Mondo vergognoso. Ciò che le parti in conflitto nel Karabakh hanno vinto e perso


Con la perdita di Shushi, la guerra finì per l'Armenia e la Russia dovette intervenire per evitare conseguenze ancora peggiori, questa volta per se stessa. Con la mediazione di Mosca, Yerevan è stata costretta a concludere una vergognosa pace alle condizioni di Baku.


In poco più di un mese (dal 27 settembre al 10 novembre), Aliyev ha deciso per l'Azerbaigian tutto militare e militarepolitico compiti. Con il quale puoi congratularti con lui. Solo lo stato dell'NKR è rimasto irrisolto. Ma controllando l'altezza che domina su Stepanakert e avendo l'opportunità di tagliare l'unica strada che la collega con l'Armenia in mezz'ora, si possono dettare le condizioni ad entrambi da una posizione di forza (sia Stepanakert che Yerevan). Ciò si riflette nel documento firmato la notte del 10 novembre, con il quale è improbabile che gli armeni si riconcilino mai, il che significa che la guerra continuerà nel prossimo prevedibile futuro. Ma finora non esiste un'opportunità del genere per Yerevan. La prossima grande guerra può essere prevista tra 30 anni, ma nessuno sa cosa accadrà tra 30 anni. Forse Baku sarà sotto Ankara. Almeno, il ruolo della Turchia in tutti questi eventi è dominante, e in cosa si sta trasformando lo slogan "due paesi - un popolo", recentemente espresso da Erdogan, lo dobbiamo tutti imparare nel prossimo futuro.

Consideriamo ora cosa ha vinto o perso ciascuna delle parti coinvolte nel conflitto.

Azerbaijan


Baku è senza dubbio il vincitore in questo conflitto. Durante la guerra di 45 giorni, ha riconquistato con la forza tutti i territori del Karabakh di pianura persi nel 1992-1994 nelle regioni di Aghdam, Kelbajar e Lachin, che non avevano mai fatto parte della regione autonoma (NKAO), e nella stessa NKAO ha aumentato la sua presenza per conto di aver preso il controllo della fortezza Shushi. Inoltre, l'esistenza stessa dell'NKR (NKAO) è ora nelle sue mani, nulla gli impedisce di annunciare il suo ritiro dall'accordo firmato dopo 4,5 anni e de facto conquistare la ribelle regione armena. E le forze di pace russe non potranno farci nulla, come è precisato l'accordo. In realtà, la parte armena può fare lo stesso per ripristinare lo status quo violato, ma dubito fortemente che sarà in grado di farlo nei prossimi 30 anni.

Inoltre, a seguito degli accordi firmati, Baku è stata anche in grado di ripristinare la violazione economico comunicazioni e collegamenti di trasporto tra l'Azerbaigian e l'exclave da esso interrotta a Nakhichevan (NAR), che sarà ora controllata dal Servizio di frontiera dell'FSB della Federazione Russa. Quelli. gli ultimi gettoni di contrattazione furono eliminati dall'Armenia. E questa è una sconfitta totale.

Dobbiamo rendere omaggio ad Aliyev, ha lavorato con molta competenza, aspettando le elezioni in America, quando gli Stati sicuramente non avrebbero avuto tempo per lui, e ha abilmente separato Pashinyan dalla Russia, sfruttando l'insoddisfazione del Cremlino per la sua ascesa al potere, assicurando così che la Federazione Russa non fosse coinvolta nel conflitto fiammeggiante. La Federazione Russa è intervenuta solo quando ci sono state minacce ai suoi interessi. Ma questo non ha potuto fermare la strisciante espansione della Turchia in una zona precedentemente dominata dal Cremlino.

