Creazione di RCEP: la stessa Cina inizia a dettare le regole del commercio mondiale


Gli Stati Uniti stanno sprofondando sempre di più politico crisi causata dalla massiccia frode rivelata nelle elezioni presidenziali. Una conseguenza diretta della discordia interna dell '"egemone", che è strettamente sorvegliata da tutto il mondo, è che gli alleati di ieri iniziano a passare alla sua diretta concorrente, la Cina.


Alla vigilia della RPC, insieme ad altri 14 paesi hanno firmato l'Accordo di libero scambio "Comprensivo regionale economico partnership "(RCEP). In conformità con questo documento, nei prossimi due decenni tra i suoi partecipanti, i dazi sulle merci e sui prodotti importati nel campo della proprietà intellettuale e delle telecomunicazioni, del commercio su Internet, dei servizi finanziari e di altri servizi professionali saranno annullati o ridotti. Il PIL aggregato di questi 15 stati è 1/3 di quello globale e rappresentano anche circa 3 miliardi di potenziali consumatori.

È chiaro che il principale beneficiario di questo accordo è la Cina, che ha l'economia più forte e più industrializzata. Oltre a lui, include Vietnam, Brunei, Filippine, Malesia, Cambogia, Indonesia, Myanmar, Laos, Thailandia e Singapore, cioè membri dell'ASEAN. In particolare, si sono uniti all'RCEP anche i tradizionali alleati degli Stati Uniti: Giappone, Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda. E questo è già un campanello d'allarme per Washington.

Ricordiamo che tutto questo sta accadendo sullo sfondo della lotta negli Stati Uniti di due progetti di ordine mondiale. I "globalisti" nella persona del Partito Democratico hanno promosso il concetto di due partenariati, il Transatlantico e il Trans-Pacifico (TPP). Si presumeva che questi due super-cluster economici avrebbero competuto tra loro sotto la stretta guida delle élite americane e la loro rivalità sarebbe diventata un motore di crescita per superare l'imminente crisi globale e uno strumento per promuovere gli interessi delle corporazioni occidentali. Allo stesso tempo, la Trans-Pacific Partnership avrebbe dovuto svolgere una seconda funzione sotto forma di frenare lo sviluppo della Cina, che non aveva posto in questa struttura internazionale.

Da quando è salito al potere, l '"imperiale" Donald Trump si è mostrato un ardente anti-globalista, prima di tutto, ha ritirato gli Stati Uniti da entrambi i partenariati. Il capo della Casa Bianca si è avvicinato al progresso degli interessi nazionali americani attraverso guerre commerciali con la Cina e l'Unione Europea. Allo stesso tempo, si presumeva che contro la RPC, in quanto principale concorrente dell '"egemone", si sarebbe creata una certa coalizione internazionale, che avrebbe consentito al Celeste Impero di isolare e rallentare il più possibile lo sviluppo economico. Ma è andata diversamente.

Come puoi vedere, Pechino è riuscita a far passare le macerie del TPP e creare il proprio progetto di integrazione macroregionale, dove stabilirà le regole e suonerà il primo violino. È abbastanza significativo che Tokyo, Seoul, Canberra e Wellington abbiano preferito aderire alla RCEP. E dove dovrebbero andare? Nelle realtà economiche moderne, è più importante per loro rimanere sul mercato cinese e in tutto il sud-est asiatico che mostrarsi fedeli "vassalli" degli Stati Uniti. Senza esagerare, questa è una nuova pietra miliare nella storia del mondo.

