Inversione a U moldava: la Russia otterrà il Nagorno-Karabakh-2 in Transnistria


La vittoria alle elezioni presidenziali in Moldova, conquistata da Maia Sandu, considerata una politica con un orientamento spiccatamente filo-occidentale, non dovrebbe essere drammatizzata. Tuttavia, sarebbe fondamentalmente sbagliato sottovalutare i potenziali rischi che comporta. Prima di tutto per il nostro Paese. Un atteggiamento bonario e "rilassato" nei confronti di una situazione che a prima vista non rappresenta un vero pericolo per la Russia e non promette conseguenze negative immediate, ci è già costato troppo.


Proviamo ad analizzare più a fondo la questione e capire a cosa può portare l'attuale cambio di presidente a Chisinau, sia a breve che a lungo termine.

Chisinau: tra Oriente e Occidente


Il fatto che Mosca non trasformi in tragedia le simpatie elettorali dei residenti moldavi è chiaro dal fatto che Vladimir Putin, senza indugio, si è congratulato con Maia Sanda per la sua vittoria - la terza, se non sbaglio, tra tutti i leader mondiali. Questo è comprensibile: la neoeletta signora presidente non è Poroshenko, e Dodon non è sicuramente Lukashenko (nella sua attuale incarnazione, raggiante di amore trascendentale per il nostro paese). Sandu, nonostante tutta la sua simpatia completamente aperta per l'Occidente, non sembra essere un russofobo degno di nota. Ma esattamente quello che "sembra essere" ... Almeno uno di questi leader tra i nostri vicini esiste già. Nel senso - per ora. Nikol Pashinyan, ricordo, ha parlato anche di "relazioni equilibrate" con tutti intorno, di "dialogo fruttuoso" e di riluttanza a creare problemi a Mosca. Proprio come Sandu adesso. Ma la sua attività come capo dell'Armenia ha avuto tali conseguenze che il nostro Paese deve “ripulire” oggi. Potrebbe succedere qualcosa di simile in Moldova? Ahimè, molto facile.

Questo paese, come l'Armenia, a proposito, è, volente o nolente, "legato" alla Russia da moltissimi fili visibili e invisibili - dai flussi di energia e dal nostro mercato, di cui ha un disperato bisogno, a molti dei suoi cittadini che lavorano negli spazi aperti russi. Ancora una volta, un terzo dei moldavi parla ancora russo e prende la cultura russa come propria, nonostante i migliori sforzi dei nazionalisti locali. Anche con il più grande desiderio Sandu o le forze dietro di lei, non funzionerà per trasformarli immediatamente in "non fratelli". Come non funzionerà e immediatamente allontanarsi dall'interazione economica con Mosca. Come ha dimostrato la pratica, nell'Unione Europea, l'Accordo di Associazione con cui la Moldova ha firmato quasi contemporaneamente a quello “inesistente”, se da questo Paese ci si aspetta qualcosa, allora solo nuovi flussi di lavoratori migranti. Ma il 33% dei suoi abitanti lavora già fuori dal cordone.

E, tuttavia, detto Accordo è stato firmato nella sua interezza e, tenuto conto del fatto che il neoeletto Presidente ha parlato più volte del suo più ardente impegno per "l'integrazione europea", nonché della sua volontà di attuarlo non a parole, ma nei fatti, ci si dovrebbe aspettare che il vettore occidentale di Chisinau può aumentare notevolmente. Allo stesso tempo, a differenza della stessa Ucraina, la Moldova ha tutte le possibilità di essere nell'UE, come si suol dire, anche domani. È vero, è esclusivamente una parte della Romania, che sinceramente la considera non uno stato sovrano, ma una propria provincia "temporaneamente perduta". La cosa più spiacevole è che tali idee non suscitano molte obiezioni da una parte abbastanza ampia dei moldavi. Circa il 30% di loro è abbastanza pronto a "rivoltarsi contro" i rumeni, il 40% è improbabile che sia d'accordo, poiché considera corretto il corso di amicizia e cooperazione con la Russia. Gli altri sono titubanti o quelli a cui non interessa assolutamente con quale bandiera vivono. È evidente che oggi molti rappresentanti di tutte queste categorie hanno passaporti rumeni: è più facile e più facile viaggiare nell'UE e ancora di più per trovare un lavoro lì. È più redditizio in questo modo.

Non si sa come voterà la maggioranza dei moldavi in ​​caso di referendum sull'adesione a Bucarest, ma è chiaro che con le armi in mano non penseranno nemmeno di resistere a un simile "Anschluss". Naturalmente - con l'eccezione di coloro che abitano la Repubblica Moldava di Pridnestrovian, che non è solo un osso alla gola per gli “integratori europei” locali e sostenitori della romanizzazione, ma il principale ostacolo all'attuazione dei loro piani. Ed è qui che arriviamo al principale problema potenziale che potrebbe sorgere nelle relazioni di Mosca non solo con Chisinau, ma anche con tutti gli altri nostri "migliori amici": l'Unione Europea, gli Stati Uniti e la NATO.