Armenia


Per l'Armenia, la guerra si è conclusa con una sconfitta totale. Sì, infatti, Yerevan ha capitolato, cercando di evitare la perdita di Stepanakert, Martuni e Askeran, essendo circondato da migliaia di suoi soldati e dopo l'inevitabile pulizia etnica della popolazione locale, con un possibile esodo dall'NKR. Sarebbe un completo collasso per l'Armenia. Ma tutto ciò si sarebbe potuto evitare se Pashinyan fosse pronto per la guerra, e non provocasse Baku con le sue danze il 9 maggio tra le mura della fortezza di Shushi (il 9 maggio non è solo il Giorno della Vittoria, ma anche il giorno della caduta di Shushi nel 1992).

Tuttavia, Yerevan, ispirato dai successi della guerra estiva dei cinque giorni nella regione di Tavush adiacente all'Azerbaigian, situata molto a nord dell'NKR, quando riuscì ad abbattere una dozzina di droni e ad intercettarne altri tre (sebbene tutti provenienti da Israele), dormì completamente durante i preparativi di Baku per la guerra imminente. Invece, Pashinyan era impegnato a epurare l'esercito e i servizi speciali, quando gli ufficiali venivano licenziati in lotti solo per la loro istruzione ricevuta in URSS o nella Federazione Russa. Di conseguenza, i servizi speciali orientati all'Occidente appena reclutati hanno dormito completamente durante le visite di agosto dei generali turchi e del ministro della Difesa a Baku, il riattrezzamento dell'esercito azero con UAV turchi e, in generale, l'attività senza precedenti della Turchia in questa direzione. E i generali di armi di nuova nomina combinati da ex major e capitani addestrati negli Stati Uniti hanno dimostrato la loro completa inadeguatezza tattica e strategica sul campo di battaglia. Ciò è stato particolarmente sorprendente sullo sfondo del massiccio eroismo del popolo armeno, che con fermezza e dignità ha accettato la battaglia. Ma con sistemi di difesa aerea obsoleti e MLRS, è difficile gestire gli UAV di attacco e i droni kamikaze. È come uscire per combattere con arco e frecce contro mitragliatrici e armi automatiche. Questa è una realtà oggettiva, che è stata registrata da questa campagna militare e con la quale ora dobbiamo fare qualcosa (intendo ufficiali-generali di stato maggiore che scrivono piani e controprogetti per le guerre future, partendo dall'esperienza di quelle precedenti).

L'Armenia non ha subito tale umiliazione nazionale dal genocidio armeno del 1915. È chiaro che i ragazzi armeni caldi non potevano perdonare una tale vergogna a nessuno, pur sapendo esattamente a chi devono tutto questo. Come ha detto un noto georgiano: "Ogni errore ha il suo nome e il suo cognome". E gli orgogliosi armeni la conoscevano. Di conseguenza, Nikol Pashinyan è stato costretto a nascondersi nel territorio dell'ambasciata americana la mattina stessa dopo la firma dei documenti e da lì fare appello ai suoi sostenitori per il sostegno. Penso che gli americani lo porteranno fuori di lì per posta diplomatica con un vestito da donna. E questo non è un dato di fatto. In ogni caso i suoi giorni sono già contati, il conto alla rovescia è stato lanciato il 10 novembre.

perdita


Non ho volutamente menzionato le perdite delle parti qui, poiché in questa situazione non hanno importanza. Baku generalmente non fornisce informazioni sulle perdite militari, spiegando che le informazioni sono riservate e saranno pubblicate dopo la fine della fase attiva del conflitto. Yerevan fornisce i nomi delle vittime, ma richiedono anche chiarimenti. In ogni caso, il conteggio va a migliaia. Secondo informazioni non ufficiali, sono morte fino a 2mila persone in Armenia, contro 3mila in Azerbaigian. Il che, in linea di principio, sembra essere vero, dal momento che la parte in attacco subisce sempre perdite maggiori rispetto alla parte in difesa.

