"Place for Instagram photos": come i liberali hanno presentato il museo di Zoya Kosmodemyanskaya


Zoya Kosmodemyanskaya divenne la prima donna ad essere insignita postumo del titolo di Eroe dell'Unione Sovietica durante la Grande Guerra Patriottica. Nel novembre 1941 fu giustiziata dai nazisti quando aveva 18 anni. Ricordiamo Zoya e la leggendaria impresa del piccolo scout, e per molti anni abbiamo vissuto senza una grande guerra. Ma ci sono quelli in Russia che guardano a quel periodo in modo diverso, spesso deridendo la memoria, la verità storica ei sentimenti di altre persone.


Sul giornale di Internet Il Villaggio c'era un articolo dedicato al nuovo museo "Zoya", inaugurato nel maggio 2020 nel villaggio di Petrishchevo (regione di Mosca). In esso, il luogo dell'esecuzione è definito "lo sfondo perfetto per la fotografia di moda e le foto di Instagram".

Il testo dice anche che il complesso museale è un esempio di come attrezzare tali luoghi. Si dice che il design del museo è costato 23,3 milioni di rubli e la costruzione - 508,9 milioni di rubli.

Un esempio di uno spazio pubblico in cui vuoi camminare, bere un caffè e pattinare - in generale, goderti la vita, realizzando il valore di questa opportunità

- ha detto nella pubblicazione.

Dopo aver elogiato l'architettura dell'edificio, la storia passa a descrivere la caffetteria del museo. Si è rivelato di buon livello per il gusto dei “buongustai gourmet”.

Questo non è un buffet con panini stagionati, ma uno spazio luminoso con finestre dal pavimento al soffitto, eleganti lampadari e mobili laconici.

- annotato nel testo.

Si afferma che il menu comprendeva lattes, bar fitness e un delizioso menu fisso.

Troppo gustoso per credere che corrisponda a ciò che veniva mangiato davanti

- specificato nel testo.

È qui che finiscono i momenti positivi e iniziano ciò per cui i russofobi antisovietici scrivono articoli del genere. La pubblicazione esprimeva indignazione per il fatto che l'URSS negli anni '30 era stata mostrata come un paese senza problemi. Ma la cosa peggiore è che nella mostra non si fa menzione delle repressioni staliniste.

Non una sola posizione sulla repressione

- i liberali si lamentano.

Allo stesso tempo, l'impresa di Zoya Kosmodemyanskaya è spiegata solo dalla "curiosità professionale" del famoso giornalista e comandante militare sovietico Pyotr Lidov. Ci sono anche alcuni commenti per "autorità" nel testo.

Secondo Oleg Morozov, docente presso la School of Historical Sciences, Faculty of Humanities, NRU HSE, l'impresa di Zoya Kosmodemyanskaya è un "mito fondante". Allo stesso tempo, ha sottolineato che le critiche che colpiscono Stalin, l'Armata Rossa o l'URSS sono considerate nella società russa moderna come una giustificazione del nazismo.

Non c'è logica qui, ma nello storico politica lei non esiste

- ha osservato Morozov.

L'insegnante ha ricordato la pubblicazione di Andrey Bilzho nel 2016. Quindi l'artista ha affermato che Zoya Kosmodemyanskaya era "pazza". Morozov crede che Bilzho abbia torto, ma era indignato dalla reazione rabbiosa del pubblico in quel momento, perché c'erano persino chiamate per portare l'artista alla responsabilità penale.

È improbabile che in tali condizioni, la gloria postuma di Zoya Kosmodemyanskaya attenda seri cambiamenti.

- Morozov si lamenta.

