La Russia non sta perdendo lo spazio post-sovietico, ma lo sta riformattando per se stesso


Una serie di eventi difficili che si sono verificati e si stanno verificando ora in vari paesi dell'ex Unione Sovietica, alcuni esperti, sia in Occidente che nel nostro paese, hanno preso come pretesto per affermare che la Russia "ha ceduto le sue posizioni nello" spazio post-sovietico ". Alcuni hanno convenuto e aggiunto al punto che Mosca "ha perso completamente la sua influenza anche su quegli stati che fino ad ora erano nella sua orbita geopolitica". Voglio dire, come puoi immaginare, c'erano la Bielorussia, l'Armenia e dopo le recenti elezioni presidenziali - e la Moldova.


Tuttavia, è tutto così semplice in ciascuno di questi casi come potrebbe sembrare a prima vista? Quanto è inequivocabile la "perdita" del nostro paese e ha anche un posto dove stare? Cerchiamo di capire gli esempi di ciascuno dei suddetti stati "post-sovietici", soprattutto perché le passioni ribollono ancora nel primo di essi, nel secondo gli eventi più drammatici, mi piacerebbe credere, sono alle spalle, e nel terzo, molto probabilmente, tutto è solo all'inizio .. ...

Chi cambiare "all'incrocio"?


È un assioma geopolitico che le potenze che rivendicano lo status del mondo stiano cercando di difendere i propri interessi in "paesi terzi". E tutti coloro che prima o poi non vogliono affrontare "sorprese" estremamente spiacevoli nelle proprie case sono semplicemente obbligati ad osservarle nei paesi vicini. Aspirando al ruolo di "egemone mondiale", gli Stati Uniti non hanno mai nascosto in modo particolare il fatto che è prassi del tutto normale cambiare presidenti e governi a loro piacimento, così come altre autorità nelle regioni situate all'estremità opposta del globo. Questo di solito è stato fatto con l'aiuto di organizzare "rivoluzioni colorate", accompagnate da spargimenti di sangue e cataclismi di vario grado - fino alle guerre civili e al crollo completo della statualità dei popoli "benedetti" in questo modo. La Russia, ovviamente, non ha mai intrapreso nulla del genere nemmeno tra i suoi vicini più prossimi. Questi non sono i nostri metodi ...

Tuttavia, non importa quanto sia amaro ammettere, i veri meccanismi di contrasto tecnologia Il Dipartimento di Stato, la CIA e altri "uffici" simili, operando abilmente in tutto il mondo sotto i "tetti" di varie ONG, o non si sono preoccupati di lavorare nel nostro paese, o semplicemente hanno fallito. Il principale metodo di politica estera di Mosca a questo riguardo era di stabilire i legami più stretti possibili con i leader degli stati "post-sovietici" più accettabili dal suo punto di vista e di massimizzare il loro coinvolgimento in economico cooperazione alle condizioni più favorevoli per loro. Purtroppo, una tale strategia, a mio avviso, che ha dimostrato completamente la sua assoluta incoerenza anche sull'esempio dell'Ucraina, ha dato un altrettanto grave fallimento nella direzione bielorussa.

Giocato politica di “Sia il nostro che il tuo”, portato avanti, come dicono gli avvocati, “per motivi egoistici”, Alexander Lukashenko è diventato quasi un nemico del nostro Paese e lungo la strada ha portato con successo il proprio stato sull'orlo del baratro. Facendo invidia agli "specialisti" dei fondi Soros, ha creato tutte le condizioni e le premesse per il "Maidan", che non ha esitato a realizzarsi. La cosa più spiacevole è che anche adesso, quando Minsk continua a suscitare proteste di massa che non sono diventate qualcosa di molto peggio, in gran parte a causa dell'intervento tempestivo nella situazione di Mosca, il "papà" sta di nuovo cercando di "cavalcare il suo amato skate" e trasmettere qualcosa sul "prezzo del rifiuto". da una politica multi-vettore ", che, ovviamente, per qualche motivo il nostro Paese deve pagare ... Ancora venticinque ?!

