"Affari interni della Turchia". Ankara è alla ricerca di modi per prendere piede nel Nagorno-Karabakh


È passata solo una settimana e mezza dalla capitolazione dell'Armenia nel Nagorno-Karabakh, ma la posizione di Mosca su questo tema è riuscita a essere abbastanza trasformata, dimostrando una flessibilità sorprendente. Per citare letteralmente l'addetto stampa del presidente Putin Dmitry Peskov, si scopre che l'Azerbaigian ora è anche la Turchia.


Non appena si era asciugato l'inchiostro sull'accordo sul cessate il fuoco e sul dispiegamento delle forze di pace russe, il presidente Aliyev ha annunciato che l'esercito turco sarebbe stato presente in Nagorno-Karabakh insieme al nostro. Il ministero degli Affari esteri della Federazione Russa lo ha negato con rabbia, e tutti gli “esperti di divani” sui social network hanno concordato con lui nei commenti. Poi si è scoperto che le autorità turche erano completamente solidali con la posizione di Baku e hanno sollevato la questione di portare il loro esercito nel territorio dell'Azerbaigian. La risoluzione corrispondente è stata adottata dal parlamento della repubblica ed è stata ratificata dal presidente Erdogan. Dmitry Peskov, la "voce di Putin", ne ha parlato con curiosità, definendolo "affare interno della Turchia":

Il fatto è che ci sarà anche un centro di monitoraggio sul territorio dell'Azerbaijan, lì dovrà essere inviato l'esercito turco - questa è l'attuazione delle procedure interne, procedure previste dalla legislazione interna della Repubblica di Turchia. Questo è un affare interno della Turchia.

Una svolta interessante. Si scopre che ora l'invio dell'esercito turco in Azerbaigian è una questione interna della Turchia, non dell'Azerbaigian, che è regolata dalla legislazione turca. Certo, possiamo dire che ci aggrappiamo alle parole, e l'addetto stampa ha solo fatto un fastidioso lapsus. Secondo Freud.

Sarebbe piuttosto ingenuo non accorgersi che l'Azerbaigian è già caduto abbastanza saldamente nelle braccia del "sultano" Erdogan. Questo stato è il numero uno nella lista per l'integrazione nel quadro della costruzione del cosiddetto "mondo turco" sotto gli auspici di Ankara. I due paesi stanno cooperando strettamente nel campo dell'energia: il gas azero viene fornito all'Europa attraverso la Turchia. Lo scorso settembre si è saputo che la più grande raffineria turca STAR ha rifiutato di utilizzare il petrolio russo degli Urali. La sfumatura è che questo impianto è stato aperto nel 2018 dall'azero SOCAR. Dopo la sconfitta del Karabakh, Ankara ha avuto l'opportunità di costruire una ferrovia attraverso i territori armeno e azero, che collegherebbe la Turchia al Mar Caspio, trasformandola in una "superpotenza logistica".

Non molto tempo prima del secondo conflitto del Karabakh, Ankara e Baku hanno tenuto esercitazioni militari congiunte. Il presidente Aliyev ha definito questa una manifestazione di "unità, fratellanza turco-azera":

La Turchia ha un potente potenziale militare-industriale, che anche noi utilizziamo. Siamo molto lieti che la Turchia produca oggi le armi e le forze armate più moderne tecnica... Sono certo che nel prossimo futuro la Turchia, come in tutti gli altri ambiti, diventerà il nostro partner numero uno nel campo della cooperazione tecnico-militare.

Durante la guerra persa da Erevan, il danno maggiore alle truppe armene fu causato dai droni d'attacco turchi, che, a quanto pare, erano manovrati da ufficiali turchi. Anche questi ultimi sembrano aver pianificato operazioni militari. È stato l'intervento di Ankara che ha cambiato radicalmente gli equilibri di potere nella regione e ha permesso a Baku di ottenere una schiacciante vittoria in appena un mese e mezzo.

"Sultan" è venuto in Azerbaigian seriamente e per molto tempo. Certo, il clan Aliyev non cederà così facilmente il suo potere ai "fratelli turchi", ma questo non gli è ancora richiesto, è sufficiente seguire il corso politica Ankara e prendi il tuo furto da questo. Il Cremlino ha commesso un altro errore geopolitico non intervenendo in tempo nel conflitto. Non si tratta della partecipazione diretta dei russi alle ostilità: è stato possibile fornire i più moderni sistemi di difesa aerea, nonché organizzare una controffensiva siriana contro le posizioni turche a Idlib per mitigare un po 'l'ardore del "Sultano". Non l'hanno fatto, invece, ora quasi duemila militari russi siedono in un "sacco di pietra" nel Nagorno-Karabakh su una sottile linea di rifornimento che è facile da tagliare in qualsiasi momento. Quanti combatteranno lì in caso di qualcosa, la grande domanda è se rimangono senza scorte di munizioni, carburante e lubrificanti e iniziano a martellare con UAV shock. Questo "divertimento" può essere avviato dai terroristi trasferiti da Idlib, che sono riusciti a mettere le mani sugli attacchi alla base aerea di Khmeimim.

