Con la fine della guerra in Nagorno-Karabakh, la Russia ha salvato il Donbass e la Transnistria


La venuta della pace e la fine dello spargimento di sangue sono sempre meravigliose. Ciò vale in piena misura fino alla fine dello scontro militare tra Armenia e Azerbaigian sul Nagorno-Karabakh. Tuttavia, in questo caso particolare, avendo interpretato un brillante "partito" militare-diplomatico e costringendo le parti a fermare le ostilità alle condizioni più accettabili per se stessa, Mosca non solo ha salvato da una "pulizia etnica" abbastanza probabile o, almeno, dalla fuga forzata dei residenti della "libertà". Artsakh ".


La minaccia di esattamente la stessa sorte è stata assegnata (almeno per il prossimo futuro) anche ad altre "repubbliche non riconosciute" che cercano sostegno e protezione dal nostro Paese.

Precedente non valido


Partiamo dall'essenza: se gli eventi si sviluppassero secondo lo scenario su cui, di fatto, si contava a Baku, e, soprattutto, ad Ankara, ciò creerebbe un precedente estremamente significativo e assolutamente inaccettabile per la Russia. Stiamo parlando di un riuscito ritorno al governo di uno o di un altro stato attraverso un'operazione militare di territori "ribelli", che una volta ne facevano parte per qualche ragione, ma non volevano rimanere tali. Siamo franchi: fino a ieri, non c'erano praticamente ostacoli reali alla realizzazione di una simile prospettiva. La resa del punto strategico di difesa di Shushi agli azeri mise le formazioni militari dell'NKR e le forze armene che le sostenevano non solo in una situazione di svantaggio, ma letteralmente in una situazione catastrofica. La cattura di Stepanakert e la caduta dell'Artsakh, infatti, furono questione di pochi giorni, se non di ore. Tuttavia, l'accordo concluso tra Putin, Aliyev e Pashinyan ha costretto Baku ad abbandonare una vittoria completa e definitiva, che, di fatto, era già "a distanza". Argomenti molto pesanti furono probabilmente fatti da Vladimir Vladimirovich ...

E a proposito, la firma di Erdogan sotto il documento non lo è. E il contingente di mantenimento della pace in Karabakh è russo, non turco. E nemmeno mescolato. Qualunque cosa provino a dire a Baku e Ankara su una sorta di "partecipazione" e "osservazione", il nostro tricolore svolazzerà sul corridoio Lachin, e non uno striscione rosso con una mezzaluna. E guarda - guarda chi è contro. Solo, come si suol dire, tieni le mani a posto. La cosa principale è che il Nagorno-Karabakh non è sotto l'autorità dell'Azerbaigian, ma rimane nello stato di un'enclave autonoma, anche se non legittimata, e riceve persino una vera protezione nella persona dei caschi blu russi. Ora chiunque cerchi di attaccarlo dovrà fare i conti con Mosca, non con Yerevan.

Torniamo, tuttavia, al nostro argomento principale. Il problema delle "repubbliche non riconosciute" in tutta la sua acutezza è sorto alla fine dell'ultimo - l'inizio di questo secolo, cioè durante il crollo dell'URSS e dei paesi del "campo socialista". La secessione della Transnistria dalla Moldova, l'autodeterminazione dell'Abkhazia e dell'Ossezia meridionale ... Nel 2000 esisteva un'intera Unione di stati non riconosciuti, che alcuni chiamano CIS-2. Nel 2014, le repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk sono state aggiunte a questo elenco. Tutte queste piccole ma orgogliose enclave sono unite, oltre alla massa di caratteristiche comuni, e una in più - ognuna di loro ha cercato di "calmarsi" con il fuoco e la spada. Allo stesso tempo, tali tentativi, di regola, lo erano politica, che a loro tempo gridavano più forte del "diritto dei popoli all'autodeterminazione" e rimproveravano la Russia di "imperialismo". L'ultima scappatella del genere è stata intrapresa nel 2008, non essere ricordata da Mikheil Saakashvili al calar della notte, perché non è chiaro con quale gioia immaginasse che la NATO avrebbe pienamente sostenuto la sua avventura militare con tutte le sue forze.