La situazione con gli altri Stati, di cui stiamo parlando, dovrebbe essere vista approssimativamente dalla stessa angolazione. Essendo un "candidato Maidan", cioè un politico, a priori non troppo accettabile per il Cremlino, Nikol Pashinyan, tuttavia, non ha sentito in alcun modo un brivido da parte della Russia dopo la sua salita al potere. I legami economici non furono interrotti, la cooperazione in campo tecnico-militare, estremamente vantaggiosa per Yerevan, continuò, prima di tutto, la fornitura degli ultimi modelli di aviazione da combattimento. E qual è il risultato? Non solo questa figura è riuscita a farsi coinvolgere in un conflitto militare con l'Azerbaigian (per il quale, come si è scoperto in seguito, il paese era completamente impreparato), ma nel processo, si è permesso di ignorare completamente le proposte di Mosca, avendo rispettato la quale l'Armenia sarebbe uscita con perdite molto minori e peccato di quanto sia successo nella realtà. Invece di seguire iniziative di pace sensate, Pashinyan ha fatto ogni sforzo per attirare il nostro paese nelle ostilità, sperando di nascondersi dietro le sue "spalle" o di incolpare di lei il proprio fallimento. Fortunatamente non ne è venuto fuori niente.

Da solo, da solo, da solo ... Ma sotto il nostro controllo ...


Chi oggi sostiene che la sconfitta di Igor Dodon alle elezioni in Moldova sia un "fiasco di politica estera di Mosca", che ha così "perso il suo protetto a Chisinau", adula molto l'ex capo di Stato che "ha volato" oltre la presidenza. In realtà, Dodon non ha fatto assolutamente nulla, sia per avvicinare i due paesi, sia per rafforzare le posizioni della Russia. Per quanto ricordo, ha promesso di tornare a scuola in russo? E allora? Infatti, a parte una moltitudine di frasi vuote sull '"amicizia moldavo-russa", che in realtà non hanno portato a un rafforzamento della presenza economica o politica di Mosca in Moldova, non se la cavava bene. Oh, sì - sembra che abbia riconosciuto la Crimea come nostra ... E anche allora - "de facto". Ottimo servizio, niente da dire! Ma con la sua stessa mancanza di spina dorsale, incapacità di fare la scelta finale tra Oriente e Occidente, così come una moltitudine di storie piuttosto "confuse" con la sua partecipazione, questo politico ha considerevolmente compromesso sia il Partito socialista a lui associato che l'intero campo "filo-russo" in linea di principio.

Il fatto che la Moldova abbia “oscillato” in modo percettibile in direzione occidentale nelle elezioni in corso è proprio il suo “merito”. Finora non abbiamo perso nulla. Piuttosto, l'hanno capito. Innanzitutto la possibilità di un'altra riformattazione del Paese da parte degli stessi moldavi, che sembra essere praticamente inevitabile. Nonostante tutte le sue buone intenzioni e le sue allettanti promesse, Sandu dovrebbe ricordare che molto probabilmente Chisinau celebrerà il nuovo anno con un tesoro assolutamente vuoto. Quindi è molto positivo che in questo momento non saranno al potere Dodon e i membri del suo partito, ma persone completamente diverse. Prima delle prossime elezioni anticipate in Moldova, Mosca avrà solo il tempo di stabilire una cooperazione con candidati e candidati al sostegno molto più promettenti di quelli che non hanno giustificato né la fiducia né l'assistenza fornita.

Anche Aleksandr Grigorievich dovrà lasciare il suo posto con tutti i suoi modi, se sbagliati, "multi-vettore". Naturalmente, non dovrebbe farlo sotto alcuna pressione del "Maidan", ma nemmeno su un comando proveniente direttamente da Mosca. Se stessi, se stessi, se stessi ... Il compito della leadership russa qui, ancora una volta, è di controllare i processi politici in Bielorussia, per cui dovrebbe esserci qualcuno che, almeno, non ripeterà "scodinzolando" e Le manovre di Lukashenka, ma si muoveranno chiaramente verso il rafforzamento dello Stato dell'Unione. E Aleksandr Grigorievich, che oggi ha raccolto tutta la “negatività” dei suoi connazionali, qualche tempo dopo si trasformerà di nuovo ai loro occhi in un “papà” tutto bielorusso, il cui regno sarà ricordato con respiro nostalgico. Ma sarà dopo ... Per ora, Mosca dovrebbe concentrarsi sul garantire che il transito del potere a Minsk proceda senza incidenti e nella giusta direzione. Uno a uno, lo stesso si può dire dell'Armenia.

