"Criminal Revolution". La Russia avrebbe potuto evitare gli "anni 90"?


La scorsa settimana, il 10 novembre, la Russia ha celebrato la Giornata di un impiegato degli organi degli affari interni, che per molti dei nostri compatrioti conserva ancora il suo vero nome: la Giornata della milizia sovietica. Purtroppo, con il crollo dell'URSS, le forze dell'ordine cessarono di essere sovietiche e poi si trasformarono completamente da milizia in polizia. Tuttavia, il nome non è il punto ...


Oggi parleremo del periodo che intercorre tra questi due eventi e fino ad oggi è oggetto di aspre polemiche e speculazioni varie - sui cosiddetti "focosi anni '90". Sarà più o meno il momento in cui il nostro Paese e, in particolare, coloro che sono stati obbligati a tutelare la legge e l'ordine in esso, affrontano un aumento senza precedenti della criminalità, principalmente organizzata. E la domanda principale a cui cercheremo di trovare una risposta è se sia stato possibile prevenire la rivolta dei banditi, che è costata la vita a decine di migliaia di persone e ha causato danni al nostro stato, le cui conseguenze si fanno sentire ancora oggi?

Nato dalla "perestrojka" ...


Successivamente, questa volta riceverà nomi diversi: "anni 90", "rivoluzione criminale" e così via. Devo dire che la maggior parte di questi termini sono piuttosto dubbiosi. I processi di rapida criminalizzazione della società iniziarono negli ultimi anni di esistenza dell'Unione Sovietica, all'epoca, appunto, e spinsero il paese della "perestrojka" al banditismo. E non finirono con l'inizio del nuovo millennio - questo, ahimè, è un dato di fatto. Per quanto riguarda gli anni '90, qualcuno della confraternita degli scrittori l'ha inventato, Mikhail Weller, credo. Inoltre, non vale la pena chiamare le oscure ondate di criminalità che hanno travolto non solo la Russia, ma anche la maggioranza assoluta dei paesi dello "spazio post-sovietico" con la parola ad alta voce "rivoluzione". Fortunatamente, i "ragazzi", desiderosi di tutto questo, non hanno ricevuto il potere finale sullo stato e il pieno controllo sulle sue risorse. Quindi - un tentativo di colpo di stato, al massimo.

Dopo aver più o meno risolto la terminologia, possiamo procedere al punto principale: come è potuto accadere che nello stato sovietico "totalitario", in cui, come continuano a insistere gli attuali liberali, "tutto era sotto completo controllo", soprattutto "corpi punitivi". ", Improvvisamente c'erano gruppi criminali che contavano migliaia e decine di migliaia di" combattenti "e allo stesso tempo" rotolavano "milioni? E non sempre in rubli? Si ritiene che la colpa sia nell'ostinata riluttanza della direzione del partito-stato dell'URSS, che è diventata stagnante nei cliché ideologici, o addirittura caduta nella follia elementare, a riconoscere l'ovvio.

Presumibilmente, è stata proprio la negazione "al vertice" dell'esistenza della prostituzione, della tossicodipendenza e, naturalmente, della criminalità organizzata nello stato sovietico che ha aperto la strada più ampia "alle masse" per queste persone. Ma le persone intelligenti della stessa milizia hanno previsto tutto e hanno persino avvertito: "Il leone si è preparato", "Il leone è saltato" e così via ... Il titolo di questi articoli sulla Literaturnaya Gazeta ora dice poco alla maggior parte dei russi, e pubblicato nel 1988, fu una sensazione all-Union! Bene, certo: un tenente colonnello del Ministero degli affari interni dell'URSS ammette la presenza di una vera mafia nel paese! Torneremo su alcuni momenti delle "rivelazioni" di questo colonnello - Alexander Gurov un po 'più tardi. Nel frattempo, soffermiamoci su uno di loro: per quanto ridicolo e selvaggio possa sembrare oggi, ma l'arma principale contro la criminalità organizzata domestica, questo poliziotto di alto rango ha considerato (e, sembra sinceramente) non rafforzare le forze dell'ordine o inasprire la legislazione pertinente, ma ... " pubblicità"! "La mafia deve rendersi conto che la società lo sa e combatterà come con un fenomeno ..." il crimine è un vero e proprio "biglietto per la vita", che ha permesso di dispiegarsi in tutta la sua ampiezza e potenza. Da dove venivano tutti questi assassini, ladri ed estorsori nella nostra patria, e anche in quantità tali da essere riusciti a trasformare in un inferno la vita totale di un numero enorme di loro concittadini?

