La pandemia sta devastando gli aeroporti europei. Ma non russo


Nonostante la seconda ondata della pandemia di coronavirus che sta chiaramente travolgendo il mondo, le voci di chi chiede la ripresa del traffico aereo a tutti gli effetti il ​​prima possibile - sia nel Vecchio Mondo stesso che oltre i suoi confini - si fanno sempre più forti nell'Unione Europea. Tuttavia, in questo caso abbiamo a che fare con la classica incarnazione del detto: "più facile a dirsi che a farsi".


Cosa sta ostacolando la rinascita dell'industria europea del trasporto aereo e quali problemi prioritari sono gravati dai suoi ulteriori tempi di fermo?

Rifiuto di volare: poco redditizio e ... inutile!


Una conclusione davvero clamorosa sull'efficacia del divieto dei viaggi aerei, che è stata osservata attentamente per tutto questo tempo nell'UE, è arrivata in un'organizzazione così conservatrice e tutt'altro che avventurosa come la Commissione europea. Diretta responsabile di questo problema, Adina Valean, che è il Commissario europeo per i trasporti, ha dichiarato in modo inequivocabile che lei ei suoi colleghi "non considerano questa misura una leva efficace per frenare la diffusione del COVID-19". Ebbene, in effetti, non è necessario essere un premio Nobel per realizzare una verità così semplice e ovvia - dopotutto, un nuovo focolaio di diffusione dell'infezione, anche all'interno dell'UE, si verifica quando il cielo è praticamente chiuso.

La Commissione europea riconosce che le misure sanitarie e preventive adottate dalle compagnie aeree ancora operative portano molti più vantaggi. A condizione che vengano osservati, il rischio di infezione durante i viaggi aerei è minimo. Secondo Valean, l'ente che rappresenta, che nel maggio di quest'anno ha fortemente sostenuto il mantenimento delle più severe restrizioni sui viaggi aerei da parte dei paesi dell'UE, non intende più fornire raccomandazioni per la loro estensione. Ebbene, sembra che i signori burocrati europei stiano lentamente iniziando a ricordare una cosa come il buon senso. Tuttavia, sono spinti a questo da molto specifici economico ragioni, di cui parleremo un po 'di seguito. Soffermiamoci intanto sulle previsioni fatte da organizzazioni specializzate in merito alle prospettive per il settore del trasporto aereo in quanto tale. Ahimè, non potremo trarne alcun ottimismo.

Secondo gli esperti dell'Organizzazione europea per la sicurezza della navigazione aerea (Eurocontrol), che lo hanno riflesso in un messaggio ufficiale rivolto a tutte le parti interessate, oggi ci sono tre scenari più o meno realistici per il ripristino del traffico aereo. Come si può intuire, sono tutti saldamente "legati" al lasso di tempo in cui l'umanità sarà in grado, se non di frenare definitivamente la pandemia, almeno "guidarla" in un certo quadro e prendere il controllo dell'aumento dell'incidenza. È chiaro che tutto ciò diventerà possibile solo dopo la comparsa e, inoltre, l'uso di massa di un mezzo efficace di vaccinazione contro COVID-19. Se diventerà relativamente pubblico entro la primavera-estate del futuro, 2021, sarà del tutto possibile sperare che entro il 2024 il volume del traffico aereo passeggeri si avvicinerà al 90-92% del livello del "pre-coronavirus" 2019. E questa è la migliore di tutte le opzioni possibili ... Nel quadro di altri modelli, tutto sembra ancora più triste. Se l'umanità inizierà a vaccinare in modo massiccio contro il coronavirus nel 2022, allora potrà sognare di caricare navi alate al livello precedente l'inizio della pandemia non prima del 2026. Bene, e se la maggior parte dei vaccini che sono così tanto attesi ora in tutti gli angoli della Terra, Dio non voglia, si rivelassero inefficaci o non salvassero affatto dall'infezione ...