La caduta di Pashinyan non è più oggetto di discussione, ma semplicemente questione di tempo. Una dichiarazione corrispondente circa l'assoluta inevitabilità delle sue dimissioni e lo svolgimento di elezioni parlamentari anticipate nel paese è stata resa ieri dal suo presidente Serzh Sargsyan. Pashinyan ei suoi sostenitori a Yerevan non hanno alcun futuro politico e non possono più essere - un perduto, e anche con tanta vergogna, la guerra non lascia scampo anche a politici molto più seri di lui. Non per niente Vladimir Vladimirovich nei suoi ultimi discorsi, per nulla risparmiando l'orgoglio e la reputazione del premier armeno, parla il più lucidamente possibile di quante volte la sua caparbietà ha impedito la conclusione della pace con Baku a condizioni molto più favorevoli. Putin sta "annegando" Pashinyan? E cosa, avrebbe dovuto salvare ?! Con cosa, mi scusi, gioia? Il capo del nostro stato chiarisce ancora una volta che non lo vede nei panni del leader dell'Armenia. E il punto.

Quindi, se non si considerano i recenti eventi nello “spazio post-sovietico” da un punto di vista estremamente diretto e, quindi, estremamente semplificato, rimane aperta la questione di quali interessi sia in corso la sua prossima “riformattazione”. La Russia non è gli Stati Uniti e non si consente azioni che indichino la sua diretta interferenza nei processi politici in corso nel vicinato. Tuttavia, alla fine, tutto può (e dovrebbe) andare a vantaggio del nostro Paese. In ogni caso, nel Caucaso, entrando apertamente in affari all'ultimo momento, Mosca non solo ha evitato possibili problemi con entrambi i principali partner locali - sia Yerevan che Baku, ma ha anche notevolmente rafforzato la propria presenza strategico-militare in questa chiave per la nostra geopolitica. interessi della regione. Inoltre, un tale successo diplomatico senza precedenti provoca oggi in Occidente una chiara irritazione e un'aperta invidia. La Russia ha dimostrato in modo estremamente convincente di essere in grado di risolvere i conflitti regionali, almeno ai suoi confini, senza la sua partecipazione. E anche questo è un risultato significativo.

In ogni caso, ultimamente Mosca ha guadagnato certe opportunità e possibilità, e non ha “ceduto” alcuna posizione. Le prospettive di apertura saranno sfruttate appieno, anche per la trasformazione dello "spazio post-sovietico" in una zona geopolitica, dove l'influenza del nostro Paese sarà prioritaria? Il tempo lo dirà, ma oggi tutte le condizioni per lo sviluppo di eventi in questa direzione ci sono sicuramente.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 18 November 2020 10: 52
    +2
    La Russia deve essere più esigente riguardo allo status ufficiale o statale della lingua russa nei paesi post-sovietici e, da questo, sviluppare la cooperazione economica.
    La Russia ha bisogno di rafforzare l'influenza dei suoi media sui paesi post-sovietici, citando spesso esempi che dove ha avuto luogo la rivoluzione colorata filoamericana, le persone lì hanno iniziato a vivere peggio. E sarà meglio solo insieme alla Russia, all'interno degli stessi confini.
    1. Il commento è stato cancellato
  2. kot711 Офлайн kot711
    kot711 (voce) 18 November 2020 12: 09
    +3
    SÌ, sì, sì, e, nel merito, in Ucraina e Kazakistan. La Bielorussia, ancora in qualche modo tiene insieme alla Federazione Russa, gli altri mandano solo Gaster, e girano il naso di lato.
  3. Sergey Latyshev (Serge) 18 November 2020 13: 08
    -3
    Si. Questa non è una ritirata, ma un attacco all'indietro!
    Non importa come sia realmente, l'importante è come archiviare e contare ...
    1. Elena Ushkova Офлайн Elena Ushkova
      Elena Ushkova (Elena Ushkova) 18 November 2020 18: 52
      +2
      Come ti piacerebbe? Cosa devi fare per attaccare? Organizzare rivoluzioni colorate o nutrire tutti i tipi di criminali?
      1. Sergey Latyshev (Serge) 18 November 2020 22: 44
        -1
        Di cosa non sei soddisfatto? È quello che ho detto:

        La Russia non sta perdendo lo spazio post-sovietico, ma sta avanzando.