Niente del genere, ovviamente, è successo, i teppisti che stavano spazzando via Tskhinvali e le nostre forze di pace dalla faccia della terra sono caduti sulle noci e Miho è stata costretta a passare a una dieta a basso contenuto calorico. Bene, e poi riqualificarsi completamente da presidenti a governatori di Odessa. Lì, tuttavia, non ha funzionato nemmeno, ma non era questo il punto. Il fallimento della "blitzkrieg" georgiana del 2008, così come i vergognosi tentativi di Kiev di "de-occupare" il Donbass nel 2014-2015, hanno raffreddato molto le "teste calde" in alcuni stati preoccupati a livello nazionale che chiaramente sovrastimano le loro capacità militari e il peso della politica estera. Hanno imparato con fermezza: il blocco del Nord Atlantico non combatterà per loro e contattare la Russia è più costoso per loro.

"Shusha ucraino" e altre fantasie pericolose


I successi militari dell'Azerbaigian nella campagna in corso hanno generato un "fermento di menti" estremamente pericoloso e una certa rivalutazione della questione sopra descritta. Si scopre che non dovresti fare affidamento su Bruxelles sciolta, goffa e sempre cauta! E nemmeno Washington dovrebbe essere corteggiata! Basta "fare amicizia" con una militarmente non potente come gli Stati Uniti, ma il paese più aggressivo, pronto a sostenere i tuoi piani per "ripristinare l'integrità territoriale" con una forza reale - e il trucco è nel sacco. Dopo essersi immaginata come una nuova incarnazione dell'Impero Ottomano, con le sue azioni nel Caucaso, la Turchia moderna non solo dà il cattivo esempio a tutti coloro che sognano la "disoccupazione" e la "reintegrazione" forzata, ma spinge non solo l'Azerbaigian alla guerra. Non per niente la sua "cooperazione militare" con Kiev, ancora incapace di stabilizzarsi, proprio sullo sfondo della guerra in Nagorno-Karabakh, è appena sbocciata in un colore violento, avendo ricevuto un nuovo potente impulso. La rovina, come diceva il professore Bulgakov, è nelle teste - e proprio nelle calotte craniche dei patrioti ucraini in questa occasione iniziò un ribollire senza precedenti del loro semplice contenuto.

Si sono davvero rianimati alla luce delle nuove prospettive, che sembravano loro estremamente attraenti! "Ci è stato dimostrato molto chiaramente come vincere nel Donbass ..." Bayraktars ", un'alleanza con l'Azerbaigian e la Turchia - tutto questo lo abbiamo già o potremmo ricevere presto" ... Horlivka è lo Shusha ucraino e il nostro esercito lo accetterà ... Tutto può essere risolto in modo elementare, abbiamo solo bisogno di alleati che, invece di elogiare per la "tranquillità", ci forniranno "Bayraktar" - proprio queste e altre simili "rivelazioni" di cui i social network ei messaggeri della "nezalezhnaya" erano pieni dopo la notizia della cattura di Shushi. Ora sono, ovviamente, una calma triste ...

In alternativa, i dotati "strateghi" del divano di Kiev, Lvov e Zhashkov, con le loro piccole menti, non sono stati in grado di confrontare la differenza tra le situazioni con il Nagorno-Karabakh e il Donbass, incapaci di capire che il modo in cui li vedono nei febbrili sogni di "bayrakty" non sarebbe accaduto in alcun modo. Astuccio. In Artsakh, a differenza di DPR e LPR, non ci sono e non ci sono mai state migliaia di persone con passaporti russi. La Russia ha rapporti di buon vicinato e di partner non solo con Yerevan, ma anche con Baku (ma non con Kiev!). Il nostro paese non ha buone capacità logistiche per fornire assistenza militare all'Armenia, ma la situazione con il Donbass è esattamente diversa. Lo stesso (solo, per così dire, con il segno opposto) vale per la Turchia. E Pashinyan, con il suo passato "Maidan" e il chiaro orientamento filo-occidentale per Mosca, non è affatto lo stesso dei leader del Donbass.