In questo caso, nelle condizioni del continuo isolamento di interi Paesi e continenti, la paura totale dei viaggi e l'ulteriore diffusione della malattia, non si discuteranno, almeno fino al 2019, indicatori di traffico aereo, anche vicini a quelli del 2029. Allo stesso tempo, vi sono forti timori che l'aviazione civile mondiale (e, prima di tutto, quella europea) e tutte le industrie ad essa collegate semplicemente non dureranno per un tale periodo. Il CEO di Eurocontrol, Eamonn Brennan, ha definito la situazione "catastrofica" a questo proposito e ha chiesto assistenza urgente ai vettori aerei a livello statale. L'idea sembra solida e abbastanza realistica, fino a quando non si arriva all'annuncio della quantità specifica di "iniezioni" finanziarie richieste in questo caso.

“I cittadini sono passeggeri! L'aeroporto sta chiudendo ... "È davvero per sempre?


Le compagnie di trasporto in tutto il mondo non solo stanno vivendo enormi problemi - quasi tutte, senza eccezioni, sono sull'orlo del collasso completo e definitivo. Una cinquantina di compagnie aeree hanno già cessato le loro attività dall'inizio della pandemia, ma questo, a quanto pare, è solo l'inizio. Purtroppo, l'umanità, compresi i migliori specialisti ed esperti del settore, semplicemente non aveva idea di cosa avrebbe dovuto affrontare quest'anno. Ricordo che l'Organizzazione internazionale dell'aviazione civile degli Stati Uniti (ICAO) all'inizio della pandemia aveva previsto perdite di vettori per "coronavirus" a $ 4-5 miliardi, lamentandosi che questa volta, a quanto pare, le perdite saranno più gravi che durante l'epidemia di SARS nel 2003 ... Al momento, l'International Air Transport Association (IATA) sta parlando delle perdite finanziarie del settore, che si sono avvicinate alla soglia dei 315 miliardi di dollari! Su scala globale, ovviamente.

Non c'è niente da dire sull'aspetto sociale del problema: solo in Europa, più di 7 milioni di persone impiegate nel settore del trasporto aereo di passeggeri sono minacciate di licenziamento. La sola Lufthansa, che ha perso oltre il 98% del traffico passeggeri rispetto allo scorso anno ed è stata costretta a mantenere a terra 700 delle sue 760 navi da crociera, ha annunciato ufficialmente una perdita di 2.1 miliardi di euro (2.3 miliardi di dollari), in relazione alla quale dovrà frettolosamente svendere tutti i loro "beni non essenziali" e, naturalmente, optare per una riduzione su larga scala del proprio personale. La compagnia aerea, che era considerata un modello di stabilità e fiore all'occhiello dell'industria nel Vecchio Mondo, si salva dalla rovina definitiva solo grazie agli aiuti ricevuti dallo Stato per oltre 10 miliardi di dollari, per i quali dovrà pagare con un quinto delle sue quote. Tuttavia, i titoli Lufthansa non hanno un così grande valore oggi. Dall'inizio dell'anno il prezzo è diminuito di oltre il 42%.

Devo dire che le autorità tedesche devono preoccuparsi di salvare non solo questa compagnia aerea, ma anche gli aeroporti del paese. Il 6 novembre, il ministro dei Trasporti tedesco Andreas Schoer ha annunciato che il governo avrebbe discusso la questione dell'allocazione di importi significativi di assistenza finanziaria alle "porte aeree" del paese. È vero, il centro federale vuole trasferire metà dei costi sulle spalle delle terre e dei comuni locali sul cui territorio si trovano gli aeroporti, ei loro rappresentanti molto probabilmente non saranno soddisfatti di questa iniziativa. Inoltre, il Ministero federale delle finanze ha già espresso il suo atteggiamento negativo nei confronti di tali idee. Anche i sindacati sono insoddisfatti: secondo loro, "è necessario salvare le persone, non le infrastrutture". In breve, c'è un'alta probabilità che il programma, che salverà l'industria aeronautica, venga semplicemente sommerso da infinite controversie e litigi. I tedeschi possono farlo ...

