Il GNL rischia di non diventare il "carburante del futuro"


Un anno fa, Gazprom con i suoi gasdotti stava notevolmente perdendo terreno rispetto al prossimo GNL, che ha molti vantaggi competitivi. Tuttavia, nel 2020, si è sviluppata una "tempesta perfetta" sul mercato globale del gas, che ha anche rivelato alcuni degli svantaggi del gas naturale liquefatto. Come è successo e quali conclusioni se ne possono trarre?


A prima vista, il GNL presenta alcuni vantaggi. È gas naturale liquefatto per refrigerazione in impianti specializzati. Successivamente, il carburante viene pompato in autocisterne e inviato al consumatore, dove il processo di rigassificazione avviene in un terminale specializzato. Questo tipo di vettore energetico è stato chiamato il carburante del futuro. Il GNL è atossico, facile da immagazzinare e trasportare. È redditizio per l'acquirente trattare con lui: ha comprato quanto necessario, non un metro cubo in più, e il prezzo basso sarà garantito dalla concorrenza tra numerosi fornitori e dalle regole del commercio negli hub. È stato quest'ultimo a fare uno scherzo crudele con i progetti di GNL. Nel 2020 si sono sviluppati contemporaneamente diversi fattori negativi, che hanno reso inadeguati gli investimenti nel gas naturale liquefatto negli anni a venire.

In primo luogo, in primavera è iniziata la pandemia di coronavirus, che ha portato ad un vero e proprio "blocco" del mondo economia... I paesi hanno iniziato a chiudersi dai loro vicini, l'attività commerciale è scesa a valori prossimi allo zero, la domanda e i volumi di produzione sono diminuiti e con loro il consumo di idrocarburi. Inoltre, l'inverno 2019-2020 è stato insolitamente caldo, quindi le strutture UGS in Europa sono rimaste quasi piene.

In secondo luogola pandemia si è sovrapposta all'effetto di una guerra commerciale di sei settimane tra Russia e Arabia Saudita, che ha portato ad un calo dei prezzi del petrolio. L '“oro nero” che è sceso di prezzo ha trascinato verso il basso i contratti del gas ad essi associati.

In terzo luogo, le autorità dell'UE hanno sollecitato a “tenere presente” i fornitori di materie prime di idrocarburi che intendono realizzare una completa “decarbonizzazione” dell'economia dell'UE entro il 2050. Allo stesso modo, Joe Biden, proclamato vincitore della corsa alla presidenza degli Stati Uniti, è contro il petrolio. Il democratico intende proclamare un corso per la transizione verso energie alternative e rinnovabili. Sarebbe estremamente imprudente ignorare i piani annunciati direttamente delle due maggiori economie mondiali.

Presi insieme, questi fattori hanno portato al fatto che i prezzi del petrolio e del gas sono scesi ai minimi storici. Il mercato è saturo di GNL, che è diminuito drasticamente. I produttori stanno operando in perdita, molti fornitori hanno preferito pagare multe per mancata consegna piuttosto che guidare petroliere in Europa e in Asia, dove si era già formato un eccesso di offerta di materie prime a basso costo. Gli impianti GNL sono stati fermati anche in Australia e negli Stati Uniti. C'è da meravigliarsi se gli investitori stanno ora scegliendo di mettere in pausa i nuovi progetti?

Un anno fa, l'investimento totale in progetti di GNL era stimato a $ 60 miliardi; capacità di 70 milioni di tonnellate sono state messe in funzione ogni anno. Saudi Aramco, una compagnia petrolifera saudita, sta rinegoziando una partecipazione in Port Arthur LNG in Texas. Freeport LNG nello stesso stato ha rinviato una decisione sulla quarta fase dell'impianto GNL. Quando in Europa il gas liquefatto costa come negli stessi Stati Uniti, è economicamente inopportuno trasportarlo all'estero. Questa tendenza non ha aggirato nemmeno la Russia: Novatek ha rinviato per diversi anni il suo Obskiy LNG. Nell'attuale situazione di mercato, i nuovi investimenti su larga scala in questo settore semplicemente non sono interessanti, qui si tratterebbe di riprendere quelli già effettuati.

Naturalmente, questo non durerà per sempre. Nel prossimo anno o due, BigPharma assumerà il controllo della pandemia di coronavirus, l'attività commerciale aumenterà, i consumi e la produzione si riprenderanno e con essi il consumo di carburante. Ma puoi dimenticare i precedenti 400-500 dollari per mille metri cubi, va bene se ne danno 200, il che indubbiamente apporterà i propri aggiustamenti ai piani di investimento.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 17 November 2020 14: 52
    0
    O hanno assicurato che il GNL - d ...., più costoso e peggio del gas ordinario, poi hanno scritto sui peremog - dicono che il GNL russo sta correndo e correndo, ora "rischia di non diventare", anche se per 2 anni il mondo è ufficialmente diretto verso l'idrogeno ...

    In generale, una padella di spaghetti viene bollita e bollita ... e poi la Cina padroneggerà la fusione fredda e (((...
  2. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 18 November 2020 10: 19
    +1
    Bene, chi avrebbe mai pensato?