990"
    Il Presidium del Soviet Supremo dell'URSS rileva che il Soviet Supremo della SSR armena ha adottato una serie di decisioni volte a bloccare la Risoluzione del Soviet Supremo dell'URSS del 28 novembre 1989 "sulle misure per normalizzare la situazione nella regione autonoma del Nagorno-Karabakh", che ha portato a un ulteriore aggravamento delle relazioni interetniche in Nagorno Karabakh e dintorni.
    Il 1 ° dicembre 1989, il Soviet Supremo della SSR armena ha adottato le Risoluzioni "Sulla riunificazione della SSR armena e del Nagorno-Karabakh" e "Sulla risoluzione del Soviet supremo dell'URSS del 28 novembre 1989" Su misure per normalizzare la situazione nella regione autonoma del Nagorno-Karabakh ".
    La proclamazione della riunificazione della SSR armena e del Nagorno-Karabakh senza il consenso della SSR azerbaigiana è una diretta violazione dell'articolo 78 della Costituzione dell'URSS.
    Il fatto che il Soviet Supremo della SSR armena abbia adottato risoluzioni congiunte con un organo incostituzionale - il Consiglio nazionale del Nagorno-Karabakh e il riconoscimento del Congresso dei plenipotenziari del Nagorno-Karabakh e il Consiglio nazionale da esso formato come unica autorità legale nella regione autonoma contraddice gli articoli 2, 78, 86, 87 e 145 della Costituzione dell'URSS.
    Il 9 gennaio 1990, il Soviet Supremo della SSR armena adottò una risoluzione "sull'inclusione del piano di sviluppo socio-economico dell'NKAO per il 1990 nel piano statale per lo sviluppo economico e sociale della SSR armena per il 1990", che violava i diritti sovrani della SSR azerbaigiana.
    In relazione a quanto precede e guidato dagli articoli 73, 76 e 173 della Costituzione dell'URSS, il Presidium del Soviet Supremo dell'URSS decide:
    1. Riconoscere che le risoluzioni del Soviet supremo della SSR armena del 1 dicembre 1989 "Sulla riunificazione della SSR armena e del Nagorno-Karabakh", "Sulla risoluzione del Soviet supremo dell'URSS del 28 novembre 1989" sulle misure per normalizzare la situazione nella regione autonoma del Nagorno-Karabakh "e del 9 gennaio 1990 "Sull'inclusione nel Piano statale di sviluppo economico e sociale della SSR armena per il 1990 il Piano di sviluppo socio-economico della NKAO per il 1990" non corrispondono alla Costituzione dell'URSS e, in virtù dell'articolo 74 della Costituzione dell'URSS, non può operare sul territorio della repubblica.
    2. In base alla clausola 5 dell'articolo 119 della Costituzione dell'URSS, proporre al Presidium del Soviet Supremo della SSR armena di adottare misure per conformare gli atti legislativi della repubblica alla Costituzione dell'URSS.