L'elenco potrebbe continuare all'infinito, anche se quanto sopra è più che sufficiente. Tuttavia, se l'esercito azero ha preso Stepanakert dopo Shusha (e tutto è andato a questo), allora qualsiasi argomento logico sarebbe "patrioti" spinto più lontano. E gli argomenti della ragione ... L'Ucraina moderna e la ragione sono concetti incompatibili per definizione. Potrebbe benissimo essere scoperto che sotto l'influenza delle vittorie altrui e, come nel caso azero, insistentemente "spinto sotto il gomito" da Ankara, i "napoleoni" locali avrebbero deciso il tentativo più disperato e folle. Alla fine, come si dice nella stessa Ucraina, "una cosa brutta è semplice": sculacciavano i droni (i turchi li lanciavano anche "dalla spalla del sultano"), e spostavano il Donbass per "disoccuparlo". Nella Moldova di oggi, questo difficilmente accadrebbe, ma chi sa chi sarà al potere domani in questo paese? Credimi, ci sono abbastanza persone con intenzioni simili riguardo alla Transnistria.

Gli accordi di pace sul Nagorno-Karabakh sono diventati una vera doccia fredda per coloro che hanno guardato con invidia notizie da questa guerra, "provando" le vittorie altrui. La cosa più importante qui è l'apparizione nel Caucaso di un nuovo potente raggruppamento di forze di pace russe. Se, ancora una volta, proviamo a proiettare la situazione sul Donbass, allora diventa chiaro che qualsiasi tentativo di agire lì secondo lo “scenario del Karabakh” porterà all'apparizione di una bandiera russa sullo stesso Horlivka, non di una verde. E assolutamente, intendiamoci, per motivi legali. "L'Occidente non darà?" E dov'era l'Occidente quando Vladimir Vladimirovich ha dettato i termini della tregua a Pashinyan e Aliyev? Ecco lo stesso ... Questa è anche un'ottima lezione per "soprattutto congelamento". A proposito, fin dall'inizio, Putin ha suggerito che il leader "Maidan" di Yerevan rinunciasse alle piccole: le regioni intorno al Karabakh che furono sequestrate nel 1992 e trasformate in una "cintura di sicurezza". Era possibile cavarsela con perdite molto più piccole di adesso - sia umane, sia territoriali e di immagine. Se non ascolti, incolpa te stesso. Sarebbe stato ancora peggio, ma solo per la Russia era già categoricamente non redditizio. Anche Kiev dovrebbe pensare a questo momento. Forse, quando i "leader" locali arriveranno ad ascoltare l'ultimatum del Cremlino, ricorderanno la triste esperienza del loro collega armeno e mostreranno almeno una certa prudenza.

In un modo o nell'altro, ma il grado di successo della Russia nel Caucaso può essere valutato almeno da quanta reazione negativa ha provocato dai nostri "amici" occidentali. L'ex comandante dell'esercito americano in Europa Ben Hodges ha già dimostrato la maleducazione insita nei suoi compatrioti dichiarando "occupanti" i caschi blu russi in Nagorno-Karabakh (così come in qualsiasi altra parte del mondo). Su quali basi? Ma perché non sono americani! Ebbene, poiché a Washington chiaramente non piace questo allineamento, tutto è stato fatto correttamente. Nel frattempo, in Ucraina, gli "esperti" che si sono un po 'ripresi dallo shock si stanno affinando in invenzioni sul tema della "sconfitta geopolitica di Mosca nel Caucaso" e, di conseguenza, "la vittoria e il rafforzamento della Turchia" in questa regione. Le mie condoglianze ... Tuttavia, le richieste di "disoccupazione del Donbass in Karabakh" si sono placate immediatamente. E questo è il punto principale.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
13 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Afinogen Офлайн Afinogen
    Afinogen (Afinogen) 11 November 2020 10: 20
    +4
    Con la fine della guerra in Nagorno-Karabakh, la Russia ha salvato il Donbass

