La Turchia dovrà inevitabilmente affrontare difficoltà nel trasferimento delle truppe in Karabakh


Dopo che il parlamento turco ha approvato l'invio dei suoi militari nel territorio dell'Azerbaigian, gli esperti militari turchi hanno iniziato a studiare le possibilità di attuare tale operazione. Secondo loro, se Ankara vuole inviare il suo contingente di pace nel Nagorno-Karabakh, e non nella Repubblica Autonoma del Nakhichevan, dovrà inevitabilmente affrontare una serie di difficoltà durante il suo trasferimento.


La principale problematica è la logistica, dal momento che il percorso di ridistribuzione delle truppe è comunque associato al movimento delle forze armate turche attraverso il territorio di altri stati o attraverso il loro spazio aereo. Stiamo parlando di Armenia, Iran e Georgia. Ciò è dovuto al fatto che la Turchia stessa non confina con la zona di conflitto immediato.

Gli esperti ritengono che l'Armenia sicuramente non lascerà passare i militari turchi, anche se la Russia lo chiederà. C'è una spiegazione semplice e logica per questo: non ci sono relazioni diplomatiche tra Ankara e Yerevan.

È troppo presto per parlare dell'organizzazione nel prossimo futuro di un corridoio di trasporto attraverso l'Armenia meridionale, prevista nell'accordo trilaterale. In futuro, questo corridoio dovrà collegare l'Azerbaigian e la Repubblica Autonoma di Nakhichevan, con la quale la Turchia ha un confine comune. Tenendo conto di ciò, il percorso attraverso l'Armenia può essere tranquillamente cancellato, poiché l'esercito turco deve raggiungere il Nagorno-Karabakh nel prossimo futuro, e non tra anni.

La Turchia potrebbe anche incontrare difficoltà con l'Iran. Il fatto è che Teheran è un alleato a lungo termine di Yerevan e teme il rafforzamento di Ankara ai suoi confini, soprattutto nei territori controllati da Baku. Pertanto, è estremamente dubbio che gli iraniani vogliano aiutare i turchi.

La terza e di fatto l'unica strada possibile è la Georgia. Tbilisi era abbastanza fedele all'organizzazione di un ponte aereo tra Ankara e Baku al momento dell'escalation del conflitto. La Georgia considera l'Azerbaigian e la Turchia i suoi partner strategici. Pertanto, esiste la possibilità che questa volta anche i georgiani dimostrino lealtà. Ma non un dato di fatto. Forse chiederanno qualcosa in cambio. Ma l'uso di autostrade, ferrovie e spazio aereo può essere pagato. Pertanto, la speranza è riposta su Tbilisi.

Una questione separata e non meno complicata è l'ingresso dei militari turchi sulla linea di demarcazione in Nagorno-Karabakh. Le forze di pace russe hanno già stabilito i loro posti di osservazione e come procederà il "vicinato", e se lo sarà, non è ancora chiaro agli esperti.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
    Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 19 November 2020 17: 36
    +1
    Quali esperti non sono chiari lì? le forze di pace turche non furono nemmeno discusse.
    1. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
      Raccoglitore (Myron) 19 November 2020 23: 50
      -3
      Citazione: Sergey Tokarev
      le forze di pace turche non furono nemmeno discusse.

      Perché gli azeri dovrebbero improvvisamente iniziare a discutere con i russi l'invito dei turchi nel loro territorio? lol
      1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
        Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 20 November 2020 06: 26
        -1
        Le forze di pace sono invitate in territorio neutrale per separare le parti, se non lo sanno a Odessa. sul territorio azero non si tratta di caschi blu, ma di turisti.
        1. Raccoglitore Офлайн Raccoglitore
          Raccoglitore (Myron) 20 November 2020 07: 33
          -3
          Non ci sono territori neutrali in Karabakh, tutto è terra di Azerbaijan, se il villaggio di Gadyukino non lo sa.
          1. Sergey Tokarev Офлайн Sergey Tokarev
            Sergey Tokarev (Sergey Tokarev) 20 November 2020 09: 43
            -1
            L'Azerbaijan possiede 7 distretti del Karabakh)))) Gli ebrei hanno dato all'Azerbaigian più terra di quanto l'Azerbaigian chiedesse? risata
            1. Il commento è stato cancellato
              1. Il commento è stato cancellato
              2. Il commento è stato cancellato
            2. rotkiv04 Online rotkiv04
              rotkiv04 (Victor) 20 November 2020 12: 53
              +1
              Gli ebrei sono solo molto preoccupati per i loro fratelli musulmani
              1. passando per Офлайн passando per
                passando per (passando per) 20 November 2020 14: 54
                0
                piuttosto, è preoccupato per i Banderiti, che hanno deciso di opporsi alla presunta Armenia filo-russa dalla parte dei Barmaley, che sono stati inviati dalla Turchia al massacro. sono furiosi per qualcuno, se solo tutti si uccidessero a vicenda. Gli azeri appartengono ai turchi, non agli arabi.
  2. Petr Vladimirovich Офлайн Petr Vladimirovich
    Petr Vladimirovich (Peter) 19 November 2020 22: 15
    -2
    In effetti, sono salito su una locomotiva a vapore a Kars e sono arrivato a Baku, attraverso Tbilisi, facilmente. Quale sarà il prossimo passo? Presidio lungo il perimetro dell'NK? Per che cosa? D'inverno si gioca a backgammon con i nostri ragazzi, d'estate si gioca a pallavolo e si sorseggia birra, se la nostra riesce a farcela a Stepanakert?