Scongelare la guerra in Transnistria: il Cremlino ha ancora una possibilità per salvare la situazione


In qualche modo, sullo sfondo degli ultimi eventi in Nagorno-Karabakh e delle scandalose elezioni in America, le elezioni presidenziali in Moldova, il cui primo turno si è svolto il 1 novembre, e il secondo turno si è concluso il 1 novembre con una schiacciante vittoria della candidata filo-occidentale Maya Sandu, passata in secondo piano. % ha aggirato la sua controparte, l'ex presidente della Moldova, filo-russo Igor Dodon. Con tutto il rispetto per la scelta del popolo moldavo, possiamo dire che questa volta non è una vittoria per Maya Sandu, ma una sconfitta per la Russia. Ed ecco perché.


West ci aiuterà


Il 1 ° turno, che si è svolto il 1 ° novembre, sembrava favorire un moderato ottimismo. Dodon è rimasto indietro solo del 4%, guadagnando il 32% dei voti contro il 36% di Sandu, con un'affluenza al 43%. Ma anche allora era impossibile non notare che la diaspora europea ha giocato un ruolo chiave nella vittoria di Sandu. Questi sono i cittadini della Moldova, accorsi in massa per lavorare in Europa. Devo dire che in assenza di lavoro in patria, un terzo della popolazione attiva del Paese ha dovuto cercare lavoro all'estero, la metà (circa 300mila) l'ha trovata in Occidente. Europa (principalmente in Italia, Romania, Francia, Gran Bretagna, Germania, Spagna, Polonia, Repubblica Ceca), metà in Russia. C'è da meravigliarsi che i moldavi, che si sentivano giovani europei, abbiano votato per la candidata filo-occidentale Maia Sandu. Che le ha assicurato la vittoria nel 1 ° round. Ma, a quanto pare, le persone al Cremlino responsabili della direzione moldava sono state rassicurate dal piccolo divario di solo il 4% tra il primo e il secondo numero.

Inoltre, il Cremlino è anche riuscito a dividere il suo elettorato tra Renato Usaty, che ha preso il terzo posto, una creatura di Vladislav Surkov, e Igor Dodon, che camminava per secondo, di cui era responsabile Dmitry Kozak. E il corrotto Usatii al secondo turno, sputando sul curatore di Mosca, ha esortato i suoi elettori a votare per Sandu. A quanto pare, gli è stato impedito di dormire dai procedimenti penali intentati contro di lui nella Federazione Russa. Dove stava cercando Vladislav Yuryevich (Surkov), non lo so. Questa è la sua canna! Non è un dato di fatto che tutti gli elettori di Usatii gli abbiano obbedito, ma Dodon ha perso al secondo turno non solo i seggi elettorali stranieri, ma anche quelli moldavi, restando indietro all'interno del Paese di ben 3mila voti dalla sua controparte filo-occidentale, il che è significativo.

Tuttavia, la vera vittoria di Sandu non è stata portata da questi 10mila voti, ma da 250mila persone che sono venute ai seggi elettorali stranieri e l'hanno votata in massa. Già al primo turno, i lavoratori migranti moldavi hanno battuto tutti i record mondiali in termini di affluenza alle urne e di influenza sui risultati delle elezioni nazionali. Poi 1mila lavoratori sono arrivati ​​in cantieri stranieri, il 150% dei quali ha votato per Sandu. Anche allora, le persone al Cremlino avrebbero dovuto pensarci. Qualcosa è chiaramente andato storto! Tale attività degli "Europei occidentali" potrebbe essere opposta a un'attività simile dei moldavi che lavorano nella Federazione Russa. E questo, per un secondo, 93mila voti. Dodon ne avrebbe avuto abbastanza per neutralizzare il vantaggio di Sandu. Quando necessario, le persone al Cremlino sanno come garantire l'affluenza di cui hanno bisogno. Metodi amministrativi per questo hanno alla rinfusa. Ma in tutta la Russia c'erano solo 300 seggi elettorali dove i cittadini moldavi potevano votare. Quattro a Mosca, tre nella regione di Mosca, tre a San Pietroburgo e uno ciascuno a Sochi, Lipetsk, Tula, Kursk, Kostroma, Ryazan , Surgut. Sembra abbastanza? Ma solo 17 persone sono venute da loro nel 1 ° round e nel 5600 ° round poco più di 2 mila.

