Al-Monitor: Il conflitto in Karabakh era una "guerra per la liberazione dalla Russia"


I media mondiali continuano a riassumere i risultati della seconda guerra del Karabakh. In particolare, la giornalista turca Amberin Zaman offre la sua analisi di quanto sta accadendo sul sito web di Al-Monitor.


L'autore osserva che questo conflitto è stata l'azione straniera di maggior successo della Turchia tra tutte quelle avvenute negli ultimi anni.

[Ankara], con l'aiuto dei suoi consiglieri militari, droni e mercenari siriani, ha aiutato l'Azerbaigian a reclamare i territori occupati dall'Armenia […]. Un potere forte politica La Turchia ha cambiato gli equilibri nel Caucaso meridionale, proprio come è successo in precedenza in Siria e Libia

- dice un giornalista turco.

Richard Giragosian, direttore del Center for Regional Studies, un think tank indipendente con sede a Yerevan, afferma che la Turchia ha riacquistato il suo ruolo di "principale mecenate militare" dell'Azerbaigian, che ha perso quando è stato sconfitto dall'Armenia nella prima guerra del Nagorno-Karabakh. Ora armi turche e consiglieri militari hanno sostituito quelli russi.

Il testo afferma anche che per molti azeri la guerra non riguardava solo il ritorno di territori un tempo perduti.

Era una guerra per la liberazione dalla Russia

- la pubblicazione cita l'opinione di Thomas de Waal, Senior Fellow alla Carnegie Europe e autore di diversi libri sul Caucaso.

Crede che il più grande vantaggio strategico per la Turchia sia l'apertura di un corridoio di trasporto, sebbene controllato dalla Russia, attraverso Nakhichevan e Armenia verso il territorio principale dell'Azerbaigian vero e proprio e verso l'Asia centrale.

In definitiva, le preoccupazioni per possibili invasioni russe su questo corridoio di trasporto potrebbero spingere la Turchia ad aprire il confine terrestre con l'Armenia, il che sconvolgerà ancora una volta gli equilibri, ma questa volta a favore di Yerevan. I valichi di frontiera sono stati chiusi dai turchi nel 1993 in segno di solidarietà con l'Azerbaigian.

La pubblicazione cita anche l'opinione dell'analista azero Zaur Shiriyev, che ritiene che l'Azerbaigian "ora sosterrà la normalizzazione delle relazioni tra Turchia e Armenia, poiché ciò contribuirà a indebolire l'influenza della Russia".
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 13 November 2020 12: 50
    0
    Se Aliyev e gli azeri andranno alla piena subordinazione della Turchia, il petrolio e le risorse danno loro il desiderio di essere indipendenti. Come reagirà la Georgia a questo? Ora tocca alla Turchia, perché i turchi considerano l'Agiaria e Batum il loro territorio perduto ... Iran e Russia come contrappeso all'egemonia della Turchia nel Caucaso e se l'avanzata della Turchia passerà senza ostacoli. "Cosa dopo, vedremo"
  2. _AMUHb_ Офлайн _AMUHb_
    _AMUHb_ (_AMUHb_) 13 November 2020 13: 06
    0
    ... sognando dolcemente ...
  3. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 13 November 2020 13: 26
    -2
    Al-Monitor: Il conflitto in Karabakh era una "guerra per la liberazione dalla Russia"

    In particolare, la giornalista turca Amberin Zaman offre la sua analisi di quanto sta accadendo sul sito web di Al-Monitor.

    L'autore osserva che questo conflitto è stata l'azione straniera di maggior successo della Turchia tra tutte quelle avvenute negli ultimi anni.

    [Ankara], con l'aiuto dei suoi consiglieri militari, droni e mercenari siriani, ha aiutato l'Azerbaigian a reclamare i territori occupati dall'Armenia […]. E la dura politica della Turchia ha cambiato gli equilibri nel Caucaso meridionale, proprio come è successo in precedenza in Siria e Libia.

    - dice un giornalista turco.

    - Assolutamente obiettivo ... - E il rating di Erdogan ora è davvero alto ... più che mai ...

    - la pubblicazione cita l'opinione di Thomas de Waal, Senior Fellow presso Carnegie Europe, e autore di diversi libri sul Caucaso.

    Crede che il più grande vantaggio strategico per la Turchia sia l'apertura di un corridoio di trasporto, sebbene controllato dalla Russia, attraverso Nakhichevan e Armenia verso il territorio principale dell'Azerbaigian vero e proprio e verso l'Asia centrale.