In una delle edizioni liberali russe, mi è capitato di imbattermi in un'affermazione sbalorditiva in termini di cinismo e incongruenza: dicono, "durante gli anni del regime comunista, nel Paese si è accumulata tanta energia negativa che tutto semplicemente non poteva che finire in un'esplosione". Stronzate e bugie spudorate. Arrivata al potere, la nostra società ha cominciato a pompare "perestrojka" con "energia negativa". Il "fondamento ideologico" delle future difficoltà criminali fu posto precisamente dalla completa distruzione dei valori morali ed etici dell'era sovietica e dalla loro sostituzione con il culto dell'arricchimento ad ogni costo e del culto dell '"ideale" occidentale. La base sociale è stata creata attraverso la distruzione economia, che ha dato vita a un esercito di persone disoccupate, affamate e veramente amareggiate in tutto il mondo, prima di tutto - giovani che non avevano alcuna prospettiva intelligibile nelle nuove realtà di vita.

Un ruolo significativo è stato svolto dai conflitti regionali scoppiati in tutta l'URSS, quasi dall'oggi al domani, che sono diventati la fonte sia della massa di armi dei modelli dell'esercito, sia, ciò che è molto più terribile, delle persone che sono capaci e pronte a usare questa stessa arma senza la minima esitazione ovunque e quando qualunque cosa. Il crollo totale delle Forze Armate e il furto dei loro beni ha contribuito anche alla saturazione della malavita con armi, munizioni, esplosivi e specialisti dei profili rilevanti. C'era ancora una cosa: il crimine organizzato emerso nello "spazio post-sovietico" non avrebbe mai raggiunto tali proporzioni e non sarebbe salito a tali altezze come era in realtà, se non per i processi globali che hanno avuto luogo nelle ex repubbliche sovietiche - tali come la privatizzazione di massa, il trasferimento di tutto e di tutti in mani private. Tuttavia, tutto questo è uno sfondo. E quali sono le origini?

... E il deficit sovietico


Permettetemi di avanzare e provare a sostenere la mia ipotesi riguardo l'emergere nello "spazio post-sovietico" di numerose comunità criminali che sono passate alla storia come "brigate". Mi riservo che esistano molte di queste ipotesi. Naturalmente, non li citerò tutti qui, ma mi soffermerò solo su uno. Secondo l'opinione dei suoi aderenti, le "brigate" sono un prodotto della "vecchia" criminalità organizzata domestica, cioè dei "ladri" che, con l'inizio della "perestrojka", hanno ricevuto libertà d'azione. C'è una certa quantità di verità qui, ma solo pochissima. La maggior parte dei professionisti delle forze dell'ordine considera questa versione insostenibile. La prova principale è la morte di dozzine o addirittura centinaia di ladri che sono caduti in una lotta impari con i banditi della "nuova formazione" - "membri di Komsomol" o "sportivi", come li chiamavano. Sì, alla fine, molte comunità criminali, se non la maggior parte di esse, caddero comunque sotto l'influenza e il potere dei "ladri", ma questo fu dopo. La radice di ogni male era diversa.

Lasciatemi suggerire: il padre della criminalità organizzata in URSS era ... la scarsità! Si si! Quello su cui il grande Arkady Raikin ha scherzato in modo così talentuoso e divertente. Negli Stati Uniti, la mafia, il contrabbando e il gangsterismo di massa sono stati alimentati da una carenza di alcol, che a sua volta è causata dal proibizionismo. Nel nostro Paese, la scarsità di beni di consumo ha dato vita a "corporazioni" e racket. Qui, forse, per i lettori più giovani e altri che non hanno molta familiarità con la realtà criminale di quel tempo, vale la pena spiegare chi erano, in realtà, questi "tsehoviks".