    Perché chiamo la Costituzione dell'Armenia il documento più divertente. Si basa su documenti che non hanno valore legale. E nel 1989 e nel 1990 l'URSS esisteva ancora. Ma l'Armenia non lo riconosceva più. E secondo la sua Costituzione, molto tempo fa, includeva il Nagorno-Karabakh nell'Armenia.
    1. pischak Офлайн pischak
      pischak 11 November 2020 06: 01
      +4
      hi Chi può discuterne, compagno Bakht ?!
      Per lo stesso Maidan "primo ministro" Pashinyan, l'Azerbaijan ha offerto condizioni migliori per una soluzione pacifica del problema del Karabakh, e le autorità armene inadeguate le hanno ignorate con arroganza (proprio come loro stesse non hanno riconosciuto ufficialmente questo NKR "Artsakh"!) E le hanno portate a un nuovo spargimento di sangue! richiesta
      Ad essere sincero, all'inizio (negli anni 1990-2000) pensavo che l'Azerbaigian non sarebbe stato in grado di riconquistare presto i territori sequestrati dagli armeni.
      A proposito, i risultati diplomatici e fisici della tua vendetta di successo, che in un primo momento hanno completamente gonfiato le nostre analogie locali "Svidomo" dell'NKR con l'LDNR filo-russo anch'esso non riconosciuto, si sono ora un po 'raffreddati e hanno fatto riflettere quelli di loro, che non sono ancora al 100% del cervello funzioni cognitive parzialmente conservate ... occhiolino
  3. Vit007 Офлайн Vit007
    Vit007 (Socrate) 10 November 2020 22: 37
    -4
    Mi chiedo quanto hanno guadagnato in petrodollari azeri per questo post?
    1. Kristallovich Офлайн Kristallovich
      Kristallovich (Ruslan) 10 November 2020 23: 18
      +4
      Non hai sentito questi numeri
    2. Bakht Online Bakht
      Bakht (Bakhtiyar) 11 November 2020 00: 17
      +3
      Non giudicare da solo
      1. Vit007 Офлайн Vit007
        Vit007 (Socrate) 11 November 2020 01: 06
        -3
        Stai parlando con me?
        1. Bakht Online Bakht
          Bakht (Bakhtiyar) 11 November 2020 08: 15
          +1
          Non lo so. Se il tuo commento era relativo al mio post, allora a te.
  4. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
    Xuli (o) Tebenado 10 November 2020 23: 41
    +2
    La colpa è del primo regime sovietico, che spesso disegnava confini condizionali ed effettivi non da una grande mente. Mosca ha avuto tutta la leva necessaria, oltre a 70 anni di tempo, per risolvere incruentemente molti conflitti interetnici sul territorio dell'URSS, ma non è stato fatto nulla.

    1) I confini condizionali ed effettivi furono tracciati non solo dal "primo potere sovietico", ma anche dal potere sovietico della "mezza età" nel 1940 (Ucraina occidentale, Bielorussia occidentale, Stati baltici, Moldova) e nel 1954 (Crimea).
    2) Il principio territoriale della costruzione dell'Impero russo da parte dei compagni bolscevichi è stato sostituito dal principio nazionale-territoriale. L'URSS consisteva di repubbliche nazionali e molte nazionalità negli anni '20 e '30 del secolo scorso si sono formate come tali, e sotto i discorsi senza fine sulla loro autodeterminazione nazionale "fino alla secessione", hanno creato repubbliche separate (stati) che sono entrati nella "unione indissolubile repubbliche libere ".
    3) 70 anni? L'URSS è esistita dal 30 dicembre 1922 all'8 dicembre 1991, cioè per quasi 69 anni.
    4) Molti conflitti interetnici sul territorio dell'URSS? Il primo conflitto interetnico scoppiò nel dicembre 1986. in Kazakistan, quando l'incompetente segretario minerario del Comitato centrale del PCUS ha nominato un russo al posto di "principale comunista kazako".
  5. Il commento è stato cancellato
    1. Il commento è stato cancellato
  6. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
    Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 11 November 2020 07: 28
    0
    Bravo Glavred, bravo buono
  7. shpakov.alex Офлайн shpakov.alex
    shpakov.alex (Alexey Shpakov) 11 November 2020 09: 08
    -3
    Aliyev in realtà ha portato a tradimento la Turchia e la NATO nel Caucaso e nel Mar Caspio, e ha persino portato un gruppo di terroristi islamici. Il Karabakh è stato storicamente il territorio dell'Armenia.
  8. Brodyaga1812 Офлайн Brodyaga1812
    Brodyaga1812 (Vagabondo 1812) 11 November 2020 09: 26
    +2
    Tutto è corretto. Vae victis!
    Per quasi 30 anni, l'Azerbaigian ha preparato la sua "rivincita" mentre si riposava sugli allori di Yerevan. Compagno Stalin diceva che la vendetta è un piatto che va servito freddo. Baku per trent'anni, serrando silenziosamente i denti, ascoltò le aspre osservazioni di Yerevan sull'insolvenza rivolta a se stessa. E mi sono preparato. E mi sono preparato. La festa è oggi sulla strada dell'Azerbaigian. Ma tutto in questo mondo peccaminoso è globalizzato e non si dovrebbe ridurre tutto al conflitto tra Armenia e Azerbaigian. C'è un aspetto internazionale fondamentale. Non solo per la Federazione Russa, ma anche per tutti i Paesi della regione: non permettere la liberazione dei propri territori da parte dell'Azerbaigian non si traduce nel rafforzamento e nell'espansione della Turchia islamista nel Caucaso.
    Per quanto riguarda l'Armenia. Vergogna, sconfitta, umiliazione - sì. Ma non un disastro. In generale, non è andato perso un solo centimetro del territorio armeno stesso. Il genocidio degli armeni - residenti in Karabakh - non è stato consentito. Le truppe russe garantiscono de facto, anche se nella forma più ridotta, l'esistenza del Karabakh armeno. Qualunque cosa Aliyev dica su questo. Sì, non esiste uno status de jure. Quindi non è mai successo. Ma de facto, le baionette russe proteggono quel poco che resta del Karabakh armeno. Nonostante il fatto che de jure è ancora terra azera. E la cosa più importante. È tempo che l'Armenia impari a vivere in nuove realtà. Non fare affidamento su nessuno se non sulla diaspora e su noi stessi. Non fare affidamento sugli stati, sulla Francia o sulla Russia. Questa è la parte più difficile. Ma in linea di principio è possibile. Per cominciare, prevenire una guerra civile sul suo territorio.
  9. shpakov.alex Офлайн shpakov.alex
    shpakov.alex (Alexey Shpakov) 11 November 2020 09: 45
    -4
    L'Armenia ha combattuto non solo con l'aggressore in inferiorità numerica (Azerbaigian), ma anche con il blocco militare (Turchia) e con i terroristi islamici. Aliyev capiva perfettamente che senza la Turchia e i banditi sarebbe stato sconfitto. Aliyev prova invano l'aureola dell'eroe-vincitore-liberatore. Lascialo provare sulla pelle di un codardo e di un traditore, sarà più adatto.
    1. Kristallovich Офлайн Kristallovich
      Kristallovich (Ruslan) 11 November 2020 10: 13
      +4
      Aliyev capiva perfettamente che senza la Turchia e i banditi sarebbe stato sconfitto.