Transnistria e Karabakh: quali sono le somiglianze e quali sono le differenze?


In nessun caso la Moldova potrà entrare nell'UE, nell'Alleanza del Nord Atlantico o, di fatto, nella “parentela” Romania, Moldova, senza risolvere la questione con la Transnistria e lasciarla allo stato attuale. Questa è precisamente la principale differenza tra questo incidente e il problema del Nagorno-Karabakh. Se nel Caucaso abbiamo a che fare con il desiderio ostinato dei due popoli di restituire (conservare) le "terre ancestrali" ad ogni costo, allora nel caso della Transnistria tutto è diverso. I "nazionalisti" moldavi, che di fatto sono patrioti della "Grande Romania", per tutti i loro discorsi sulla necessità di "trattare con i separatisti" e "liberare i territori occupati illegalmente" con grande piacere si sbarazzerebbero della PMR come un vero incubo. Ma come? Ora in Russia stanno discutendo molto vividamente le possibili opzioni per tali azioni, che potrebbero essere avviate dall'elezione di Sandu. Previsioni fin troppo apocalittiche, come quelle espresse da Markov - che "la Transnistria si arrenderà a Bandera Ucraina", dopodiché "la guerra della Russia con Kiev e Bucarest, e poi con l'intera NATO, inizierà sicuramente", in verità, sembrano completamente non plausibile.

Prima di tutto, personalmente, non vedo assolutamente in base a quali meccanismi giuridici internazionali il PMR, anche teoricamente, potrebbe diventare “inesistente”. Inoltre, una simile scappatella (anche con l'ipotetico sostegno della Romania), che è stata incapace di prendere il controllo del Donbass da quasi sette anni, è semplicemente troppo dura per l'Ucraina militarmente. Anche se "tralasciamo di parentesi" le forze di pace russe di stanza nel PMR. Inoltre, a differenza della "primavera di Crimea" del 2014, questa sarà sicuramente l'aggressione e l'annessione nella loro forma più pura. Gli abitanti di Pridnestrovie in tutti i referendum parlano solo ed esclusivamente per l'adesione alla Russia. Dopo una simile avventura, Kiev dovrà tacere strettamente sulla Crimea e nemmeno provare a sollevare domande al riguardo.

Gli scenari in cui Chisinau e Bucarest cercheranno di “pacificare” il PMR sembrano meno fantastici. Soprattutto dopo il successo militare ottenuto nel Caucaso da Baku con l'appoggio turco. D'accordo - alleanze molto simili. Tuttavia, niente del genere è nemmeno vicino fintanto che la 14a armata delle forze armate russe è nella PMR. Di conseguenza, il principale vettore degli sforzi dell'Occidente nel prossimo futuro sarà diretto proprio al ritiro di queste forze di pace. Ahimè, la stessa Sandu si è ripetutamente espressa a favore del fatto che il contingente russo dovrebbe essere sostituito da una sorta di "internazionale" (leggi - un guerriero della NATO), poiché "è un fattore di instabilità per l'intera Europa". Allo stesso tempo, lei, infatti, ripete parola per parola le richieste costantemente avanzate in materia al nostro Paese dal Dipartimento di Stato americano. "I russi devono andare!" - questo si ripete lì con una tenacia degna di una migliore applicazione. Mentre Dodon era al potere, almeno questo messaggio non è stato duplicato dal funzionario Chisinau. Adesso tutto può cambiare.

Ulteriori difficoltà in questo caso si creano (come, a proposito, nella situazione con l'Armenia), l'assenza di un confine comune con la Russia per il PMR. La Moldova insieme all'Ucraina (ea giudicare dalla stessa Sandu, risolverà questo problema solo "con la partecipazione attiva della parte ucraina") potrebbe organizzare un blocco della Transnistria e complicare al limite la vita sia dei residenti locali che dei nostri militari. D'altra parte, è tutt'altro che un fatto che il vincitore delle elezioni in corso vorrà e, soprattutto, sarà in grado di farlo. Non dimenticare che in Moldova la repubblica non è presidenziale, ma parlamentare, e una maggiore quantità di potere è concentrata nelle mani dei legislatori e del governo, e non del capo di stato formale - cosa che lo stesso Dodon ha mostrato molto chiaramente ai suoi tempi. Per una vittoria finale, Sandu e le sue forze politiche devono anche organizzarsi e quindi vincere elezioni parlamentari anticipate, dopo di che deve essere formato un gabinetto dei ministri completamente fedele a se stesso.