Come suggerisce il nome, si trattava di uomini d'affari che organizzavano laboratori sotterranei per la produzione di certi tipi di merci, guadagnando soldi assolutamente folli e con lo Stato, ovviamente, non li condividevano. Qual era il segreto dei loro super profitti e del loro successo economico? Tsehoviks, in contrasto con il più potente, ma completamente incomprensibile verso chi e verso cosa era orientata l'industria nazionale negli ultimi anni dell'esistenza dell'URSS, ha reagito alla domanda in modo più sensibile rispetto alle ossa dei reumatismi ai cambiamenti del tempo. Erano avventurosi, inventivi, sono riusciti a creare denaro dal nulla, dal nulla ... C'è una moda per i tappeti: terribili mestieri con sirene prosperose, cigni, come congelati in un attacco di epilessia, cervi mutanti e altri personaggi capaci di spaventare a morte gli eroi film horror? Gli operai reagiscono all'istante: comprano a chilometri dai costruttori di barboni ... tessuto per avvolgere e isolare termicamente i tubi! E ora, sotto uno stampino ritagliato sulla tavola, spruzzato di pittura a caso, nascono "capolavori" schizofrenici, che un tempo adornavano i muri di centinaia di case e appartamenti. Il costo primo è vicino allo zero. Il prezzo di vendita è di sessanta rubli! La gente vuole il cristallo, per favore! Gli occhiali acquistati per sette copechi in Bielorussia mediante incisione con acido si trasformano in "cristalli", che vengono venduti, rispettivamente, con un "involucro" venti volte. Moda per i lampadari Cascade? Anche le officine sotterranee stanno iniziando a rivettarle - e in quantità non misurate. "Cubo di Rubik"? Copertine del passaporto? Fogli? Sì, anche un diavolo in un mortaio! Il rilascio di tutto ciò che non è stato possibile trovare sugli scaffali dei negozi statali durante il giorno con il fuoco e che era molto richiesto è stato controllato immediatamente dai negozianti.

Naturalmente, anche in officine che funzionavano in modo abbastanza legale (ce n'erano, immaginate, ce n'erano), un'unità su dieci veniva contabilizzata e svolta nel reparto contabilità, e anche allora nel migliore dei casi. Considerando che allora non esisteva alcuna ispezione fiscale e, anzi, praticamente nessuna tassa in quanto tale, è difficile anche solo immaginare in quali numeri è stato calcolato il più puro superprofit che è andato in assoluto oltre i “bidoni della Patria” ... "O" nero ", legale o" ombra ", ha le sue leggi. In pieno accordo con loro, di volta in volta, sorgono vari conflitti, tra cui "controversie economiche", mutui mancati pagamenti e simili. Cosa dovrebbe essere fatto da coloro che non possono richiedere la risoluzione di queste controversie al tribunale, all'arbitrato, alla polizia? Da chi andranno, indovina? Hai indovinato! In generale, questo è elementare: con lo sviluppo del business "ombra", sembra che le persone abbiano enormi quantità di denaro, ma non sono in grado di proteggerle legalmente. Le "controversie economiche", conflitti e contraddizioni che sorgono in questa attività non possono essere risolti nell'ambito della legge. È qui che entrano in scena i "ragazzi", i cui rappresentanti diventano guardie, garanti, giudici e, ovviamente, carnefici. In tutto il mondo, grandi clan criminali controllano la prostituzione, il traffico di droga e armi, l'immigrazione illegale e simili. Tuttavia, allo stesso tempo, cercano regolarmente di "entrare" nei settori legali e "puliti" dell'economia, perché questa è la loro natura ed essenza. Essendosi originata come un fungo putrefattivo sui settori della società colpiti da "malattie" sociali, questa infezione cerca invariabilmente di divorare l'intero "organismo" statale.

Potrebbe essere altrimenti?


Non a caso mi sono soffermato così in dettaglio sulla preistoria e prerequisiti puramente economici per l'apparizione nel nostro Paese di comunità criminali e clan del modello dei "focosi anni '90". Sarebbe, per lo meno, scorretto incolpare le forze dell'ordine per "aver dormito troppo", "accarezzare" e non fermare un tentativo di "rivoluzione criminale". Tutti hanno visto, tutti sapevano e hanno persino cercato di combattere, nonostante le loro, più che modeste in quel momento, opportunità. Non si tratta solo del ridicolo equipaggiamento tecnico della stessa milizia "post-sovietica", che tra la fine degli anni '80 e l'inizio degli anni '90 non aveva trasporti normali, comunicazioni moderne e molte altre cose che a quel tempo erano componenti necessarie del supporto materiale del loro colleghi.

Tutto questo (così come gli stipendi mendicanti) fu ampiamente compensato dal vecchio "indurimento" e dal potenziale umano ancora sovietici. Le "autorità" di quel tempo erano per lo più costituite da persone che venivano al servizio non per "risolvere problemi" e guadagnare denaro, ma per combattere davvero la criminalità. Ma non erano autorizzati a farlo! La base legislativa, sia in Russia che in molte altre ex repubbliche dell'URSS, non è cambiata da anni in conformità con le nuove realtà e, conoscendo tutti i boss del crimine, le forze dell'ordine semplicemente non hanno avuto l'opportunità di assicurarli alla giustizia - articoli secondo i quali possono e dovrebbero avrebbe portato le accuse, il codice penale era completamente assente. Inoltre, come ho detto sopra, i clan criminali sono arrivati ​​al momento della loro "ora più bella" con un lavoro di base molto migliore di quelli che, in teoria, dovevano fermarli.