Non è meno significativo che l'India e la Russia siano al di fuori del quadro RCEP. New Delhi teme che tariffe basse possano danneggiare i produttori indiani, che non saranno in grado di competere con i cinesi. Mosca, invece, non ha niente di speciale da offrire se non le materie prime tradizionali. In primo luogo, dobbiamo rilanciare il settore e svilupparlo attivamente della tecnologia.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Monster_Fat Офлайн Monster_Fat
    Monster_Fat (Qual è la differenza) 16 November 2020 13: 54
    +2
    Sì, questa è una conseguenza diretta del crollo dell'OMC a causa delle azioni degli Stati Uniti, che, in effetti, non solo hanno praticamente lasciato questa organizzazione interpretando le sue regole a modo loro o semplicemente ignorandole, ma hanno anche adottato una serie di leggi che danno la priorità agli interessi commerciali degli Stati Uniti rispetto alle regole. questa organizzazione. In realtà, l'OMC non esiste più, l'unica cosa strana è che la Russia non solo continua ad entrarvi, ma aderisce anche a tutte le regole di questa organizzazione. Infatti, questa organizzazione dovrebbe essere mandata lontano e trasferita su altre piattaforme di trading "libere" dal controllo degli Stati Uniti e dei suoi sei, come lo stesso RCEP creato. Tuttavia, la Russia non ha fretta di farlo. Perché? ci sono diversi fattori: 1- La Russia è pesantemente impantanata in organizzazioni e piattaforme commerciali già create, 2-l'economia russa è goffa, inefficace a causa dell'enorme carico fiscale degli organi burocratici e di controllo, di una colossale componente di corruzione e, a causa di questi fattori, di bassa attività imprenditoriale - cioè, è politicamente, legalmente ed economicamente vulnerabile e ha paura dei rischi associati al "gioco" su nuovi siti, secondo le nuove regole, 3-la leadership russa continua a vivere nel paese delle fate, degli unicorni e degli elefanti rosa in bilico - continua a nutrire speranze per la rinascita del "singolo economico". space EVRAZES ", sui BRICS e altre schifezze da esso nate morte, per mantenere, la cui gestione non ha né la forza né i mezzi a causa della perdita della sua influenza geopolitica e della perdita della libertà di usare le proprie finanze controllate dal FMI e utilizzare le sue riserve auree, ovest ....
  2. Alexey Lan Офлайн Alexey Lan
    Alexey Lan (Alexey Lantukh) 16 November 2020 15: 21
    +2
    In generale, è necessario capire che l'abolizione dei dazi all'importazione comporta cambiamenti molto gravi nell'economia nazionale del paese. In particolare: l'industria è stata soppressa in Russia, anche se era appena entrata nell'OMC. E ora tutto deve essere rianimato, ma non c'è nessuno. Solo quei paesi dove non c'è industria o è altamente sviluppato non sono a rischio.
  3. Cyril Офлайн Cyril
    Cyril (Cyril) 16 November 2020 15: 36
    -4
    Le persone del Pacifico sono fantastiche, continuate così.
  4. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 16 November 2020 16: 34
    +1
    Il ritiro degli Stati Uniti dal Trans-Pacific Partnership, avviato da loro, ha aperto la strada all'iniziativa cinese di un partenariato economico regionale globale - RCEP.
    Il motivo per cui gli Stati Uniti si sono ritirati dal TPP è un argomento a parte, mentre la RPC, sotto la pressione degli Stati Uniti, sta riorientando l'economia verso il mercato interno e non perde l'opportunità di espansione economica esterna - NShP, SCO, RCEP, ecc.
    Qualsiasi restrizione commerciale, per definizione, limita la crescita economica, individualmente e collettivamente. RF, RPC, Iran, Venezuela, Cuba, RPDC, Bielorussia e altri - direttamente, altri - indirettamente.
    Le iniziative della RPC non impongono condizioni a nessuno e non impongono un sistema politico, forme di governo, alleanze politico-militari, ideologia e altre condizioni occidentali tradizionali di "amicizia e cooperazione".
    La RPC ha la più grande economia del mondo, ma non la più sviluppata e avanzata. Questo è un interesse reciproco: la RPC fornisce il suo mercato interno di 1,5 miliardi a Giappone, Corea del Sud, Australia e altri membri RCEP, e da loro riceverà le tecnologie più avanzate, il doppio del mercato di vendita, le fonti di materie prime e la rimozione di ostacoli artificiali sotto forma di dazi, le accise e altri prelievi economici esteri, influenzano direttamente i prezzi al consumo, l'assortimento, la quantità e la qualità di beni e servizi.
    AIIB, il cui azionista è la Federazione Russa, la Borsa di Shanghai e le agenzie di rating hanno ricevuto riconoscimenti internazionali e stanno lavorando attivamente nel campo dei progetti infrastrutturali, riformando il sistema economico e finanziario.
    Per una felicità completa, non c'è abbastanza accordo nella sfera monetaria e nel movimento del lavoro. Non immediatamente, ma dovrebbe accadere e, in tal caso, richiederà anche il supporto militare di interessi comuni di fronte ai concorrenti USA + UE = NATO
    Ha senso che la Federazione Russa aderisca all'accordo, ma è necessario dare un'occhiata più da vicino: il pubblico è troppo eterogeneo e pensa al destino degli accordi con gli stati post-sovietici, il cui atteggiamento nei confronti di NSP, SCO, RCEP e altre iniziative cinesi determinerà il destino di questi accordi.

