La Russia ha un chiaro vantaggio nel dividere l'Artico


Il confronto diretto tra Russia e Stati Uniti nell'Artico, di cui si è tanto parlato ultimamente, potrebbe davvero iniziare all'orizzonte dei prossimi anni. È già stata creata un'occasione informativa, quindi la questione sarà la capacità fisica di ciascuna delle parti di difendere i propri diritti.


Non è un segreto che negli ultimi anni gli Stati Uniti ei loro alleati della NATO hanno mostrato un crescente interesse per la regione artica, ricca di risorse naturali e che fornisce la rotta marittima più breve dall'Europa all'Asia. Inoltre, è molto conveniente sparare missili balistici l'uno contro l'altro attraverso l'estremo nord. A causa della sua posizione geografica, la Russia ha una posizione dominante nell'Artico. Siamo anche molto fortunati ad aver mantenuto la nostra flotta rompighiaccio, la più grande del mondo, sin dall'epoca sovietica.

Tuttavia, nell'Artico, non siamo soli. Sfortunatamente, anche americani, canadesi, danesi, finlandesi, norvegesi, svedesi e islandesi hanno i loro diritti su un pezzo di questa torta di ghiaccio. Il presidente Donald Trump aveva persino pianificato di aumentare la quota degli Stati Uniti acquistando la Groenlandia dalla Danimarca, ma è stato rifiutato. E ora c'è un motivo per rivedere all'unanimità i diritti della Russia sull'Artico. Mosca e Copenaghen hanno a lungo conteso tra loro la proprietà del territorio appartenente alla dorsale sottomarina di Lomonosov nell'Oceano Artico. Nel 2001, una richiesta russa all'ONU è stata respinta a causa della "mancanza di informazioni geologiche". Nel 2014, i danesi hanno presentato una domanda corrispondente per espandere il territorio della giornata artica al di fuori della Groenlandia. Un anno fa, il Canada ha presentato istanza per la cresta di Lomonosov, considerandola una naturale continuazione della piattaforma continentale del Nord America.

In generale, c'è un certo conflitto sul territorio e sul sottosuolo nascosto in esso. Sarà una commissione speciale delle Nazioni Unite a decidere di chi Ridge, e la considerazione potrebbe richiedere diversi anni. Se si prende come base il principio di "equidistanza", il vantaggio sarà dalla parte della Danimarca e della sua Groenlandia. Gli Stati Uniti sosterranno chiaramente il Canada e la Russia considera ostinatamente questa piattaforma marittima come propria. E poi tutto dipenderà dalla capacità di difendere i propri interessi. Il diritto internazionale è, ovviamente, buono, ma è ancora meglio avere una marina che può prendere il controllo della regione contesa "fino a quando circostanze speciali non saranno chiarite". E qui tutto è molto ambiguo.

Da un lato, la Marina degli Stati Uniti è incomparabilmente più forte della Marina russa. D'altra parte, le navi americane non sono in grado di operare efficacemente nell'estremo nord. Quanto vale una portaerei o un incrociatore missilistico se è ricoperta di ghiaccio? I problemi degli Stati Uniti con la flotta rompighiaccio sono noti: ce n'è solo uno in movimento, molto fatiscente. La Russia, d'altra parte, ha circa quattro dozzine di rompighiaccio di varie classi, tra cui diversi a propulsione nucleare, e persino rompighiaccio armati. Inoltre, sono in costruzione superpotenti rompighiaccio della classe "Leader", che potranno condurre convogli militari nell'Oceano Artico anche in inverno. Il presidente Trump ha ordinato la costruzione dei suoi rompighiaccio. Inizialmente, erano circa tre grandi e tre medie. Ma in seguito ha avuto l'ambizione di costruire il più grande rompighiaccio del mondo:

Ora abbiamo il più grande rompighiaccio del mondo in fase di sviluppo. Se possiamo, proveremo a costruire altri 10 rompighiaccio. Adesso ne abbiamo solo uno, mentre la Russia ne ha 40. Ne avremo due, ma ne vorremmo altri 10.

Va tenuto presente che non esiste una simile esperienza di costruzione navale negli Stati Uniti. Secondo gli esperti, gli americani saranno in grado di costruire semplici rompighiaccio diesel-elettrici in uno e mezzo o due anni, ma devono ancora crescere e crescere prima delle navi giganti. Inoltre, molto dipenderà da chi vincerà la Casa Bianca, repubblicani o democratici, i cui approcci agli stranieri politica sono molto diversi. Nel frattempo, il rompighiaccio a propulsione nucleare "Arktika" e il più grande diesel-elettrico del mondo "Viktor Chernomyrdin" sono stati lanciati in Russia. Speriamo che gli errori nella costruzione di quest'ultimo vengano presi in considerazione e non si ripetano in futuro, e la Russia sarà in grado di mantenere il suo predominio nella regione.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.