    - Ebbene, in Asia centrale, la Turchia sarà interrotta dalla Cina; e la Cina non è una debole e timida Russia ... - quindi la Turchia avrà poco da guadagnare in Asia centrale, "grazie" alla Cina ...
    - Ma la Turchia può ancora prendere piede nel Mar Caspio; per non parlare del rafforzamento dell'influenza della Turchia sul Caucaso russo ... e sul Tatarstan ...
    1. goncharov.62 Офлайн goncharov.62
      goncharov.62 (Andrew) 13 November 2020 17: 59
      -2
      ... timida Russia.

      Signora, spaccia sempre i tuoi desideri per realtà con tale disinvoltura? E anche dei "deboli". L'economia chiaramente non è al primo posto qui, e in Russia è ancora meno importante.
      1. gorenina91 Офлайн gorenina91
        gorenina91 (Irina) 13 November 2020 18: 12
        +1
        E anche dei "deboli". L'economia chiaramente non è al primo posto qui, e in Russia è ancora meno importante.

        - Cosa cosa ??? - Hai capito te stesso ... - Cosa hai detto ???
        - E ... comunque, sulla "debolezza del cervello" ... - abbastanza accessibile ... - Hahah ...
        1. goncharov.62 Офлайн goncharov.62
          goncharov.62 (Andrew) 13 November 2020 18: 27
          0
          Sì, l'ho capito e lo so. Ma la mia controparte, a quanto pare, è trascinata dalla sua stessa grandezza. Non sul caso. Significa che la Russia entra sempre in una guerra (conflitto, ecc.) Con un'economia impreparata. Ciò, alla fine, non le impedisce di porre fine a questo conflitto a suo favore. Bene, almeno ora è chiaro, spero?
          1. gorenina91 Офлайн gorenina91
            gorenina91 (Irina) 13 November 2020 18: 33
            -1
            Significa che la Russia entra sempre in una guerra (conflitto, ecc.) Con un'economia impreparata. Ciò, alla fine, non le impedisce di porre fine a questo conflitto a suo favore.

            - Interferisce, interferisce ... - Interferisce in modo catastrofico ... - dopo tali guerre e conflitti ... - l'intero pool genetico della Russia (specialmente il pool genetico dei russi) ... - si scioglie irrevocabilmente ... come ... come "Shagreen skin". ..
            1. goncharov.62 Офлайн goncharov.62
              goncharov.62 (Andrew) 13 November 2020 18: 49
              0
              Non si tratta di quello. E così - le ragazze hanno bisogno di partorire più spesso e di più, e muzhuk - lavorare ... Per soldi, ovviamente :)).
    2. Oleg Bratkov Офлайн Oleg Bratkov
      Oleg Bratkov (Oleg Bratkov) 14 November 2020 10: 47
      -1
      La timida Russia ha inviato truppe in Karabakh e Erdrogan è già scomparso per il terzo giorno, probabilmente bevendo, inondazioni di dolore.
  4. dilettante Офлайн dilettante
    dilettante (Victor) 13 November 2020 13: 51
    +3
    Era una guerra per la liberazione dalla Russia
    - la pubblicazione cita l'opinione di Thomas de Waal, Senior Fellow alla Carnegie Europe e autore di diversi libri sul Caucaso.
    Crede che il più grande vantaggio strategico per la Turchia sia l'apertura di un corridoio di trasporto, sebbene controllato dalla Russia, attraverso Nakhichevan e Armenia verso il territorio principale dell'Azerbaigian vero e proprio e verso l'Asia centrale.

    Un altro "geografo". Gli armeni non lasceranno mai che un solo turco attraversi il loro territorio.
    Ebbene, da Baku all'Asia centrale c'è il Mar Caspio (per chi non lo sapesse). E le stesse repubbliche dell'Asia centrale sono una Turchia povera, ma con "maniere imperiali" per il ruolo di "fratello maggiore" non hanno bisogno di nafig. L'inizio degli anni '90, quando la Turchia è salita da tutti i buchi dell'Asia centrale, ha dato una tale immunità anti-turca che sarebbe durata altri 25 anni.
  5. Oleg Bratkov Офлайн Oleg Bratkov
    Oleg Bratkov (Oleg Bratkov) 14 November 2020 10: 30
    -1
    È finito con le forze di pace russe in Nagorno-Karabakh, su richiesta dell'Azerbaigian. Non è del tutto chiaro quale sia la vittoria della Turchia.
  6. Il commento è stato cancellato