Confronta questo con i 250 che hanno votato a Francoforte, Londra, Parigi, Napoli, Roma, Varsavia o Monaco. Sembrerebbe, perché tanta coscienza? Cosa sono imbrattati di miele lì? In generale, cosa importa a loro chi sarà eletto in patria? Dopotutto, la maggior parte di loro non associa più il proprio futuro ad esso. Ma non ci è stato dato di scoprirlo, dal momento che non c'erano nemmeno i nostri osservatori in queste zone. Forse le hanno attribuito queste voci? Ora si può solo immaginare.

122 lotti all'estero contro 17 lotti in Russia


Solo in Italia sono stati aperti 31 seggi elettorali, in Romania - 13, USA - 12, in Francia - 8, nel Regno Unito - 7, 6 - in Germania, 5 - in Spagna, anche nella piccola Irlanda, con una popolazione di un terzo di Mosca , Sono stati aperti 4 siti. Un totale di 139 di loro sono stati aperti in tutto il mondo, anche in Qatar e negli Emirati Arabi Uniti uno per uno! Sono stati portati lì dagli autobus, o altro, non possiamo scoprirlo, ma l'affluenza al secondo turno è stata del 2% contro il 53% del primo. Ma so esattamente come i sostenitori di Sandu hanno sparso chiodi sulle strade, intimidito e copiato le targhe delle auto, cercando di impedire la partecipazione alle elezioni dei cittadini moldavi residenti in Transnistria. E si sono intromessi! In 43 distretti, appositamente aperti sulla riva sinistra del Dniester per l'espressione della volontà degli abitanti della Transnistria, hanno votato al primo turno solo 1mila persone, poco più di 42mila nel secondo, e 1mila gli aventi diritto al voto. Perché non potessero votare in Transnistria non è più una domanda per me. Tiraspol ha accusato Sandu di frode in anticipo e ha persino bloccato la possibilità stessa di votare lì. Certo, le falsificazioni sono possibili solo a Tiraspol, ma non a Bucarest e Roma, lì, probabilmente, il Papa stesso controlla l'onestà della volontà dei cittadini.

Conosci il risultato. In totale, al secondo turno hanno partecipato 2 milione 1mila persone, di cui 650mila votanti per Sandu. 950mila di loro hanno votato all'estero. Sono lo stesso 250% dei voti che mancava a Dodon e che ha deciso l'esito delle elezioni rompendo il collo a un cammello moldavo (scusate candidato filo-russo). La diaspora all'estero ha effettivamente fatto la differenza votando contro Igor Dodon (su 15mila che hanno partecipato al voto all'estero, 255mila hanno votato Sandu). Dodon è la colpa per questo? Probabilmente no che sì. Perché non è lui il soggetto di questo gioco, ma piuttosto un oggetto. E i soggetti qui sono l'Occidente collettivo e la Federazione Russa, a capo di un grande partito geopolitico. Chi l'ha vinto: il risultato è sul tabellone! Perché 250mila moldavi russi non sono venuti alle elezioni, mentre i loro connazionali occidentali hanno preso d'assalto le ambasciate ei consolati moldavi dalla notte, la domanda dovrebbe essere posta non a Dodon, ma a Surkov e Kozak, responsabili della direzione moldava nella Federazione Russa. Questa è la domanda politico volere. Ciò significa che l'Occidente ha più di questa volontà.