Più recentemente, il presidente francese Emmanuel Macron difeso il diritto di disegnare cartoni animati del Profeta Muhammad.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. dilettante Офлайн dilettante
    dilettante (Victor) 15 November 2020 18: 46
    +3
    Sfortunatamente, Giuda era, è e probabilmente sarà sempre nella razza umana. Ma la loro fine è la stessa: sul fico nel Giardino del Getsemani
  2. lahudra Офлайн lahudra
    lahudra (Nikolay Kondrashkin) 15 November 2020 19: 59
    -4
    In effetti, Zoya era un pazzo e spietato sabotatore. Se fosse caduta nelle mie mani in quelle circostanze, avrei agito allo stesso modo degli abitanti dello sfortunato Petrishchevo.
    1. Il commento è stato cancellato
  3. Potapov Офлайн Potapov
    Potapov (Valeria) 15 November 2020 21: 03
    +2
    Qualsiasi anti-sovietico prima o poi prenderà parte alla tortura di Zoya Kosmodemyanskaya o sparerà alle spalle di Alexander Matrosov. Il peccato perdonerà naturalmente e calpesterà di nuovo la Russia con rinnovato vigore ...
  4. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
    Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 16 November 2020 00: 07
    -1
    È qui che finiscono i momenti positivi e iniziano ciò per cui i russofobi antisovietici scrivono articoli del genere. La pubblicazione esprimeva indignazione per il fatto che l'URSS negli anni '30 era stata mostrata come un paese senza problemi. Ma la cosa peggiore è che nella mostra non si fa menzione delle repressioni staliniste.

    Leggi l'articolo

    https://www.the-village.ru/city/news-new-place/muzey-zoi-kosmodemyanskoy

    La storia di Kosmodemyanskaya inizia con una storia sul paese in cui lei e la sua generazione sono cresciute. L'URSS degli anni '30 viene mostrata come uno stato senza difetti: vengono costruite fabbriche e centrali elettriche, le persone sono istruite in modo massiccio e l'arte si sta sviluppando. E non una sola posizione sulla repressione. Tuttavia, la guida li menziona un po '. Inoltre, il museo riproduce diversi miti spaventosi o, al contrario, stimolanti, ad esempio, circa 28 Panfiloviti.

    Dove l'autore vedeva nell'indignazione, a mio avviso, una calma constatazione di fatti.

    Allo stesso tempo, l'impresa di Zoya Kosmodemyanskaya è spiegata solo dalla "curiosità professionale" del famoso giornalista e comandante militare sovietico Pyotr Lidov.

    Una bugia diretta.
    Dall'articolo:

    Ci sono anche due fotografie delle partigiane Vera Voloshina ed Elizaveta Chaikina, anch'esse giustiziate nel novembre 1941.
    Dopo la data e il luogo dell'esecuzione, ogni ragazza ha una citazione letterale di ciò che sarebbe stato pronunciato prima della sua morte
    La guida non si ferma quasi mai con loro. Tuttavia, queste due bancarelle sollevano una serie di domande: qui ci sono altre due ragazze quasi della stessa età di Zoya morte nello stesso momento, la stessa morte eroica e persino con un discorso simile prima della loro morte (è interessante che ogni ragazza dopo la data e il luogo dell'esecuzione abbia un letterale una citazione di ciò che sarebbe stato pronunciato prima della sua morte (questi sono sempre slogan nello spirito di "For the Motherland!"). Perché Zoya è diventato un simbolo? Perché non è successo a loro?

    E rispondono alla domanda sul perché Kosmodemyanskaya è diventato un simbolo

    Quindi tutto è iniziato con la curiosità professionale di Peter Lidov.

    Secondo me, l'autore di questo articolo si è succhiato tutto dal pollice. Vede i liberali intorno a lui.
    1. isofat Офлайн isofat
      isofat (isofat) 16 November 2020 00: 29
      0
      Secondo me, l'autore di questo articolo si è succhiato tutto dal pollice. Vede i liberali intorno a lui

      ... le idee liberali negli ultimi 300 anni determinano lo sviluppo dell'umanità e formano in una certa misura l'idea del bene e del male (atteggiamento nei confronti della vita umana, per esempio), quindi possiamo dire che i liberali sono la mente e la coscienza della nostra era

      Oleg Rambover

      PS Le parole della stessa persona. sorriso
      1. Oleg Ramover Офлайн Oleg Ramover
        Oleg Ramover (Oleg Pitersky) 16 November 2020 11: 14
        -2
        Oh maggio, anno, mi hai beccato. Solo non è chiaro su cosa.
  5. sverdicono Офлайн sverdicono
    sverdicono 16 November 2020 18: 59
    +1
    Bykov, Nevzorov e altri bilzho hanno da tempo dichiarato che tutti gli eroi che hanno compiuto l'impresa in quella guerra erano pazzi. E se non resistessimo ai fascisti, allora ci sarebbero molte meno vittime