    In primo luogo, dobbiamo rilanciare il settore e sviluppare attivamente tecnologie avanzate.

    Sergey Marzhetsky

    Tutto questo è nella Federazione Russa, non puoi nemmeno pensare di andare oltre i limiti. Il fatto è che gli sviluppi scientifici e tecnici avanzati mirano a garantire compiti prioritari e, prima di tutto, per la difesa. Secondo il ministro della Difesa, i nuovi tipi di armi costituiscono da qualche parte circa il 70-80% e ogni sistema di tracciamento, carro armato, missile, richiede le industrie più avanzate e ad alta intensità scientifica, soluzioni tecniche e tutte le più avanzate.
    Un'altra domanda è perché tutti questi risultati non sono visibili nel campo del consumo civile, ma tutto è semplice:
    Primo, non è economico. In secondo luogo, le capacità di produzione libere sono insufficienti e il livello corrispondente di personale qualificato.
    Probabilmente hai sentito che Putin ha risposto alla domanda sul divario nei pagamenti: devi acquistare specialisti nel mercato esterno ea prezzi mondiali, altrimenti non andranno a lavorare per Gazprom, Rosneft, Sberbank, VTB e altre strutture.
    Pertanto, tutti i beni di consumo - automobili, elettrodomestici e altri prodotti sono più economici da acquistare che spargere risorse limitate in compiti terziari. Anche i partner stranieri non sono in perdita: prendono i profitti dalla Federazione Russa in sacchi.
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 17 November 2020 09: 13
      0
      Citazione: Jacques Sekavar
      Probabilmente hai sentito che Putin ha risposto alla domanda sul divario nei pagamenti: devi acquistare specialisti nel mercato esterno ea prezzi mondiali, altrimenti non andranno a lavorare per Gazprom, Rosneft, Sberbank, VTB e altre strutture.

      Fantastico ... pensavo che stessimo facendo da soli con specialisti altamente pagati come Sechin, Miller, Chubais, Serdyukov e altri. Putin ha detto che paghiamo così tanto che altrimenti questi professionisti si disperderanno nelle società straniere, dove verranno strappati con le loro mani ...
      Non ho sentito molto parlare di specialisti stranieri, tranne che Schroeder si era consumato nella posizione del grano ...
      1. Monster_Fat Офлайн Monster_Fat
        Monster_Fat (Qual è la differenza) 17 November 2020 11: 16
        +1
        Ebbene, riguardo al "personale professionale", il "garante" russo ha più di una volta espresso il punto di vista di quelle forze al Cremlino che esprime - l'istruzione è costosa per lo Stato e la Russia non intende spendere di più per essa - invece di mantenere un gruppo di diverse istituzioni educative, è molto più redditizio acquistare il necessario specialisti all'estero. Guarda, all'ultimo Valdai, mi sono piegato così tanto che se qualcuno vuole diventare un ricercato specialista, deve cercare fonti di finanziamento per la sua istruzione dalla scuola, non fare affidamento sullo stato, imparare le lingue e continuare a studiare e formarsi all'estero ... Cioè infatti, ha ammesso che in termini di istruzione (come tutto il resto) in Russia, ora non c'è niente da fare.
      2. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
        Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 19 November 2020 15: 02
        +2
        Fantastico ... pensavo che avremmo potuto cavarcela da soli ...

        Nulla di bello. I monopoli naturali russi e tutte le entità commerciali più o meno grandi come Kaspersky, casse di risparmio, Aeroflot e altri hanno filiali e divisioni in molti paesi del mondo e acquistano dipendenti per loro in questi paesi alle tariffe esistenti e alle tariffe negli Stati Uniti, in Germania, L'Australia e molti altri stati differiscono in modo significativo dai prezzi sul mercato interno.
  5. Sergey Latyshev (Serge) 17 November 2020 00: 03
    -2
    Ah. Tutto è presentato in modo tale da essere solo un altro skiff settimanale negli Stati Uniti.
    Ma in realtà si tratta di nuove colonie di materie prime vecchie di 8 anni per Cina, Corea, Giappone e India. Sono vicini, non sviluppati, ma ci sono persone.
    C'è semplicemente un motivo conveniente, i politici hanno smesso di volare e le materie prime sono diventate più economiche.

    Significativamente, né a noi né alla Corea del Nord era permesso entrare. Stiamo già guidando legna e gas ...