    Lo correggerò un po ', non il Donbass, ma i guerrieri che escono dalle prossime "caldaie". È solo che è passato molto tempo, hanno dimenticato come hanno combattuto. O caddero nell'accerchiamento o fuggirono in modo da gettare tutte le armi e l'equipaggiamento.
    1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
      Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 11 November 2020 10: 43
      0
      allo stesso tempo, il "compagno" Girkin ha sostenuto che la caldaia Debaltsev non avrebbe funzionato ...
  2. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
    Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 11 November 2020 10: 29
    -2
    L'Iran ha più diritti in Karabakh degli armeni ... Il Donbass è russo, perché le tribù "nomadi" locali non hanno mai deciso il destino della "loro" terra e non sono state coinvolte nell'organizzazione statale ... ei moldavi non dovrebbero pensare alla Transnistria, ma al fatto che loro possono diventare rumeni. Quindi, usando l'esempio dell'aneto, il Donbass è il Karabakh, gli ucraini sono armeni e la Russia è l'Azerbaigian (Iran). gli ucraini avranno altri tre "Karabakh". Malopolsha, Transcarpazia e Bucovina ... e la "grande" Ucraina rimarranno entro i confini del XVII secolo.
    1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
      Xuli (o) Tebenado 11 November 2020 18: 43
      -1
      ... I moldavi non dovrebbero pensare a Pridnestrovie, ma al fatto che possono diventare rumeni.

      1) I moldavi "pensano" alla Transnistria per inerzia, mantenendo per questo un vice primo ministro per la "reintegrazione". In questa posizione, ogni (ciascuna) figura cerca di ritrarre un'attività violenta, ma questo non va oltre.
      2) Guardando a come i moldavi "stanno combattendo un virus mortale" e molte delle loro altre sciocchezze, a volte penso - anche se i rumeni li hanno ripuliti, ma nelle realtà esistenti questo è impossibile.
    2. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
      Petr Vladimirovich (Peter) 11 November 2020 22: 47
      0
      E che dire dell'Iran qui? Il suo confine con entrambe le repubbliche lungo gli Araks è abbastanza soddisfacente, a proposito, attualmente la comunicazione del Nakhichevan con la "terraferma" avviene lungo l'autostrada lungo la sua riva destra degli Araks.
    3. Morgan Офлайн Morgan
      Morgan (Miron) 11 November 2020 23: 04
      +1
      Che casino nella tua testa!
  3. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 11 November 2020 11: 02
    +3
    In linea di principio, è vero. Ma ci sono alcuni commenti.
    In tutto il Karabakh.
    Inizialmente, l'Azerbaigian non si è posto come obiettivo l'intero Nagorno-Karabakh. Inizialmente, erano circa cinque regioni e lo stato del Nagorno-Karabakh. È vero, nella mente di alcuni "evviva patrioti" azeri c'erano pensieri di una vittoria completa. Ma il presidente dell'Azerbaigian ha detto a metà ottobre che la vittoria non sarebbe stata completa senza Shushi. Allo stesso tempo, non ha detto nulla su Stepanakert. Esatto, ha affermato che "il Karabakh è l'Azerbaigian". Ma allo stesso modo, ha subito affermato che gli armeni sarebbero vissuti in Karabakh. E ha sempre confermato che non appena l'Armenia fornirà un calendario per il ritiro delle truppe armene, l'esercito azero si fermerà immediatamente.
    Ho sempre detto allo stesso modo che la situazione è controllata da Mosca e non da Istanbul. L'Azerbaigian avrà l'opportunità di prendere Aghdam e poi, a un grido di Mosca, la guerra finirà.

    Non posso dire nulla sulla Moldova e sulla Transnistria. Semplicemente perché non conosco bene la situazione in quella regione.

    Ma molto e in dettaglio sono stati scritti sull'Ucraina e sul Donbass.
    Nell'articolo alcuni punti sono assolutamente corretti. E passaporti, confine e logistica comuni. Le situazioni sono completamente diverse. Ma la soluzione potrebbe essere la stessa. Puoi PREVEDERE alcune cose. Si prega di notare che non sto facendo previsioni, ma solo PREVISIONI. Kiev dovrebbe eccitarsi e provare a ripetere lo scenario del Karabakh e ottenere lo stesso scenario del Karabakh. Cioè, l'autonomia culturale del Donbass in Ucraina (autonomia culturale del Karabakh all'interno dell'Azerbaigian), la brigata russa di mantenimento della pace nel Donbass (la brigata russa di mantenimento della pace in Karabakh). Inoltre, presumo che Donetsk e Lugansk possano persino ripristinare i loro confini amministrativi.
    V. Putin ha più volte affermato che l'ingresso del Donbass nella Federazione Russa non è previsto. Non esiste una domanda del genere al momento. Ma la Russia può risolvere i problemi umanitari con i suoi peacekeeper.
    Quindi Kiev non dovrebbe fare appello allo scenario del Karabakh. I conflitti sono completamente diversi. Ma puoi risolverli allo stesso modo.

