Nuovo governo in Moldova: Sandu potrebbe deludere non solo la Russia, ma anche l'Ucraina


Le ostilità nel Nagorno-Karabakh erano appena terminate quando la prospettiva di sbloccare un altro conflitto di lunga data nello spazio post-sovietico si profilava davanti alla Russia. Il cambio di potere in Moldova dal presidente “filo-russo” Dodon alla filo-occidentale Maia Sandu potrebbe portare all'espulsione dei caschi blu e delle truppe russe, allo strangolamento economico e al blocco della Transnistria. Tuttavia, ci sono altre opinioni su questo problema.


Non c'è dubbio che il presidente eletto della Repubblica di Moldova, laureato al J. Kennedy Harvard Institute of Public Administration, ex consigliere del presidente della Banca mondiale a Washington e titolare di un passaporto rumeno, la signora Sandu, è un politico filo-occidentale. In un'intervista al quotidiano ucraino, il capo dello stato ha subito chiarito in che modo avrebbe guidato Chisinau. Tuttavia, in Russia e Nezalezhnaya, le sue dichiarazioni sono state interpretate in modi molto diversi.

C'erano ottimisti che vedevano nel presidente Sandu alcuni motivi filo-russi. Il motivo è stato il suo rimprovero nei confronti di Kiev che sta cercando di risolvere il problema della DPR e della LPR con mezzi militari, e ha citato come esempio la Transnistria, con la quale Chisinau sta conducendo negoziati diretti e ha concluso centinaia di accordi:

Abbiamo riconosciuto che la Transnistria fa parte del formato di negoziazione, abbiamo dato all'azienda locale lo stesso regime commerciale dei nostri produttori.

Il nuovo leader moldavo ha dichiarato direttamente alle autorità ucraine che la soluzione militare al problema del Donbass è un vicolo cieco, ed è ora di avviare una comunicazione diretta con i capi delle repubbliche non riconosciute, per le quali Kiev non è assolutamente pronta. Questa, tra l'altro, è anche la ben nota posizione della Russia.

La signora Sandu ha rifiutato di chiamare Mosca un "paese aggressore" e intende tentare di sbloccare le esportazioni moldave verso la Federazione Russa, che sono state chiuse per molti nomi dopo la firma dell'Accordo di associazione europeo. Ebbene, questi segnali sono abbastanza costruttivi, quindi possono solo essere accolti con favore. Tuttavia, questo barile di miele non poteva fare a meno di un secchio di catrame.

In primo luogoSulla questione fondamentale della proprietà della Crimea, il presidente Sandu sta dalla parte di Kiev, che ha sottolineato in un'intervista:

Rispetto l'integrità territoriale e la sovranità dell'Ucraina sulla Crimea.

In secondo luogoNonostante il fatto che Chisinau consideri la Transnistria il suo territorio, si rifiuta di pagare per il gas russo fornito lì.

In terzo luogo, Maya Sandu inizia la sua presidenza con la questione del ritiro dell'esercito russo dalla Moldova, anche se lo fa in modo relativamente delicato, a tappe. Ricordiamo che in questa ex repubblica sovietica ci sono sia i nostri caschi blu che il personale militare del Gruppo operativo delle forze russe (OGRV). I primi proteggono la sicurezza della Transnistria dopo l'inizio del conflitto interetnico, i secondi - depositi militari nel villaggio di Kolbasna, dove sono immagazzinate 20mila tonnellate di munizioni. Il predecessore di Sandu Dodon, e ora lei stessa, ha anche chiesto di ritirare quest'ultimo dopo lo smaltimento delle munizioni. A seguito del ritiro del contingente limitato basato sui risultati di un accordo politico, anche le forze di pace dovranno partire.

