Perché la questione del trasferimento del transito bielorusso alla Russia non viene risolta?


Dopo che l'Europa non ha riconosciuto i risultati delle elezioni presidenziali in Bielorussia, Alexander Lukashenko ha seriamente litigato con i suoi vicini e si è persino offerto di abbandonare i servizi degli Stati baltici come paese di transito. Mosca ha accolto con entusiasmo il cambio di approccio, ma in realtà le cose sono ancora lì. Perché non ci sono reali progressi verso il trasferimento delle esportazioni bielorusse ai porti commerciali russi?


Non è un segreto che il Cremlino abbia sollevato la questione del trasbordo di prodotti petroliferi e fertilizzanti di potassio attraverso la Russia davanti a Minsk nel 2006, per poi sollevarla di nuovo nel 2017. Nonostante la sua disponibilità verbale a incontrare a metà strada il suo caro alleato e partner, il presidente Lukashenko preferisce limitarsi all'imitazione delle attività. E ci sono una serie di ragioni piuttosto serie per questo:

In primo luogo, semplicemente non esiste una ferrovia diretta dalla Bielorussia all'Ust-Luga russa, deve ancora essere costruita. Anche quando appare, la spalla logistica crescerà di 300 chilometri rispetto al transito attraverso gli Stati baltici. Il principale vantaggio competitivo dei fertilizzanti di potassio bielorussi nel mercato mondiale è il loro basso prezzo, ottenuto grazie a forti pratiche di dumping. Quando vengono trasportati su rotaia, gli esportatori dovranno pagare per ogni chilometro, il che porterà a prezzi più elevati per i loro prodotti.

In secondo luogo, l'infrastruttura portuale nazionale non è ancora pronta per accettare l'intero traffico merci bielorusso. Minsk invia ogni anno circa 30 milioni di tonnellate attraverso gli Stati baltici, di cui 8 milioni di tonnellate sono prodotti petroliferi, 10 milioni di tonnellate sono fertilizzanti di potassio. Al momento, i nostri porti di Primorsk, San Pietroburgo e Ust-Luga sono in grado di ricevere da 2 a 3 milioni di tonnellate in più di prodotti petroliferi. Non ci sono capacità libere corrispondenti per fertilizzanti di potassio.

La portata del problema è evidenziata dal fatto che lo scorso anno circa il 36% del volume dei fertilizzanti russi ha dovuto essere esportato attraverso Finlandia, Lituania, Lettonia ed Estonia, cioè i paesi da cui vogliamo prendere il transito. Inoltre, non dimenticare che la Bielorussia possiede il 30% del terminal destinato al trasbordo di merci alla rinfusa a Klaipeda. Secondo i termini della sua acquisizione, Minsk si è impegnata a utilizzare il porto lituano per 10 anni, cioè fino al 2023.

Tuttavia, tutte queste difficoltà sono risolvibili. Le ferrovie e i terminal possono e devono essere costruiti, è una questione di tempo e denaro. Gli investimenti nelle nostre infrastrutture di trasporto e portuali nel Baltico sono i benvenuti. Dovrai anche essere pronto a sborsare per "compensare" Minsk per i suoi costi di transito attraverso il territorio russo. Inizialmente, si trattava di uno sconto del 50% circa sulle tariffe ferroviarie, ora ci sono voci su una tariffa zero. Uno speciale economico non ci saranno benefici per il nostro Paese, questa è una domanda politica.

Tuttavia, c'è ancora un terzo problema fondamentale, di cui non è consuetudine parlare direttamente. Il trasferimento dei flussi di merci dai porti baltici a quelli russi strapperà il velo di segretezza ai numerosi "schemi grigi" su cui sono saldamente sedute persone rispettate a Minsk. 10 milioni di tonnellate di prodotti petroliferi contrabbandati con il pretesto di "acetone" è la scala approssimativa delle loro attività. Chi può facilmente rinunciare a un'attività così polverosa?