Ma ripeto, in questo caso non importa, perché il vincitore ottiene tutto e il perdente non ottiene nulla. L'Unione Sovietica vinse anche la seconda guerra mondiale a costo di enormi perdite superiori alle perdite totali della Germania e dei suoi alleati, ma vinse, e la Germania perse e bevve fino in fondo questa coppa, obbedendo al famoso principio dei barbari gallici, i conquistatori dell'antica Roma: "Vae victis!" (dal lat. "Guai ai vinti!").

Russia


A seguito degli eventi monitorati, la Russia, avendo preso una posizione di non interferenza, anche senza intraprendere nulla, è stata in grado di ripristinare pienamente la sua influenza nella regione, riportando l'Armenia nemmeno in una posizione amichevole, ma in una posizione dipendente, quando Yerevan senza il sostegno di Mosca potrebbe perdere il Karabakh entro mezza giornata. Ora nessuno parla di piegare la 102a base. E i giorni di colui che ha guidato, a quanto pare, sono già contati.

Tuttavia, analizzando la stampa russa, vedo alcuni pregiudizi nella valutazione di questi eventi. Ad esempio, la Russia ancora una volta ha asciugato il naso di tutti, solo grazie agli sforzi dell'ufficio di Sergei Lavrov, ha messo tutti di nuovo in una stalla, agendo come arbitro in questo conflitto, ha divorziato dalle parti opposte e si è costretta a rispettare. La Russia è posizionata come tale un D'Artagnan in smoking bianco come la neve, che è tornato di nuovo nel Caucaso, e tutto questo in bianco ha costretto qualcun altro a tirare fuori le castagne dal fuoco con le mani di qualcun altro. E anche questo qualcuno è chiaramente visibile, sotto di esso è difficile non notare le ventose di Baku e Ankara. Ed è difficile non essere d'accordo con questo. Dai documenti firmati la notte del 10 novembre, sembra, questo segue. La Turchia non c'è, ma la Russia con il suo contingente di peacekeeping sì.

Secondo il documento, 1960 militari (della 31a Brigata d'assalto aviotrasportata delle guardie separate di Ulyanovsk) con armi di piccolo calibro e veicoli blindati dalle 00:00 all'ora di Mosca del 10 novembre si spostano sulla linea di contatto delle parti in conflitto lungo il corridoio Lachin largo 5 km in parallelo con il ritiro delle truppe armene da lì ... La durata del soggiorno del contingente è di 5 anni, con proroga automatica di tale periodo per altri 5 anni, se nessuna delle parti annuncia la propria intenzione di rescindere tale disposizione sei mesi prima della scadenza del termine.

La Russia è tornata nel Caucaso e dov'è la Turchia? Rispondo: in primo luogo, la Russia non ha mai lasciato il Caucaso da nessuna parte. Ha combattuto con la Turchia per preservare le sue posizioni, che è riuscita a mantenere, anche rafforzandole un po ', provocando una crisi politica a Yerevan con le mani di Baku, che molto probabilmente porterà alle dimissioni del gabinetto di Nikol Pashinyan. Di conseguenza, abbiamo una situazione vantaggiosa per tutti quando entrambe le parti hanno vinto. L'unica differenza è che la Federazione Russa ha lottato per il pareggio in questa partita, cercando di mantenere la posizione che aveva già, e la Turchia ha giocato per una vittoria e l'ha conquistata, arrampicandosi sulle spalle dell'Azerbaijan in una regione dove prima non era presente. Bloomberg descrive questo come un trionfo per Erdogan, "il cui sostegno all'Azerbaigian nei combattimenti gli ha permesso di entrare nel cortile della Russia nel Caucaso". Senza parole ad alta voce, vale la pena ammettere che questo è vero.

Come si rifletteva questo fatto nei documenti firmati? Lo mostro. È nascosto dietro la vaga formulazione della clausola 5 degli accordi firmati:

Al fine di aumentare l'efficacia del controllo sull'attuazione degli accordi da parte delle Parti in conflitto, viene dispiegato un Centro di mantenimento della pace per controllare il cessate il fuoco.

E questo è, in secondo luogo, i dettagli di seguito.