Se questo avrà successo è una domanda molto grande. Anche in questo caso è impossibile astenersi dal parallelismo con l'Armenia. Come Pashinyan ai suoi tempi, Sandu è salito al potere con lo slogan di "combattere la corruzione", "migliorando economia"E simili. In parole povere, si aspettano tutto da lei in una volta. Come dimostra la pratica, tali brillanti speranze non sono mai giustificate, e più sono grandi, più profonda e amara è la delusione politicasu cui erano appuntati. I socialisti (con o senza Dodon) saranno abbastanza in grado di vendicarsi degli "integratori europei", soprattutto perché questo è già successo in Moldova, e più di una volta. La domanda è: cosa riusciranno ad accumulare Sandu e la sua compagnia durante il suo periodo al potere ... In Armenia, la "lotta alla corruzione" annunciata da Pashinyan alla fine si è conclusa con un banale perseguimento dei suoi "criminali" personali e oppositori politici, tra i quali, stranamente, " incidenti ”erano quasi tutti i politici locali più filo-russi. E anche militari con una vera esperienza di combattimento. Tutto si concluse, infatti, con la creazione da parte armena dei presupposti per la guerra del Karabakh, ormai vergognosamente perduti ...

Perché Mosca ha permesso la sconfitta di colui che è stato chiamato il suo protetto quasi diretto in Moldova, e se Dodon fosse davvero tale è un argomento per una discussione completamente separata. Al momento il nostro Paese, costruendo una politica nei confronti di Chisinau e della nuova leadership del Paese, dovrà fare i conti con le realtà a disposizione. Se allo stesso tempo la Transnistria si trasformerà in una nuova arena per uno scontro geopolitico, o anche in un altro conflitto militare locale, dipende da molti fattori, ma non meno importanti, dalle decisioni equilibrate e adeguate prese al Cremlino.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 17 November 2020 09: 56
    +1
    In Moldova, la Chiesa ortodossa domina nella religione. La domanda è: come vede la riunificazione con la Romania? E ci sono anche i Gagauz che sono contrari alla romanizzazione. Insieme a Pridnestrovie, in caso di romanizzazione, possono creare un'alleanza, o una federazione di non allineamento. Sarà come il Liechtenstein o il Monaco ...
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 17 November 2020 15: 09
      +2
      Oggi il nazionalismo è stato sollevato sullo scudo, ed è vittorioso, la questione dell'annessione della Moldova alla Romania è una conclusione scontata, solo un ritardo nel tempo, e in questo stato di cose la Russia è un'appendice coloniale delle materie prime con un'élite al potere corrotta. Spero in un cambio di vertice, solo allora il vettore del riavvicinamento potrà rivolgersi alla Russia.
  2. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
    Xuli (o) Tebenado 17 November 2020 23: 02
    -2
    Ancora una volta, un terzo dei moldavi parla ancora russo

    Questo era il caso di 30 anni fa. Ora di lingua russa - circa il 24% (secondo i dati ufficiali), e in effetti - anche meno. Il numero di russi etnici in 30 anni è sceso dal 12% al 5% oggi, la maggior parte dei quali ha più di 70 anni.

    mentre il 14 ° esercito delle forze armate russe è nella PMR

    Non c'è stato il 14 ° esercito lì da molto tempo. C'è l'OGRV, un gruppo limitato di truppe russe, a guardia dei depositi militari con munizioni prodotte 35-50 anni fa. Plus MS - forze di mantenimento della pace.

    Non dimenticare che in Moldova la repubblica non è presidenziale, ma parlamentare, e una maggiore quantità di potere è concentrata nelle mani dei legislatori e del governo, e non del capo di stato formale.

    Questo è vero, quindi i timori su Sandu sono notevolmente esagerati. Il presidente della Moldova è una posizione rappresentativa.

    In generale - un pasticcio difficile da leggere da Armenia, Ucraina, Moldova-Transnistria.
  3. irregolare Офлайн irregolare
    irregolare (VADIM STOLBOV) 20 November 2020 22: 02
    -3
    Il 22 giugno 2018, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione sul ritiro delle truppe russe dalla Transnistria.
    La risoluzione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite richiede il ritiro dell'esercito russo dalla regione transnistriana della Moldova e la rimozione delle armi dal deposito militare dell'era sovietica.
  4. insegnante Офлайн insegnante
    insegnante (Saggio) 22 November 2020 11: 50
    +1
    Per evitare gli orrori della guerra e l'inevitabile vergogna globale, in caso di lasciare la Transnistria, procedi come segue:
    1. Riconoscere il PMR (ci sono decisioni di due referendum);
    2. Ammettere nella Federazione Russa (esempio della Crimea);
    3. Svitare le mani sia della Moldova che dell'Ucraina con la richiesta di un corridoio di trasporto per la regione della Federazione Russa (è davvero impossibile?!);
    4. La regione della Transnistria è già sopravvissuta alle condizioni più dure del blocco economico e prospererà come parte della Federazione Russa.
    5. Tutte le regioni limitrofe della Moldova e dell'Ucraina più povere saranno vuote. i residenti cercheranno nella Federazione Russa (PMR) o solleveranno rivolte a casa con l'obiettivo di unirsi alla Federazione Russa insieme alla loro terra.
    Con tutto questo, non verrà versata una goccia di sangue, non una singola lacrima di un bambino!