Enorme capitale "ombra", che ora potevano legalizzare e mettere in affari senza il minimo problema, collegamenti, organizzazione chiara e, soprattutto, era dalla loro parte, non dalle forze dell'ordine politica - questa è la chiave del successo dei "padrini" russi. Alexander Gurov e Yuri Shchekochikhin, che lo intervistarono, nel 1988 trasmisero seriamente che "il periodo più favorevole per la mafia domestica era il periodo della stagnazione", che era "interessato a metodi di comando dell'economia", "la sua salvezza è nella burocrazia, e la morte nella pubblicità "... È divertente e doloroso leggere tutto questo oggi. La vita ha confutato passaggi così ingenuamente patetici nel modo più spietato. Di tutti i paesi post-sovietici, la Bielorussia ha e ha ancora i meno problemi con la criminalità organizzata. Secondo autorevoli organizzazioni internazionali, semplicemente non c'è! Assente dalla parola "assolutamente" ... E il punto non è solo nella professionalità e nello status molto alto delle forze dell'ordine locali (tra l'altro, gli unici nello spazio post-sovietico a mantenere il nome "milizia"), ma ancora, nella politica generale dello stato. Laddove lo stato ha mantenuto le "altezze di comando" nell'economia, le "brigate" semplicemente non hanno "nulla da prendere". Sulla "copertura" di bancarelle e caffè, non girerai molto e non ti girerai davvero. Il tentativo dei criminali di "rimettersi in piedi" in Bielorussia è stato stroncato all'istante e nel modo più duro, ma la cosa principale è che lì non è stato creato un "mezzo nutritivo" per loro.

Purtroppo, dobbiamo ammettere che nelle realtà sviluppatesi in URSS prima del suo crollo e, di conseguenza, la Russia ha ereditato un'ondata di criminalità e l'emergere delle sue forme organizzate, erano completamente inevitabili. E la colpa qui non è dei generali di polizia o dei pubblici ministeri, ma esclusivamente di coloro al potere che hanno spinto il Paese nell'abisso della "rivoluzione criminale".
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 14 November 2020 13: 58
    +1
    Sì, tutto era possibile. E l'URSS non ha dovuto crollare. Non siamo stati noi a dire:

    Le cornici decidono tutto!

    E se questo crimine è guidato dallo Stato! Come affrontarlo?
    1. il santo Офлайн il santo
      il santo (Babbo Natale) 14 November 2020 20: 39
      +1
      Ogni paese ha la sua mafia, ma solo in Russia la mafia ha il suo paese.
  2. pischak Офлайн pischak
    pischak 14 November 2020 14: 44
    +4
    Affermato chiaramente! buono
    Fu poi firmato per "Literaturka" e ricordo questi articoli di Shchekotikhin con le rivelazioni di Gurov. Allora non solo non è sembrato loro come si è scoperto! occhiolino
    Non molto tempo fa, dando un'intervista pubblica alla TV, l'amico di una vita di EBN, con aspirazioni, "elogi", chiamava i nostri comuni affamati omicidi "anni 90" - "santi anni '90"....come dicono,

    a chi la guerra (inevitabile dolore umano, fame e devastazione), ea chi è cara la madre (l'opportunità di arricchirsi immensamente nelle deliberatamente "agitate acque" del deriban di stato post-sovietico e sanguinosi "conflitti" armati con komrenegatski, e non in modo sobrio, "imposto dai presidenti nazionali" locali " "chi ha afferrato" sovranità, quanto si schmogli "e" sovranamente "- ha presuntuosamente fermato" bottino bavoso in una zampa arruffata ", questa è la loro capacità di" ingrassare "e brutta tirannia a scapito della" privatizzazione "della proprietà sovietica nazionale e sfrenata concittadini ...).