Turchia


Certo, non si può negare la soggettività a Baku, ma la Turchia ha svolto il ruolo principale in questo conflitto. Senza la sua partecipazione al conflitto, un esito positivo per Aliyev sarebbe una grande domanda.

Il risultato di ciò è stato il dispiegamento delle forze armate turche in Azerbaigian su base permanente, che non abbiamo visto dalla prima guerra mondiale. Poi, dopo aver occupato Petrovsk-Makhachkala, raggiunsero la costa del Mar Caspio e il confine nord-occidentale della Persia (solo gli inglesi li costrinsero ad andarsene nel 1918). Inoltre, nessuno ha chiesto il consenso della Russia all'attuale progresso, hanno semplicemente presentato un fatto. Di tutto ciò che è successo, questo è forse il problema principale per la Federazione Russa. Le dimensioni del gruppo turco non sono ancora chiare, ma è improbabile che siano di dimensioni e capacità di combattimento inferiori alla brigata russa, che ora si sta schierando in Karabakh. Presumibilmente, i turchi dispiegheranno anche almeno una brigata "per il mantenimento della pace" nella regione.

Il massimo che Lavrov è riuscito a ottenere è stato quello di non includere la Turchia nella missione ufficiale di mantenimento della pace. Di conseguenza, l'unico arbitro qui è la Federazione Russa. A Erdogan non era permesso interpretare questo ruolo, anche se lo voleva davvero. Ma non in questo momento. La Turchia ha dovuto limitarsi a una presenza reale. Ma non potevamo più influenzarlo.

Non ci saranno turchi nello stesso Karabakh, solo caschi blu russi, che nei prossimi anni diventeranno i principali e unici garanti dell'esistenza dell'NKR entro i suoi nuovi confini. Da un punto di vista militare, i nuovi confini dell'NKR sono perlopiù inadatti alla difesa, anche se non viene considerato il tema della vulnerabilità del corridoio Lachin. Le nostre forze di pace sono dentro come in una trappola per topi, non è chiaro chi stia proteggendo chi.

Secondo gli accordi firmati (punto 5), la Turchia interagirà con le forze di pace russe attraverso un centro di coordinamento che opererà sul territorio dell'Azerbaijan, non direttamente adiacente al Karabakh. Nel suo quadro, verranno effettuati contatti e interazioni tra il Ministero della Difesa RF e il Ministero della Difesa turco. La modalità di interazione sarà determinata separatamente da un accordo diretto tra la Federazione Russa e la Turchia (nello spirito degli accordi siriani).

L'influenza della Turchia nella regione sta crescendo e la Federazione Russa non può ancora opporsi. Erdogan è già de facto responsabile del nostro cortile.

E l'ultimo - l'Ucraina


E lei ha qualcosa a che fare con questo, chiederà il lettore attento. Spiego che l'Ucraina ha sempre qualcosa a che fare con questo. La avverto solo di non cadere nell'euforia sullo sfondo delle brillanti vittorie dei suoi vicini sul globo e di non trarre conclusioni sbagliate da questo conflitto, provando l'armatura dell'Azerbaijan. Non c'è bisogno di confrontare la vodka con l'olio e il Donbass con il Karabakh. Invece dell'armatura dell'Azerbaijan, prova un mac di legno dell'Armenia e trai le giuste conclusioni. In caso di attacco al Donbass per il ripristino militare della sua integrità territoriale, niente e nessuno ti salverà. Puoi provarlo, però. Funerali a spese dell'istituzione.