L'accordo dovrebbe essere inteso come la riunificazione della Transnistria con la Moldova, che sotto Sandu ha tutte le possibilità di riunificazione o assorbimento da parte della Romania. È facile immaginare come reagiranno i residenti della repubblica non riconosciuta che hanno passaporti russi. Tuttavia, Chisinau ha uno strumento di pressione abbastanza efficace. Ad esempio, può togliere a Tiraspol il regime commerciale, che consente di inviare il 65% delle sue esportazioni nell'UE. Tutto il resto va in Russia attraverso il territorio dell'Indipendenza. E qui, in un'intervista al quotidiano ucraino, si può vedere un accenno di possibile interazione tra Chisinau e Kiev:

Dobbiamo ristabilire, "riparare" le relazioni tra i nostri stati dopo dove sono andate negli ultimi quattro anni, sotto la presidenza di Igor Dodon.

La domanda è: cosa farà Mosca se la Transnistria comincerà davvero a strangolare economicamente? "Calibers" sicuramente non aiuterà qui. Il presidente Sandu non chiama direttamente la Russia un nemico, a differenza dell'ucraino di vedute ristrette politici, che lei è molto più intelligente e più istruita. Si sdraia dolcemente, come le è stato insegnato ad Harvard, ma dormirà molto.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
17 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
    Xuli (o) Tebenado 22 November 2020 09: 58
    +4
    1) Non vi è alcun cambio di potere. AFFATTO. Il presidente in Moldova non ha potere. Il potere è in parlamento, dove Sandu ha 11 voti su 101.
    2) Ogni presidente moldavo, compreso il Dodon "filo-russo", prima di essere posto su un trono nominale, pronuncia un rituale incantesimo che le truppe russe dovrebbero essere ritirate dalla Transnistria. Hanno un'ossessione come Catone il Vecchio: "Cartagine deve essere distrutta". Nessuno presta più attenzione a questi incantesimi.
    3) OGRV in Transnistria è composto per il 90 %% (se non di più) da cittadini locali - nativi della Transnistria, in possesso della cittadinanza russa. Dove portarli fuori e perché? Proteggono le loro case e le loro famiglie dalla ripetizione del 1992.
    4) Se questi ragazzi con le strisce delle forze armate russe agiscono sui tori moldavi come uno straccio rosso, allora le strisce di velcro possono essere cambiate chiamandole "Polizia militare della Federazione Russa" e incollando le strisce corrispondenti. Ma l'essenza non cambierà da questo, e i tori rimarranno ancora tori.
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 22 November 2020 10: 16
      0
      Citazione: Xuli (o) Tebenado
      Ogni presidente moldavo, compreso il Dodon "filo-russo", prima di essere posto sul trono nominale, pronuncia un rituale incantesimo che le truppe russe dovrebbero essere ritirate dalla Transnistria. Questa è la loro ossessione, come Catone il Vecchio: "Cartagine deve essere distrutta". Nessuno presta più attenzione a questi incantesimi.

      Ebbene, non pagano invano.
      1. Xuli (o) Tebenado Офлайн Xuli (o) Tebenado
        Xuli (o) Tebenado 22 November 2020 12: 09
        +2
        Il tuo "pensiero profondo" mi ha scioccato e mi ha sconvolto :))

        Ogni starnuto non ti fa bene

        Diffusione. Ferro.

        Non tutto dovrebbe essere risposto, risposto, risposto.
        Ci sono persone che ... cercano di denigrare e macchiare almeno con le parole; Non ho nemmeno il diritto di arrabbiarmi per questo, perché ... non ti piace starnutire.