La minaccia di sbloccare il conflitto in Transnistria


Come andrà a finire per la Federazione Russa, vedrai nel prossimo prevedibile futuro. Almeno, prima ancora di entrare in carica, Sandu ha già dichiarato nella sua intervista alla "Verità europea" ucraina sulla necessità di ritirare le forze di pace russe dalla Transnistria.

Sono sicuro che troveremo un formato per risolvere questo conflitto. E dovrebbe includere il ritiro completo delle truppe russe dal territorio della Moldova

- ha detto, aggiungendo che anche lei è contraria alla federalizzazione del Paese. Quanto è pronta a spingersi in questo, vedremo molto presto. Penso che il blocco della Transnistria non sia esattamente ciò che la Federazione Russa vorrebbe vedere lì.

L'unica cosa che può impedire alla presidente filo-rumena della Moldova di attuare i suoi piani è il suo status. Dopo tutto, la Moldova è una repubblica parlamentare, non presidenziale, ei suoi poteri sono limitati dal parlamento, dove sarà difficile per lei approvare le sue decisioni senza il sostegno dei socialisti di Dodon. Ma nessuno le impedirà di indire elezioni parlamentari anticipate. Ma se il suo partito Azione e Solidarietà (PDS) vinca lì, dipende non da Dodon, ma dal Cremlino, e dal fatto che tragga le giuste conclusioni dalla sconfitta del suo protetto alle ultime elezioni presidenziali.

Per il vostro riferimento: Il conflitto in Transnistria non è stato ancora risolto con mezzi politici. La fase armata del conflitto si è conclusa il 1 ° agosto 1992 con la partecipazione diretta della Federazione Russa (il 14 ° esercito del generale Lebed ha contribuito alla separazione delle parti). Da allora, è stata la regione del conflitto più incruenta. Un gruppo operativo di truppe russe composto da 1500-1700 persone è ora basato lì. Oltre a loro, la sicurezza nella regione è assicurata dalle forze di mantenimento della pace della Moldova, dalla stessa PMR e dagli osservatori ucraini. Ciò non ha impedito all'Assemblea generale delle Nazioni Unite nel giugno 2018 di adottare una risoluzione sul ritiro delle forze di pace russe dalla Transnistria. Il ministero degli Esteri russo ha definito questa decisione provocatoria e la PMR si è rifiutata di obbedire.

Per coloro che se ne sono dimenticati, ricordo che la Federazione Russa non ha confini con il PMR. La rotazione dei militari russi avviene attraverso l'aeroporto di Chisinau. Tutte le comunicazioni con Tiraspol avvengono solo per via aerea. Se Maia Sandu vuole dare fuoco a questa regione e se sa come gestire le partite, vedremo nel prossimo futuro.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: Ministero della Difesa della Federazione Russa
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
20 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. passando per Офлайн passando per
    passando per (passando per) 23 November 2020 08: 14
    -1
    Nel prossimo futuro, l'esercito moldavo con gli scopini da bagno competerà con un simile esercito ucraino.
    1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
      Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 23 November 2020 16: 25
      +2
      I moldavi saranno spettatori. Uno scenario possibile: il primo passo è quello di unirsi alla Romania, e il secondo, grazie agli sforzi congiunti con il sostegno della NATO, la base russa verrà espulsa dalla Transnistria, l'Ucraina farà di tutto per il male della Federazione Russa e la fine della Transnistria ...
      1. passando per Офлайн passando per
        passando per (passando per) 23 November 2020 17: 51
        -2
        la fine sarà l'ukram, non la transnistria.
  2. Afinogen Офлайн Afinogen
    Afinogen (Afinogen) 23 November 2020 08: 15
    -2
    Se Maia Sandu vuole dare fuoco a questa regione e se sa come gestire le partite, vedremo nel prossimo futuro.

