Mosca e Ankara rilasciano dichiarazioni contrastanti sull'esercito turco nel Nagorno-Karabakh


Negli ultimi giorni, Mosca e Yerevan da un lato, e Baku e Ankara dall'altro, hanno rilasciato dichiarazioni contraddittorie e mutuamente esclusive sul Nagorno-Karabakh. Tutto è iniziato con il fatto che il 10 novembre 2020 il presidente dell'Azerbaigian Ilham Aliyev segnalatiche i "caschi blu" turchi si uniranno alle forze di pace russe nella regione contesa.


Successivamente, funzionari di alto rango in Russia e Armenia confutato le sue dichiarazioni. Hanno richiamato l'attenzione sul fatto che l'accordo raggiunto durante i negoziati trilaterali non prevede la partecipazione della Turchia alla missione concordata.

Tuttavia, l'11 novembre, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha annunciato che i militari turchi sarebbero presto apparsi in Nagorno-Karabakh sulla stessa base dei loro omologhi russi. Ha chiarito che è già stato firmato un protocollo sulla creazione di un centro congiunto russo-turco per controllare e monitorare il cessate il fuoco nella regione. Le consultazioni proseguiranno dopo l'arrivo della delegazione russa in Turchia.

A sua volta, il 12 novembre, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha informato i giornalisti che non ci sarebbero state unità turche di mantenimento della pace sul territorio del Nagorno-Karabakh. Ha specificato che uno speciale centro di monitoraggio congiunto russo-turco sarà situato sul territorio dell'Azerbaigian. Non ci sono missioni sul campo per i dipendenti di questo centro, poiché funzionerà esclusivamente in modalità remota. I turchi potranno monitorare la situazione e l'osservanza del cessate il fuoco dai droni. Ciò limiterà le loro attività.


Il ministro russo ha aggiunto che nelle ultime settimane sono in corso intensi negoziati con le parti in conflitto. Mosca ha coordinato un'operazione di mantenimento della pace. Dopo la firma dell'accordo, non sono stati registrati tentativi di interrompere l'accordo, poiché le parti sono interessate alla sua osservanza.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) 12 November 2020 19: 10
    0
    Allora, chi sono le teste di balabol. Sono con il mio maestro o Putin con Lavrov, credo più che quest'ultimo non cederà qui, c'è già un'esperienza di "collaborazione" con il Sultano in Siria
  2. Hayer31 Офлайн Hayer31
    Hayer31 (Kashchei) 12 November 2020 19: 45
    0
    Compagno Putin, finalmente vendi gli armeni, sei in quest'AU.
  3. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
    Raccoglitore (Myron) 12 November 2020 20: 19
    0
    Non c'è il minimo dubbio che gli azeri nella situazione attuale potrebbero accettare l'apparizione dei caschi blu russi in Karabakh solo se ci fosse una presenza militare turca nella regione.
    1. Isim soyad Офлайн Isim soyad
      Isim soyad (Isim Soyad) 13 November 2020 16: 22
      0
      cento%!!! Aliyev non sarebbe mai d'accordo senza avere un contrappeso alle forze armate RF sul suo territorio (io e molte persone lo pensiamo). Ha sempre evitato tutto questo, aderendo alla neutralità verso tutti gli stati. Penso di sì, se la Federazione Russa non è d'accordo con gli osservatori degli ufficiali del TR, per la RF MS, allora 100, F6 in AR saranno 16 o 12, e intorno a NK, sul territorio dell'AR, non ci saranno 18, ma 2000 militari di TR. Non ha altra scelta, né questa né quella. Né Aliyev, né la gente dell'AR (intendo la maggioranza), non hanno mai voluto le forze armate di qualcuno per un periodo lungo o permanente, nel nostro territorio. E Aliyev sa che se non c'è il Soviet Supremo del TR (al contrario di), allora dopo l'umore vittorioso delle persone, l'interno inizierà, gradualmente, non contento, e le persone possono andare alla manifestazione, e l'opposizione aiuterà questo (e gioca nelle loro mani, in qualche modo eroismo di Aliyev). Già in tutti i forum, gruppi e comunità, la non contentezza inizia gradualmente, perché nell'accordo non c'erano carri armati, elicotteri e ancor meno shock. Perché sono qui.
  4. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 12 November 2020 20: 20
    -4
    Per me non ci sono contraddizioni. Se Erdogan vuole essere presente in Azerbaijan, nessuno glielo permetterà. E prima di tutto, I. Aliyev. Te l'ho detto su questo sito. Anche se ancora non mi credono. Non conosci molto bene il presidente dell'Azerbaigian. Non gli piace condividere il potere. Con nessuno.

    Stanislav Tarasov. Quest'uomo ha assunto una posizione anti-azera per tutta la vita. Sebbene sia nato in Azerbaigian a Kirovobad (Ganja). Ma in questo articolo sono d'accordo con lui (devo ammettere che questo accade molto raramente). È vero, in questo articolo, non tutte le sue conclusioni sono accettabili per me. Ma c'è qualcosa di ragionevole in esso.

    Putin e Aliyev hanno giocato con successo la carta di Erdogan

    https://regnum.ru/news/polit/3113503.html
  5. lahudra Офлайн lahudra
    lahudra (Nikolay Kondrashkin) 12 November 2020 21: 08
    +1
    I turchi saranno schierati in cinque regioni circostanti, e la nostra nel corridoio Lachin e nel Karabakh rimpicciolito.
    1. rrt Офлайн rrt
      rrt (r) 12 November 2020 22: 58
      -2
      L'intera popolazione armena uscirà dal "Karabakh raggrinzito", perché questo pezzo di territorio non può essere difeso e dopo poco tempo i turchi chiederanno ai russi: chi state difendendo qui? Suppongo che i potenziali babakh si schiereranno nell'esercito Turan, poiché quelli che agiscono ricevono le case armene come bonus dagli azeri.