Democrazia con i pugni: rivolte nella capitale degli Stati Uniti


Il 14 novembre 2020, decine di migliaia di sostenitori dell'attuale presidente degli Stati Uniti, il repubblicano Donald Trump, sono venuti a Washington e hanno organizzato la marcia per le elezioni giuste. L'azione di protesta era diretta contro il brogli delle elezioni del capo dello Stato, di cui sono accusati gli oppositori democratici.


I sostenitori di Trump negli Stati Uniti sono ufficiosamente definiti "l'entroterra silenzioso". Queste persone per lo più lavorano e non hanno tempo per partecipare a manifestazioni e altri eventi pubblici. Ma dopo essersi resi conto delle numerose manipolazioni nel processo di conteggio delle schede elettorali, hanno iniziato a essere indignati ed hanno espresso il loro atteggiamento nei confronti di ciò che stava accadendo nel paese.

Credono che i loro voti siano stati rubati e, senza esitazione, lo hanno annunciato pubblicamente, marciando verso l'edificio della Corte Suprema degli Stati Uniti e chiedendo un nuovo conteggio delle schede. Trump ha espresso gratitudine alle persone che lo hanno supportato pubblicando un messaggio sul suo account Twitter.


A loro volta, i sostenitori del candidato alla presidenza democratica Joe Biden si sono presentati sulla scena. Questi erano principalmente rappresentanti delle forze radicali di sinistra, del movimento Antifa e del gruppo Black Lives Matter. I rappresentanti dell'opinione pubblica democratica hanno provocato gli "americani sbagliati" e hanno aspettato l'ora della sera, poiché la polizia ha attivamente interferito con lo scontro.


Intorno alle 19:00 ora locale (03:30 ora di Mosca il 15 novembre 2020), i sostenitori aggressivi di Biden hanno iniziato a organizzare scontri con gli avversari. Sono scoppiati disordini nella capitale degli Stati Uniti. Democratici attivi, usando petardi, si avventavano sui repubblicani con i pugni, portandogli via i simboli e gli accessori per bruciarli o distruggerli in altro modo. Una tale democrazia con i pugni ...

Circa un'ora dopo, è stato riferito che uno dei sostenitori di Trump (un ragazzo di 20 anni) è stato pugnalato alla schiena. È stato portato in ospedale in gravi condizioni. Tutta la descrizione è avvenuta entro un raggio di cinque isolati dalla Casa Bianca.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. _AMUHb_ Офлайн _AMUHb_
    _AMUHb_ (_AMUHb_) 15 November 2020 13: 09
    +5
    ancora una volta, la democrazia è stata rubata o Putin ha pagato per essa ... ah, ah, i pensionati non ne avranno abbastanza ora e andremo dai malati e dai disabili in tutto il mondo ... dove ci sono i "nostri" compassionevoli guardiani zapadenskie - rispondi ... la tua città sta oscillando sulla collina ... " insegnarci la vita ", è sempre più difficile
  2. Rus Офлайн Rus
    Rus 15 November 2020 14: 30
    -3
    Paese libero...
    1. isofat Офлайн isofat
      isofat (isofat) 16 November 2020 23: 08
      0
      ... per tutta la testa.
  3. dilettante Офлайн dilettante
    dilettante (Victor) 15 November 2020 15: 05
    +1
    Tikhanovskaya ha organizzato tutto. Nessuna meraviglia che sia venuta a New York. wassat
  4. Afinogen Офлайн Afinogen
    Afinogen (Afinogen) 15 November 2020 15: 16
    +5
    Bene, che pugni, così tante armi da fuoco a portata di mano. Qualcosa di americani, ci deludi sì Così tanti Maidan sono stati messi in scena in tutto il mondo, ma a casa non puoi lol
  5. Yurets Офлайн Yurets
    Yurets (Yury) 15 November 2020 18: 55
    +1
    Dove sono le sanzioni della Merkel e di altri branchi occidentali contro i Democratici, che hanno inscenato un circo dalle elezioni presidenziali ... Ancora doppi standard!