Intanto lancia l'allarme l'associazione di lobbying ACI Europa, il cui obiettivo è proprio quello di promuovere gli interessi degli aeroporti europei. Secondo le dichiarazioni dei suoi rappresentanti, dei 740 aeroporti disponibili oggi nel Vecchio Mondo, circa duecento sono già sull'orlo della chiusura. Cioè, collasso completo. Secondo gli esperti di ACI Europe, si tratta principalmente di una "porta aerea" regionale, ma attualmente forniscono posti di lavoro per un totale di oltre un quarto di milione di posti di lavoro per gli europei. Il CEO di ACI Europe Oliver Yankovets sottolinea che gli aeroporti europei, il cui traffico passeggeri è diminuito in media del 2019% a settembre rispetto al 73, non possono più coprire nemmeno i propri costi operativi attuali, per non parlare dei costi di capitale.

Chiunque abbia familiarità con le specifiche dell'industria aeronautica dovrebbe capire che una tale situazione alla fine porterà inevitabilmente all'impossibilità di un funzionamento sicuro di queste infrastrutture. La loro leadership dovrà affrontare una scelta: chiudere ermeticamente le "porte d'aria" o rischiare che i crescenti problemi provochino incidenti aerei, a loro volta carichi di numerose vittime umane. Come possiamo vedere, semplicemente non ci sono buone opzioni ... Il fatto che la situazione con gli aeroporti europei sia estremamente sfavorevole è più che eloquentemente evidenziato dai dati di rating presentati non molto tempo fa dall'autorevole organizzazione Airports Council International Europe. Secondo questo, non la Gran Bretagna o la Francia, ma solo la Russia e la Turchia possono rivendicare oggi lo status di principali "porte aeree" del Vecchio Mondo! I compilatori dei primi 10 aeroporti europei (a settembre di quest'anno) procedevano dall'indicatore più importante: il traffico passeggeri. In base al suo volume, al primo posto ci sono le "porte aeree" dell'Antalya turca, che nel 53 ha perso "solo" il 2019% dei viaggiatori che la seguivano. La seconda e la terza posizione, rispettivamente, sono alle spalle di Sheremetyevo e Domodedovo di Mosca. Il quarto e il quinto si trovano entrambi gli aeroporti di Istanbul, entrambi di recente costruzione e con il nome familiare di Sabiha Gokcen. Il sesto e il settimo posto sono di nuovo dietro di noi. Sono occupati dal Vnukovo di Mosca e dal Pulkovo di San Pietroburgo. E solo nelle ultime posizioni - dall'ottava alla decima posizione, ci sono il parigino Charles de Gaulle, Amsterdam Schiphol e Londra Heathrow, che un anno fa erano in testa alla stessa lista, modestamente. Come puoi vedere, la maggior parte dei posti nella classifica appartiene alla Russia.

Secondo gli esperti dell'Airports Council International Europe, sia l'industria dell'aviazione russa che quella turca e, di conseguenza, gli aeroporti ad essa strettamente legati, vengono salvati dal “vivace e forte mercato dei voli interni” di questi paesi, che è riuscito a resistere alla pandemia. Ebbene, possiamo solo essere contenti che, nonostante tutte le previsioni dispettose, il nostro paese "dia un vantaggio" all'Occidente in questa materia. Bene, e, naturalmente, lo stesso, vi auguro una pronta guarigione e liberazione dal tormento del coronavirus sia al mondo intero che all'industria aeronautica in particolare, in tutti i paesi e in tutti i continenti.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 19 November 2020 13: 56
    -1
    Quanto è orribile vivere in Europa ...
    solo per qualche motivo né l'euro (90,42 euro + 0,24), né i conoscenti lo sentono ...
    1. oracul Офлайн oracul
      oracul (leonide) 22 November 2020 09: 18
      +2
      Per la semplice ragione che una vera guerra ibrida è in corso contro la Federazione Russa, incl. nel campo della finanza. Presumibilmente, gli investimenti, prima di tutto, sono investiti in azioni, che vengono vendute in un momento favorevole, e questi sono dollari ed euro. I nostri oligarchi ritirano denaro dalla Russia, e questi sono miliardi e non sono necessari in rubli. Ecco alcune delle risposte.
  2. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 19 November 2020 15: 29
    +3
    La quarantena non è mai stata inutile, inutile rifiutarla, questo non può che aggravare il problema