Tuttavia, Alexander Grigorievich ha già fatto un paio di visite su questo argomento. In primo luogo, ha proposto di costruire un terminal bielorusso in Russia a scapito di un prestito russo, risparmiato sul progetto BelNPP. In seguito ha chiesto al Cremlino vendere Minsk è un grande giacimento petrolifero, dove le società bielorusse potrebbero svilupparsi ed esportare in modo indipendente. Non è escluso che ci sia una certa relazione tra la copertura degli "schemi grigi" per il contrabbando di prodotti petroliferi e l'accesso diretto alle risorse russe. Se è davvero così, allora senza risolvere il problema di tali "compensazioni" informali, i progressi reali nel trasferimento del traffico merci bielorusso a Ust-Luga dovranno attendere per un tempo piuttosto lungo.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) 14 November 2020 11: 58
    +2
    ma perché dovrebbe tradurre qualcosa, Ma papà ha già oklemalsya, ancora una volta ha allevato quello soleggiato con i soldi della gente, in modo che tutto rimanga come prima finché non lo portano fuori su un forcone insieme a Kolenka
  2. dilettante Офлайн dilettante
    dilettante (Victor) 14 November 2020 12: 33
    +2
    Minsk invia ogni anno circa 30 milioni di tonnellate attraverso gli Stati baltici, di cui 8 milioni di tonnellate sono prodotti petroliferi,

    Trovato petrolio in Bielorussia?
    1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
      Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 14 November 2020 13: 28
      +1
      benzina dal petrolio russo
  3. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 14 November 2020 14: 15
    +2
    Tutto sta andando secondo il piano di Luke. Promettere tutto a tutti, inclusa la Russia in primis. Il Cremlino sarà spazzato via e basta. È possibile scomunicare Luca dal potere solo come Ceusescu.
  4. 123 Офлайн 123
    123 (123) 14 November 2020 14: 42
    +6
    Humpback grave grave.
  5. King3214 Офлайн King3214
    King3214 (Sergio) 14 November 2020 18: 19
    0
    Putin è un uomo intelligente e un politico lungimirante.
    Ma guardando il suo atteggiamento nei confronti di Lukashenka e della Bielorussia, è difficile crederci.
    Dall'08.08.2008, quando l '"unico alleato" ha notoriamente inviato Putin e Russia. E nemmeno questa Crimea l'ha riconosciuta.
    1. irregolare Офлайн irregolare
      irregolare (VADIM STOLBOV) 14 November 2020 23: 05
      -3
      Putin è un uomo intelligente e un politico lungimirante.

      Hai prove di questa tesi altamente controversa?
      1. King3214 Офлайн King3214
        King3214 (Sergio) 15 November 2020 11: 31
        +1
        La posizione della Russia nel mondo è cambiata radicalmente con l'arrivo di Putin.
        Uno stupido, come un liberale occidentale, non ne è capace.
  6. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 14 November 2020 19: 34
    -5
    Ah. Bene e ..... (secondo Lavrov)

    Promettere non è sposarsi.

    - le persone normali lo sanno.

    Per rovinare seriamente lo schema logistico (nell'articolo) - devi anche essere "secondo Lavrov".
    Papà contratta e risparmia ogni dollaro. Ho già regolato tutti i malintesi con l'Ucraina, ho ricevuto soldi dalla Russia e presto si sistemerà con i Paesi baltici ...

    E gli insoddisfatti possono scrivere a ... Putin, per esempio ...
  7. olpin51 Офлайн olpin51
    olpin51 (Oleg Pinegin) 15 November 2020 15: 41
    +1
    Bene. Devi seguire il bazar. E poi hanno parlato, detto e niente è pronto. Risulta strano.
  8. Eroi di Shipka Офлайн Eroi di Shipka
    Eroi di Shipka (Sergey) 17 November 2020 21: 15
    -1
    Perché l'astuta Luka trasforma le uova!