    In questa fase, è molto più importante per la Russia non annettere nuovi territori (anche se questo è piacevole), ma garantire la sicurezza ai suoi confini e nel vicino estero. Cosa che sta facendo con successo.
  4. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 11 November 2020 13: 49
    +1
    1. L'accordo raggiunto non dovrebbe essere visto come la fine della guerra, ma come una tregua temporanea, perché:
    A) L'obiettivo dichiarato dell'Azerbaigian - la completa liberazione del Nagorno-Karabakh - non è stato raggiunto.
    B) L'opinione pubblica in Armenia non è d'accordo con i termini dell'accordo e le proteste di massa a Yerevan lo testimoniano.
    2. Mentre la guerra era in corso nel territorio del Nagorno-Karabakh, non riconosciuta nemmeno dall'Armenia, la Federazione Russa era impegnata nella persuasione.
    Un argomento molto pesante di Vladimir Vladimirovich era l'obbligo ai sensi del trattato CSTO e la dichiarazione del ministero degli Esteri russo che se le ostilità fossero state trasferite nel territorio dell'Armenia, la Federazione Russa sarebbe stata costretta a usare la forza, e né l'Azerbaigian, né la Turchia, né l'Iran volevano combattere con la Federazione Russa, e nessun altro.
    3. La rivoluzione dei colori in Georgia durante l'emivita dello Stato, quando Ajaria, Abkhazia, Ossezia, Kakheti e altre regioni amministrative hanno praticamente lasciato la subordinazione di Tbilisi. M. Saakashvili ha condotto una brillante operazione in Agiaria e, sull'onda del successo, ha provato a farlo anche in Abkhazia e Ossezia del Sud, ma si è imbattuto nella Federazione Russa. Tuttavia, nessuno ha annullato il compito di unire la Georgia entro i confini dell'ex repubblica dell'URSS, gli accordi Belovezhskaya e quelli riconosciuti dalla comunità mondiale.
    4. Problemi delle "repubbliche non riconosciute": l'eredità dell'URSS, la sua divisione amministrativo-territoriale, la politica interetnica, i diversi livelli di sviluppo delle regioni sociali ed economiche, gli intrighi sotto copertura e le decisioni ostinate, come con la Crimea.
    5. L'accordo Belovezhskaya riconosce tutti gli stati post-sovietici entro i confini delle repubbliche sindacali e tutti (!!!), compresa l'ONU, concordavano con questo e nessuno si opponeva, riferendosi alla composizione etnica, alla comunità religiosa, alla giustizia storica e ad altri argomenti. Da ciò emerge una soluzione ai problemi di tutte le "repubbliche non riconosciute".
    1. astronauta Офлайн astronauta
      astronauta (San Sanych) 12 November 2020 02: 12
      -1
      L'accordo Belovezhskaya è illegale. Dovresti saperlo.
  5. Alkatrass A Офлайн Alkatrass A
    Alkatrass A (Аlkatrass A) 11 November 2020 17: 29
    +1
    Dopo una resa organizzata e, apparentemente, pianificata ad Artsakh, esperti di menti e valori diversi si sono precipitati insieme alla ricerca di eroi e colpevoli. Inoltre, secondo l'antica tradizione russa, con l'obbligo di punire gli innocenti e premiare gli indegni. L'eroe, ovviamente, si chiama Russia, che ha fermato le ostilità. Tuttavia, hanno dovuto essere fermati immediatamente dopo il bombardamento a grappolo di Stepanakert. E se non ti fermi, invia attrezzature ed esperti militari. Le lamentele sull'Azerbaigian fraterno e sulla terza guerra mondiale con i turchi vengono mandate dritte alla toilette. Nel Vietnam del Nord, ad esempio, nulla ci ha impedito di aiutare tecnici e specialisti. Ma gli Stati Uniti vi erano coinvolti, e non indirettamente, ma direttamente. Tutti nel mondo sapevano del nostro aiuto ai vietnamiti e in qualche modo non sono sopravvissuti a nulla. Parla alle tue mogli e amanti del non riconoscimento dell'Artsakh come qualcosa che ostacola il sostegno. La Crimea