Putin ha spiegato perché non si congratula con Biden per aver vinto le elezioni americane


Il 3 novembre 2020 si è svolto il giorno delle elezioni per il presidente degli Stati Uniti. Secondo i dati preliminari, il rappresentante del Partito Democratico, Joe Biden, era davanti al presidente americano Donald Trump, in rappresentanza del Partito Repubblicano del Paese. Da allora, molti si sono chiesti perché il leader russo Vladimir Putin non si sia ancora congratulato con Biden per la sua vittoria. Ora il presidente russo ha spiegato tutto, rispondendo alla domanda "scottante".


Non ci sono sfondi di sorta. Né il fatto che ci piaccia qualcuno, qualcuno che non ci piace. Stiamo solo aspettando la fine del confronto politico interno

- ha assicurato Putin durante il programma sul canale "Russia 1".

Ha osservato che la Russia rispetta ciascuno dei candidati alla carica di presidente americano. A Mosca non importa chi vince, Biden o Trump. Il Cremlino non vede problemi per sé, perché comunicherà con nessuno di loro. Allo stesso tempo, Putin ha richiamato l'attenzione sull'osservanza delle formalità, sulla necessità di aderire alla prassi esistente e alla legislazione vigente.

Non ci sono secondi fini e nulla che sarebbe insolito o potrebbe essere alla base dell'ulteriore distruzione della nostra relazione.

Ha specificato.

Vi ricordiamo che i risultati ufficiali delle elezioni presidenziali americane non sono ancora stati resi noti. Allo stesso tempo, i leader di diversi paesi si sono già precipitati a congratularsi con Biden, sebbene Trump contesti i risultati.
  • Foto utilizzate: http://kremlin.ru
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. _AMUHb_ Офлайн _AMUHb_
    _AMUHb_ (_AMUHb_) 22 November 2020 18: 13
    +1
    Gorbaciov, d'altra parte, si congratulò, osservò, secondo snn:

    Dichiarazioni così generose sono in netto contrasto con il "silenzio opprimente" dell'attuale residente al Cremlino in risposta alle notizie sulla vittoria di Biden.
  2. Igor Pavlovich Офлайн Igor Pavlovich
    Igor Pavlovich (Igor Pavlovich) 22 November 2020 20: 51
    +1
    Non ci sono sfondi di sorta.

    - Trump è stato il primo dei primi a congratularsi con Trump nel 2016, e Biden - l'ultimo degli ultimi - ovviamente, non ci sono precedenti ...
  3. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) 22 November 2020 22: 14
    +3
    Trump costretto a contare in uno stato, si è scoperto che anche di più ha votato per Biden. C'è ancora uno stato in cui richiede un riconteggio, ma questo non lo salverà, c'è un divario molto ampio tra i candidati.
  4. Boriz Офлайн Boriz
    Boriz (borizia) 22 November 2020 22: 26
    +3
    Putin è davvero viola su chi vincerà lì. Ecco, in prima approssimazione, 4 scenari:
    1 Trump
    2 Biden
    E gli stessi scenari, ma adeguati per una seria guerra civile.
    Le opzioni sia per Trump che per Biden hanno i loro vantaggi e svantaggi per la Federazione Russa.
    Sotto Trump, l'economia crollerà, ma non tanto quanto sotto Biden. Perché Biden proverà a far girare la stessa ghirlanda con iniezioni finanziarie nel settore bancario. Ciò porterà all'inizio a risultati (formalmente) positivi, ma dopo sei o nove mesi l'economia crollerà fortemente e per molto tempo.
    Le stesse opzioni + guerra civile aggraveranno i problemi di entrambe le opzioni. Inoltre, nella versione di Biden questo "aggravamento" sarà imprevedibile e catastrofico.
    Putin ha probabilmente calcolato queste opzioni. E sta aspettando che suoni il colpo di partenza e diventerà chiaro con chi correre e dove.
    È chiaro quel confronto con il 2016. errato: quindi prima delle elezioni non ci sono state prove di forza legali che mettessero in dubbio i risultati delle votazioni.
    La stessa esistenza di queste prove di forza peggiora la posizione degli Stati Uniti (indipendentemente dal loro esito), mette in discussione la legittimità delle autorità.
    Un vivido esempio: Pompeo è venuto in Turchia, ed Erdogan (presidente) e Cavusoglu (ministero degli Esteri) stupidamente non hanno trovato il tempo per incontrarlo. È chiaro che potrebbe essere un membro della squadra perdente, ma è la seconda persona nella leadership degli Stati Uniti. È stato possibile non essere d'accordo su nulla, ma, allo stesso tempo, rispettare i protocolli necessari. Solo chat.
    E così - è solo uno sputo sulla vetrina dello stato leader (finora) del mondo.
    Puoi ricordare il tour dello stesso Pompeo meno di un anno fa.
    Ha galoppato attraverso l'Ucraina, la Bielorussia, l'Asia centrale (ha partecipato alla "riunione" del ministero degli Esteri, dove ha "istruito" tutti i ministri).
    E allora? In Bielorussia, Lukashenka è stata quasi rovesciata, il motivo per cui è stato lo spettacolo "33 Wagner Heroes", e l'Ucraina (come si è scoperto) ha preparato questo spettacolo per oltre un anno. Più il colpo di stato in Kirghizistan, di cui Pompeo ha incaricato, tra gli altri, il Ministero degli Esteri.
    Impressionante, eh?
    E così, un tale ragazzo in Turchia è stato semplicemente mandato.
    Ma Trump ha ancora la possibilità di rimanere in carica. Chi pensa che lo dimenticherà?
  5. Evgeny Vinokhodov Офлайн Evgeny Vinokhodov
    Evgeny Vinokhodov (Evgeny Vinokhodov) 23 November 2020 10: 58
    0
    Biden non è il presidente degli Stati Uniti. Le elezioni sono il loro vero circo.
  6. sverdicono Офлайн sverdicono
    sverdicono 24 November 2020 12: 56
    -1
    Ma i liberali russi furono i primi a congratularsi