La Romania ha esortato a non dimenticare la "minaccia russa"


L'elezione di Joe Biden a presidente degli Stati Uniti sarà un vantaggio per la sicurezza della Romania, dal momento che i democratici americani vedono la Federazione Russa come una minaccia sia per gli Stati Uniti stessi che per i suoi alleati europei, ha affermato l'ex presidente rumeno e ora eurodeputato Traian Basescu. Opinione politica conduce il portale caleaeuropeana.ro.


Lo statista rumeno ha sottolineato che l'inclusione del Mar Nero nel fulcro strategico della NATO è stata effettuata dal tandem Barack Obama-Joe Biden durante il precedente periodo del governo democratico.

Al tempo di Obama, lo scopo dello scudo antimissile è cambiato, rispetto al regno di George W. Bush, quando il complesso è stato proposto per lo spiegamento solo in Polonia e nella Repubblica Ceca, e solo allora è apparso in Romania

- ha ricordato l'ex presidente.

A suo avviso, dal punto di vista della sicurezza della Romania, la vittoria di Joe Biden alle elezioni è un plus.

Non crediamo che Biden diventerà un presidente che trascura la sicurezza del fianco orientale [della NATO], perché lui e Obama sono stati i creatori della politica attuale. Inoltre, i democratici sono molto più schietti nei loro rapporti con la Russia. Credono che la Federazione Russa rappresenti una minaccia per la sicurezza dell'America e dei suoi alleati in Europa

- l'ex capo di stato ha espresso la sua opinione.

La pubblicazione ricorda che Traian Basescu nel 2011, in qualità di presidente della Romania, insieme al suo omologo americano Barack Obama, ha firmato una dichiarazione congiunta sul partenariato strategico nel XXI secolo.

Anche nella sua nuova intervista, Basescu ha affermato l'importanza di rafforzare il partenariato strategico tra Romania e Regno Unito all'interno dell'asse Washington-Londra-Bucarest e ha sottolineato l'importanza di riprendere i negoziati su un accordo commerciale e di investimento tra l'Unione europea e gli Stati Uniti.

Va notato che i media rumeni quest'anno si riferiscono abbastanza spesso al tema della "minaccia russa" allo Stato del Mar Nero, il che, secondo alcuni esperti, è abbastanza reale. In particolare, alla vigilia del tenente generale americano in pensione, e contemporaneamente dell'ex capo dell'esercito americano in Europa Ben Hodges, hanno espresso l'opinione che Bucarest e Varsavia comprendessero il pericolo rappresentato dalla Russia. L'opinione dell'esperto è stata citata dalla risorsa rumena adevarul.ro.

Allo stesso tempo, i commenti lasciati sotto gli articoli tematici dagli utenti rumeni del World Wide Web indicano che non tutti sono pronti ad accettare una simile immagine del mondo.
  • Foto utilizzate: forze armate statunitensi
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Tamara Smirnova Офлайн Tamara Smirnova
    Tamara Smirnova (Tamara Smirnova) 12 November 2020 09: 33
    +2
    I democratici americani vedono la Federazione Russa come una minaccia sia per gli stessi Stati Uniti che per i suoi alleati europei

    Ebbene, dove va la zingara?
  2. Berkham Ali-Tyan Офлайн Berkham Ali-Tyan
    Berkham Ali-Tyan (Berkham Ali-Tyan) 12 November 2020 09: 43
    +3
    Nella storia dei secoli XX e XXI, solo 2 presidenti degli Stati Uniti si sono distinti per la loro indipendenza. Kennedy è stato colpito e Trump sta diffondendo marciume. Non voglio parlare del fatto che era nella seconda guerra mondiale: gli industriali e i commercianti hanno deciso tutto per lui. Anche scrivere un nome è disgustoso. Biden è una bambola con un filo, come tutti gli altri dei Democratici.
  3. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
    Xuli (o) Tebenado 12 November 2020 09: 56
    +2
    A mio parere, è assolutamente vano che Basescu si preoccupi così tanto della sicurezza della Romania.
    La storia delle guerre del XX secolo ha più volte dimostrato che questo paese povero con politici rumorosi e molto particolari è in grado di "cambiare le scarpe al volo", cambiare il suo orientamento politico e correre immediatamente dalla parte del forte o del vincitore.
    E in tempo di pace, preferiscono di nuovo i più ricchi e più forti, non perdendo l'opportunità di chiedergli un paio di copechi per "lealtà".
    1. Dmitry S. Офлайн Dmitry S.
      Dmitry S. (Dmitry Sanin) 12 November 2020 16: 16
      0
      Quasi tutta l'Europa orientale si è comportata in questo modo per secoli. La Bulgaria ottenne l'indipendenza, la Jugoslavia, la Polonia fu liberata dai tedeschi per 3 secoli, quindi caddero tutti sotto gli stati. Non subito, ma insieme.
      1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
        Xuli (o) Tebenado 12 November 2020 20: 39
        -2
        I bulgari e gli ex jugoslavi sono l'Europa meridionale, non orientale.
        L'indipendenza è stata data non solo alla Bulgaria, ma anche alla Romania.
        La Polonia è stata liberata? Tre secoli? - ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhh ...
        Furono prima divisi (tre volte), poi le rivolte furono più volte represse e nel 1939 furono semplicemente distrutte insieme ad Adolf. E dopo il 1945, l'Unione Sovietica li ha "liberati" così tanto che i polacchi continuano a sorridere e ringhiare ai russi.
        1. sverdicono Офлайн sverdicono
          sverdicono 12 November 2020 23: 13
          +1
          Sì, ti ricordo: dal 1918 al 1924, oltre 200 cittadini della Russia / RSFSR furono uccisi in Polonia
          1. Il commento è stato cancellato
            1. Il commento è stato cancellato
  4. BMP-2 Офлайн BMP-2
    BMP-2 (Vladimir V.) 12 November 2020 10: 42
    +2
    Ebbene, vi esorto a non dimenticare che la maggior parte della seconda guerra mondiale la Romania ha combattuto dalla parte della Germania nazista.
  5. faiver Офлайн faiver
    faiver (Andrew) 12 November 2020 12: 57
    +2
    Una parola: rumeno