La Russia è pronta a condividere il progetto della centrale nucleare bulgara Belene


Rosatom è pronta ad ampliare la composizione del consorzio (alleanza) che partecipa alla gara per la realizzazione della centrale nucleare di Belene. Pertanto, la Russia condividerà il progetto energetico in Bulgaria con altre parti interessate. Lo scrive la pubblicazione Internet bulgara Mediapool, riferendosi alla dichiarazione di Kirill Komarov, membro del consiglio della corporazione statale russa, primo vicedirettore generale - direttore della Development and International Business Unit.


Il consorzio, ovviamente, non esaurisce l'elenco delle aziende internazionali che possono prendere parte a questo progetto.

- ha detto Komarov in un briefing, sottolineando l'importanza di creare un'alleanza.

Komarov ha chiarito che il consorzio è necessario per riunire tutto il meglio che è disponibile oggi.

Compreso il nucleare russo della tecnologia, Turbine francesi e sviluppi franco-tedeschi nel campo dei sistemi di controllo automatizzati per l'ingegneria elettrica

Lui ha spiegato.

Ha spiegato che a causa della pandemia COVID-19, i potenziali investitori non hanno accesso alla sala informazioni, dove vengono raccolti tutti i dati sul progetto. La data di conoscenza di queste informazioni è stata posticipata più volte. Ha espresso la speranza che a un certo punto l'infezione cesserà di rappresentare una minaccia e sarà possibile tornare al normale lavoro.

Rosatom si aspetta che il governo bulgaro proponga un meccanismo attraverso il quale gli investitori saranno in grado di recuperare i loro investimenti nel progetto. Komarov ha ricordato che Sofia vuole attuare il progetto su base puramente di mercato senza garanzie governative.

Ad essere onesto, non conosco un simile precedente

- ha aggiunto Komarov.

Secondo le sue parole, tali progetti sono realizzati sia con una seria interazione con lo Stato, sia con l'ottenimento di alcune garanzie di ritorno sugli investimenti dalla produzione di elettricità. Come esempio, ha citato il progetto Hanhikivi-1 NPP in Finlandia, dove tutti gli azionisti sono consumatori di elettricità.

In Bulgaria, al momento, non esiste un meccanismo di restituzione dei fondi investiti, fatta eccezione per la vendita di energia elettrica sul mercato libero

- ha riassunto.

Nel giugno 2020, Rosatom ha firmato un Memorandum of Understanding con Framatom (Francia) e General Electric Steam Power (USA) per il progetto Belene NPP. Altri contendenti includono la China National Nuclear Corporation (CNNC) e la Korea Hydro and Nuclear Power Company (KHNP).
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. tenente Офлайн tenente
    tenente (vladimr) 21 November 2020 16: 43
    0
    Perché vanno di nuovo dai bulgari?
  2. Pandiurina Офлайн Pandiurina
    Pandiurina (Pandiurina) 21 November 2020 17: 55
    -1
    Citazione: tenente
    Perché vanno di nuovo dai bulgari?

    Bene, ci sono i manager.
    Alla fine di ogni anno, esaminano il loro "caso" dei contratti conclusi e l'importo totale. Da questo ricevono una percentuale del loro stipendio. Pertanto, c'è un grande interesse a concludere un contratto ad ogni costo.
    Anche se è ovvio che ci saranno grossi problemi.
    Problemi e perdite di denaro si verificheranno in 7-12 anni dalla conclusione del contratto.
    Questo sarà chiamato forza maggiore. Hanno fatto tutto bene, chi sapeva che, per ragioni politiche, la Bulgaria avrebbe fissato un prezzo più basso per l'energia generata come misura antitrust, avrebbe introdotto una tassa ambientale perché La centrale nucleare non genera elettricità verde, imporrà multe enormi per altre sciocchezze.

    Quindi ora sta accadendo con Gazprom con contratti a lungo conclusi, ora vengono munti per enormi somme fantastiche. Sembra che non ci siano colpevoli che abbiano deciso di concludere contratti a tali condizioni.
    Quando questi contratti furono conclusi c'erano eroi e ragazzi astuti.