non è riconosciuta, anche LDNR, ma l'intera regione baltica del mondo era considerata occupata dall'URSS. A chi importava di questo? Non giustificare la tua impotenza essendo stanco al lavoro, per favore. Parla direttamente: oggi il capitale d'élite decide tutto. Il capitale non è solo denaro, è potere e risorse di potere, e il denaro è solo uno strumento conveniente con una liquidità al cento per cento. In precedenza, potevamo adattarsi ovunque in base all'ideologia. Abbiamo portato il comunismo e aiutato gli oppressi. Ora abbiamo zero idee e zero ideologia. Se le persone oppresse non hanno assistenti, allora mi dispiace. Questa è la logica. Dichiarazioni sul fatto che gli armeni non ci hanno supplicato male, non si sono inginocchiati abbastanza, non hanno giurato abbastanza fedeltà, il malvagio Soros ha scavato lì dentro - lascialo ai curatori della Piazza Vecchia. Andrà lì.
    1. astronauta Офлайн astronauta
      astronauta (San Sanych) 12 November 2020 02: 15
      +1
      Aspetta, Belousov chiuderà completamente Nabibulina, restituirà la Banca Centrale in seno alla Russia e ci saranno abbastanza soldi.
  6. Maxim Rozhdestvensky Офлайн Maxim Rozhdestvensky
    Maxim Rozhdestvensky (Maxim Rozhdestvensky) 12 November 2020 04: 18
    +2
    Giudizi molto controversi ed eccessivamente ottimisti. Per quanto riguarda l'Armenia, i manifestanti contro Pashinyan stanno gridando "Lunga vita alla Russia" ??? La solita reazione in ogni momento alla perdita del potere ... Il Donbass non è affatto identico, dal momento che non si è reso conto del suo "scenario" originale concepito nel "lontano" 14 (per diventare un'Ucraina alternativa rispetto a Kiev nel Maidan) ed è improbabile si avvererà mai. È positivo, naturalmente, che le cose non siano andate per l'assalto di Stepanokert e il corridoio di Lachin sia stato mantenuto, ma è improbabile che questo fermi i "hurra-patriots" in Azerbaigian, e ancor di più in Turchia. L'Est è l'Est. Non vale la pena confrontare la Turchia con la posizione dell'Europa e degli Stati Uniti. Mentalità diversa. È indubbiamente vero che la Turchia, avendo inequivocabilmente dichiarato l '"appartenenza" della Crimea, non diventerà "amica e partner". Hanno abbattuto un aereo, un elicottero - niente ... "Rugiada di Dio" ... È tutto triste, ovviamente. Anche se comprano petrolio e gas. "Che siano perdonati ..." Il petrolio vale la messa "...
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 15 November 2020 13: 16
      +1
      La Russia è così debole che protegge solo le armi nucleari da gravi conflitti. Non ci saranno infatti volontari per gli yacht degli Abramovich e dei Rotenberg, e grandi scontri prosciugheranno rapidamente l'esercito dei quadri, ai nostri livelli per gestire e rifornire ... Per quanto riguarda la DPR e la Repubblica democratica popolare del Laos, invece, il Karabakh ha acuito il problema, e questo va affrontato. Il comportamento della Federazione Russa, simile a quello dell'Armenia in Karabakh, non si è riconosciuto e ha perso per sempre, avendo pagato un prezzo sanguinoso considerevole. Ora il prezzo sanguinoso è stato pagato e viene pagato per il Donbass, ma il risultato - l'Ucraina lo otterrà ancora - non può essere definito un tradimento da parte del governo della Federazione Russa della popolazione di lingua russa del Donbass ... Le macchinazioni del governo sul sangue del mondo russo delle marmotte sono un crimine contro la Russia e il popolo ..
  7. Hugo Ferreus Офлайн Hugo Ferreus
    Hugo Ferreus (Hugo Ferreus e Guillaume Porkus Ismailov) 12 November 2020 11: 32
    0
    L'autore, non Shushi, ma Shusha. Questo è il vero nome di questa gloriosa città. L'Azerbaigian sconfisse gli armeni e restituì la città ai legittimi proprietari.