    richiesta A proposito, in Bielorussia e "sotto Lukashenko", almeno anche negli "anni zero", non tutto era così semplice e "istantaneo" con la criminalità organizzata e l'illegalità dei gangster, così come con la corruzione nelle "alte sfere" della polizia e del potere in in generale (un altro "ufficio" è impegnato nella corruzione burocratica nella Repubblica del Bashkortostan, che ha anche mantenuto il suo antico nome sovietico, ma a livello locale, non può fare nulla con i "grandi" - diventa cieco "se un tale" gesheftmacher "ufficiale ha un affidabile "tetto" nella capitale ed è favorevole alle autorità di Minsk ...). richiesta È sufficiente, per motivi di interesse, visitare almeno lo stesso, molto buono, museo cittadino di polizia e criminalistica della Bielorussia Gomel (mi è piaciuto, così come il vicino museo di storia militare e attrezzature militari, ma situato più vicino all'argine del fiume Sozh, Gomel Il "nuovo" museo delle tradizioni locali quindi, nel mezzo dei "decimi", mi ha completamente deluso con la sua "esposizione" molto scarsa, eclettica e poco informativa, "esposizione" e il prezzo del biglietto d'ingresso inadeguato, molto costoso), che è il più vicino al confine russo e ucraino - a Bryansk e Chernigov ...
    Per un costo aggiuntivo, un dipendente del museo farà un giro dell'esposizione e tu puoi chiedere di raccontare più dettagliatamente degli anni '1990 e 2000, che operò impunemente per lungo tempo e fu "basato nel cuore stesso di un centro regionale esemplare, accanto a un monumento ai soldati-liberatori sovietici e un segno commemorativo di coloro che sono morti prigionieri di guerra, lo stadio centrale e il circo cittadino, un sanguinoso gruppo criminale, secondo documenti e articoli della stampa locale ivi esposti, "protetto" da alti gradi della polizia e dei pubblici ministeri ... e il video su YouTube parlava di banditi bielorussi "indipendenti" e "lupi mannari in uniforme "- così che sotto la" dittatura "post-sovietica tutto," come altrove ", era ed è solo" gratitudine bielorussa (in tutti i tipi di "materializzazione") "anche con un" premio di rischio "! richiesta
    Ma sì, nel complesso, la milizia bielorussa ha lavorato e sta lavorando "sul campo" molto meglio della "vecchia milizia" ucraina e della "nuova polizia" di Maidan, il rispetto della legge e dell'ordine è maggiore!
    Non posso confrontarmi con la polizia russa, perché, quando ero in Crimea, non ho mai avuto la possibilità di entrare in contatto con essa (beh, forse, il solito, sin dai tempi ucraini, il "controllo dei documenti" passo dopo passo dei "minibus" ucraini che passavano lungo le strade della Crimea, che trasportano turisti, ora è "contato" in rubli e non in grivna occhiolino ).
    La polizia russa sostiene anche la legge e l'ordine nella penisola, anche i turcomanni di Crimea, che, sotto le autorità ucraine, per qualsiasi motivo e senza motivo, "hanno alzato la coda" e russofobici anche a livello di piccola scala familiare, dopo il 2014, si sono notevolmente calmati. sì
    IMHO
  3. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 14 November 2020 18: 31
    +2
    La Russia avrebbe potuto evitare gli "anni 90"?

