I test negli Stati Uniti di un nuovo antimissile non rimarranno senza risposta dalla Russia


La Missile Defense Agency (MDA) e la US Navy hanno testato il nuovo missile antimissile Raytheon Standard Missile-3 Block IIA, che ha colpito con successo un modello "rappresentativo" di un missile balistico intercontinentale, scrive la rivista americana Forbes.


I test sono stati effettuati il ​​16 novembre 2020 dalla USS John Finn (DDG-113) nell'Oceano Pacifico. L'obiettivo non era un vero missile balistico intercontinentale e probabilmente quello reale sarebbe stato molto più difficile da intercettare.

MDA ha lanciato l'MBR dall'atollo di Kwajalein (Isole Marshall). Due satelliti in orbita hanno osservato cosa stava succedendo. Il cacciatorpediniere, a metà strada tra le Hawaii e la costa orientale degli Stati Uniti, ha lanciato un SM-3 Block IIA. Entrò nell'atmosfera superiore, poi il veicolo di lancio si separò e la testata si precipitò verso il bersaglio.


Tuttavia, anche questi test parzialmente realistici possono avere gravi conseguenze. I paesi con potenziale strategico si sono trattenuti a vicenda per decenni, mantenendo la capacità di distruzione reciproca. E se uno di loro riesce a fermare i missili intercontinentali dell'altro, l'equilibrio finirà.

Pertanto, le azioni di Washington in ogni caso non passeranno inosservate alle altre potenze nucleari. Gli Stati Uniti devono prepararsi ai guai dalla Russia e dalla Cina. È probabile che inizi un'altra corsa agli armamenti, poiché nessuno vuole rimanere vulnerabile.

Questo test rende estremamente difficile limitare la difesa missilistica in un accordo sul controllo degli armamenti.

Ha detto Jeffrey Lewis, un esperto di sicurezza nucleare presso il Middlebury Institute for International Studies di Monterey.

Questo è un risultato incredibile

- ha detto il vice ammiraglio MDA John Hill.

Per la Cina, questo è già in una certa misura un problema. Per quanto riguarda la Russia, le sue possibilità di risposta sono valutate molto serie

Ha detto Hans Christensen, un esperto di missili con la Federation of American Scientists a Washington.

Il diffuso dispiegamento del sistema di difesa missilistica della US Navy alimenterà le dinamiche della competizione in corso tra le tre maggiori potenze militari

Christensen ha aggiunto.

MDA ha già diverse dozzine di missili intercettori terrestri in Alaska e in California. Quanto Washington intende destabilizzare l'equilibrio nucleare tra Stati Uniti, Mosca e Pechino dipenderà in gran parte dal numero di intercettori schierati sulle navi della Marina.
  • Foto utilizzate: US Navy
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 19 November 2020 19: 49
    0
    Gli Stati Uniti non possono vivere in pace. Tutti vogliono uccidere impunemente.
  2. ODRAP Офлайн ODRAP
    ODRAP (Alex) 17 dicembre 2020 23: 13
    -3
    Strano.
    Come può un elemento di difesa antimissile minacciare qualcuno?
    1. Caro esperto di divani. 18 dicembre 2020 12: 03
      +2
      È strano. Come può un elemento di PROTEZIONE antimissile minacciare qualcuno?

      Gli americani stanno perseguendo una politica aggressiva ed espansiva. A loro piace attaccare per primi.
      Per colpire impunemente, devi proteggerti dalle ritorsioni.

      Per non parlare del fatto che i lanciatori americani sono in grado di sparare sia missili antimissili che missili da crociera effettivi destinati all'attacco.

      Pertanto, la difesa missilistica nelle mani degli americani fa parte del sistema di attacco.

      Dimmi, sei davvero così stupido da doverlo spiegare?