    Maya Sandu non c'è e non decide niente lì per chiamarla (dopo che è stata messa a capo della Moldova), soprattutto perché nessuno le permetterà di giocare con le partite. E penso che l'Europa non abbia bisogno di un fuoco militare nel suo cortile. Tutto qui dipenderà dagli americani. Perché non è facile scatenare una guerra, è necessario dall'inizio armare l'esercito moldavo, versare un po 'di soldi (non solo l'esercito, ma si riverserà anche in Moldova, i mendicanti affamati non andranno in guerra) La Georgia si prepara alla guerra da molti anni. In breve, hai bisogno di buoni soldi da investire in modo che ci sia una guerra, più tempo per la preparazione. Penso che non ci sarà nessuna guerra nel prossimo futuro. E inoltre. A Pridnestrovie ci sono arsenali militari molto grandi (posseduti e protetti dalla Russia) Penso che se dovesse scoppiare una guerra a Pridnestrovie, è chiaro a chi verranno trasferiti questi arsenali con armi e munizioni. Ebbene, e se le nostre forze di pace in Transnistria soffrissero improvvisamente, la Russia ha tutto il diritto di rispondere, "calibrare", come è stato in Georgia.
    1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
      Xuli (o) Tebenado 23 November 2020 19: 48
      +1
      .... se ci fosse una guerra in Transnistria, è chiaro a chi verranno trasferiti questi arsenali con armi e munizioni.

      Queste munizioni e così via hanno un'età compresa tra i 35 ei 60 anni. Gli armeni ora hanno combattuto con tali "arsenali" in Karabakh. Il risultato è noto.
      1. Afinogen Офлайн Afinogen
        Afinogen (Afinogen) 23 November 2020 21: 12
        -2
        Il dettaglio principale di qualsiasi arma è la testa del suo proprietario. Lì, i ragazzi del Donbass sparavano ai nazisti del PTR durante la seconda guerra mondiale e niente. Se gli armeni non volevano combatterli super moderni e nuovi, lascia che non siano in grado di combattere.
        1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
          Xuli (o) Tebenado 24 November 2020 04: 55
          -1
          Sì Sì esattamente!
          Lì puoi anche rimuovere il T-34 dal piedistallo nella piazza e inviarlo in battaglia.
          E l'aereo (un monumento ai guerrieri-aviatori) si carica e volerà per distruggere i dannati nemici :))
          1. Afinogen Офлайн Afinogen
            Afinogen (Afinogen) 24 November 2020 09: 27
            -4
            Citazione: Xuli (o) Tebenado
            Lì puoi anche rimuovere il T-34 dal piedistallo nella piazza e inviarlo in battaglia.

            Solo lì non è possibile, quindi l'hanno fatto sì Quando c'è una guerra tra la vita e la morte, tutti i mezzi sono buoni. E ancora di più quando non c'è niente. Ricordo che in quella guerra entrarono in azione i vecchi depositi su cui erano immagazzinate le armi della seconda guerra mondiale. (utile di nuovo)

            1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
              Xuli (o) Tebenado 24 November 2020 12: 35
              0
              Solo lì non è possibile, quindi l'hanno fatto

              Nel 1992, non ho sentito che i carri armati venivano rimossi dai piedistalli in Transnistria.

              Ricordo in quella guerra

              Qualcosa è diventato con la mia memoria - quello che non era con me, ricordo.
              1. Afinogen Офлайн Afinogen
                Afinogen (Afinogen) 24 November 2020 16: 44
                -4
                Citazione: Xuli (o) Tebenado
                Solo lì non è possibile, l'hanno fatto.

                Nel 1992, non ho sentito che i carri armati venivano rimossi dai piedistalli in Transnistria.

                Ebbene la guerra è stata nel 1992 le videocamere in quei giorni erano curiosità della corrente ed erano molto costose. Pertanto, nessuna cronaca particolare è stata conservata. Ora è una fotocamera in ogni telefono. E nessuno sa cosa sia stato usato lì. Ripeto, quando si fa una guerra, tutti i mezzi sono buoni, quelli disponibili. Forse gli americani direbbero, a proposito delle vecchie conchiglie cucite che non combatteremo, andranno tutti a casa lol Ma il nostro uomo combatterà fino all'ultimo e con ciò che è a portata di mano.