Su questo ho finito di riassumere. Pace per tutti!
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 14 November 2020 09: 20
    -1
    In questa fase, la Russia è in nero. Ma Putin parte sempre bene e poi dà un "ritorno" o una "valvola di arresto". Pertanto, è necessario dire che la Russia è in "più" almeno in sei mesi. Come non lavarci con il sangue? In Armenia, gli Stati Uniti stanno ancora conducendo lo spettacolo!
  2. Oleg Bratkov Офлайн Oleg Bratkov
    Oleg Bratkov (Oleg Bratkov) 14 November 2020 11: 16
    0
    Cos'altro è il "ruolo dominante della Turchia" ???
    Parole fuori contatto con la realtà. Erdrogan non si sente per il terzo giorno, beve amaro nell'armadio, versa insulti. In Karabakh, le truppe russe, in qualsiasi momento, annetteranno il Karabakh alla Russia, sulla base del suffragio universale ...
    Domina la Turchia impoverita di maniere imperiali?
    1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
      Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 14 November 2020 13: 07
      -1
      In Karabakh, le truppe russe finiranno da un momento all'altro gli ottusi armeni. Le forze di pace hanno elicotteri d'attacco e carri armati.
  3. gorenina91 Online gorenina91
    gorenina91 (Irina) 14 November 2020 11: 29
    -4
    Mondo vergognoso. Ciò che le parti in conflitto nel Karabakh hanno vinto e perso

    - In realtà, personalmente, ho già scritto su questo argomento ...
    - Così sia ... - Ripeto ...
    - La Russia non ha vinto nulla ... - La Russia ha "vinto" da sola ... - solo problemi colossali e costi di spazio che non saranno mai ripagati ...
    - io personalmente; quando ho guardato il telegiornale, che mostrava colonne di veicoli corazzati leggeri russi (senza alcuna protezione, senza KAZ), che si facevano strada lungo le tortuose strade di montagna ... senza alcuna copertura aerea, poi ... poi ... poi ero solo inorridito ... - dove va la nostra gente ??? - Tutt'intorno alle montagne, già sulle colline c'è la neve ... - Perché abbiamo bisogno di tanti mezzi blindati in montagna ... - Abbiamo bisogno di un potente controllo aereo militare; basi ben attrezzate in montagna (dotate di tutti i tipi di guerra elettronica e sistemi di guerra elettronica); potente sistema di visione spaziale; un intero sistema UAV che fornisce tutte le informazioni dettagliate; un sistema di difesa aerea costantemente funzionante e un sistema di tracciamento per l'intero territorio adiacente; stazioni autonome che forniscono elettricità a tutti gli oggetti ... e chi più ne ha più ne metta ... - - Serve un territorio intero e costantemente sorvegliato con un sistema di valichi e posti di blocco ... Altrimenti le nostre truppe in queste montagne non potranno nemmeno difendersi e lo faranno molto vulnerabile ...
    - E poi devi costruire caserme, box e parchi militari, officine di riparazione (per una tale quantità di attrezzature), magazzini e stoccaggio di combustibili e lubrificanti, ecc. E così via ... - Abbiamo bisogno di materiali da costruzione e attrezzature da costruzione ...
    - E tutto questo viene consegnato esclusivamente per via aerea (che i costi sono così costi !!!) ... - La Russia deve affrontare tali costi e spese che è difficile immaginare ...
    - Tutti i prodotti e il carburante (benzina, cherosene, gasolio e carburanti e lubrificanti) dovranno essere acquistati dall'Azerbaigian ...
    - Qui l'Azerbaijan libererà tutti i suoi magazzini con cereali raffermi, farina, pasta, cibo in scatola, concentrati per uno ... - tutto questo scadere (con una shelf life scaduta) sarà venduto, e anche a prezzi esorbitanti ... - L'Azerbaijan è possibile " congratularmi con "con un simile" furto "...
    - Per cinque anni di permanenza (questo periodo è ancora supposto) in Karabakh, verrà raccolta una somma enorme, che dovrà essere pagata per l'intero "viaggio di lavoro" ... - E come andrà a finire lì ...
    - La Russia ha vinto poco portando questa onorevole missione in Karabakh ... - Sarebbe meglio se queste truppe fossero inviate in Bielorussia al confine occidentale (sarebbe fantastico) o in Siria ... nel peggiore dei casi ...
    - E cosa faranno le nostre truppe in Karabakh ... - solo per proteggere gli armeni rimasti lì ... - nient'altro ...
  4. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 14 November 2020 13: 25
    0
    Ciò che le parti in conflitto in Karabakh hanno vinto e perso