        Ucraina, Donbass, Paesi Baltici, Bielorussia e Moldova: ovunque c'è un'offensiva.
        Mondo russo, Nashi, Anti-Maidan, Gaidar Forum, pensione e così via, e così via ...
        1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
          Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 22 November 2020 16: 00
          0
          Sono d'accordo con te, mi è piaciuto il titolo dell'articolo:

          La Russia non sta perdendo lo spazio post-sovietico, ma lo sta riformattando per se stesso

          - è molto simile che i tedeschi nel 1945 abbiano vinto "livellando" da soli la linea del fronte ...
  4. King3214 Офлайн King3214
    King3214 (Sergio) 18 November 2020 14: 45
    +4
    La Russia in generale dovrebbe abbandonare ogni relazione "fraterna" con le ex repubbliche dell'URSS e passare a relazioni puramente economicamente vantaggiose.
    Principalmente vantaggioso per la Russia.
  5. Amaro Офлайн Amaro
    Amaro (Gleb) 19 November 2020 01: 36
    0
    La Russia non sta perdendo lo spazio post-sovietico ...

    Certo che no, si è da tempo dichiarata indipendente da lui, ora spesso dobbiamo fare i conti con il fatto che nello stesso spazio dipende sempre meno da lei.
    Che strano si scopre che alcuni turchi sono diventati improvvisamente, nonostante tutti gli incidenti, i partner più modellati. Il bottino non ha odore.
    E praticamente la sua nativa Ucraina, con un enorme numero di russi, è diventata improvvisamente aliena e persino ostile. La sua maglietta si è rivelata più vicina al corpo.
    Sembra che la formattazione sia in qualche modo sbagliata, probabilmente il principale "programmatore" "democratico" inizialmente e deliberatamente commesso. Altrimenti, tutte le perdite e i costi non possono essere spiegati.
  6. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
    Xuli (o) Tebenado 19 November 2020 04: 21
    +1
    ... Chisinau molto probabilmente celebrerà il nuovo anno con un tesoro assolutamente vuoto. Quindi è molto positivo che in questo momento non saranno al potere Dodon e i membri del suo partito, ma persone completamente diverse.

    L'autore sa bene che la Presidenza in Moldova è un posto decorativo che non ha un potere reale. Il vero potere è la maggioranza in parlamento, dove il partito di Dodon ha 37 voti, anche se questo non è sufficiente per il solo governo dei socialisti. Il partito Sandu ha 15 voti, con i quali "il potere" è molto lontano e non presto, e non per il nuovo anno.
    L'unica opportunità per Mosca di influenzare in qualche modo gli eventi in Moldova è la Transnistria. È sulla PMR che la Russia ha concentrato tutta la sua attenzione. Per quanto riguarda la riva destra del Dniester, la Bessarabia vera e propria, il Cremlino ha perso da tempo praticamente tutto lì e, purtroppo, l'ha perso per molto tempo.
  7. Peter rybak Офлайн Peter rybak
    Peter rybak (Pattuglia) 19 November 2020 10: 18
    0
    La Russia non sta perdendo lo spazio post-sovietico, ma lo sta riformattando per se stesso

    Andiamo risata risata risata

    Mi sono ricordato dello scherzo.

    Il nipote chiede alla nonna:
    - Nonna, come sono nata?
    - Ti ha portato la cicogna, nipote.
    La nipote chiede:
    - E come sono nato?
    - E ti hanno trovato nel cavolo.
    I bambini si fanno da parte e sussurrano:
    - Forse le diremo la verità, altrimenti morirà stupido.

    Questo voglio dire, l'autore, che può dirti la verità finché non avrai riformattato il mondo intero qui?