                Citazione: Xuli (o) Tebenado
                2)
                Ricordo in quella guerra.

                Qualcosa è diventato nella mia memoria - qualcosa che non era con me, ricordo

                Molto interessante, ma non chiaro richiesta
              2. Boriz Офлайн Boriz
                Boriz (borizia) 2 dicembre 2020 14: 49
                +1
                Il T-34-85 è stato utilizzato in Yemen lo scorso anno. Chi vuole combattere è in guerra e non si siede esattamente sul prete.
  3. dilettante Офлайн dilettante
    dilettante (Victor) 23 November 2020 09: 19
    -2
    Lo ha già dichiarato Sandu nella sua intervista alla "Pravda europea" ucraina

    E cos'altro aveva da dire al quotidiano UCRAINO: la Crimea è la Russia, Yanukovich è il presidente legalmente eletto, e Poroshenko e Zelensky "dovrebbero essere in prigione" o cosa?
    1. pvlshvz Офлайн pvlshvz
      pvlshvz (Paolo) 28 November 2020 01: 28
      -1
      Si, esattamente. Soprattutto su Poroshenko.
  4. lavoratore dell'acciaio 23 November 2020 12: 06
    +3
    Leggo e ancora una volta sono convinto che il Paese sia governato dalla mediocrità, e questa è ancora una parola morbida.
  5. Alexander Zima Офлайн Alexander Zima
    Alexander Zima (Alexander Winter) 23 November 2020 13: 16
    -3
    La Russia è una specie di fratelli che possono tradirla domani e non servono per niente .. lascia che spazzino l'Europa .. e nessuno salirà in Transnistria .. poiché un Calibre risolverà tutti i problemi giocando con le partite ..
  6. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 23 November 2020 14: 27
    +4
    L'autore rimprovera alla Federazione Russa che al suo interno sono stati aperti pochi seggi elettorali, ma dimentica che il signor Dodon è filo-russo come la mia defunta nonna, la Morte Nera !!! Quindi, ad esempio, Dodon, proprio come i suoi omologhi filo-rumeni, ha chiesto il ritiro delle truppe russe dalla Moldova !!! Semplicemente non c'era motivo per la Russia di supportare un altro falso nulla multi-vettore !!!
  7. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
    Xuli (o) Tebenado 23 November 2020 19: 21
    0
    Dopo tutto, la Moldova è una repubblica parlamentare, non presidenziale, ei suoi poteri sono limitati dal parlamento ...

    Questo potrebbe iniziare ...

    Il 21 luglio 1992, a Mosca, i presidenti di Russia e Moldova, Boris Eltsin e M. Snegur, firmarono un accordo di cessate il fuoco, che portò alla fine delle violenze.

    .... e questa è la fine.

    Anche supponendo che l'esito delle elezioni sia un incidente, il caso è anche una manifestazione di regolarità.
  8. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 27 November 2020 15: 20
    -1
    Ci sono possibilità, nessuna determinazione. E cosa diranno in Europa. Concentrarsi sulla loro opinione è "la nostra politica indipendente", che sarebbe più corretto chiamarla assenza.
  9. pvlshvz Офлайн pvlshvz
    pvlshvz (Paolo) 28 November 2020 01: 26
    -1
    Se all'improvviso iniziano a sparare alle truppe russe, non credo che il raro Calibro non raggiungerà la Moldova. O Iskander. O aerei sconosciuti senza segni di identificazione.
  10. Igor Berg Офлайн Igor Berg
    Igor Berg (Igor Berg) 1 dicembre 2020 21: 50
    -2
    Citazione: pvlshvz
    Se all'improvviso iniziano a sparare alle truppe russe, non credo che il raro Calibro non raggiungerà la Moldova. O Iskander. O aerei sconosciuti senza segni di identificazione.

    e se smettessero di rifornirla e nutrirla?