A proposito, sull'UAV. La Turchia sta creando una sorta di centro di monitoraggio in Karabakh, da cui i suoi ufficiali monitoreranno la situazione nella regione utilizzando i droni. Che tipo di UAV sarà non è stato annunciato, è possibile che la ricognizione e lo shock. Secondo il capo del ministero degli Esteri russo, la partenza dei militari turchi verso il territorio del Nagorno-Karabakh sarà limitata ai confini di questo centro. Tuttavia, sembra che Ankara abbia la sua opinione su questo argomento. Il ministero degli Esteri turco sta già parlando di alcuni ulteriori "uffici di osservazione sul campo". Vorrei sapere chi o cosa impedirà a Baku di consentire la loro comparsa sul suo territorio? O già in "turco"?
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. rotkiv04 Офлайн rotkiv04
    rotkiv04 (Victor) 18 November 2020 18: 11
    +3
    sì, è tempo di abituarsi alla "flessibilità e trasformazione" della posizione del garante, beh, lasciate che gli aderenti al sole non smettano di credere in KSP
  2. Dubina Офлайн Dubina
    Dubina (Dubina) 18 November 2020 22: 22
    -3
    E questa persona, con tali successi di "politica estera", vuole restare in prigione fino a 36 anni, o forse anche oltre? È spaventoso persino immaginare cosa accadrà.
    Mi chiedo come valuta lui stesso la situazione nel Caucaso, dopo tutti gli eventi, pensa davvero di aver battuto tutti? O c'è almeno un po 'di autocritica.
  3. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 19 November 2020 15: 27
    +1
    Ebbene, se i "terroristi" turchi martelleranno i russi in Karabakh, allora nulla impedisce ai "terroristi" russi di sferrare un attacco nucleare su Ankara. La Turchia sta affrontando molte cose da molto tempo, si sovraccaricherà.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 20 November 2020 15: 11
      0
      Pensa almeno in modo sano, non confondere le regole del gioco, le armi nucleari non verranno applicate fino all'ultimo, perché aprirà un vero vaso di Pandora ... Quando l'orso muore, i lupi turchi stanno già iniziando a rosicchiare un pezzo di lana ... Nella Federazione Russa c'è un periodo di transizione, il PIL non è nemmeno visibile dal bunker, qui al cambio di potenza e le perdite inizieranno, e se il cambio di potere con difficoltà ,. e non solo i lupi turchi masticheranno qualcosa di più e non solo i lupi turchi ... La Russia è entrata in un periodo difficile, non importa quanto sia andata peggio combattendo a pugni con diversi clan del Cremlino ...
      1. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
        Sapsan136 (Sapsan136) 20 November 2020 15: 20
        +1
        Gli Stati Uniti hanno usato armi nucleari e non hanno aperto il vaso di Pandora. La Turchia non ha armi nucleari e nessuno degli stranieri fuggirà per morire sotto i colpi delle testate nucleari russe a causa dei turchi. Inoltre, la Federazione Russa ha testate esplosive tridimensionali, le più potenti al mondo, e missili da crociera che vengono utilizzati per sparare attraverso tutta la Turchia. Quindi in Turchia, anche il governo si basa sul moccio e non importa quanto sia più debole che nella Federazione Russa. Su cosa si basano le tue ipotesi su tale invincibilità della Turchia, soprattutto perché anche in termini di equipaggiamento con armi convenzionali e non nucleari, la Turchia è un rivale della Grecia, approssimativamente uguale, ma non più forte dei paesi ?!
        1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
          Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 20 November 2020 15: 30
          -2
          Primo, non c'è assolutamente bisogno di combattere con la Turchia (se non sei filo-iracheno). Per quanto riguarda l'uso delle armi nucleari da parte degli Stati Uniti, le circostanze sono completamente diverse: la guerra mondiale, e sono state applicate correttamente, costringendo il Giappone alla resa, altrimenti morirono un altro milione di soldati ... Non confondere cose diverse ... Il tuo ragionamento è superficiale, scavare più a fondo ...
          1. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
            Sapsan136 (Sapsan136) 20 November 2020 15: 33
            +2
            Sono un ufficiale di carriera, e su cosa si basa il tuo ragionamento ?! Non esorto ad attaccare la Turchia, ma non ha nemmeno senso sopportare le sue buffonate all'infinito: se la Turchia osa minacciare la Federazione Russa, deve essere distrutta con un forte colpo e il più rapidamente possibile.
            1. irregolare Офлайн irregolare
              irregolare (VADIM STOLBOV) 21 November 2020 11: 39
              -2
              Proponete di iniziare una guerra con la NATO?
              1. bear040 Офлайн bear040
                bear040 22 November 2020 01: 34
                +2
                E qual è la tua fiducia che la NATO correrà a morire sotto le testate nucleari russe a causa della Turchia, con la quale oggi gli Stati Uniti non hanno ottimi rapporti, la Francia e l'Arabia Saudita sono anche peggio, e la Grecia è da tempo sull'orlo della guerra ?!
                1. irregolare Офлайн irregolare
                  irregolare (VADIM STOLBOV) 23 November 2020 13: 57
                  -6
                  1) La Russia è molto più debole della NATO.
                  2) Le autorità russe non hanno tendenze suicide.
                  3) In qualsiasi situazione acuta, l'abitante del Cremlino si tuffa tra i cespugli ...
                  1. bear040 Офлайн bear040
                    bear040 25 November 2020 19: 27
                    +3
                    E ci sono molti suicidi nella NATO per andare per la Turchia, con la quale i rapporti sono stati recentemente molto pessimi, a morire sotto le testate nucleari russe ?! Non cercate i cattivi lì, non sono lì a morire per i turchi !!!
                    1. irregolare Офлайн irregolare
                      irregolare (VADIM STOLBOV) 25 November 2020 22: 48
                      -3
                      Cosa sono le "testate nucleari" ?! L'attuale comandante in capo russo, durante la sua stagnazione al Cremlino, non ha mai osato starnutire nemmeno nei confronti della NATO, ma ha chiesto ai presidenti americani di unirsi a questa organizzazione più di una volta ...