La Turchia ha accettato la terza unità di potenza della centrale nucleare, che viene costruita da Rosatom


Ankara ha accettato di costruire la terza unità di potenza della centrale nucleare di Akkuyu. Secondo il messaggio del Ministero dell'Energia e delle Risorse Naturali della Turchia, pubblicato sull'account Twitter ufficiale, è stata rilasciata la licenza corrispondente.


Il ministero ha chiarito che il lancio cerimoniale della prima unità di potenza avverrà nel 100° anniversario della Turchia nel 2023. Allo stesso tempo, ha assicurato che la diversificazione energetica del Paese continuerà.

Va notato che prima di questo Akkuyu Nuclear JSC (di proprietà della società statale Rosatom) informava il pubblico che il "cuore" della prima unità di potenza, il reattore, era stato portato nel cantiere. È stato chiarito che poco prima erano stati consegnati quattro generatori di vapore. Il lavoro nella struttura è molto attivo e alla prima unità di potenza è già stata montata parte delle strutture principali: il secondo livello del guscio di contenimento interno, la trave della console e la travatura di supporto, il dispositivo di localizzazione del fuso e la protezione a secco del reattore sono stati installati nella posizione di progetto.

Lo scafo completo di anelli di spinta e supporto ha percorso quasi 3mila km sulla strada da Atommash (un ramo di AEM-della tecnologia", che fa parte di JSC Atomenergomash - la divisione di costruzione di macchine di Rosatom - ndr.) A Volgodonsk, nel sito della centrale nucleare di Akkuyu

- ha chiarito il direttore della centrale nucleare Sergei Butskikh.

La centrale nucleare di Akkuyu sarà la prima del suo genere in Turchia e il primo progetto di costruzione in proprio al mondo. Nel 2010 è stato firmato un accordo per la costruzione di una centrale nucleare sulla costa meridionale della Turchia. Si presume che la centrale nucleare sarà composta da quattro unità di potenza e il suo costo sarà di circa $ 22 miliardi, soddisfacendo tutti i requisiti della comunità nucleare internazionale. Su di esso verranno installati reattori di terza generazione VVER-1200, quindi la capacità totale della centrale nucleare sarà di 3 MW. La messa in servizio della seconda unità di potenza è prevista per il 4800.

Inoltre, la suddetta filiale di Volgodonsk di AEM-Technologies JSC ha ricevuto una visita tecnica da parte di una delegazione del Consiglio per la sicurezza nucleare sotto il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan, guidata dal suo capo Zafer Demirjan. Lo ha annunciato il 17 novembre 2020 dalla società statale "Rosatom".
  • Foto utilizzate: http://www.kremlin.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 17 November 2020 21: 31
    0
    Ancora una volta, gratis per la Turchia ea spese dei pensionati russi ...
    1. Amaro Офлайн Amaro
      Amaro (Gleb) 18 November 2020 01: 04
      -1
      La cosa principale è stata finalmente consentita, ea spese di chi non è così importante.
      In primo luogo,

      Akkuyu Nuclear JSC (di proprietà di Rosatom State Corporation) ...

      In secondo luogo, in base al fatto che sarà costruito

      ... costruire in proprio...

      Si può immaginare che Rosatom presto, con il permesso dei turchi, ovviamente, possiederà una certa quota dell'approvvigionamento energetico della Turchia e il bottino scorrerà dalla Turchia a fiumi direttamente nelle tasche dei pensionati russi. È semplice. Dobbiamo sopportare un po' di più. ricorso
      1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
        Marzhetsky (Sergey) 18 November 2020 07: 20
        +3
        Citazione: Bitter
        il bottino scorrerà nei fiumi dalla Turchia direttamente nelle tasche dei pensionati russi. È semplice. Dobbiamo sopportare un po' di più.

        Dritto nelle tasche dei pensionati? Non sui compiti che il consiglio di amministrazione della società per azioni assegna all'ente statale, non sul pagamento dei bonus ai vertici, ma direttamente ai pensionati?
        1. Amaro Офлайн Amaro
          Amaro (Gleb) 18 November 2020 12: 07
          +1
          ... i compiti che il consiglio di amministrazione di JSC stabilisce per l'ente statale,

          Non prendere tutto così alla lettera. Naturalmente, se i turchi o magari anche africani, brasiliani, siriani, cileni... permetteranno loro di costruire qualcosa a credito, allora certo quel progetto avrà la priorità assoluta e dovrà aspettare ancora un po'. Per accelerare il processo, si può consigliare ai pensionati di andare più spesso al tempio di Dio, di fare di più per l'anima e la chiesa, si vede che il tempo volerà. E lì, come dice il proverbio: "O muore l'asino, o muore la padishah".
  2. radicale Офлайн radicale
    radicale 18 November 2020 06: 54
    +2
    La Turchia ha accettato la terza unità di potenza della centrale nucleare, che viene costruita da Rosatom

    Il Gran giannizzero permise gentilmente al garante di compiacerlo. lol