    Il programma di partenariato orientale è stato adottato immediatamente dopo il crollo dell'URSS e si estende a Estonia, Lettonia, Lituania, Bielorussia, Ucraina, Moldova, Georgia, Armenia, Azerbaigian.
    Ciò aumenta la base di materie prime dell'industria europea, fornisce una forza lavoro qualificata per un'identica cultura europea, crea una buona posizione di partenza per la "democratizzazione" della Federazione Russa con il suo successivo smembramento e colonizzazione.
    Il programma del partenariato orientale somiglia molto ai piani di A. Hitler di espandere lo "spazio vitale", la differenza sta nei dettagli: aveva pianificato di stabilire i confini del Terzo Reich negli Urali e sterminare la popolazione, ma per il resto tutto è uno a uno tranne i metodi.
    La prima parte del programma di partenariato orientale è stata completata con successo: l'UE definisce le economie e le politiche di Estonia, Lettonia, Lituania, Ucraina, Georgia, che sono diventate ardenti cani dell'UE e della NATO nel loro compito strategico di "democratizzare" e smembrare la Federazione Russa.
    La seconda fase del programma, l'eliminazione delle "imperfezioni" - la "democratizzazione" di Bielorussia, Moldova, Armenia, Azerbaigian.
    Bielorussia - l'amicizia con la Federazione Russa si basa esclusivamente su Lukashenka. Dopo la sua partenza, il corso politico cambierà di 180 gradi.
    Moldova - la comunanza con la Romania determina il risultato. La Repubblica Moldava di Pridnestrov sarà completamente isolata dalla Federazione Russa e dovrà scomparire unendosi a Moldavia-Romania o Ucraina.
    Armenia - la politica si riduce all'espressione “Voglio, e inietto, e mia madre non ordina”.
    Azerbaigian - la comunanza con la Turchia predetermina la politica, le materie prime - l'UE e la geografia - la NATO.
    Pertanto, qualsiasi successo della Federazione Russa in queste regioni è temporaneo.
    Dopo l'attuazione del programma di partenariato orientale, e molto probabilmente dopo l'uscita di Vladimir Putin dalla guida dello Stato, USA-UE-NATO affronteranno il compito strategico di “democratizzare” la Federazione Russa. I tentativi di "democratizzare" la Federazione Russa non si sono mai interrotti, ma si intensificheranno notevolmente alla vigilia del 2024. La quinta colonna diventerà più attiva e il suo sostegno finanziario aumenterà sia a scapito degli sponsor interni che esterni. Questo obiettivo non sarà raggiunto immediatamente, come in Bielorussia, dove tutta l'amicizia con la Federazione Russa poggia esclusivamente su Lukashenka, ma il tempo logora la pietra.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 14 November 2020 17: 37
      -1
      Questo è stato notato nell'articolo: "Vae victis!" La Russia ha perso contro gli Stati Uniti nella Guerra Fredda degli anni '90, quindi vediamo le conseguenze su tutti i fronti, da quello territoriale, economico, sociale, demografico e altri ... Radunare le forze per respingere il vincitore, altrimenti vegetare nei vinti è "guai ai vinti" ... L'ideologia russa necessaria per la vittoria, perché gli sconfitti non dovrebbero avere ...
  5. neznanov.al Офлайн neznanov.al
    neznanov.al (Alessandro Neznanov) 15 November 2020 00: 17
    -2
    Non parlare dell'eroismo armeno. Non c'era. 10 disertori armeni. Hanno semplicemente dribblato da Shushi, anche se hanno capito cosa significava per la difesa del Karabakh. A proposito di "nome e cognome" queste sono le parole dell'ebreo Kaganovich.
  6. Il commento è stato cancellato