        Gogol. Lettera a M.I.Gogol, 15 giugno 1844
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 22 November 2020 11: 51
    +3
    Poco male, passeranno 5 anni e diranno che è stato tutto un piano astuto di P.
    1. passando per Офлайн passando per
      passando per (passando per) 22 November 2020 12: 16
      +1
      sarà così. nei paesi di facile virtù, che l'Europa e gli Stati Uniti hanno messo in posa e hanno contro la Russia, per qualche motivo la diarrea si verifica a sua volta, con grande "gioia" degli stessi Stati Uniti e dell'Europa. Li hanno pagati per i Maidan e per pulire il culo di questi europei appena coniati.
      1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
        Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 22 November 2020 16: 18
        -3
        La questione della Transnistria si concluderà con l'esempio del Karabakh, quando la Romania e la NATO agiranno al posto della Turchia. Sembra che la Russia abbia il problema principale nei governanti anti-russi, i detenuti del Cremlino ... (I Peskov, Surkov e altri ebrei agiscono per conto del governo con azioni anti-russe ...)
        1. Igor Berg Офлайн Igor Berg
          Igor Berg (Igor Berg) 22 November 2020 20: 51
          -1
          La Russia ha il problema principale nei governanti anti-russi, i detenuti del Cremlino ... (I Peskov, Surkov e altri

          parole d'oro
        2. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
          Natan Bruk (Natan Bruk) 23 November 2020 01: 29
          +4
          Peskov e Surkov sono già stati promossi agli ebrei? :))) Ah ben fatto! Esatto, tutti quelli a cui non piace dovrebbero essere resi ebrei, anche se sono negri o cinesi.
          1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
            Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 23 November 2020 11: 51
            -2
            Nathan, che non riconosci il tuo o, come al solito, sei astuto ... Chiedilo, madri di entrambi gli ebrei. quindi e secondo la conversione sono completamente adatti ...
            1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
              Natan Bruk (Natan Bruk) 23 November 2020 23: 12
              0
              Questo è solo nel tuo cervello irritato. Informati sulla loro origine. Solo in fonti normali, non dalla carta straccia gialla.
              1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
                Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 24 November 2020 13: 56
                0
                Sono proprio le fonti ufficiali che mentono senza batter ciglio, come con Dmitry. Anatolyevich. Medvedev, trova dove scriveranno il vero cognome alla nascita - Mendel David Aronovich, nel nulla ufficiale ...
                1. Natan Bruk Офлайн Natan Bruk
                  Natan Bruk (Natan Bruk) 24 November 2020 15: 41
                  0
                  Non mi interessano le discariche gialle. Mendel David Aronovich :)))))))
                  1. Vladimir Tuzakov Офлайн Vladimir Tuzakov
                    Vladimir Tuzakov (Vladimir Tuzakov) 24 November 2020 19: 12
                    -1
                    Bene, come puoi lasciare nell'ignoranza, per favore estrai:

                    Il vero cognome di Dmitry Anatolyevich Medvedev è Mendel, è nato il 14 settembre 1965 a Leningrado in una famiglia "semplice", russa secondo il suo passaporto. padre - Aaron Abramovich Mendel, professore, russo con passaporto. madre - Tsilya Viniaminovna, filologa, ebrea con passaporto.
        3. passando per Офлайн passando per
          passando per (passando per) 23 November 2020 06: 27
          0
          tuo fratello "slavyanina" opanas parasyuk è necessario al potere della Russia? meglio "ebrei" ...
  3. sverdicono Офлайн sverdicono
    sverdicono 23 November 2020 07: 49
    -1
    Mi chiedo come la Moldavia abbia pagato l'autore per un'opera del genere? Vino? Uva?
    1. Dimon Dimonov Офлайн Dimon Dimonov
      Dimon Dimonov (Dimon Dimonov) 24 November 2020 01: 13
      +3
      Il garage è stato intonacato dall'interno ... = o)
  4. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Sapsan136) 23 November 2020 12: 05
    +6
    Ed è giunto il momento per la Federazione Russa di soffocare economicamente tutti questi bordelli malati di russofobia. Per cominciare, rimanda a casa tutto Gaster tra i cittadini dei paesi affetti da russofobia che si sono persi per strada nella Federazione Russa. Che siano tenuti dai loro zar russofobi, per i quali hanno votato come vogliono e dove vogliono, ma non nella Federazione Russa !!!