      L'esercito azero è di gran lunga superiore a quello armeno nella qualità delle attrezzature tecniche e dell'addestramento al combattimento.

      L'Armenia non ha solo combattuto ...

      L'Armenia non ha quasi mai combattuto. Le unità regolari delle forze armate non furono quasi coinvolte.
      1. shpakov.alex Офлайн shpakov.alex
        shpakov.alex (Alexey Shpakov) 11 November 2020 11: 10
        -3
        Gli Aziks non avrebbero vinto nulla senza l'aiuto della Turchia e dei barmaley, e gli Aziks non sono motivati, sono venuti a prendere qualcun altro e gli armeni hanno difeso il loro.
        E allora con chi ha combattuto l'Aziki? Con i turchi o qualcosa del genere :)?!
        1. Kristallovich Офлайн Kristallovich
          Kristallovich (Ruslan) 11 November 2020 11: 21
          +1
          È negativo quando le convinzioni politiche influenzano l'obiettività della valutazione.
    2. sverdicono Офлайн sverdicono
      sverdicono 11 November 2020 21: 52
      +1
      L'Armenia ha semplicemente abbandonato il Karabakh. Allo stesso tempo, osando chiedere aiuto alla Russia. L'Armenia non ha riconosciuto la Crimea. Considera le milizie banditi. Di cosa stai parlando. E l'esercito dell'Armenia! Questo è il livello del 1990. Nella vecchia armatura della Bundeswehr
  10. sverdicono Офлайн sverdicono
    sverdicono 11 November 2020 21: 32
    +2
    Buon articolo. Corretta. Una settimana fa, al mercato, gli armeni erano indignati per il fatto che la Russia non stava inviando truppe in Karabakh. E guardando l'esercito del Karabakh, pensi che questo sia un gruppo di senzatetto