    No, no e NO !!!
    Il colpo di stato del 1991 sotto la guida di Eltsin divenne possibile sullo sfondo del decadimento ideologico del PCUS e del declino dell'economia, iniziato dopo la morte di J.V. Stalin e cresciuto fino al crollo dell'URSS.
    Il crollo dell'URSS si basava sull'analfabetismo teorico della leadership del PCUS e dello Stato. Dopo J.V. Stalin, gli apparati di carriera erano responsabili del partito e dello stato, che a malapena leggevano le opere di V.I. Lenin, e se lo leggevano, con l'età dimenticavano completamente l'essenza della sua Nuova Politica Economica.
    L'apparato amministrativo di tutti i paesi è sempre allontanato dalla popolazione in un modo o nell'altro. Scopo delle elezioni è rinnovare l'apparato amministrativo per minimizzare il divario tra classe dirigente e popolazione al fine di tenere il polso del polso e prevenire tempestivamente possibili disordini sociali.
    Il sistema monopartitico e la formalizzazione delle elezioni hanno portato all'isolamento della dirigenza del PCUS dalla popolazione e alla formazione del cosiddetto. una classe di "intoccabili" di leader economici e di partito.
    Ciò, a sua volta, portò alla socializzazione formale della produzione e al declino economico, che iniziò a essere compensato dall'esportazione di materie prime.
    La conseguenza di ciò fu un disavanzo diffuso, che diede origine a un'economia sommersa su vasta scala e pose le basi per il sostegno di massa a un colpo di stato guidato da Eltsin.
    Allo stesso tempo, pur sostenendo il colpo di stato, la popolazione non ha anticipato il crollo dell'URSS e la guerra per la privatizzazione della proprietà statale, a seguito della quale si è formata una classe di proprietari privati ​​e oligarchi, pronti a combattere per la loro proprietà, non per la vita ma fino alla morte.
    1. pischak Офлайн pischak
      pischak 14 November 2020 20: 44
      +2
      hi Non dimenticare cos'è sotto il "riformatore" Krusciov, l'URSS ha distrutto (creando i presupposti per l'emergere di intriganti "sotterranei" - "imprenditori ombra", "corporazioni" e, "con il sostegno" della criminalità organizzata ad essi associata!) legale, il che significa pagare le tasse allo stato per intero e acquistando legalmente gli strumenti, le materie prime e i semilavorati necessari alla loro produzione, piccoli "artigli" e tanti singoli "artigiani" rispondenti alla domanda della popolazione e rapidamente, direttamente sul campo, soddisfacendoladando una professione, un guadagno e un impiego a molti residenti di piccole città e township, in tali artels si lavora come intere famiglie, senza limiti di età, producendo molti prodotti vari e necessari nella vita di tutti i giorni!
      Durante la Grande Guerra Patriottica, sotto J.V. Stalin, molti artelli furono impegnati nella produzione prioritaria di parti e nell'assemblaggio di armi e equipaggiamenti per l'esercito belligerante e, lungo la strada, per quanto possibile, soddisfacevano la domanda della popolazione arretrata bisognosa, salvando così l'industria sovietica, completamente riorientata a "tutto per il fronte, tutto per la vittoria!"
      Il ruolo economico e sociale degli artelli sovietici è stato dimenticato, messo a tacere negli anni post-Stalin del "disgelo di Krusciov" e della "stagnazione di Breznev" (sul "tempo dei funerali dei segretari generali" e sulla "catastrofe" di Gorbaciov con la sua "legge arida" mafiosa sono stati gli insinuatori del Partito Comunista della nostra storia!) e quindi non è sufficientemente trattato nella storia russa, ahimè!
      Quindi, i nostri ricercatori curiosi hanno qualcosa su cui lavorare e su cosa è popolare scrivere nei loro articoli (incluso il Reporter!)! occhiolino
    2. accidentalmente Офлайн accidentalmente
      accidentalmente 20 November 2020 08: 26
      0
      Un colpo di stato in URSS è stato preparato in anticipo ed è stato pianificato dagli organi del KGB dell'URSS sotto il controllo diretto del segretario generale del Comitato centrale del PCUS Yu V Andropov ... anche i criminali sono stati chiamati in servizio, ricorda come sono stati creati tutti i tipi di fronti patriottici, ecc. . ricorda come colui che, in servizio, deve difendere l'URSS e il popolo, il generale dell'esercito V. Kryuchkov, presidente del KGB dell'URSS, nel 1988 portò dagli Stati Uniti Berl Lazar un rappresentante della mafia internazionale, e chi obbedì a chi. Ricorda Jud f Bobkov e altri, e poi gira la testa .. ...
  4. Rashid116 Офлайн Rashid116
    Rashid116 (Rashid) 19 November 2020 18: 30
    -1
    Ho appena iniziato a leggere, e già vedo come l'autore si metta da parte goffamente. Inventò tutti e chiamò la ragione principale "sfondo". Poi ci fu una "ridistribuzione", questi stessi "membri di Komsomol, atleti" e i "ladri in legge" erano fanteria stupida da quei poteri seducenti. Stavano solo segando la nostra proprietà statale comune. Bene, i sei fedeli hanno avuto un po 'di avanzi. Anche i poliziotti, a proposito, erano nell'argomento. Sai come abbiamo rovinato la prima spazzatura? Voleva stupidamente che lo spiegassimo è un uomo sposato e generalmente decente))). Bene, l'hanno spiegato, ma il cestino si è bloccato))). E come pensi che abbiano sviluppato i ragazzi in due anni? La risposta è semplice: finito. Non puoi leggere l'articolo, la stessa bufera di neve di tutti gli altri su questo argomento.
  5. Petr Vladimirovich (Peter) 6 dicembre 2020 18: 47
    0
    E nella Repubblica Ceca e in Slovacchia non ci sono oligarchi o banditi. Dalla parola in generale ...